giovedì 2 settembre 2010

Beautiful

[Il post di oggi è di Paolo]

Buongiorno,

finalmente una puntata che si apre con un bell'esempio di giornalismo radiofonico! Ho infatti trovato molto interessante l'inizio della Zanzara di ieri, in cui Giuseppe Cruciani ha prolungatamente cercato di rovistare tra le lenzuola sporche dell'ex legame tra Elisabetta Tulliani e Luciano Gaucci, cercando di farsi raccontare dal figlio di quest'ultimo i contenuti di un nastro in cui sarebbe registrata una conversazione intercettata da un ex dirigente della Viterbese (team calcistico un tempo controllato da Big Luciano, così come il Perugia) in cui si sentirebbe il fratello "monegasco" dell'attuale compagna di Gianfranco Fini affermare che avrebbe defraudato il sempre pirotecnico ex presidente del Perugia, e tutto questo non molto tempo prima che questi se ne scappasse in quel di Santo Domingo.

Confusi? In effetti, con tutti quei condizionali... E poi pareva di essere in un episodio di Beautiful! Tra un po', di rivelazione in rivelazione, di truffa in truffa, scopriremo che in realtà Fini sapeva di essersi truffato da solo ad insaputa del cognato della Tulliani che a Montecarlo c'era andato solo per mettere su un lavaggio di macchine di lusso… Chissà cosa avrebbe detto Ridge! Ma questa è evidentemente un'altra storia.

Di tutto ciò mi preme far notare due cose.

La prima è che attorno al nastro si è realizzata ieri sera in trasmissione la situazione che le ultime versioni della legge sulle intercettazioni (finita per fortuna in un binario morto del parlamento) vorrebbero mettere in vigore. Si è liberi di commentare qualcosa che non si può citare (ieri sera, malgrado i ripetuti inviti di Cruciani, il figlio di Gaucci si è rifiutato di citare qualsiasi stralcio del nastro, sostenendo di non averlo ascoltato: ovvio quindi che ne conosca dettagliatamente i contenuti). Con il risultato che chiunque può dire quel c***o che gli pare in materia.

Qualcuno potrebbe smentirmi in maniera definitiva se dicessi che nel nastro che non si può citare ma solo commentare c'è invece registrato "Live at Pompei" dei Pink Floyd? O preferite Raoul Casadei? Oppure l'invito dello pseudo cognato di Fini ad essere particolarmente scrupolosi e attenti nella rendicontazione economica da fornire a Patron Gaucci? No, nessuno può farlo. La legge sulle intercettazioni, se applicata, realizzerebbe quindi una perfetta macchina del fango: ognuno può commentare facendo le ipotesi più bizzarre senza essere smentito in maniera significativa fino alla conclusione dell'iter processuale. Che bello. Non vedo l'ora.

La mia seconda osservazione è che vedo con piacere che Crux ha finalmente abbandonato certe sue posizioni di vetero difensore della privacy delle quali avevamo parlato un po' di tempo fa (ad esempio qui e qui), quando, parlando delle intercettazioni operate ai danni di Berlusconi sul caso Saccà e sul caso D'Addario, la posizione di Cruciani era sostanzialmente che, visto che erano state carpite ad insaputa degli interessati, dovevano essere trascurate e messe da parte. Ignorate come se non esistessero.

Adesso, invece, malgrado si parli di registrazioni carpite ad insaputa degli interessati, cerchiamo di farcele raccontare nei termini che più aggradano a chi le produce. I miei più turgidi complimenti, Cruciani. Devo stare attento a non perdermi la trasmissione di stasera…

Saluti

Paolo

--------------------------------

(Authan) Christina Aguilera, "Beautiful" (2002)



You are beautiful
No matter what they say
Words can't bring you down...


15 commenti:

B ha detto...

Cruciani.
Scrive su Panorama.
Fa l'ospite nelle trasmissioni calcistiche su Rete 4.
Attacca beceramente Fini tramite l'infangamento di una persona a lui vicina.
Praticamente un Feltri, ma meno "bravo".
E' un bel traguardo, chapeau.

F®Ømß°£ ha detto...

Cruciani ha calato le braghe da un pezzo mi pare.

Bel post di Paolo

Tommaso

Francesca ha detto...

Cruciani chi?

Quello che Aldo Grasso di recente, criticando i suoi "Complotti", (come genere televisivo, basato su ricostruzioni e filmati d' archivio, con ipotesi, solo ipotesi, e che alimenta non poche trasmissioni, con sperpero di criminologi pronti a intervenire su qualsiasi questione, trasformando il mistero in format) ha definito: un giornalista che ha avuto un momento di celebrità quando, anni fa, fu paparazzato in compagnia della moglie di un noto cantante.... ah quello?

Io sulla vicenda Tulliani l'ho detestato particolarmente quando sghignazzava per nulla imbarazzato con il re dei maleducati della compagna di Fini sulla vicenda Freccia Alata.

Viola ha detto...

Paolo, hai decisamente centrato il punto.
Bravo, e azzeccato il contributo ultimediale.

Zecca ha detto...

Che schifo la Zanzara di ieri, che schifo la Zanzara dell'ultimo periodo.

Cruciani si è bruciato tutto quello che aveva di piu intrigante e accattivante diventato un cretino che ridacchia e canticchia in radio.

Avra' piu soldi e piu audience, ma se faceva il marchettaro magari raggiungeva lo stesso obiettivo con meno sforzo e piu piacere.

Ammettiamolo, e' un povero fesso.

Francesca ha detto...

OT : Torino seratona impegnata!

Alla festa del PD, D'Alema intervistato da Riotta, l'ex-CDS Scalfaro da un giornalista del TG3, e poi l´Europa al centro del dibattito: alle 18,30, sul federalismo delle regioni in cui si confrontano Claudio Martini, Vasco Errani, Mercedes Bresso, il francese Alain Rousset, il catalano Ernest Maragall e il tedesco Karl–Heinz Klar.
E ancora la CGIL con la Camusso e Cofferati!

Alle 21 pero', piatto forte!
In Sala Bobbio lezione sull´informazione di Michele Santoro.


Alla stessa ora, ma a qualche chilometro di distanza, dovrebbe cominciare il comizio di Umberto Bossi alla festa della Lega Nord a Torino Esposizioni. L´apertura ufficiale della kermesse del Carroccio è prevista alle 18, con il presidente regionale Roberto Cota.



Cacchio, che dilemma, non saprei proprio chi scegliere di andare a sentire!

Spero solo pero' che qualcuno .... contesti qualcuno!!

:-D


ciao
Francesca che stasera sarà davvero a Torino!

PaoloVE ha detto...

...non si può certo dire che Napolitano manchi di ironia: più di un mese fa aveva chiesto a SB di nominare urgentemente il ministro dello sviluppo economico e la risposta dell' amico di Gheddafi era stata che sarebbe stato nominato entro la settimana ( http://tinyurl.com/silupporitardato ).

A distanza di quasi un mese e mezzo la nomina non è ancora arrivata (il partito del ritardare? o forse è questo che intendono Cruciani e Parenzo quando dicono che in democrazia talvolta la menzogna è necessaria? Boh!).

Ed il Presidente della Repubblica, a chi gli ricorda il vuoto ministeriale, invece che inca***rsi per la mancanza di rispetto istituzionale (non sta bene raccontar balle al Presidente della Repubblica, non trovate?), risponde con ironia / sarcasmo (http://tinyurl.com/passaparola).

Per qualcuno sarà anche un becero comunista, ma in questa occasione è stato un Signore...

Ciao

Paolo

Francesca ha detto...

@ PaoloVE

ma infatti non ho capito dov'è il problema, a rimpiazzare il dimissionato Ministro-a-sua-insaputa!
Tanto piu' che ci sono anche discreti sottosegretari come Saglia (spesso interrogato dal nostro redattore economico preferito) che potrebbero essere promossi.
Di Urso (ricordate lo scazzo in TV con il ciellino Lupi da Paragone?) neanche a parlarne, dato che fa parte della schiera finiana in rivolta!

Michele Reccanello ha detto...

@B
Vuoi dire forse che Feltri è bravo?
In che senso?

@PaoloVe
Sottoscriverei il commento di Tommaso, ma credo che questo mare di critiche a GC sia come sparare alla croce rossa.
L'unica osservazione che ho da fare è che la trasmissione, da mesi a questa parte, è un grafico con una retta che ha un m<0.

PaoloVE ha detto...

...sono solo io a trovare buffissimo il fatto che il gruppo politico di Tremaglia accusi di squadrismo il partito di La Russa?

Che poi, tra di loro, che offesa sarebbe?

Ciao

Paolo

Michele Reccanello ha detto...

@PaoloVE
Eh no...

Sarà anche un signore Napolitano. Ma chi ha firmato per Brancher ministro? D'accordo se si sostiene che il presidente non ha poteri in merito, ma dove è la tanto sbandierata moral suasion per sottolineare l'opportunità di certe scelte!

Michele Reccanello ha detto...

@PaoloVE

### oggi ce l'ho con te ;-) ###

a proposito di Tremaglia e La Russa la mia solità (pisana) battuta:

Cencio dice male di straccio.

Francesca ha detto...

OT

Ottima la puntata di Focus Economia di ieri, in chiusura della quale è arrivato il solito Cruciani zuzzurellone che ha anticipato l'intervista a TREMONTI!
ho capito subito che si sarebbe trattato di un imitatore e non dell'originale, figuriamoci!

Tornando al nostro redattore economico preferito, si è parlato proprio del ministero vacante e cosi come Cruciani alla Zanzara ha randellato Bersani mandando decine di volte la frase del giorno sulla fogna, Barisoni ha proposto in continuazione con gran compiacimento la battuta di Giorgino Presidente diretta al governo (e al premier che già il 23 luglio aveva solennemente promesso di procedere in pochi giorni alla nomina del successore di Scajola):"Serve un ministro? Passo la voce"!

Eccome se serve!
Pero' serve anche e soprattutto che il governo chiarisca la sua linea in materia di comunicazioni, infrastrutture, energia e lavoro.
Lo hanno detto gli ospiti di Barisoni, gli ottimi Carabini del Sole24H, il senatore Baldassarri e soprattutto il sempre bravo Fassina, responsabile economico del PD (si ne hanno uno!!)

E poi le stesse considerazioni che avevo fatto io ieri qui sui possibili candidati, cioè i due sottosegretari, Saglia e Urso, ma quest'ultimo, non prima di aver sentito l'atteso discorso di Fini a Mirabello.

Michele Reccanello ha detto...

Serve il ministro? ...Mah!
Chiarimenti? Al massimo ci possiamo aspettare quelli che riguardano i provvedimenti sui guai di una persona sola, che oltretutto dichiara di essere innocente e di non averne bisogno.

Michele Reccanello ha detto...

Serve il ministro? ...Mah!
Chiarimenti? Al massimo ci possiamo aspettare quelli che riguardano i provvedimenti sui guai di una persona sola, che oltretutto dichiara di essere innocente e di non averne bisogno.