martedì 26 ottobre 2010

Tutto il Telese-gate minuto per minuto

Anche se non ci sono comunicazioni ufficiali in merito, è ormai certo che Luca Telese non tornerà più alla Zanzara, né da conduttore né da spalla, e non certo per scelta sua. Come si è arrivati a questo punto? A beneficio dei posteri, riassumiamo tutto il Telese-gate minuto per minuto.


1) Giovedì 8 ottobre, parlando in diretta alla Zanzara sul caso Porro-Arpisella, Luca Telese, giornalista del Fatto Quotidiano, introduce un articolato ragionamento critico verso Emma Marcegaglia definendo quest'ultima, presidente di Confindustria, editore di Radio 24, “una cretina”. Panico a Radio 24 e imbarazzo a mille nella voce di Giuseppe Cruciani.

Link all'audio di Telese in versione corta...

...e in versione più lunga



2) Telese, che da alcuni mesi per iniziativa di Cruciani (il quale, saggiamente, voleva insaporire la Zanzara con una voce che facesse da controcanto rispetto alle sue opinioni destrorse) era ospite fisso e quotidiano del programma, sparisce. Decisioni dall'alto non meglio precisate impongono la sospensione di Telese dalla trasmissione.

Per alcuni giorni Cruciani fa finta di niente. Preso tra più fuochi (il coinvolgimento dell'editore della radio, l'amicizia con Telese, la sua opinione al 100% pro Nicola Porro nella polemica con la Marcegaglia), il conduttore evita l'argomento come la peste. In un secondo momento, poi, non si sa se in accordo con Telese (pare di sì, ma sarebbe carino se Luca confermasse), Crux si inventa la gag del Telese confinato temporaneamente in Purgatorio, ricorrendo a clip audio d'archivio con varie performance di Luca che canta, che scherza, che si racconta, che parla da un palco. Agli ascoltatori che chiedono lumi, Crux assicura che presto o tardi, una volta calmate le acque, Telese tornerà in onda. Lo stesso Telese, il 13 ottobre, rispondendo pubblicamente a un lettore del suo blog (che poi era il nostro Michele R.) si prefigge il proposito di aspettare serenamente di “uscire dal limbo”.

Link al commento di Telese


3) Sembra sia solo una questione di tempo affinché tutto finisca a tarallucci e vino. Ma sul Fatto Quotidiano del 24 ottobre Telese pubblica a sorpresa un articolo dal titolo (non scelto da lui) "Riotta chiama, la Zanzara mi censura", nel quale Luca si lamenta per il suo prolungato allontanamento che, a suo dire, è ascrivibile ad una pressione esercitata dal direttore del Sole24Ore Gianni Riotta nei confronti del direttore di Radio 24 Fabio Tamburini. Lo stesso identico articolo, con il più edulcorato titolo "Io, la Zanzara e la Marcegaglia", compare anche sul profilo Facebook di Telese e sul suo blog personale.

Link all'articolo di Telese


4) Il 25 ottobre, commentando il suo stesso post, e riportando poi di persona il testo anche qui sull'Anti-Zanzara (grazie Luca per averci reso direttamente partecipi), Telese, nel dettagliare ulteriormente la sua versione del fattaccio (“se risento l’audio del mio intervento anti-Marcegaglia alla Zanzara lo sottoscrivo ancora”), precisa le motivazioni che lo hanno spinto a pubblicare l'articolo sul Fatto. Testuale: “Ho scritto un articolo perché ricevevo venti mail al giorno di persone che mi chiedevano "Ma cosa è successo?", e perché il mio direttore me lo ha chiesto. Fosse dipeso da me forse non lo avrei scritto, anche se un mese di "Purgatorio" mi aveva rotto i coglioni”.

Link al contributo di Telese all'Anti-Zanzara


5) Il 26 ottobre, su Libero, esce un articolo di Filippo Facci durissimo nei confronti di Telese. I tratti molto accesi sono evidentemente frutto di un livore personale non da poco. Ecco un frammento del testo di Facci: “Luca Telese è un prodotto perfetto di questa Seconda Repubblica, il giornalista ideale di questa classe politica tutta ciance e Ballarò: ridanciano, pettegolo, telefonatore implacabile, amico di tutti e di nessuno, banalizzatore come solo i finti romani sanno essere amico di tutti e di nessuno, banalizzatore come solo i finti romani sanno essere, forte con i deboli e buffo con i forti, uno che non ha bisogno che canti il gallo per tradirti tre volte; il suo genere di giornalismo, malato di politica, è persuaso di dover mutuare dalla medesima politica i modus deteriori, tipo la doppiezza, il paraculismo, il cinismo, il tutto con l'aria di chi sa come gira il mondo”.

Nel pezzo c'è anche un virgolettato di Giuseppe Cruciani da cui traspare la delusione per l'articolo di Telese, a suo dire perfettamente “consapevole e consenziente” riguardo la necessità di far calmare le acque con la gag del Purgatorio.

UPDATE. Sul suo blog Telese ha replicato tra il serio e il faceto all'articolo di Libero richiamando un confronto televisivo del settembre 2009 al programma "Niente Di Personale", su LA7, durante il quale Luca svelò in diretta il segreto dei capelli cangianti (spesso canzonati da Marco Travaglio) di Filippo Facci, episodio che innescò in quest'ultimo un sentimento di ostilità estrema nei suoi confronti.

Link all'articolo di Filippo Facci

Link alla replica ironica di Telese


6) Sempre il 26 Ottobre sul Fatto Quotidiano compare una lettera del direttore di Radio 24 Fabio Tamburini che nega totalmente di aver ricevuto qualsiasi pressione da Gianni Riotta. Telese risponde che l'informazione gli è stata riferita da “colleghi di cui si fida” e più in generale ribadisce la sua posizione senza arretrare di un metro.

Link alla lettera di Tamburini con replica di Telese


Per ora il Telese-gate finisce qui, col buon Luca non più in Purgatorio ma all'Inferno, abbandonato al suo destino dalla Zanzara e dal suo conduttore Cruciani, che non fa più il benché minimo cenno del suo ex compare.

Se ci saranno ulteriori sviluppi, ad ogni modo, li seguiremo e ne daremo conto.


UPDATE 29/10/2010
7)
Durante la Zanzara del 28 ottobre, proprio in chiusura di trasmissione, Cruciani, ad un ascoltatore che parlava di censura sulla vicenda Telese, ha ribattuto che “non c'è stata nessuna censura” e che “quanto apparso sul Fatto Quotidiano” (riferimento all'articolo di Telese) “non corrisponde a verità”.

Link all'audio di Cruciani
FINE UPDATE



**********************************


COMMENTO DI AUTHAN

Finora non mi ero addentrato nella vicenda perché pensavo che tutto si sarebbe sgonfiato presto. Mi sbagliavo. Credo che ora sia il caso di dire due parole. Vado per punti, in quella che per me è una sagra degli errori e delle intemerate che potevano essere risparmiate.

- All'origine di tutta la vicenda sta un clamoroso errore di Luca Telese con quel "cretina" in diretta radiofonica. Il buon vecchio Luca non può sul serio pensare di insultare le persone come uno Sgarbi qualsiasi. Non può e basta. E se poi la persona insultata è l'editore della radio da cui si sta parlando allora mi spiace ma è proprio da sciocchi. Il problema non è stato il ragionamento critico che Luca ha avanzato contro la Marcegaglia, ragionamento che aveva senso, e che di per sé non avrebbe comportato conseguenze (mi si provi il contrario). Il problema è stato l'insulto, e solo l'insulto.

- Un secondo errore è stato commesso da Tamburini e Cruciani. Va bene "squalificare" Telese come i calciatori, ma si doveva far sapere per quanto tempo esattamente. L'incertezza data dalla sospensione indeterminata ha ingenerato un caos inutile e controproducente: quanto torna Telese?, cos'è successo? censura, censura!, eccetera.

- L'articolo sul Fatto del 24 ottobre è stato un fulmine a ciel (quasi) sereno per tutti. Credo che esso fosse giustificabile solo in presenza di due fattori: la certezza che l'allontanamento di Telese da Radio 24 fosse ormai definitivo, e la certezza che le pressioni di Gianni Riotta avessero davvero avuto luogo. Non credo che entrambe tali certezze sussistessero, e pertanto, a mio avviso, il buon Telese il suo famigerato articolo se lo poteva risparmiare. Se Luca la pensa diversamente, avrei piacere che dicesse la sua.

- L'articolo di Facci su Libero, al di là delle preziose informazioni sulla versione dei fatti lato Cruciani e Tamburini, altro non è che un attacco personale del lungocrinito contro un suo acerrimo nemico di penna. A Facci non frega nulla della reputazione della Zanzara o di Radio 24, gli interessa solo vomitare disprezzo verso Telese. E siccome io penso che Filippo, quando parla di temi alti e di politica seria, sia un numero uno assoluto, provo quasi un malessere fisico nel constatare come sia invece avvezzo a sprecare il suo talento in ridicole polemiche personali.


Morale della favola: se mai c'è stata per davvero, sulla grande storia d'amore tra Giuseppe Cruciani e Luca Telese si è scritta oggi la parola fine. Ed è un vero peccato, perché c'era una chimica speciale tra loro, alla Bud Spencer & Terence Hill, come già ebbi modo di dire. Così diversi ma così armonici. Chi ci rimette, in ultima analisi, sono solo gli ascoltatori della Zanzara che perdono una delle poche chance di vedere Cruciani, anziché buttare lì le solite mezze frasi sconnesse, costretto ad argomentare e contro-argomentare sui temi del giorno in un contradditorio qualificato, sotto il pungolo delle opinioni a lui indigeste dell'altra metà del duo. Certo, è pur sempre rimasto David Parenzo a recitare il ruolo dell'alter ego, ma quest'ultimo non s'offenderà se dico che (per ora) non è la stessa cosa.

------------------------------------

Manu Chao, "Je ne t'aime plus" (1998)




Je ne t'aime plus
mon amour
Je ne t'aime plus
tous les jours...


22 commenti:

Michele Reccanello ha detto...

Chi ci rimette, in ultima analisi, sono solo gli ascoltatori della Zanzara

Alle fine di tutte le chiacchere è ciò che resta.
E se crux lo ascolto comunque finché non mi sarò scocciato, chi dava una verve diversa, talvolta ironica, talvolta divertente, talvolta irriverente era proprio il buon Telese. Me lo leggerò ancor più volentieri la domenica ne "il misfatto", tanto il Crux la sua ironia e il suo sarcasmo non potra mai avercelo. Ai voglia di ospitare i maghi otelma!

PaoloVE ha detto...

...ecco, se Radio24 non avesse precedentemente simpaticamente "epurato" Santalmassi per aver permesso a Cossiga di sparlare dell'allora Presidente di Confindustria, Tamburini sarebbe più credibile quando dice di essere spronato a garantire l'autonomia dei suoi giornalisti. Lo stesso Cruciani tempo fa ammetteva metaforicamente che su La Stampa non si leggeranno mai critiche alla Panda...

Dall'altro lato Telese (che io stimo molto) che parla di mancanza di stile altrui in questo caso è francamente ridicolo.

In tutto ciò brilla il silenzio paraculo di Cruciani.

Ciao

Paolo

Michele Reccanello ha detto...

Caro PaoloVe,

Santalmassi fu rimosso due volte. La prima l'hai ricordata te, la seconda volta fu rimosso in seguito ad un litigio con Tremonti.
Lo ascoltai in diretta, e fu spettacolare!

Amministratori Blog DM ha detto...

Speriamo torni presto!

Fabio Giampaoli ha detto...

Al di la di tutto quello che è saltato fuori, Telese ha tutto il diritto di dire che la Marcegaglia è una cretina e infatti l'ha detto.

La questione è: Ne doveva pagare pure le conseguenze?

Secondo me assolutamente no!

F®Ømß°£ ha detto...

Cruciani ha sempre delle strane idee:
da un lato chi scrive sui giornali di B "pensa con la sua testa", dall'altra "su La Stampa non si parla male della Panda" e lui stesso ammette di non voler esprimere giudizi su Confindustria.

Mah.

T.

Authan ha detto...

No, Fabio, non c'e' libertà di insulto, mi spiace.

Tommaso, io il giornalista della Stampa che non parla male della Panda lo capisco. E capisco pure l'imbarazzo di Crux verso la Marcegaglia. Ma tutto assume un'altra dimensione quando l'editore di cui non si puo' parlar male è padrone di mezza Italia nonché presidente del consiglio. Lì sì che il meccanismo di autocensura che scatta, non marginale ma preponderante, crea un vulnus.

PaoloVE ha detto...

@ FG:

in pochi casi non si deve rispondere dei propri atti, e Telese non è così giovane, nè incapace di intendere e volere, nè scudato dal lodo Alfano (impressionante l'accostamento tra le alte cariche dello stato e persone con poco discernimento, no?)

Ciao

Paolo

Fabio Giampaoli ha detto...

No non c'è libertà di insulto e infatti per questo credo che esista la querela, a cui un eventuale diretto interessato può sempre ricorere, in forma privata, senza che si scomodino intere redazioni di più o meno prestigiose testate giornalistiche.

Non ci dovrebbe essere neppure, a mio modesto parere, la troppa libertà di essere volgari, ma cretino non è una parola volgare, almeno secondo me.

Senza entrare in questioni di lana caprina, se Telese avesse detto sottovoce: "La Marcegaglia è una persona che compie leggerezze" andava bene, ma è più ò meno come dire: "La Marcegaglia è una cretina" in un ragionamento concitato.

Se il contesto della presunta offesa è labile e sfuggente (e per me in questo caso lo è di brutto), un signore lascia correre, un ignorante e cafone invece ci si incazza come non mai.

Peggio invece è stata radio 24 e Cruciani, che si sono inventati pure il purgatorio di Telese:RIDICOLO!!

francesco.caroselli ha detto...

Telese mi è sempre stato molto simpatico, anche se difficilmente mi trovavo d'accordo con le sue argomentazioni, spesso invece alla fine le conclusioni a cui giunge le trovo molto condivisibili.

L'unico errore è stato secondo me puntare il dito contro Riotta....
Se non ci sono prove bisogna assolutamente tacere perchè l'onere della prova spetta a chi accusa.

Dare della cretina alla Marcegaglia (inquinatrice illegale, e vagamente "trafffichina" - ci sono fin troppo indizi che lasciano intravedere questa realtà) non è stato poi cosi grave, e infatti telese non era stato "dimenticato" ma messo in purgatorio, segno che prima o poi sarebbe tornato.

Se cretina è un insulto grave allora Nonna Papera cucina male.

Secondo me Telese si doveva essere stufato della Zanzara, non trovo altre valide motivazioni all'assurdo articolo.

PS-Penso che Cruciani sia ora

Neon+Atlas ha detto...

Io dico che se da qui ad un mese i momenti più alti della trasmissione post-Telese saranno Parenzo e Cruciani che se la ridono sul Mago Otelma, qualcuno andrà a dirigere la rubrica notturna di lezioni di geometria alla lavagna sulla Rai.

Un Cruciani, notoriamente privo di qualsiasi umorismo, che comincia ad aver la pretesa di far ridere by himself sia una bomba ad orologeria.

Michele Reccanello ha detto...

@Francesco

Secondo me Telese si doveva essere stufato della Zanzara, non trovo altre valide motivazioni all'assurdo articolo.

No, Francesco non è così, altrimenti non si spiegherebbe quello che ha scritto nel suo commento al post di ieri.

Gambero ha detto...

Santoro manda affan..bicchiere Masi e viene portato in giudizio dalla Rai; Telese dà della "cretina" alla Maregaglia e viene allontanato dalla radio di Confindustria.
Si sente dire in giro: "Prova a mandare tu a quel paese il tuo capo ufficio e poi vieni a dirci che succede".

Ecco, questa argomentazione non mi convince, e per diverse ragioni, ma soprattutto perché la Rai e Radio24 ci fanno una pessima figura da censori, e ci rimettono in termini di qualità della programmazione e di audience; mentre se il mio capo mi licenzia per giusta causa no.
Tra l'altro in entrambi i casi gli insulti mi sembrano molto soft e in dosaggio omeopatico.

francesco.caroselli ha detto...

Fulvio Abbate assolutamente inadeguato.
Senza ritmo, senza verve.
Troppo compassato.
Non adatto.

Marco ha detto...

Oggi giuro che ho ascoltato la Zanzara per l'ultima volta.
Sentire in diretta Cruciani prendeva per i fondelli il sindaco di Terzinio è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
Il sindaco pensava sicuramente che si trattasse di una intervista sui fatti della discarica ed invece al deficente Cruciani non gliene fregava letteralmente niente.
Al Cruciani interessava sapere se il sindaco si fosse messo d'accordo con il divino otelma per far risolvere a lui i problemi della spazzatura.
Ma vi rendete conto che presa per il cuolo.
Cruciani VAFFANCULO

mariolino ha detto...

Dal Telese-gate al Berlusconi-gate.

Da il Fatto Quotidiano:
"Il premier e la minorenne.
A sera la conferma dello scoop del Fatto. Aperto a Milano un fascicolo sulla storia di una giovane di origini marocchine che ha raccontato di avere incontrato B. ad Arcore insieme ad altre ragazze."

Tutti i particolari in cronaca

Fusse che fusse la volta bbona?

Michele Reccanello ha detto...

ehi authan,

sulla homepage di telese è comparso il post tutto il telese-gate minuto per minuto, con il link all'antizanzara.

Michele Reccanello ha detto...

Visto che sulla vicenda Telese quello che è stato scritto sul fatto quotidiano non corrisponde al vero, ci illumini Cruciani, ci dia la sua versione.

stefano ha detto...

Bersani : Berlusconi deve andare a casa !
Di Pietro : eee No ! Prima un po' di bunga !

devil

Francesca ha detto...

Chissà come.....stasera tra un bunga e l'altro.... ha fatto capolino in trasmissione un audio di una vecchia puntata di Tetris.... si è sentita la voce del Desaparecido.... mentre apostrofava ossequiosamente il divino Otelma.....mah....

Michele Reccanello ha detto...

telese vs otelma

blackdog ha detto...

Fanno schifo sia Telese che Cruciani.
Per la prima volta mi trovo in accordo con Facci, la descrizione che ha dato di Telese è quella che ho sempre avuto in testa.