giovedì 25 novembre 2010

Vedi cose che altri non vedono?

Qui sotto Paolo, a parte Authan.

++++++++++++++++++++++++++

[Paolo]

Buongiorno,
un po' di anni fa ho svolto il servizio militare, quando era ancora in vigore la leva obbligatoria. Pertanto sono stato sottoposto al Minnesota Multiphasic Personality Inventory, un test psicologico che, sulla base delle risposte che uno dava a forse un migliaio di affermazioni, permettevano all'esercito di incasellare la tua personalità e di valutare la tua attitudine al rude e virile mondo militare (Perdonate la battuta sessista: no, le femminucce non potevano ancora fare il parà: forse non era ancora in commercio l'assorbente con le ali :-)).

Molte di queste domande erano molto "buffe" per la loro ingenuità e trasparenza: si andava da "Ti piacciono gli uomini?" al "Ti piacciono i fiori?" tesi ad impedire una contaminazione omosessuale del mondo militare ritenuta almeno impropria, e si arrivava alle domande volte a individuare persone psichicamente disturbate tipo "Qualcuno controlla i tuoi pensieri?" o "Senti cose che gli altri non sentono?" In fondo sarebbe antipatico affidare un AR70 – 90 SC carico ad uno psicopatico cui una voce nell'orecchio sussurra che deve estirpare Satana dal mondo seminando proiettili 5,56 Nato a destra e a manca…

La domanda del MMPI “Vedi cose che altri non vedono?” in questi giorni mi sembra di grande attualità.

Abbiamo un Premier che irrompe telefonicamente in trasmissione a Ballarò per smentire che a Napoli in questi giorni esista una emergenza rifiuti. Son tutte mistificazioni. Anche Libero ed il Giornale evidentemente hanno truccato le foto con Photoshop.

Abbiamo un Premier che, con un governo paralizzato dalla defezione di FLI, prevede di raggiungere una “buona maggioranza in entrambe le camere”. E suggerisce all'UDC l'appoggio esterno.

Abbiamo un Premier che, mentre l'emergenza è la gestione della crisi economica, lavora per mantenere in piedi un governo zoppo ed inetto e invita il Presidente della Camera a dimettersi.

Abbiamo un Premier che sostiene ancora che l'Italia uscirà dalla crisi prima e meglio degli altri.

Per di più, ascoltando le garrule interviste effettuate alla Zanzara dalla sede di Strasburgo dell'Europarlamento, o gli interventi della Santanchè su Exit, o leggendo dei vuoti entusiasmi dannunziani del ministro della difesa che bombarda di volantini Bala Murghab, o dei favoritismi che baciano i parenti/amici di un ministro dei beni culturali che non aveva però il tempo di intervenire a tutela di Pompei, mi pare che la sindrome tocchi anche i politici a lui vicini.

Vedono cose che gli altri non vedono. Vivono in un mondo diverso dal nostro. Nell'esercito, che non era esattamente il più ragionevole ed astuto degli enti, questo era motivo sufficiente per escludere da ruoli di responsabilità, perché comportava rischi troppo gravi.

Ciao

Paolo

------------------------------

Contributo multimediale scelto da Paolo: la scena non facilmente dimenticabile, tratta dal film "Full Metal Jacket", della recluta Palla di Lardo che uccide il crudele sergente istruttore per poi suicidarsi.




8 commenti:

Francesca ha detto...

Eppero' l'UDC gli ha risposto "Pippirimerlo l'appoggio esterno. Grazie dei consigli, sempre generoso eh?!"

:-D

Francesca ha detto...

Fuori di testa senza soluzione di continuità, al punto che ieri, in conferenza stampa con la ministra Meloni (poveri noi!) per annunciare misure e agevolazioni fiscali allo studio per l' incentivazione dell'attività di impresa da parte dei giovani (mi pare fino a 35 anni), è finita che il grande illusionista si è dimenticato perchè era li e ha cominciato ad insultare LCDM, Fini & FLI, l'opposizione and so on!

Michele Reccanello ha detto...

Come da titolo del Post, questa è una malattia che continua a colpire gli italiani. Tanto per fare un esempio (quasi) divertente Sabato sono andato a pranzo dalla suocera e, avendo comprato il solito giornalaccio (il fatto quotidiano), mi sono sentito apostrofare che è un giornale fazioso (eh si!), e poi giù la solita solfa come è bravo Silvio! o come è bravo Tremonti!

Questo è solo un campione di quella fauna italiana che nonstante tutto continua a tenere gli occhi foderati di prosciutto con il timore che i rossi prendano il sopravvento.

Andiamo bene!

Zaku ha detto...

Vorrei sfatare un attimo il mito dei fiori nell'mmpi... non è per indicare eventuali tendenze nell'MMPI (sennò tutti i fiorai sarebbero gay?!!)

La questione è un filino più complessa... :)

PaoloVE ha detto...

@ Zaku:

voglio crederti, ma non ci riesco facilmente.

Ricordo una discreta ossessione omofoba nelle domande, per cui avevo catalogato anche quella suoi fiori come una subdola indagine tesa a svelare persone dal lato femminile particolarmente sviluppato.

Dannazione soldato Zaku! Allora perchè mi hanno chiesto se mi piacevano dei fottutissimi fiori? E se ho risposto che mi piacciono solo se conditi con l'aceto cosa diamine avranno concluso? :-)

Ciao

Paolo

Zaku ha detto...

E' un po' complesso... :)

Innanzitutto avrai notato che la domanda suoi fiori è ripetuta più volte in forma diversa: quello è semplicemente un controllo su come stai rispondendo alle domande.

Inoltre è inutile concentrarsi sulle singole domande (a meno di domande molto significative tipo "vedi cose che gli altri non vedono"). Quando viene valutato il test si vede come le risposte delle varie domande vengano correlate tra loro.

E spero che veramente qui la gente non pensi che i fiori piacciano solo ai gay... :)

PaoloVE ha detto...

@ Zaku:

Qui sappiamo benissimo che i fiori piacciono sia ai gay che alle femmine, che diamine!

E la tua elusività sull'argomento mi fa sospettare che a te i fiori piacciano un sacco, vero Zaku? :-)

Lascia stare sto scherzando... Mi ero accorto che c'erano affermazioni sostanzialmente ripetute, per cui avevo concluso che esistesse una forma di controllo della coerenza delle risposte. Avevo però sbagliato a pensare che "Ti piacciono i fiori" "Ti piacerebbe fare il fioraio" "Ti piacerebbe fare il parrucchiere" "Ti piacciono gli uomini" "Sei attratto da persone del tuo stesso sesso" ed un'altra decina di altre simili rientrassero tutte nello stesso set :-). Comunque non dovevo essere grave: mi han preso lo stesso...

Ciao

Paolo

Michele Reccanello ha detto...

... mi piacciono i fiori, allora sono anch'io gay!