martedì 15 dicembre 2009

Solo utenti registrati

A causa di alcuni sgradevoli abusi, mi vedo costretto a dare un taglio definitivo ai commenti totalmente anonimi, vincolando la possibilità di commentare al possesso di un account Google (Gmail, Blogger, o un altro dei mille servizi Google). In altre parole, per lasciare un commento diventa necessario autenticarsi con le proprie credenziali Google. Questo, attenzione, non significa che bisogna necessariamente qualificarsi con nome e cognome. E' richiesto però farlo almeno con un nickname associato ad un profilo Google, così che in caso di reale necessità una qualche forma di rintracciabilità sia possibile.

Chi non ha un account Google può provvedere facilmente, bastano due minuti. Ci sono diversi modi per creare un account. Io qui di seguito consiglio quello che trovo più semplice. Ciò che serve è semplicemente un indirizzo e-mail già esistente (che assolutamente non comparirà mai nel blog), di qualunque dominio (libero, yahoo, hotmail, whatever), il quale sarà il vostro username dell'account Google. Non vi è necessità di creare un indirizzo nuovo.

Seguite questo link...

https://www.google.com/accounts/NewAccount

....e registratevi, scegliendo una password. Poi aspettate la mail di conferma, che contiene un link da cliccare per abilitare l'account.

Arrivati a questo punto, i vostri commenti qui nel blog sono già possibili. Appariranno con un nickname coincidente con la parte del vostro indirizzo e-mail che precede il simbolo '@'. Se per comprensibili motivi di privacy preferite che il nickname da visualizzare sia diverso, loggatevi in Google e modificate le impostazioni personali scegliendovi il nickname che volete. Se non trovate la pagina di configurazione giusta, copiaincollate il seguente link nel vostro browser (ovviamente sempre dopo esservi loggati in Google)...

https://www.google.com/accounts/EditUserInfo

...e valorizzate come desiderato il campo Nickname.

Se ritenete utile "fare una prova", procedete pure lasciando un commento a questo post. In caso di difficoltà, non esitate a contattarmi via e-mail.

E' tutto. Grazie per la comprensione.

Authan

UPDATE. Avviso: Blogger (la piattaforma di Google che ospita questo blog e milioni di altri) ha "abilitato il rilevamento automatico dello spam per i commenti". Se spedite un commento e questo non appare, al 99% è perché Blogger lo ha messo in quarantena nella zona Spam. Io posso sbloccare e pubblicare, ma non posso passare il mio tempo a controllare la cartella Spam ogni due per tre. Quindi magari fate prima a riscrivere il commento cercando di indovinare il motivo per cui è stato bloccato (non ho idea di quali siano i criteri).

28 commenti:

paolo ha detto...

Giustissimo !! Forza Authan !!!

clem ha detto...

Condivido in pieno.
Anche se finora ho postato come Enrico, ma fa niente.
Ora che da quanto leggo Cruciani cita addirittura il blog in trasmissione mi permetto di usare questa piattaforma per reiterare un messaggio: è ora che il PODCAST lo diano in outsourcing a qualche società di servizi in Gabon, uscirebbe con una maggiore puntualità. Io ho smesso di ascoltarlo, ma ovviamente non volevo perdermi la puntata di lunedì, così apro il mio Amarok e vedo che l'ultima puntata disponibile è quella dell'11 (undici) ( U N D I C I ) dicembre... essù.

PaoloVE ha detto...

Buongiorno,
ecco i primi risultati del minacciato giro di vite sui blog: non posso che essere d'accordo con chi vuole reprimere questa nuova smania.
Personalmente trovo giusto e corretto che, se io istigo alla violenza, commetto apologia di reato ed insulto, Authan vada in galera :-).

Però,che brutto essere ridotto a non poter più abusare della firma...

(il primo Paolo non era il solito mutaforma...)

Saluti

Paolo statico

Pale ha detto...

Bravo Authan... posso vantarmi come un pavone per averti suggerito l'idea???
ehehhehehhehe

@ clem
Concordo con clem, ma e' un fatto comune a tutte le trasmissioni di radio24. Per esempio lo sport nel weekend non e' disponibile in podcast. Inoltre non capisco come mai 2024 (che e' quasi sempre registrato) non e' disponibile gia' il sabato sera (lo so che c'e' una replica la domenica, ma e' appunto una replica!!)

Pale

gian ha detto...

Ci sono anch'io, anche se commento molto poco avevo già un account e fino a qualche mese fa anche un blog

Vigneron che diventa Gian e vi guarda da dietro i suoi spessi occhiali

emanuele ha detto...

test

Francesca ha detto...

fatto!

Ora posso confessarvi che il ladro di firme dei commentantori ha colpito anche me!

L'ultimo commento di domenica sera prima dei due imbelviti di Authan (quello autentico!) dove si diceva ad Alessandro "a proposito di troll... il bue che dice cornuto all'asino" che era a firma di "F." come spesso mi capita di siglare.... ebbene, non ero io!

ciao buon appetito
(ma la fate la pausa pranzo o avete aderito alla proposta di "Boccuccia Rotondi"?!)

B ha detto...

Ben fatto!
Solo io penso che la trasmissione sarebbe meglio condotta dal protagonista dell'Anti Zanzara che da quello della Zanzara?

Stefano ha detto...

Stasera dopo tanti anni che ascolto La Zanzara Cruciani mi ha fatto umanamente pena, verso la fine ha chiamato Giuseppe dalla Sicilia lo ha messo alle corde, Cruciani poveretto le ha provate tutte anche a farlo parlare senza saltargli in testa per poi rinfacciarglielo, sul ponte sullo stretto in due parole Giuseppe gli ha evidenziato tutte le minchiate che C. ha scritto in quel libro orrendo chhe ha scritto.Anche per me Travaglio ha esagerato nell'articolo sul fatto, pero' nn dimentichiamo che C. fà di peggio sempre e continuamente.Insomma prima Giuseppe poi l'ascoltatore dopo il povero C. lo hanno messo a nudo x quello che è un benaltrista qualunquista cerchiobbottista come della peggiore tradizione italiana , a C. si addice la massima "c'è chi pagherebbe per essere comprato".
La sua perenne campagna elettorale per Berlusconi oggi piu' che mai è stata smascherata e in un momento si è perfino tradito.
Spero che il suo direttore lo mandi a svernare e a chiarirsi le idee.
Probabilmente lo vedremo affianco a Capezzone a vomitare acidità-

carigno ha detto...

Con l'augurio di un felice 2010 a tutti i frequentatori di questo blog, spero di poter condividere momenti di riflessione e scambi di opinioni prendendo spunto dalla Zanzara e dalle Vs puntuali osservazioni.
Ciao a tutti da carigno

Pablhoney ha detto...

Commento di prova!!!

Questo blog e' fortissimo!!!

lorenzobranco ha detto...

per una serie di motivi non ho più seguito la zanzara negli ultimi 30 gg.
Ho appreso che il sole 24 ha nominato come uomo dell'anno GIULIO TREMONTI. Personalmente questa scelta (riotta) mi delude e soprattutto mi fa perdere fiducia verso un giornale (il sole) che giudicavo di alto profilo professionale.
MA A CRUCIANI E' STATO CHIESTO COSA NE PENSA DI QUESTA FACCENDA? E SE SI COSA HA DETTO? (andrebbe bene anche il link della puntata..)
..avrebbero potuto prendere un imprenditore che ha resistito alla crisi con innovazione, riconversione, nuove idee e portarlo come esempio ed invece si è proceduto ad una mera marchetta politica..
Grazie un saluto al blog!

Francesca ha detto...

@ lorenzobranco

anche io ho lasciato La Zanzara e sul "Man of the Year" ti consiglio di leggere il post del 1° gennaio 2010, che non è Tremonti secondo Authan, ma nei commenti successivi ritroverai le tue stesse considerazioni sul premiato dal SOLE24ORE.

ciao!

paolam ha detto...

Non apprezzo il modo di condurre la trasmissione la Zanzara da parte del Sig. Cruciani che si mostra sempre riverente quando intervengono i politici e viceversa schernisce, toglie la parola e spesso finge di non capire i semplici cittadini.
Stasera però con l'intervista al Sen. Ciarrapico ha superato ogni limite.
Come si può insistere sul fatto di farsi dire il nome di un funzionario pubblico definito dal senatore "un verme" (e definirsi anzi divertito per tale espressione durante un intervento telefonico successivo) e non chiedere neppure se chissà, magari, quel verme aveva semplicemente applicato la legge, né d'altro canto chiedere allo stesso Ciarrapico se nel mettere a disposizione i suoi aerei per far scappare Craxi, azione di cui era oltremodo fiero, magari avesse violato la legge.
Il rispetto della legge non conta niente né per il senatore, né per il Sig. Cruciani? Oppure conta solo se trattasi di cittadini comuni?
Sono oltremodo indignata.
Paola

peter ha detto...

quindi per il Dott. Cruciani nella trasmissione di ieri, vale la tesi della "giornalista" del secolo d'italia che sosteneva lo squilibrio mentale del giornalista freelance M.Carlomagno e della cndotta impeccabile del sig. la russa, non era meglio attendere un po prima di simili affermazioni?

http://www.youtube.com/watch?v=CZFbpfKUuoE

un ministro della difesa dopo questo documento dovrebbe solo dimettersi, e lei Cruciani insieme alla "giornalista" del secolo e a tutti i giornailsti servili e compiacenti presenti ieri alla conferenza stampa porgere le scuse ad una persona coraggiosa come M Carlomagno.

Fabio ha detto...

Sono d' accordo su tutto con te tranne che su un punto che è stato sottolineato da Crux nella trasmissione di stasera. La Lega è drammaticamente anti immigrati, ferocemente contro gli stranieri, il gendarme degli Italiani con la I maiuscola, si ma solo a parole. In realtà mai ha fatto seguire alle chiacchiere, provvedimenti o proposte reali. Questo perchè una parte del suo elettorato ha bisogno della mano d'opera a basso costo mentre l' altra ha solo bisogno di essere rassicurata che qualcuno pensa con intensità al problema immigrati. Anche io penso tuttavia che le proposte della lega siano interessanti e nuove, soprattutto in campo economico e in particolar modo se confrontate col nulla del PD e l' antistoricismo della sinistra estrema. Quanto al PDL è solo la DC travestita che campa sul voto dei disperati e dei beneficiati del sud; speriamo in Fini per una destra moderna.
Un saluto.

Pappalugo ha detto...

prova

Stefano ha detto...

Cruciani come Capezzone
ieri a Tetris era tristemente fuori onda.
continuava a dire che non capiva la proposta politica di Fini.
Questo genera due risposte:
1/ Cruciani non capisce una beata fava
2/ Cruciani è in malafede.
Penso che non ci voglia un genio dell'analisi per capire che Fini sta facendo tutto ciò per avere una destra Europea e non populista.
Cruciani è patetico quando prende queste posizioni.

Luca ha detto...

Cruciani dice di essere cinico ?
Secondo me, invece, non lo è assolutamente. Da come si pone, mi sembra una persona che difficilmente tende a schierarsi e, se lo fa, si mette con i più forti.
La cosa che mi infastidisce di più è il suo rapporto con gli ascoltatori: più di una volta ho notato che, quando ci sono persone che fanno interventi interessanti, precisi, ben strutturati ma che contrastano con il suo pensiero, il suo modo di comportarsi è:
- Cercare di interrompere il prima possibile il collegamento
- Far finta di non capire (certi concetti non può non capirli: è evidente che finge, per tagliare il collegamento)
- Cercare di sminuire le parole dell’interlocutore portandolo sugli argomenti più insignificanti dell’intervento (vedi la discussione con l’ascoltatore di oggi, 18.10.2010, che aveva partecipato alla manifestazione della FIOM: Cruciani continuava ad insistere sulle cose più futili mentre il suo interlocutore, con pacatezza, cercava di spiegare, in modo ragionevole e preciso, le sue ragioni)
Molte volte mi viene da pensare che se tutte le persone fossero come lui, che tende a minimizzare qualsiasi problema o a mettere la testa sotto la sabbia, molti successi, molte conquiste non sarebbero state fatte dall’uomo.
Lui finge di non sorprendersi mai: quando un politico si comporta in modo ambiguo, magari contro la legge, lui non si stupisce, “fanno tutti così”. Il suo non sorpendersi lo chiama cinismo…
Ultimamente l’avvento di Parenzo lo ha un attimino stimolato ad indignarsi maggiormente: altrimenti sarebbe rimasto nel suo brodo. Amicone di Sgarbi anche quando questo si scaglia (quasi sempre a torto) contro chi lo fa incazzare. Difensore di Berlusconi (anche se cerca di non farlo vedere esaltando la propria imparzialità)... Il conflitto di interessi lo stanca, lo infastidisce, quando sa benissimo che è la causa di molti problemi della nostra politica ed anche della nostra economia: far finta di snobbare queste cose non è cinismo, è girare la testa dall’altra parte, anche se (ed è la cosa peggiore) sa benissimo quale è il problema…
Non commenta la polemica fra Panorama e la Marcegaglia: sarà perché scrive su quel giornale ? Anche qui non prende posizione ?
Si irrita al solo sentire i nomi di Di Pietro, Beppe Grillo, Travaglio. Qui perde veramente la pazienza: ultimamente cerca di esorcizzare Beppe Grillo con le imitazioni di Parenzo, ma penso non sarebbe in grado di sostenere una discussione con Travaglio…

Luca ha detto...

Cruciani dice di essere cinico ?
Secondo me, invece, non lo è Da come si pone, mi sembra una persona che difficilmente tende a schierarsi e, se lo fa, si mette con i più forti.
La cosa che mi infastidisce di più è il suo rapporto con gli ascoltatori: più di una volta ho notato che, quando ci sono persone che fanno interventi interessanti, precisi, ben strutturati ma che contrastano con il suo pensiero, il suo modo di comportarsi è:
1) cercare di interrompere il prima possibile il collegamento
2) far finta di non capire (certi concetti non può non capirli: è evidente che finge, per tagliare il collegamento)
3) Cercare di sminuire le parole dell’interlocutore portandolo sugli argomenti più insignificanti dell’intervento (vedi la discussione con l’ascoltatore di oggi, 18.10.2010, che aveva partecipato alla manifestazione della FIOM: Cruciani continuava ad insistere sulle cose più futili mentre il suo interlocutore, con pacatezza, cercava di spiegare, in modo ragionevole e preciso, le sue ragioni)
Molte volte mi viene da pensare che se tutte le persone fossero come lui, che tende a minimizzare qualsiasi problema o a mettere la testa sotto la sabbia, molti successi, molte conquiste non sarebbero state fatte dall’uomo.
Lui finge di non sorprendersi mai: quando un politico si comporta in modo ambiguo, magari contro la legge, lui non si stupisce, “fanno tutti così”. Il suo non sorpendersi lo chiama cinismo…
Ultimamente l’avvento di Parenzo lo ha un attimino stimolato ad indignarsi maggiormente: altrimenti sarebbe rimasto nel suo brodo. Amicone di Sgarbi anche quando questo si scaglia (quasi sempre a torto) contro chi lo fa incazzare. Difensore di Berlusconi (anche se cerca di non farlo vedere esaltando la propria imparzialità)... Il conflitto di interessi lo stanca, lo infastidisce, quando sa benissimo che è la causa di molti problemi della nostra politica : far finta di snobbare queste cose non è cinismo, è girare la testa dall’altra parte.
Non commenta la polemica fra Panorama e la Marcegaglia: sarà perché scrive su quel giornale ?
Si irrita al solo sentire i nomi di Di Pietro, Beppe Grillo, Travaglio. Qui perde veramente la pazienza: ultimamente cerca di esorcizzare Beppe Grillo con le imitazioni di Parenzo, ma penso non sarebbe in grado di sostenere una discussione con Travaglio…

Luca ha detto...

Cruciani dice di essere cinico ?
Secondo me, invece, non lo è Da come si pone, mi sembra una persona che difficilmente tende a schierarsi e, se lo fa, si mette con i più forti.
La cosa che mi infastidisce di più è il suo rapporto con gli ascoltatori: più di una volta ho notato che, quando ci sono persone che fanno interventi interessanti, precisi, ben strutturati ma che contrastano con il suo pensiero, il suo modo di comportarsi è:
1) cercare di interrompere il prima possibile il collegamento
2) far finta di non capire (certi concetti non può non capirli: è evidente che finge, per tagliare il collegamento)
3) Cercare di sminuire le parole dell’interlocutore portandolo sugli argomenti più insignificanti dell’intervento.
Molte volte mi viene da pensare che se tutte le persone fossero come lui, che tende a minimizzare qualsiasi problema o a mettere la testa sotto la sabbia, molti successi, molte conquiste non sarebbero state fatte dall’uomo.
Lui finge di non sorprendersi mai: quando un politico si comporta in modo ambiguo, lui non si stupisce. Il suo non sorpendersi lo chiama cinismo… Amicone di Sgarbi anche quando questo si scaglia (quasi sempre a torto) contro chi lo fa incazzare. Difensore di Berlusconi (anche se cerca di non farlo vedere esaltando la propria imparzialità). Il conflitto di interessi lo stanca e parlarne lo infastidisce, quando sa benissimo che è la causa di molti problemi della nostra politica.
Non commenta la polemica fra Panorama e la Marcegaglia: sarà perché scrive su quel giornale ?
Si irrita al solo sentire i nomi di Di Pietro, Beppe Grillo, Travaglio. Qui perde veramente la pazienza: ultimamente cerca di esorcizzare Beppe Grillo con le imitazioni di Parenzo, ma penso non sarebbe in grado di sostenere una discussione con Travaglio…

savelli ha detto...

Ogni tanto (sempre più spesso) mi vengono dei dubbi.... avrò sbagliato a votare? Perchè questi qui (quelli del centrodestra) ne combinano di tutti i colori... allora, quasi in trance, apro la mia mente agli "altri"... lascio che il loro mantra mi pervada... e immediatamente sono più tranquillo, la realtà, pur cruda e scabra, mi appare delineata e chiara, le nefandezze si riallocano nella loro prospettiva, il flusso immaginifico del pensiero si ordina secondo uno schema superiore. Non ho sbagliato.

Francesca ha detto...

Anch'io nutro dubbi.... poi leggo dall'articolo del sempre ottimo Michele Brambilla (ex del giornalino di Zio Paolino) di oggi su La Stampa:

Berlusconi ha detto ieri che tutto ciò è «spazzatura», e non c’è dubbio che lo sia. Ma resta da vedere se è spazzatura mediatica, o spazzatura prodotta da una classe dirigente che non ha altri spunti di discussione da offrire ai giornali. Siamo noi giornalisti che perdiamo tempo appresso a stupidaggini, o è una certa classe dirigente a essere responsabile di un degrado da basso impero? Non ci convince neppure chi dice che «certe questioni riguardano la sfera privata, al massimo la morale, ma non la politica». A parte il fatto che gli uomini con responsabilità pubblica hanno diritto alla privacy solo fino a un certo punto, saremmo curiosi di sapere se gli elettori sono davvero disinteressati di ciò che gli eletti fanno nel tempo libero.

....e come d'incanto tutto diventa chiaro e lampante!


ps: chissà chi si è inventato che la signorina marocchina sarebbe nipote del presidente egiziano....??

PaoloVE ha detto...

@ savelli:

scrivi! argomenta!

Ciao

Paolo

angelo ha detto...

questo blog è una vera scoperta!non immaginavo che l'avversione che ho maturato nei confronti di Cruciani vantasse tanta condivisione.Devo dire che,finchè è durata la direzione Santalmassi mi pareva un po' più equilibrato,poi, con la nuova direzione abbastanza scialba, ha dato la sensazione di sentirsi uno dei migliori (se non il migliore) fra i giornalisti italiani

Francesca ha detto...

@ Angelo

Benvenuto!
Peccato pero' che tu non sia arrivato ai "bei tempi" del Cruciani in mode anti-antiberlusconismo con la bava alla bocca di Radio Londra!

Non è ancora detto comunque che la virata sia compiuta, anche se proprio io sono una sostenitrice della tesi del risveglio!

Anzi lo vorrei sentirsi esprimere su questo per capire meglio:

PALERMO - «Sotto il fascismo ero più libero di quanto voi siete adesso». A parlare è Andrea Camilleri protagonista di un incontro con i giovani nel corso del «Festival Internazionale del Film» di Roma. Lo scrittore invita i ragazzi che lo ascoltano a «farsi condizionare il meno possibile da una società che finge di darci il massimo della libertà».

E se posso aggiungere anche quello che Oliviero Toscani ha detto a IN ONDA ieri sera in un bel match farcito di insulti con Nosferatu-Sallusti.
Qualcosa su cui conosciamo bene la posizione di Cruciani.... fino a ieri!
Cioè che il rimbambimento generale, lo scadimento culturale di una società apatica e indifferente, egoista e villana, lo si deve a 20 anni di TV berlusconiane.

Che è anche quello che dice Luca Barbareschi alla fine!

PS. Giuseppe, oggi sono con te a tifare per la Lazio!

cignolino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avvoltoio57 ha detto...

sono le ore 19.15 dell'8 dicembre e stavo ascoltando Cruciani mentre tornavo a casa in macchina.
Devo dire che la difesa di Cruciani degli articoli di Libero è veramente indecente.