mercoledì 21 aprile 2010

Il chiodo fisso

Poco tempo, oggi, che userò per qualche commento flash, a braccio, sulla Zanzara di ieri.

1) Dopo aver ascoltato ieri Filippo Facci spiegare in diretta perché lo strappo di Fini (che poi strappo alla fine non è, al più una scucitura) va guardato con simpatia e interesse mi verrebbe da dire "Crux, ascolta e impara", ma forse sarebbe troppo irrispettoso per quella che è la sua diversa e legittima opinione. Mi limiterò allora ad un "Crux, ascolta e rifletti".

2) Complimenti a Francesca da Varese (che poi è la nostra Francesca), rimasta a lungo in collegamento dopo che ha fatto presente il suo strenuo impegno a non farsi “contaminare” da qualunque cosa sia riconducibile a Berlusconi, non tanto per questa sua scelta (che a me sembra eccessiva), ma per aver accettato di stare al gioco anche quando quando Cruciani ha cominciato ad essere un po' troppo irridente verso di lei. Una rispostaccia ci poteva pure scappare. In fondo, caro Crux, ognuno ha diritto ai proprio chiodi fissi. C'è chi, come Francesca, per questioni di principio non si sintonizza sui canali Mediaset neanche quando viene trasmessa l'opera lirica preferita, e chi invece, pur apprezzandoli, non compra più i libri di Fred Vargas. Grosse differenze, amico mio, non ce ne sono.

3) Dopo l'uscita di scena di Pier Gianni Prosperini, quello del “camel, barcheta e te turnet a ca'”, a Crux serviva un nuovo show-man xenofobo della politica, a cui ricorrere alla bisogna per fare un po' di avanspettacolo. Trovato. E' Mario Borghezio. Non che il soggetto non fosse già un habitué alla Zanzara, ma l'intervista di ieri ha avuto tratti cabarettistici del tutto inediti. “Ma lei tiferà per l'Italia ai Mondiali?”, ha chiesto ad un certo punto Crux. Risposta: “Bisogna vedere cosa ci presentano in campo. Se, come la Francia, ci presentano una squadra di marocchini, certo la cosa non mi entusiasmerebbe”. E oplà.

Lo spazio che rimane, per il post di oggi, lo lascio a Paolo, per una sua valutazione sul "frazionismo" tanto esecrato nei giorni scorsi dal nostro conduttore preferito. Ciao.

+++++++++++++++++++++++++++++++++

[Da qui in giù il testo è di Paolo]

ODE AL FRAZIONISMO

Buongiorno,
devo fare un po' di pallose premesse per contestare la presa di posizione di Giuseppe Cruciani contro quelle di Fini, definite "frazioniste".

E le premesse sono che considero un sistema bipolare il minore dei mali (è un sistema che sacrifica una parte della sua rappresentatività in favore della governabilità, mantenendo una possibilità di rinnovamento) e che ritengo necessario al suo funzionamento (specialmente in una realtà politica come quella italiana) l'esistenza di due schieramenti politici contrapposti sostanzialmente stabili (un terzo rilevante schieramento centrista compromette il funzionamento del sistema, riducendone la governabilità e le possibilità di rinnovamento: immaginatevi un Mastella al 15%, lui diventa inamovibile, ed i governi durano il tempo di incassare una offerta migliore da quella che è di volta in volta l’opposizione).

Aggiungo che continuo a considerare una sciagura l'ipotesi di poterci trovare senza un governo in questo periodo.

Su queste premesse sembrerebbe che uno debba essere sostanzialmente d'accordo con Cruciani nel considerare sfavorevolmente le iniziative "indipendentiste" dei finiani in corso in questi giorni.

Ragioniamo però da un altro punto di vista, e cioè da quello di chi all'interno di un partito creda sia necessario portare avanti una politica diversa da quella che il partito sta esprimendo (che su moltissimi argomenti è l'attuale situazione di Fini rispetto alla politica del PDL). Ha senso pensare di affrontare una battaglia politica contro gli avversari interni per poi presentarsi indeboliti ad affrontare quelli esterni? Ha senso restare fedeli a qualsiasi costo ad un progetto di cui vengono sistematicamente meno i punti per me qualificanti? In entrambi i casi credo di no, e credo anzi che questa situazione finisca per rendere più indefinito il contenuto politico dello schieramento. Per cui ben venga una iniziativa che dica "su questi punti contiamoci".

La situazione di Fini rispetto al PDL è per certi versi simile a quella che si verificò tra la sinistra radicale ed il primo governo Prodi: una minoranza dello schieramento vede sistematicamente eluse le proprie richieste e minaccia lo strappo.

Nel caso di Prodi e Rifondazione Comunista sappiamo che finì male per entrambi i contendenti, con il governo affondato e Rifondazione cancellata dal panorama politico.

Nel caso attuale però non mi aspetto una evoluzione verso una situazione così dannosa per entrambi i giocatori: sia perché per i finiani esistono alleanze politiche alternative in ottica centrista, (mentre Rifondazione non aveva alleanze alternative possibili), sia perché Berlusconi sinora si è dimostrato più intelligente dei dirigenti di sinistra e capace di rovesciare il gioco a proprio favore in ogni situazione.

Saluti

Paolo frazionista

---------------------------------------

(Authan) Il "vado via o resto, resto o vado via" di Fini e il contestuale "te ne vai o no, te ne vai sì o no" di Berlusconi mi han fatto ritornare alla mente un verso della "Canzone delle domande consuete" (1990), di Francesco Guccini, uno dei mille capolavori del cantautore emiliano:

Non andare... Vai... Non restare... Stai... Non parlare... Parlami di te...




Se ci sono non so cosa sono e se vuoi
Quel che sono o sarei, quel che sarò domani,
Non parlare non dire più niente, se puoi,
Lascia farlo ai tuoi occhi, alle mani...


44 commenti:

Francesca ha detto...

continuo a considerare una sciagura l'ipotesi di poterci trovare senza un governo in questo periodo.

idem io, le elezioni anticipate proprio no!

Ha senso restare fedeli a qualsiasi costo ad un progetto di cui vengono sistematicamente meno i punti per me qualificanti?

domani finalmente lo sapremo, se non esistono alternative, finirà che Fini malgrado le velleita' contestatrici già espresse ieri, resterà all'angolo.
O rovescia il tavolo e se ne va, anche dalla Camera, o.....

Michele Reccanello ha detto...

Credo che Fini in caso di nuove elezioni
potrebbe raccogliere consenso anche da parte dell'elettorato di sinistra (il mio voto sicuro!) ma non credo che Fini rovescerà il tavolo...

Invece non considero una sciagura l'idea di ritrovarci senza governo semplicemente perchè quello che c'è è funzionale solo agli interessi del capo, ma non al paese.

Gabriele, Monza ha detto...

Continuo a considerare una sciagura l'ipotesi di poterci trovare con QUESTO governo, in QUESTO periodo.

E pensare che siamo nell'era di Obama....

Michele Reccanello ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Francesca ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Francesca ha detto...

ma davvero Authan?
Cruciani mi prendeva per il cool e io non me ne sono manco accorta?
Beh devo dire che un qualche sospetto l'ho avuto quando mi son messa a cercare in casa il libro del fondatore del movimento BO.BI e poi ho raccontato delle mie manifestazioni a Roma dello scorso anno....e sentivo Cruciani all'altro capo del telefono un po' annoiato.....

Authan ha detto...

Aveva il sarcasmizator settato su 'max'.

Michele Reccanello ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
PaoloVE ha detto...

sono il solo ad aver avuto l'impressione che Cruciani fosse molto leggermente infastidito (bell'eufemismo, bravo!) del fatto che nessuno si era accorto delle dichiarazioni rilasciate dalla trota a lui sottoscritto Cruciani Giuseppe di persona personalmente e del fatto che queste stesse dichiarazioni siano diventate di interesse solo quando pubblicate altrove?

Saluti

Paolo, la carognetta...

Francesca ha detto...

il mio amico giornalista di Torino mi dice "Un film di Woody Allen rimane un capolavoro anche se lo danno su Rete4; dunque sei tu che ci perdi a non guardarlo"

Potendo scegliere, vado da Blockbuster e me lo noleggio ok?

A proposito, vi voglio segnalare un film STRAORDINARIO recensito qualche settimana fa da RADIO24.
Si intitola DEPARTURES e non parla di vacanze!
E' giapponese, ma vale davvero la pena!
Accattatevillo!!

Clem ha detto...

Io vorrei bacchettare Francesca.
Leggo questo blog da un po', e spesso concludi o introduci i tuoi commenti con qualche osservazione sulla tua età che avanza, vista come una cosa negativa.
Dopo averti ascoltata nel podcast di ieri, ti PROIBISCO di scriverlo ancora. Cribbio, che dieta fai?! Voglio anche io tutta quell'energia esplosiva che ho ascoltato ieri!!! O_O'

Paolo, il tuo commento è molto preciso. Sull'argomento sto leggendo in continuazione e cambio idea ogni due minuti. Ma io non riesco veramente a condividerne il contenuto e vorrei capire dove (e se) sbaglio. È tutto molto corretto fino a quando non scrivi:
Ha senso restare fedeli a qualsiasi costo ad un progetto di cui vengono sistematicamente meno i punti per me qualificanti?
Io penso proprio di no.
Ma Fini è con Berlusconi da sempre. In un altro partito, certo, ma sostenerne i progetti come alleato ha lo stesso effetto finale. Berlusconi è quel che è. Fini lo conosceva da prima che i due partiti si fondessero. Non può semplicemente svegliarsi adesso. Lo stesso dicasi per Filippo Facci, questi commenti sulla struttura del partito di Berlusconi, quale che fosse il nome, li facevo IO, che sono politica-impaired, al primo anno di università, quando Berlusconi aveva già governato per un po'. E questi professionisti della politica si sono svegliati adesso? Non me la bevo. Per questo Cruciani ha un punto a suo favore per sostenere l'idea del maneggio interno a scopo poltronistico.

Chiusura: durante la canzone di Gaber ho avuto la seguente associazione di idee:
"La libertà (...) non è neanche il volo di un moscone" -> Il Volo del Calabrone -> la sigla della Zanzara.
Lo so, sono malato.

Viola ha detto...

ciao ragazzi, tornata ai nostri lidi dopo un'assenza forzata causa nube islandese volevo ringraziarvi per avermi tenuto compagnia con i vostri post arguti e divertenti

besos

Clem ha detto...

Yeeee, è tornata Kate Winslet sull'avatar! :P

Francesca ha detto...

Naturalmente sempre sul tema della rottura interna al PDL, stasera tutta la puntata di TETRIS.
Bocchino c'è!
e pare...... che nella giuria di qualità, insieme ai soliti noti (Sposini, Parenzo, Damilano) ci sia pure il nostro conduttore preferito! o_O

massimo.zanardi ha detto...

Fini sapeva perfettamente quello che faceva quando, contrarissimo, è stato costretto ad entrare nella PdL a causa dello strappo "del predellino" di Berlusconi e della conseguente "convergenza breve" tra Silvio e Walter per una legge elettorale fortemente maggioritaria che penalizzasse i minoritari ed eliminasse i residuali. Con la pistola puntata e sapendo di non avere alternative (a differenza di Casini e della Lega), è entrato, ma dal giorno dopo ha lavorato al mantenimento di un proprio gruppo di parlamentari, formalmente con prese di distanza ideologiche, sostanzialmente attraverso la pretesa di proprie quote a qualsiasi livello. Il gioco a lungo termine di Berlusconi era quello di assorbire l'ala finiana, quello a lungo termine di Fini quello di consolidarla, consapevole che sarebbe sempre stata minoritaria finchè ci fosse stato Berlusconi, ma che avrebbe potuto diventare egemonica (non necessariamente maggioritaria, ma quanto meno la più compatta, la più organizzata, la più efficace in termini strategici) una volta che Silvio avesse tolto il disturbo and out came the wolves (aka Formigoni, Tremonti, Frattini, Brunetta ecc.).
La fondazione della corrente altro non è che l'ufficializzazione di qualcosa che all'interno della PdL c'è sempre stata in via informale, ma allo stesso tempo è un modo per cristallizzare i rapporti di forza, delimitando le acque territoriali in cui al Cav. non è concesso continuare il proselitismo. Allo stesso tempo è un modo per contarsi, per capire se la strategia condotta sinora sia stata o meno efficace, e con quale impulso e direzione debba essere rilanciata in vista del 2013. In fondo se anche oggi gli elettori di cdx si sono rotti di Fini, 3 anni sono più che sufficienti per riabilitarsi... nè è scontato che Gianfranco voglia candidarsi in prima persona... anzi, delle due lo vedo più interessato al Colle... In definitiva, l'esito di tutto sto balletto, mi pareva scontato sin dall'inizio...

massimo.zanardi ha detto...

ps. interessante, come sempre, il Giannino odierno con ospite Buttafuoco e tema le radici culturali della guerra civile nella PdL...

bart27 ha detto...

chiedo scusa per l'OT


vi chiedo di dare un'occhiata a questa petizione, su

petizionionline

e su
facebook

è contro l'ennesima porcata di questo governo


bart

pinaz ha detto...

@ Francesca:

ma Blockbuster non è di berlusconi???

Ornette ha detto...

@Francesca: quando ieri ho sentito la tua idiosincrasia per tutto ciò che è di Berlusconi, mi hai ricordato l'amico di Nanni Moretti nel film "Caro Diario", quello che non guardava mai la televisione..:)))
http://www.youtube.com/watch?v=4mCNJ857UlM&feature=related

massimo.zanardi ha detto...

@pinaz
tutto è di berlusconi, quindi boicottarlo non ha alcun senso, a meno che non vogliate rinchiudervi in una cella dell'eremo di camaldoli, magari per scoprire sul letto di morte che la prefazione all'Utopia di Thomas Moore, sulla quale avevate deciso di meditare da qui alla fine dei vostri giorni, l'ha scritta lui...

Viola ha detto...

@Fra

Sei diventata la star della Zanzara!! :-))
Grazie per l'input su Tetris

Francesca ha detto...

@ pinaz + zanardi

Il rischio è il mio mestiere!
Per fortuna non ho mai noleggiato un DVD in vita mia, nè da BB né altrove.
Del resto mica solo evitando Mondadori si è sicuri, tutta una fila di piccole o medie case editrici sono nella sfera di influenza della Casa!

Stasera non ho sentito nulla della trasmissione e adesso mi fiondo su Telese!

ciao!

Francesca ha detto...

@ zanardi

meglio l'utopia secondo Karl Marx piuttosto che Tommaso Moro.

comunque grazie di avermi ricordato quel meraviglioso paradiso di pace che è l'Eremo di Camaldoli! Che frequento da atea senza timore e senza imbarazzo.
Ma come facevi a sapere che il Casentino e il luogo al mondo che preferisco per trascorrere qualche settimana ogni anno?!

francesco.caroselli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
francesco.caroselli ha detto...

Francesca
Un ascoltatore ti ha attaccato pesantemente.
Ti ha dato dell'ubriaca, e Cruciani ti ha difeso!
stilobita! brighella, pantalone ti ha detto di tutto.
Ha detto che fai l'eremita!
ma se hai citato l'articolo di merlo! tutto mi sembri tranne che isolata!

Cruciani quando si riferiva ad altri antiberlusconiani (antelitterram) parlava di un "movimento" che si chiamava "boicotta il biscione".
E' una cosa diversa da quella che hai capito tu



Poi stasera ho visto tetris...proprio perchè c'era il nostro amato-odiato.
Che impressione! Sembra un eroinomane! Certo con dei capelli troppo perfettamente spettinati ma sempre un "tossico".
Cruciani mi scuso per l'offesa, ma l'impressione è quella.
Mangia un pochino un piu.
Cruciani la vuoi una bella sazizza calbrese? Cosi ti metti un po in carne!
sto scherzando!!!

francesco.caroselli ha detto...

su
ODE AL FRAZIONISMO

Sono sostanzialmente d'accordo con Paolo, ma aggiungo qualche considerazioni.
L'unico paese di cui un Poco (ma veramente poco) conosco il sistema politico è l'America. Il paese che un po in tutto il mondo è considerato un faro di democrazia. Ovviamente ha i suoi difetti, ma bisogna partire da qualche parte perchè noi stiamo per lasciare la repubblica parlamentare per quella presidenziale, quindi ancor di piu le similutudini con questo paese potrebbero aumentare.

In America i due partiti principali hanno una classe dirigente molto fluida, piena di correnti o aree di influenza.
Credo infatti che se c'è una restrizione delle possibilità di scelta (Partito A o partito B) contestualmente la possibilità di confrontarsi dentro il partito deve aumentare.
E' una compensazione, altrimenti su ogni argomento ci potrebbero essere solo due opinioni. E' un mondo di on/off.
Authan diverse volte ha sottolineato che la democrazia non è un sistema binario.
Per fare un esempio nei repubblicani ci sono quelli della destra evengielica o teo-con (Bush), ma c'è quella dirigista (Mitt romney), c'è la destra del Tea-party (Sarh Palin - che schifo lo penso anch'io))etc..
nel partito democratico ci sono i liberal piu di sinistra ma anche quelli alla Bloomberg che sono molto trasversali.
Insomma non c'è Mastella con lo 0,4% di Ceppaloni che fa cadere un governo, ma le lotte all'interno dei due partiti ci sono. Cosi i partiti sono un bel po "frizzanti".
Un'idea politica può vincere sull'altra.
Si fanno le primarie!

Qualcuno si rende conto che B ha trasformato il Forza Italia nel PDL?
Un partito nato dal notaio!
B. domani lo può sciogliere e buttare tutto gambe all'aria perchè il partito è il suo!
Zero democrazia.

Si dirà che ha sbagliato Fini a confluire nel PDL...
ma non mi pare che abbia deciso lui...
praticamente tutti i suoi colonelli quando hanno visto la possibilità di fare i "secondi in grado" a B piuttosto che a Fini non hanno avuti dubbi.
Meglio "servire" (senza offesa) il piu forte.
Fini ad un certo punto si è ritrovato con la dirigenza che saliva sul predellino senza se e senza ma.
A gasparri e La Russa può anche andare bene cosi, ma per il paese avere il partito "repubblicano" (usiamo il termine usa) che è di PROPRIETA dell'uomo piu influente e ricco d'Italia non è certo una gran cosa?


Cruciani (e anche tutti gli altri ovviamente) le faccio una domanda?
Supponiamo che B viva in eterno, c'è la possibilità anche remota che qualcuno lo scalzi dal ruolo di Premier?
NO, ne ora ne mai, se le condizioni rimangono queste.


Good night and good luck

Francesca ha detto...

@ Caroselli

ho paura che LUI vivrà davvero in eterno.... o quasi!
Ed è probabile che, io sicuramente, ma magari anche tu che hai 20 anni meno di me, lascerai questa terra con un BERLU al potere perchè sarà una vera dinasty italiana.
In effetti secondo me, dopo la nascita del figlio atteso fra pochi mesi, Piersilvio comincerà ad allenarsi e a studiare da premier.... già per presentarsi a candidato del centrodestra come asso pigliatutto nel 2013.
Papy salirà al Quirinale, naturalmente e ci resterà fino a 120 anni.
Allora (nel 2013) Piersilvio avrà circa 45 anni, sarà il primo ministro piu' giovane di sempre, e potrà andare avanti a governare con il centro-dx riconfermato 7 volte ogni 5 anni fino a 80 anni (per poi diventare capo dello stato) e al compimento (almeno) dei 45 anni del nascituro Silvio Berlusconi jr che diventerà premier intorno al 2050!

Francesca ha detto...

@ CAROSELLI

rileggendo il tuo post sopra...
l'unica magra consolazione è che SB, per quanto Paperon de' Paperoni, NON è l'uomo piu' ricco, almeno a quanto risulta, perchè come sai è il papà della Nutella!

Pale ha detto...

@ Francesca

Che pessimismo... I Berlusconi al potere come in una dinastia... maddai, ne stai facendo una tragedia: guarda un po' di Canale 5 e Italia 1 e vedrai che ti tornerà il buonumore e quel bel torpore da rincoglionimento che è tanto caro alla maggioranza degli Italiani! ;)

Pale

bart27 ha detto...

bentornata Viola,

ma quando ci fai vedere anche l'altro occhio? Immagino sia bello come il destro!

Michele Reccanello ha detto...

@francesca

se la cosa ti può interessare, stamani tornando a casa, ascoltando lettere a radio 24, c'era una lettera di critica, di una signora che sostiene di non essere berlusconiana, dedicata al tuo intervento di martedì sera a "la zanzara".

Max ha detto...

francesca, grande coraggio, però far trasudare quella "superiorità del pensiero di sinistra", così demodè e tanto mazzuolata a ogni elezione.. Eppoi le "bellissime trasmissioni di raitre",che fa tanto anni '90, e "io rinuncio ad amicizie decennali", e "impongo le scelte anche ai miei figli"... 15 anni fa D'Alema l'avrebbe adorata, ma adesso... adesso sa tutto così di vecchio, e mette tanta voglia di Veline :-) cambi strategia, non si faccia mangiare così facilmente da Beppe!!!

Francesca ha detto...

@ Max

forse sei nuovo di qui e non sai che in linea con il mio furore di anti-B ho persino cambiato squadra di calcio, tanti anni fa, da milanista che ero, rimanendo orfana per un po' di anni e poi diventando tifosa granatissima!

Questo mi sembra un sacrificio molto originale, se tutto il resto è cosi stantìo e demodé....

Francesca ha detto...

@ Authan

scusa caro, tu che hai delle entrature....ehm... con Useppe... gli potresti ricordare che sono in attesa che mi faccia sapere come avere il numero di Mario da Como, l'ascoltatore che ha la casa con il famoso cartello....cosi come gli ho chiesto da qui martedi sera??
Siccome siam vicini lo andrei a trovare per un bel gemellaggio!

tks
:-D

Francesca ha detto...

Mario da Como è quello che del mio intervento si è sperticato in lodi-lodi-lodi mentre Cruciani sobbolliva, specialmente quando il comasco ha terminato dicendo "piu' francesche e meno escorts"!!
:-P

Michele Reccanello ha detto...

Quella "superiorità del pensiero di sinistra", così demodè e tanto mazzuolata a ogni elezione...

ai ragione è così...
anche perchè c'è chi crede agli
slogan logori e ormai fuori moda del premier. Visto e considerato che B ama demonizzare i suoi avversi a riprova di questo sono i 5 anni del csx con Prodi I e D'Alema e i 2 anni del Prodi II non sono stati nè peggio nè meglio degli anni di governo del cdx, con la differenza che non sono state proposte leggi ad personam che non riguardano il paese ma solo i problemi di una persona.

Se chi vota dovesse guardare alla sostanza delle cose, alla fine noterebbe che i "comunisti", come ama B schernire il csx, non hanno mangiato bambini in quegli anni!

E' anche così
soprattutto perchè non vi sono leader presentabili, e chi vota si fa affascinare - stupidamente - da un uomo che in definitiva è solo un bravo venditore, ma alla resa dei conti in 16 anni ha governato 9 anni, con larga maggioranza e che non ha combinato niente di importante per il paese. Mi domando e ti domando ma l'Italia secondo te è migliorata?
Secondo me no.

Voler nascondere l'anti-berlusconismo - magari si può sostenere che Francesca è un pò estrema ma proprio perche non fa politica ne ha tutto il diritto - è come nascondere la testa sotto la sabbia, perchè per come la vedo io, e credo per molti di quelli che qui scrivono.
Nascondere l'anti-berlusconismo vuol dire quindi guardare da un'altra parte, e non affrontare i problemi di tutti, lavoro, scuola, tasse, riforme. La classe politica lavora solo per lui (vedi anche l'ultima legge quella sulle intercettazioni) e questo non può passare inosservato.
E pazienza se chi vota per lui queste cose non le vede o non le vuol vedere.

giuseppe ha detto...

Devo imparare da Facci, sono come Francesca da Varese perchè voglio un assassino in galera e il resto nemmeno commento...Cerchi, Authan, di alzare il livello leggermente al di sopra del sottoscritto. E non è difficile.
GC

Francesca ha detto...

@ Max delle 14.06 di ieri

dedicato a te e a tutti quelli che, come Tremonti al comizio leghista di Torino, si vantano di non leggere libri .....


MASSIMO GRAMELLINI

23/4/2010

Ma che storia

Dopo le dimissioni di Ciampi, motivate da diplomatiche ragioni di stanchezza, anche Zagrebelsky, Gregoretti e Dacia Maraini meditano di lasciare il comitato dei garanti per le celebrazioni dell'Unità d'Italia, liberando quell'impotente consesso dal peso ingombrante della cultura. Perché a questo dovevano servire i festeggiamenti: a restituire agli italiani un minimo di conoscenza della propria storia. Ci si può dividere fra sabaudi e borbonici, unitari e federalisti, partigiani e repubblichini. Ma solo dopo aver saputo chi diavolo fossero tutti costoro. E cosa potrà mai saperne chi, come Bossi jr, afferma che «il tricolore identifica un sentimento di 50 anni fa», cioè gli Anni Sessanta, periodo di contestazioni studentesche nel quale il tricolore era semmai disprezzato come feticcio borghese? O quel sindaco veneto che per la festa della liberazione dal nazifascismo (1945) vorrebbe sostituire «Bella ciao» con le canzoni del Piave che gli alpini cantavano durante la prima guerra mondiale (1915-18)?

L'ignoranza è la dannazione d'Italia dal giorno della sua nascita. La novità è che adesso la si esibisce con orgoglio, recitando quattro frasi lette su un opuscolo. Come la storia di ogni altra nazione, la nostra ha ospitato orrori ed eroi, la deportazione dei briganti meridionali nelle fortezze alpine, ma anche il sacrificio di tanti giovani morti con l'Italia sulle labbra. Meriterebbero di essere ricordati con più rispetto: per la lingua e la memoria di un Paese che non farà mai i conti col suo passato fino a quando continuerà a oscillare fra il revisionismo e la retorica.


saluti
Francesca, ....troppo snob e radica-chic?

Clem ha detto...

Francesca: l'ultima volta che ho controllato ti citavano anche nel famoso post della Wu Ming Foundtn. Hai sollevato un polverone.

Francesca ha detto...

Ho steso ora il tricolore al mio balcone, dopo aver sentito il pezzo di Gramellini da Fazio
tra i partigiani che restituirono agli italiani una Patria libera, insieme agli americani, c'erano molte anime unite da uno stesso intento ....cattolici, liberali, monarchici, comunisti che mangiavano i bambini e comunisti vegetariani!

Francesca ha detto...

@ Clem

Also sprach WM1:

Quello che più ci sta sulle balle: la deresponsabilizzazione legata alla trasformazione dell’autore in simbolo. In altre parole: la delega morale. Chi da anni ci chiede a gran voce (a volte ci intima) di abbandonare l’Einaudi per motivi di “coerenza”, e ci chiede di abbandonarla anche se lì riusciamo a lavorare bene e ottenere risultati, lo fa per pulirsi la coscienza con un’azione compiuta da altri, rischiando pochissimo in proprio.

La posizione di WMF è naturalmente rispettabilissima, ma nel caso mio non si tratta solo di criticare gli altri delegando moralmente per pulirsi la coscienza, io boicotto davvero e in prima persona!

E questo è per me un discorso piu' ampio rispetto alla vicenda di Saviano, che è libero di fare come crede, anche di rilasciare interviste a Panorama o sperticarsi in lodi sul Ministro Maroni.

A proposito!
Stasera su CANALE5 una fiction che parla di mafia.
I pero' resto con la Gaba su Raitre a sentir parlare di pensioni.
Se proprio non ce la faccio... vado a ridere un po' con Crozza su La7!

ciao
F.

ps: Bruno Vespa ha dichiarato che, sebbene invitati piu' volte a Porta-a-Porta-in-faccia, nè Scalfari nè Ezio Mauro lo vanno a trovare. Che ingrati, gli si fa un simile onore e questi si permettono di rifiutare...ma come mai???????
Che anche loro non vogliano farsi contaminare?

Francesca ha detto...

:-/

Fassino ando' dalla De Filippi...

mi è giunta notizia che domenica c'era Gianluca Nicoletti ospite in trasmissione dall'insuperabile regina del trash merdaset a confrontarsi con poppute veline e il re dei maleducati.....

Ma come si fa...?!

PaoloVE ha detto...

... l'idea di trastullarmi tra "poppute veline" non mi pare poi così malvagia ;-P

saluti

paolo

Francesca ha detto...

@ PaoloVE

ah si?
Pensa invece che, dall'alto della mia dignitosa terza misura, tutta naturale e non di gomma, immaginavo che ti piacessero le donne acciughe, .... piatte come una tavola da surf, come la Gaba in tuta di latex tanto per fare un esempio....

o_O