venerdì 29 ottobre 2010

Parlare di politica e non di scandali? Magari, ma è impossibile

Secondo post del giorno, dopo quello di Paolo, a firma della new entry Sdrenfano (benvenuto nel club). Nota: il testo era già stato inserito come commento ad un post precedente, ma avendolo trovato particolaremente efficace ho ritenuto, in accordo con l'autore, di promuoverlo a post.

Solo una nota mia e poi mi faccio di parte. Riguardo il caso Ruby si parla molto di "spazzatura mediatica". Lo è? Sì, a patto di mettersi d'accordo su un punto: l'omino che, coi suoi comportamenti non consoni al ruolo, ha confezionato il sacchetto della "basura" e lo ha messo fuori dalla porta alla mercé di tutti è il signor Silvio Berlusconi medesimo, e nessun altro. Chi è causa del suo mal eccetera eccetera.

Buon weekend lungo da Authan. Il blog torna martedì salvo sorprese, imprevisti o cataclismi.

+++++++++++++++++++++++++++++

[Testo di Sdrenfano]

Non è accettabile l'invito a "parlare di politica e non di scandali", ripetuto da Giuseppe Cruciani e dal suo ospite alla Zanzara di ieri Marco Follini, citando Tony Blair.

Il maggior partito di opposizione ha tanti difetti, e in particolare quello di essere moscio, indulgente e inoffensivo nei confronti di Berlusconi, non certo quello di accanirsi contro di lui. Bersani ha rilasciato quel commento lapidario (“Basta con le questioni esoteriche come lodo alfano e abitudini singolari del premier, non se ne può più, stacchiamo la spina”) rispondendo a un giornalista a margine di una conferenza stampa sulle proposte del PD in materia fiscale.

Se gli organi di informazione (compresa La Repubblica) danno rilievo al bunga bunga e non alla riforma delle aliquote, la responsabilità è di tali organi di stampa, e tutt'al più dei lettori. Non certo di un partito debole e autolesionista, che per sforzarsi di non essere tacciato di antiberlusconismo è arrivato a fare, invano, una campagna elettorale senza mai pronunciare il nome del principale esponente dello schieramento ad esso avverso.

Insomma, di fronte ai peggiori scandali di corruzione, impunità e varie nefandezze che con la politica non c'entrano niente, è ridicolo ribattere con lo slogan "basta parlare di scandali, con questi argomenti la sinistra non vincerà mai". Ancora più ottuso, poi, è riaffermare questo slogan in programmi radiofonici che con il bunga bunga intitolano la puntata.

-------------------------------------------

(Authan) Mi è venuto in mente un verso di una vecchia canzone dei REM, il cui video, peraltro, è un po'... bunga bunga :-)

REM, "Pop song '89" (1988)




Should we talk about the weather?
Should we talk about the government?


34 commenti:

F®Ømß°£ ha detto...

Buongiorno,

Avevo apprezzato anche ieri questo commento.

Cruciani è al di là del bene e del male, non vale neanche la pena di pensare a lui, parlerei dei giornalisti (quelli che si permettono di prendersi sul serio).

Nella loro stragrande maggioranza essi sguazzano felici nelle nefandezze peggiori (come Avetrana), visto che un lavoro semplice e superficiale garantisce comunque attenzione e interesse del pubblico. Sguazzano garruli e felici anche nei casi in cui ci siano delle belle gnocche sovraesponendo le grazie di queste e dilatando a dismisura l'importanza del lato sessual-scandalistico dei vari casi.

Già questo è uno schifo, ma sentire poi le rampogne fatte da loro stessi, che si ergono a moralisti nel criticare i minorati che vanno ad Avetrana o chi discute sul bunga bunga invece di parlare dei problemi del paese.

Particolare è il caso di Repubblica online: si leggono sensati articoli di ottimi giornalisti, quali D'Avanzo o Scalfari, che più di una volta hanno criticato un certo tipo di giornalismo al limite della moralità. Nella stessa pagina non ci viene fatto mancare niente per quanto riguarda la colonna delle tette messa a lato, dove ci sono le quotidiane indagini sul reggiseno di Lady Gaga.
E se c'è da ascoltare gli audio di Sabrina o di Misseri, fatevi sotto!

C'è una certa schizofrenia che non dipende dalle persone, ma dalla direzione del giornale direi.

Saluti

Tommaso

Francesca ha detto...

Per il CMM Maurizio Crozza del 05/10/2010 che commenta l'uscita di Blair da Fabio Fazio

http://www.youtube.com/watch?v=B49cvpFmauQ
(dal minuto 2.35)

Neon+Atlas ha detto...

Ottimo contributo, da condividere in toto.

Poi i Rem riescono ad essere talmente grandi da prendere e portare da un'altra parte. Chi se ne foxxe del Berlusca e le bimbe, R'N'R :D

ps qualcuno la segue ancora la zanzara?

Michele Reccanello ha detto...

piacerebbe a tanti, ma se non c' è questo c' è lodo Alfano costituzionale. E basta.

Gli orizzonti della politica sono questi, nemmeno le parole riforme, federalismo, lavoro da un mese a questa parte vengono più evocate.

Tutti concentrati sui problemi (e le cazzate) di uno solo.

Michele Reccanello ha detto...

berlusconi:
In casa mia entrano
solo persone perbene.

Ad esempio Mangano.

francesco.caroselli ha detto...

questo mi è proprio piaciuto

Michele Reccanello ha detto...

a proposito dell'argomento del post mi sembra che anche Follini, nel suo intervento in trasmissione, ha fatto alcune osservazioni a riguardo. Ma ancora di più mi è piaciuta la domanda di GC sul perché Follini non è stato cosi avversato come Capezzone. In parte, erano osservazioni ovvie, ha ben risposto Parenzo e in parte, questo lo aggiungo io, Follini da alleato di B. non gli ha mai risparmiato critiche tanto che alla fine si è dovuto dimettere.

francesco.caroselli ha detto...

io linki cose che mi piacciono e che sono in tema con gli argomenti della zanzara.
Ad esempio qua c'è una bella lista, con relativi dettagli, di gente che passa da sinistra a destra con molto facilità, e poca coerenza...
buona lettura
(attenzione che sono 3 pagine!)

Neon+Atlas ha detto...

Chi è qst genio

"la carfagna ha avuto un lungo rapporto con bocchino" è semplicemente da antologia

ahahahahahah!

Francesca ha detto...

@ N+A

si tratta di Giancarlo Lehner, vecchio onorevole eletto in Campania, fedele tra gli ex-craxiani e recordman di presenze in Aula.

Eppero'... non ha ben capito cos'è il bunga bunga.....allora ho trovato questa ficcante definizione sul blog di LT:

"stupro anale rituale di gruppo"

Prosit!

francesco.caroselli ha detto...

Non ci credo.
A questo punto richiamare Rocco Siffredi mi sembra logico.
Almeno questa volta siamo nel suo campo. Alla Grande.

Quando l'ascoltatore Luca parlava mi è sembrato di sentire il respiro di Cruciani farsi piu pesante...ma sarà solo una mia impressione.

La Zanzara una trasmissione di infotainment che parla di fotaiment

francesco.caroselli ha detto...

Francé non può essere uno stupro visto che le persone che partecipano sono consenzienti

Francesca ha detto...

Cruciani & Parenzo ignoravano che a Milano da ben due anni si pratica il bunga bunga......loro conducono una vita di coppia morigerata come Vendola & Eddy!!!

Francesca ha detto...

....posizione ricevente....dicesi di quell'animale con la lana sopra.....mumble mumble.....ma che strana posizione sarà mai?


ecco, adesso il Prof. Lehner forse ha avvertito qualcosa.... gli si è accesa la lampadina e la cosa non gli piace!!!

Michele Reccanello ha detto...

@francesca/o

per essere una trasmissione che parla del nulla perlomeno mi sto sbiaccando dalle risate, e anche voi contribuite con i vostri commenti.

ps fantastico elio e le storie tese.

Paolo Rosa ha detto...

Cruciani, piccolo appunto: Il referendum Repubblica-Monarchia si è svolto nel 1946 non nel1948

Michele Reccanello ha detto...

Buongiorno e buona domenica,

Il buongiorno di Gramellini di ieri calza a pennello.

Ho seguito "In onda" con la De Gregorio, O. Giannino, e Renzi.
Il direttore dell'unità, contrariamente a Renzi, sostiene che è un errore mettere a mare l'intera classe dirigente del PD solo per una questione di anagrafe. Io credo invece che è ormai certificato il fallimento dei Veltroni, D'Alema, Fassino, sono passati 20 dalla svolta della Bolognina e loro erano già ai vertici del partito con Occhetto, e quindi visto che hanno avuto la loro occasione è l'ora che si facciano da parte.

W Renzi e tutti i rottamatori.

Ornette ha detto...

Cruciani nel suo trastullarsi con il bunga-bunga, mettendola come sempre in caciara per far sembrare un mattacchione la tragica figura di un depravato 74enne che deve pagare minorenni e maggiorenni per portarsele a letto, pagandole, oltre che in denaro, con incarichi pubblici più o meno importanti, omette completamente di citare il fatto che, stando alle dichiarazioni della ragazza, al bunga-bunga abbiano partecipato due ministre. Almeno avrebbe potuto mettere il pezzo di Benigni di Johnny Stecchino, quello "e facci vedere il tuo ministero"..

mariolino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
mariolino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
mariolino ha detto...

“Parliamo di spazzatura, quella vera”
(Berlusconi sommerso da spazzatura vera e mediatica).

Linguaccia lunga Bertolaso porta sfiga.
Rivolgendosi alla giornalista del TG3 durante la conferenza stampa di Napoli, se avesse immaginato quello che sarebbe successo qualche giorno dopo, ci avrebbe pensato due volte a pronunciare la famosa frase “parliamo di spazzatura, quella vera”.

Da allora gli eventi precipitano.
Nonostante le assicurazioni in conferenze stampa dell’unto dal Signore, un fiume di spazzatura (quella vera) sommerge Napoli e dintorni.
La guerriglia urbana imperversa (magari con lo zampino della camorra) pronta a trasformarsi in guerra civile (Napoli contro Roma ladrona).
Lo tsunami di Rubi rubacuori provoca una immensa onda anomala di spazzatura (quella mediatica) che sta sommergendo Berlusconi e tutto il suo governo del fare.

Lo sputtanamento fa il giro del mondo: festini orgiastici con escort anche minorenni, bunga-bunga, telefonate in questura, finti affidamenti, ecc. ecc.
Berlusconi in veste di buon padre di famiglia dal cuore d'oro, in cerca di qualcuno a cui affidare la procace minorenne Rubi rubabaci.

Di fronte a uno scandalo del genere, i politici coinvolti chiederebbero scusa e toglierebbero il disturbo. In Giappone farebbero karakiri. Qui da noi, per ora, Berlusconi sembra voler vendere cara la pelle. Perché?
1) Per l’enorme potere mediatico e la propaganda che esercita tramite le sue TV.
2) Per essere l’unico politico al mondo Tycoon (come lui ama con orgoglio definirsi), miliardario con quattrini a palate da dispensare a chi "gli vuol bene".

Questa volta Berlusconi sembra arrivato al capolinea. Fusse che fusse la volta bbona?

Michele Reccanello ha detto...

@Mariolino

Qui da noi, per ora, Berlusconi sembra voler vendere cara la pelle. Perché?

E' semplice: I giudici lo aspettano a braccia aperte, e lui questo lo sa bene: una volta dimessosi avrà solo un'alternativa: Fare come il suo amico Craxi. Quindi se tiene duro e riesce ad ottenere lo scudo è fatta.

Michele Reccanello ha detto...

Secondo la repubblica.it anche tra i fans di B. cominciano a spuntare i delusi. Che sia la volta buona?

mariolino ha detto...

Berlusconi: "Se mollo faccio un danno all'Italia"
Ahahahahahahahahahaha!!!

Francesca ha detto...

e che dire di quest'altra?


“Non sono mosso da ambizioni politiche. Il sacrificio a cui mi sottopongo è grande, a volte gli impegni sono disumani, ma sto qui per senso di responsabilità”.


Cominciasse a spiegare come mai gentaglia di quella risma (ballerine brasiliane....minorenni procaci (oggi ex).... papponi vari.... hanno il numero di cellulare del primo ministro e lo possono chiamare a qualunque ora per i loro guai quasi fossero emergenze nazionali!?

Francesca ha detto...

L'odierno editoriale di Galli Della Loggia, pure citato in OTTOEMEZZO stasera, ospiti il prof. Mario Monti (che ha allontanato ogni sospetto di volersi candidare alla guida di un governo di salvezza nazionale) e Paolo Mieli, viene ripreso anche da Farefuturowebmagazine!


http://www.ffwebmagazine.it/ffw/page.asp?VisImg=S&Art=9655&Cat=1&I=immagini/Foto%20L-N/catenemani_int.jpg&IdTipo=0&TitoloBlocco=L%27Analisi&Codi_Cate_Arti=38

«Negli ultimi mesi - scrive Galli della Loggia - è venuta meno nell’esecutivo qualunque capacità di direzione di coordinazione, qualunque consapevolezza delle quantità e della gravità dei problemi sul tappeto se non al livello della pura emergenza. Palazzo Chigi ha perduto la pur minima capacità di ascoltare e di rappresentare il paese».


Dissento solo su un punto..... non negli ultimi mesi, ma da molto tempo prima!

Michele Reccanello ha detto...

Buongiorno,

Si può dissentire su EGDL un giorno sì e l'altro pure, quando scrive ...negli ultimi mesi, da buon terzista, si è probabilmente sbagliato: Voleva dire in questi ultimi secoli!

Michele Reccanello ha detto...

intanto secondo repubblica è in arrivo un'altro sex-gate...

francesco.caroselli ha detto...

France galli della loggia fino all'altroieri diceva che tutto andava bene.
Non so se tu lo cite per poter dire "se persino lui se ne accorge..."
oppure se perchè lo consideri un tizio autorevole...
io propendo molto di piu per la prima, ovvero se lo dice persino uno pseudo-fan di B...

Francesca ha detto...

@ CAROSELLI

ma certo!
Ho dimenticato di aggiungere che quell'editoriale lo avevo già citato nell'altro post anche la mattina con il seguente commento:

2Questa volta a pronunciare la stessa frase che già ieri Bersani ha proferito, è uno dei campioni del terzismo giornalistico: "Cos'altro deve ancora succedere?"


Ma ci scommetto che stasera Cruciani parlerà solo e solamente di Bersani e Di Pietro che chiedono a Mr. B(ean) di lasciare.
Neanche un fiato su donna Emma e quanto ha detto della paralisi e del senso di sfiducia in cui si trova il Paese, cosa che normalmente farebbe indignare il nostro anti-catastrofista d'antan!
E pure Cesa dell'UDC ... altro che strizzare l'occhiolino all'alleanza di governo!

Francesca ha detto...

OT - OT - OT - OT !!

@ Viola

scusa cara, lo hai visto ieri David Parenzo a Omnibus mentre tutti quegli espertoni di lavoro e conflitti generazionali osannavano la Meloni (!) che avrà ripetuto almeno 4 volte che questo governo ha ereditato dal passato gli attuali problemi??

francesco.caroselli ha detto...

MAh stasera sarà molto interessante valutare il comportamento di Crux.

Ieri non mi sono inzanzarito..
era festa!

Cmq credo che se i topi (o i Galli) cominciano ad abbandonare il barcone Berlusconiano non credo proprio che Giuseppino nostro rimarrà ancora molto sulla nave che affonda...
a meno che non abbia garanzie di un lavoro su mediaset...
ops ma che dico?
ce l'ha già e gli garantisce un ottimo ritorno di immagine.,.
Adesso che è a controcampo i commenti sul blog di Peppe Crusciani sono sensibilmwente aumentati...

Ornette ha detto...

Buongiorno, sentite questa: il 19 maggio 2010 a Villa Madama si tiene l'incontro bilaterale italo-egiziano, alla presenza dei capi di stato e dei ministri degli esteri. Mubarak molto probabilmente accenna a Silvio il fatto che esattamente un anno prima è morto il suo unico nipote 12enne, stroncato da un malore sul campo da gioco, e il nostro presidente cosa fa una settimana dopo (il 27 maggio)? Sfrutta la tragedia di Mubarak per attribuire a una puttana (scusate il francesismo) minorenne clandestina accusata di furto l'identità del bambino morto. Se foste Mubarak come la prendereste?

Francesca ha detto...

@ Ornette

si, anch'io ho segnalato la notizia ieri qui.

Per Hosni Mubarak è una tragedia. In lutto per la morte del piccolo Mohamed, il presidente egiziano rinvia la sua attesa visita negli Stati Uniti. A causa del lutto, Suzane Mubarak, moglie del presidente, annulla una visita che doveva compiere a Londra.
Alla luce di questo immenso dramma familiare, quel riferimento legato a una squallida vicenda di sesso e protezione, «Liberatela, è la nipote di Mubarak», suona ancora più imbarazzante.
Al Cairo e non solo.
IL MONDO E' SBIGOTTITO!