venerdì 9 aprile 2010

Non è la stessa cosa

Dopo aver cordialmente battibeccato con Filippo Facci, avrei voluto (sull'onda della Zanzara di ieri) scrivere un pezzo su Calciopoli, ma... non ci riesco. Non mi sento in grado. Nel senso che, sulla base delle mie simpatie calcistiche, non giudico sufficientemente alto il mio livello di obiettività. Per questo ho apprezzato che il nostro amico francesco.caroselli dalla profonda Calabbbria mi abbia proposto un pezzo (anche se ho dovuto lavorare un po' – un bel po' - di taglia e cuci e aggiungi e collega e smussa per renderlo pubblicabile secondo i miei insindacabili e presuntuosissimi standard), scaricandomi di questa responsabilità.

Prima di cedere la parola, però, ci tengo a far sapere che io sul tema la penso esattamente come l'opinionista del Corriere della Sera e di Sky Sport Mario Sconcerti, di cui linko un suo recentissimo articolo. Le sue parole (messe una in fila all'altra molto meglio di come saprei fare io) sono le mie. Ciao, Authan

-------------------------------------------------------------------------------------

[L'articolo di oggi è di francesco.caroselli]

Si può affermare che le intercettazioni di Moratti uscite in questi giorni siano “addirittura più gravi di quelle ormai celeberrime di Moggi”? come ha osservato ieri Giuseppe Cruciani alla Zanzara? Le nuove intercettazioni Moratti sono la prova dei "cosi facevan tutti", o del "tutti colpevoli, nessun colpevole"? Calciopoli fu (ancora Cruciani) “una bufala”? Parliamone.

Dall'inchiesta Calciopoli, quella del 2006, cosa sappiamo di Luciano Moggi? Innanzi tutto, Moggi decideva i sorteggi (un ossimoro in piena regola) degli arbitri al telefono con il designatore Paolo Bergamo. Già questo di per sé sarebbe abbastanza, ma la quantità di altre schifezze che ha commesso quell'uomo è talmente grande che c'è solo l'imbarazzo della scelta, se si vuole provare ad elencarle. Ve ne citerò qualcuna.

Moggi chiuse l'arbitro Paparesta nello spogliatoio dopo la partita Reggina-Juve (2-1). Si portò via la chiave. Ovviamente Paparesta rimase in silenzio. Aveva paura. Perché chi non garbava a Moggi poteva dire addio alla carriera. Due giorni dopo Paparesta chiama Moggi, come per chiedere pietà o perdono, e Moggi lo strapazza come se l'arbitro fosse un suo sottoposto.

Moggi forniva agli arbitri, e non solo, del suo sistema delle schede SIM svizzere, per non essere intercettato. E' provato che tali schede furono usate e che Moggi persino le ricaricava. Proprio come fanno le associazioni per delinquere, come gli ricorda nell'interrogatorio il PM. E non c'erano solo gli arbitri e i designatori che avevano schede svizzere fornite da Moggi. Ce l'avevano anche dirigenti della FIGC, giudici sportivi, etc.

Cosa diceva Moggi agli arbitri? Di tutto, comprese intimazioni di ammonire i giocatori diffidati delle squadre che poi avrebbero incontrato la Juve.

Non c'era ambito sportivo nel quale Moggi non facesse pressioni o comunque manovrasse nell'ombra. Moggi chiamava Cannavaro (quando questi era un giocatore dell'Inter) per dirgli di giocare male cosi Moratti l'avrebbe venduto. Gli consiglia persino come muoversi e cosa dire ai dirigenti dell’Inter per svincolarsi. Veramente sportivo.

Moggi influiva pure sul calciomercato. Ovviamente come dirigente juventino, ma anche come amorevole padre che voleva solo il bene di suo figlio, procuratore della scuderia GEA. Chi si rifiutava di passare nella GEA veniva minacciato e ostacolato nella carriera (vedere i casi di Miccoli e Maresca). Per queste intimidazioni Moggi e il figlio sono stati condannati.

Con tutto il potere di influenza che aveva sugli organi di governo del calcio, se in Italia un giocatore era richiesto dalla Juventus le altre squadre dovevano mettersi il cuore in pace perché infastidire Lucky Luciano è cosa pericolosa. Come scoprì la Fiorentina, la quale, rea di volersi ribellare al sistema di potere, fu vittima di incredibile e osceni arbitraggi che la sospinsero sull'orlo della serie B. Quando alla fine i fratelli Della Valle si piegarono al volere del Deus Ex Manchina del calcio italiano, la Fiorentina si salvò per il rotto della cuffia e in maniera rocambolesca. Ora sappiamo che non furono casualità.

Per la missione di salvataggio della Fiorentina la cupola Moggi si affidò al fidato arbitro De Santis che deve garantire che il Parma non vinca a Lecce. Finirà con un incredibile 3-3. Innocenzo Mazzini (uno dei dirigenti FIGC che della cupola faceva parte) commentò così, parlando con il patron viola Della Valle: "l'operazione chirurgica è stata perfetta".

E mi fermo qua per carità di patria. Ora, in tutta onestà, con la mano sul cuore, come si può affermare che le telefonate di Moratti e di Facchetti rese note in questi giorni, pur sconvenienti, abbiano qualcosa in comune con il sistema Moggi? Per favore, cerchiamo di non infilare tutto nel medesimo tritacarne e di percepire i livelli smisuratamente diversi di gravità tra le diverse situazioni.

Solo Dio poi, insieme a Piero Ostellino (ospite ieri in trasmissione), può sapere che ci azzecca l'eredità Agnelli con Calciopoli. [Da qui inserto di Authan. Scusate, non resisto] Non c'entra nulla. Gli avvocati della Juve patteggiarono la retrocessione perché la proprietà, nella persona di quel bravo ragazzo di John Elkann, si vergognava, se non altro per questioni di immagine, di quel che Moggi aveva messo in piedi, e temeva che la punizione potesse essere ben peggiore di un anno di purgatorio in B, cosa che - quella sì - avrebbe rappresentato un disastro economico irrecuperabile. [Fine inserto]

Ora mi lascio andare ad una provocazione, che però in molti pensano. Le intercettazioni sono cominciate nel 2004. E prima? Vogliamo sorvolare su tutto quello che è successo prima, alla luce di tutto quello che Calciopoli ha svelato? Dal 1994 (primo anno di Moggi in bianconero) al 2006 (anno dello scandalo) la Juventus ha vinto 7 campionati su 12 che potevano diventare 8 su 12 se uno non fosse sfuggito nell'acquazzone di Perugia. Numeri invidiabili, impressionanti, ma che col senno di poi portano ad insinuare il germe del dubbio anche nelle menti meno smaliziate.

-----------------------------------------------------

(Sempre francesco) Ed ora ecco i contributi multimediali che ho scelto. Ben due. Il primo è un Elio d'annata, tratto dalla puntata finale di "Mai dire gol" del maggio 1998. Ben 8 anni prima di calciopoli. E' da notare che molti degli arbitri che sbagliarono in quell'infausto campionato erano ancora sulla breccia nel 2006, e facevano parte degli arbitri nelle disponibilità della cupola Moggi.






Il secondo contributo video, sempre datato 1998, è un magistrale Claudio Bisio nella sua riuscitissima parodia di Luciano Moggi, il quale nell'ambiente era chiamato semplicemente Licio, e da qui Bisio ha tirato fuori Micio.






42 commenti:

Michele Reccanello ha detto...

Questa volta invece ho voglia di tirarvi le orecchie, perchè ritengo che sia Francesco l'autore del post, Che Authan il titolare di questo blog, secondo me sono delle persone intelligenti, di cui condivido l'85% delle loro opinioni, ma credo che questo post sia la classica buccia di banana su si scivola.

E' lecita naturalmente una scivolata però visto che gli argomenti trattati di solito sono politica, economia, anche attualità, quando si parla di calcio mi viene una rabbia tremenda a pensare al quel mondo dorato e i grossi problemi che magari si hanno quando si mandano dei bimbi a scuola e c'è chi non riesce a pagare il servizio mensa, tanto per dirne una.

E'normale un paese dove si perdono tanti posti di lavoro, dove gli imprenditori emigrano in paesi esteri e chiudono fabbriche mentre c'è gente che si scanna allo stadio? E' normale un paese che ha gravi problemi in tutti i suoi settori, scuola, sanità, pubblica sicurezza, servizi al cittadino scadenti, e poi troviamo dei tifosi(?) che l'unica cosa che sanno fare è protestare e scioperare per una cazzo di squadra che va in serie B?

Da parte mia so solo che qulla parte di intercettazioni che sono venute fuori sul sistema calcio sono esemplari nel mostrare il degrado in cui questo paese è precipitato.

Io ero un appassionato del calcio, ma visto come sport, e non come un business, tra l'altro fallito (a proposito ma chi ha un debito - enorme - può dilazionarlo come hanno fatto per tante squadre?),
Baggio, Zico, erano i miei miti ma ora di sport nel calcio non c'è più niente.

Ciao e scusate per lo sfogo

P.S. se qualcuno a acquistato il "mattinale" in fondo a pag. 4 troverà un articolo interessante dal titolo Quando Belpietro difendeva i rimborsi postali

Michele Reccanello ha detto...

scusate gli orrori (più del solito) ma l'ho scritto di fretta e devo scappare. Spero che sia comprensibile.

F®Ømß°£ ha detto...

Buongiorno,

non sarò obiettivo, ma un torinista che delega a un interista un articolo su calciopoli mi sa tanto di anti-juventinismo :-D

Detesto la logica tutti colpevoli, nessun colpevole. Ma approvo quella per cui tutti colpevoli, tutti colpevoli. Ognuno secondo le sue responsabilità.

Mi fermo qui, perché non sono certo obiettivo, e soprattutto non mi sono informato a fondo.

Su questo argomento si fa presto a parlare per sentito dire, del resto il bar sport è così.

Preciso solo che le decisioni prese dai tribunali vanno rispettate, dal momento che chi di dovere avrà valutato le prove a carico.

Saluti

Tommaso bianconero

Clem ha detto...

Ahum.
Deduco che in trasmissione non hanno parlato, tipo, della legge sul legittimo impedimento o quisquilie analoghe?

PaoloVE ha detto...

Buongiorno.

Mi associo al clima leggero e lascio l'incipit che avevo già scritto anche se Tommaso me l'ha in parte bruciato.

Un torinista che dà la parola ad un interista sulla retrocessione in B della Juve. Chiamiamo anche il romanista ed il milanista ed abbiamo fatto poker...

Così, tanto per screditare gli scriventi :-)

Non voglio difendere Moggi, nè la Juve che si affidò ad un simile personaggio.

Ma la Juve ha pagato per quello che ha fatto:

Ha dovuto svendere una rosa di giocatori eccezionale (vi ricordate chi vinse il mondiale 2006?), è stata retrocessa in B, è stata ulteriormente penalizzata nel punteggio, esclusa dalla Champion e privata di due scudetti.
Ha perso la sponsorizzazione più remunerativa che ci fosse, ha avuto disastrati bilanci e struttura aziendale, che erano la sua vera forza. Impiegherà anni a rientrare nel giro delle grandi, sempre che ci riesca o voglia farlo.

Così è stato, Amen.

Ma è un fatto che adesso, appoggiandosi ai tentativi autoassolutori di Moggi, la Juve può togliersi lo sfizio di dire che forse una parte di quello che le è stato imputato lo facevano anche altri, e che quindi nel caso è giusto paghino IN PROPORZIONE.

Perchè alcune intercettazioni dicono che anche altri parlavano con gli arbitri, provavano a concordare ed organizzare le terne, come era in realtà risaputo, proprio
come aveva già testimoniato lo stesso Bergamo (e non solo lui) sentendosi rispondere che il resto dei suoi colloqui non era oggetto dell'indagine.

Per puro amor di polemica aggiungo che, per di più, altri magari alteravano anche i certificati di nascita dei giocatori stranieri, i bilanci, ... cose per le quali non si ritenne di provvedere con gran severità, malgrado anche queste siano state violazioni allo spirito sportivo ed alterazioni al campionato:-).

In sintesi, abbiamo chiarito e sanzionato quanto ha fatto la Juve, intercettando le initercettabili SIM svizzere di Moggi (!!!, qualcuno si informi su come funzionano le intercettazioni prima di scrivere certe assurdità), ma non abbiamo ancora chiarito nè sanzionato quanto emergerebbe da intercettazioni su altre SIM (queste italianissime ed intercettabilissime, anzi intercettate ma già precedentemente smentite nei contenuti, insomma, che casino!).
E queste SIM raccontano altre storie ed un scenario diverso da quello dell'unico grande colpevole che si aggira tra le ingenue verginelle.

Perciò mi sta bene sia stato colpito un cattivo, ma se ce n'erano altri mi piacerebbe venissero colpiti anche loro, ed addirittura mi piacerebbe si distinguesse tra verginelle ed escort....

Saluti

Paolo bianconero (tra un po' passo a tifare Udinese)

Authan ha detto...

Che si chieda di far pagare pegno, "in proporzione", anche agli altri eventuali peccatori mi sta benissimo. Che si chieda di riabilitare il diavolo in persona no. No, no, no, assolutamente NO. Alla fine, per me, il discorso è tutto lì.

francesco.caroselli ha detto...

Michele e Clem
Vi capisco benissimo
Anch'io penso che ci siano gravissimi problemi in Italia.
Legittimo impedimento, la crisi economica che sembra non finire mai...e per quanto mi riguarda stanno uscendo tante di quelle novità sulla strage di Via d'Amelio che si potrebbe scrivere ogni giorno un post.

Ma che ci volete fare?
Cruciani è allergico a tutti questi argomenti...si secca, ogni qual volta si rimarca la palese incostituzionalità del legittimo impedimento al nostro conduttore gli viene sui genitali.

cmq trovo l'argomento di oggi molto interessante.
Si potrebbe definire una specie di esperimento.
Se si riesce a far passare questa schifezza per ciò a cui gli italiani tengono di piu, il calcio, allora può essere accettata qualunque menzogna.

Le intercettazioni di moratti appena diffuse si riferiscono agli anni 2004 2005. E' bene sapere che sebbene ancora non fosse scoppiato nessuno scandalo Moratti sa già tutto del sistema Moggi
Non perché Tronchetti-Provera ha la Telecom (l’esistenza stessa delle ultime intercettazione dovrebbe finalmente mettere a tacere chi continua ripetere “moratti-tronchetti-telecom-intercettazioni-blablabla”. Le intercettazioni le fanno le procure. E basta).
Un giorno del 2002 un arbitro, Nucci per fare nomi e cognomi, va spifferare del sistema-Moggi proprio all’Inter e più precisamente a Facchetti. Moratti quindi sa con certezza ormai che quello che TUTTI dicevano nei “bar sport”, che la Juve comandasse gli arbitri, è vero. Prima di calciopoli In pubblico non l’ammise mai, perché non poteva provarlo (a Nucci infatti mancò il coraggio di ripetere le accuse davanti ad un giudice). Il racconto lo trovate qui.
Lo sospettavano tutti. Ma Moratti aveva la certezza.

Come sono state presentate le intercettazioni di Moratti in TV?
Ora vi mostro un esempio di pessimo giornalismo e di uso improprio delle intercettazioni (oserei dire uso fraudolento).
Il video che vi propongo è un servizio del Tg3. Vi trascrivo l'intercettazione nella parte piu sconvolgente.
Moratti:”’sto ragazzo si è comportato benissimo durante la partita…”
Bergamo: “..e anche l’aver parlato non so, con l’allenatore e con Facchetti poi si crea quel clima che poi tutto diventa piu facile, e anche i giocatori.. perché ci hanno creduto fino in fondo, evidentemente ci hanno creduto tutti insieme”.
Roba da brividi sulla schiena. Appena sentita ho provato ODIO puro verso Moratti.
Le due frasi sono state messe una accanto all’altra come se fossero susseguenti. Invece ho scoperto che non è affatto cosi.
Ho trovato la versione integrale di questa intercettazione fra Bergamo e Moratti in questo secondo video.
Ascoltiamo allora.
Moratti non riconosce Bergamo e anzi sembra molto sorpreso dalla chiamata (segno che non era consuetudine). Telefonata piena di complimenti di Moratti che si spertica in lodi per l’arbitro che ha condotto bene la partita, molto importante e nervosa, evitando che si trasformasse in un “pestaggio”; Bergamo ricambia i complimenti e dice che anche Moratti ha fatto il suo parlando con l’allenatore e Facchetti.
Capito? Dal servizio del Tg3 sembrava che Moratti dicesse “l’arbitro si è comportato bene” e che Bergamo aggiungesse che è stato proprio perché l’arbitro ha “parlato non so, con l’allenatore e con Facchetti” che si è creato “quel clima che poi tutto diventa piu facile”.
Invece chi parlò con Facchetti e l’allenatore fu Moratti che li ha invitati a mantenere i nervi saldi e giocare tranquilli.
Stravolgimento della realtà allo stato puro.
Certo che se Cruciani (o chiunque altro) avesse visto o sentito solo la versione del Tg3 non poteva che trarne conclusioni sbagliate.
Spero di non avervi annoiato ulteriormente

PaoloVE ha detto...

@ Authan:

Trovo un eccessivo attribuire a Moggi il titolo di diavolo in persona. Appena un filo, ecco! Persino se scrive su Libero!
Ma di riabilitarlo nonmenepoffregàddemeno...

Un po' diverso potrebbe essere il discorso sulla Juve (e personalmente credo lo sia), ma il giudicato è giudicato.

Comunque credo che il pianeta del calcio italiano adesso tutto voglia tranne che tirare fuori altri panni sporchi, quindi non credo si vorrà fare nulla. E' indicativo che la cosa venga sollevata da chi è stato estromesso dal sistema...

Saluti

Paolo rassegnato(sai per caso a chi regaliamo punti domenica? :-)

francesco.caroselli ha detto...

PaoleVe
La juve aveva undici giocatori undici.
Non uno di piu.

La Juve per piu di un decennio ha avuto un dato statistico sconcertante.
il rapporto falli/ammonizioni piu alto di tutte le squadre.
Qui si parla di numeri, cose statistiche, non episodi singoli.
In parole vuol dire che un calciatore della Juve per ricevere un'ammonizione doveva commetere molti piu falli delle altre.
E non era una squadra poco fallosa, anzi! era sempre fra la prime 3 come numeri di falli e ultima per numeri di ammonizioni.

Queste statistiche uscivano il martedi sul corriere dello sport..e io non me ne capacitavo. bruciavo di rabbia.

Che la Juve avesse un trattamento di troppo favore in Italia ce l'ho ricorda la Champions nella quale aveva sempre parecchi espulsi...forse erano troppo abituati ai guanti bianchi.

Per quanto riguarda le SIM diMoggi...
ce ne sono altre lussemburghesi e belghe che non sono mai state intercettate... chissà chi chiamava con quelle.



Moratti già nel 2006 ammise di aver ricevuto delle telefonate da Bergamo.
Non è telefonare che è vietato.

Vorlander ha detto...

Condivido in pieno le parole di Tommaso.
Nell'elenco delle oscenità perpetrate da Satana scritto da francesco.caroselli, ci sono delle inesattezze belle e buone. Piaccia o non piaccia, agli atti risulta che l'arbitro Paparesta non è mai stato chiuso dentro allo spogliatoio: darà pure fastidio, perché questo è uno dei cavalli di battaglia, ma questo è. E questo è un esempio di come una cosa che viene detta al telefono, debba venire ACCERTATA prima di dire che si sia effettivamente realizzata INCONTROVERTIBILMENTE: così è stato fatto, quindi basta col riportare questa cosa.
Le telefonate con Cannavaro. A Gennaio Pandev è andato all'inter, e l'allenatore del Montenegro ha dichiarato che il calciatore gliel'aveva detto già l'estate scorsa. Come?
C'è una telefonata in cui facchetti parla con De Santis. Un arbitro non poteva parlare con un dirigente di una squarda di calcio. Questo era vietato già allora. I contatti tra i designatori e i dirigenti non erano vietati: la norma che vieta questo è stata introdotta successivamente, e ovviamente non è retroattiva.
Paolo, hai fatto bene a ricordare il discorso sui passaporti. Io riporto volentieri anche quello sul pedinamento a Vieri.

Vorlander bianconero

Francesca ha detto...

Ieri sera Della Valle, a commento della triste vicenda dell'artigiano veneto suicidatosi per non poter pagare i dipendenti, parlava di "reputazione", di "buon nome di famiglia", un valore venuto meno il quale a causa dei debiti, il poveretto non ha retto al disonore autocondannandosi senza appello.
Ho già detto che in questo Paese ormai si giustifica tutto.
Quando vedevo Moggi allegramente in TV sempre dalla Ventura e altrove come un competente ed autorevole opinionista, sin da subito dopo lo scandalo..... beh non capiro' un cacchio.... ma quello è stato riabilitato già parecchio tempo fa.

E comunque.... FORZA TORO SEMPRE!

Pale ha detto...

Scusate l'inglesismo, ma com'è che si dice ad Oxford? Ah, si, ricordo... il calcio è proprio un argomento scacciafighe! :D

Seriously, dobbiamo veramente parlare di queste cose? La dirigenza Juventina era colpevole ed ha pagato. I tifosi devono stare zitti perchè, in fondo, non mettono una lira per la società. E se si parla di pagare il biglietto, beh, anche se vai a vedere il Wrestling sai che è una fuffa. Tutti si erano accorti che gli episodi strani erano tanti, eppure tutti andavano allo stadio lo stesso.

Lo dico in quanto sipatizzante bianconero che ha fatto il suo unico abbonamento l'anno in cui la Juve era in serie B!

Le dirigenze delle altre squadre non erano monaci di clausura, ma dei veri stuoli di PR! Ma far emergere Moggi pulito solo perchè anche gli altri sono inzaccherati, mi sembra una forzatura! Magari si può cogliere queste nuove intercettazioni per mettere dei puntini sulle i. Per esempio quello scudetto dell'onestà dato all'Inter suona stonato adesso (più di prima). Ma d'altra parte chissenefrega.... ci sono problemi molto più gravi!

Pale

PS: ups, Francesca ha appena scritto..... buon segno!

Authan ha detto...

Ci sono problemi più gravi, ma ogni tanto, giusto una volta ogni morte di papa, anche al tenutario, qui, piace andare al bar sport. E poi come ha detto Oliviero Beha (per chi lo ha ascoltato ieri mattina da Alessandro Milan) questa faccenda di Calciopoli è un po' uno spaccato di tutta la societa' italiana. Si ragiona e si vota sulla base del tifo, calcistico e politico. E sulla stessa base si sceglie di vedere o non vedere certe realtà, nel calcio e nella politica.

ste76 ha detto...

@Authan
Si ragiona e si vota sulla base del tifo, calcistico e politico. E sulla stessa base si sceglie di vedere o non vedere certe realtà, nel calcio e nella politica.

Sono d'accordo. Ma a guardare bene,
in realta', io credo, ci sia un altra cosa che si puo leggere da quest'ultima vicenda, molto piu' significativa per quanto riguarda l'Italia e l'italiano: il fatto che tutti si buttino sempre a pesce a dare l'opinione su un argomento insulso (grazie Cruciani!). Il tutto facendo paragoni di tutti i generi, criticando paragoni altrui, rivangando vicende passate, ricordando risultati calcistici.
Alla fine c'e' pure chi ci trova una allegoria dell'Italia moderna (eccoci io e Authan).
Mi stupisco che ancora nessuno a tirato fuori B.

4 italiani in una stanza = 6 opinioni diverse.

Pale ha detto...

@ ste76

Mi sembra ovvio che Moggi sia manovrato da B. in persona per screditare queste intercettazioni e per dare un'altra spallata alla giustizia ordinaria. Ovvio. Lapalissiano!

Pale

PS: si capisce l'ironia??

Viola ha detto...

uff che noia oggi..

l'unica cosa che rilevo è che le intercettazioni hanno peso in questo caso (per il nostro cruciani) in altri contesti, molto meno

ciao ciao

Viola (stufata)

francesco.caroselli ha detto...

a Vorlander
Se Paparesta è stato chiudo o no nello spogliatoio....
paparesta nega e non ci sono prove video di quella scena, quindi prove certe non ce ne sono.
Moggi al telefono dice che è successo, se ne vanta!.
Ma Moggi è stato assolto per sequestro di persona.
Ovvio, chiudere un tizio in uno spogliatoio non può essere ritenuto sequestro di persona...
moggi però si vantava di essersi portato le chiavi in aereoporto...
paparesta non ebbe bisogno delle chiavi per uscire (lo fecero uscire i magazzinieri).
Ma il tono di Paparesta che chiama Moggi per chiedere scusa è tipico di un sottoposto che parla con il suo capo.
Nessun arbitro poteva dirigire in serie A senza il placet di Moggi.
Infatti Moggi aveva amici all'interno di tutti gli organi federali.
Ma non c'è solo l'intercettazione di Moggi...
Fra chi racconta di questo episodio c'è anche Pietro Ingargiola, osservatore dell'Aia, e Tullio Lanese, presidente dello stesso organismo.
Il primo racconta per filo e per segno comeè andata e dice che è stato qualcosa di terribbilemnte umiliante!
http://espresso.repubblica.it/multimedia/323605/17
ascoltate ascoltate spaccato dell'Italia
Con il cavolo che scrisse di quello che sucesse nel referto che presentò!
E non c'è solo questa, ce ne sono molte altre...
questo è una pagina molto completa:
http://www.gazzetta.it/Calcio/Altro_Calcio/Primo_Piano/2006/07_Luglio/07/intercettazionimoggi.shtml


I contatti fra Facchetti e De Santis erano illeciti. Ma mi pare che quel che è stato detto dal lato interista sia piu che altro malcostume e non illeciti sportivi.
E ci aggiungo che l'inter di moratti dopo 10 anni di "inculate" forse era stufa e comincava a tessere rapporti, ma niente di piu.
Oltretutto non ci sono schede straniere mai intercettate in gioco....
moratti aveva anche fatte diverse offerte a moggi per passare allìinter, era l'unico modo per vincere!
ricordatevi che moratti sapeva del sistema moggi!


Cannavaro.
Quel gran bastardo, napolitano giocò appositamente male, per poter essere venduto
(l'inter è uscita dalla champions leage per 2 errori nella stessa partita del fabio...che poi rimase in panchina per il resto della stagione).
Mi pare che questo sia molto diverso dal discorso di Pandev che semplicemente non ha rinnovato il contratto.
qui potete trovare diverse intercettazioni moggiane (guardate gli altri file che sono contenute di fianco, non solo questa)



Sul pedinamento di Vieri.
L'Inter ha sempre tenuto troppo ai suoi giocatori. Li sempre difesi oltre ogni ragionevole limite, vedi Adriano e Recoba. Pedinare un proprio giocatore può essere considerato un reato, ma sicuramente lo sport non c'entra nulla, in che modo avrebbe potuto penalizzare le altre squadre?
Mistero.
Sui passaporti già c'è piu trippa...

Michele Reccanello ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Michele Reccanello ha detto...

Pietoso l'intervento del senatore Gallo alla zanzara, con Cruciani - tanto per cambiare, ma il Gallo secondo me se lo meritava in questo caso - che ammetteva di prenderlo "leggermente" per il c..o come da lui ammesso (non in questi termini) nell'intervento di Umberto da Firenze. Mi domando se i parlamentari si ricordano, che sono pagati con i soldi dei contribuenti, e che sono stati eletti per rappresentare delle persone e non per fare gli zerbini...

A proposito...

Caro Giuseppe ma e' cosi importante avere degli ospiti che finisci per sbeffeggiare e poi tagli le telefonate degli ascoltatori che talvolta hanno da dire cose assai ben più interessanti? Chissà... Spero che a qualche leghista presente al presidenziale desco le portate tricolori siano andate di traverso!

Lasciando perdere la zanzara di stasera, che come quella di ieri sera è stata yawn! Voglio fare un'altra considerazione sul post di Francesco.

Questa Italia del 2010 mi fa venire in mente un parallelo con il film "Il gladiatore" con Commodo, l' imperatore-usurpatore, che parla di amore di padre verso il popolo, qualche senatore che cerca di contrastarlo per ristabilire il decoro delle "tradizioni",
e le persone migliori che finiscono nel colosseo.
Nell'Italia del 2010 il colosseo è stato sostituito dagli stadi, e il popolo ha il suo sollazzo - il classico fumo negli occhi - mentre i maneggioni maneggiano, nel disinteresse dei maneggiati. Allegria!

PS X lunedi caro authan hai già servito il titolo del post: la cena dei cretini.
Sempre che riesci a trovare qualche argomento da estrapolare dalla trasmissione di stasera. Io onestamente non saprei.

Buonanotte.

francesco.caroselli ha detto...

a michele
non ho capito cosa intendi dire nel tuo post.
In generale sono d'accordo che il calcio distoglie l'attenzione da temi ben piu interessanti.
Ma mi sembra anche abbastanza ovvio che ci sia uno sfogo sociale.
Bisogna pure evadere qualche volta dalla realtà. Divertimento.
Bisogna alleggerire il peso del quotidiano.
il calcio come tutti gli sport dovrebbe essere un posto ideale.. invece ormai da tanto non è piu cosi.


L'intervento di Gallo è stato troppo lungo!
Evvabene la poesia, era anche carina. (volendo essere semplicemente una goliardata e un'adulazione, senza volersi fregiare di niente di "alto" -come invece fa Bondi)....
...ma la descrizione della cena con quella maniacale ricerca del dettaglio disvelatore di chissa che realtà.. beh quella non mi è piaciuta.
Insomma che mi importa dei gusti del gelato tricolore che si sorbiscono a Palazzo Grazioli?
E la marca del vino?
cruciani non chiedo giornalismo d'inchiesta.
Lo so che no sei Frost (a proposito avete sentito oggi destini incrociati? procuratevelo in podcast, S-T-R-E-P-I-T-O-S-O ), ma quesa rivendicazione del cazzeggio è assurda.
caro cruciani sei finito in una brutta spirale.
Quelli del Fatto ti hanno accusato di fare solo cazzeggio (un'ovvia esagerazione, oserei dire un'iperbole) e tu che fai non ribbatti alle accuse, dici solo che non c'è niente di male del cazzeggio.
Ok non c'è niente di male nel cazzeggio, ma dopo un po stufa!

Vorlander ha detto...

@francesco.caroselli
"E ci aggiungo che l'inter di moratti dopo 10 anni di "inculate" forse era stufa e comincava a tessere rapporti, ma niente di piu."; "Sul pedinamento di Vieri. L'Inter ha sempre tenuto troppo ai suoi giocatori. Li sempre difesi oltre ogni ragionevole limite, vedi Adriano e Recoba.". Troppo candore.

"Cannavaro. Quel gran bastardo, napolitano". Perché hai precisato che sia napoletano?

francesco.caroselli ha detto...

perchè puntualizzare che è napoletano?
Per nessun motivo.
era un invettiva stupida.
un po esasperazione.
E' brutto essere fottuti per anni in quel modo barbaro.
I miei commenti sono tutti cosi pieni di livore perchè da quando io mi ricordo di essermi interessato al calcio vedevo cose oscene. Ma c'era un silenzio assordante... tranne quando poi le cose diventavano troppo evidenti.
anni e anni di sospetti si sono trasformati in certezze centinaia di episodi si ricompongono in un unico puzzle.
Forse chi è juventino non se li ricorda tutti, ma io si.
Potrei scrivere fino a domani mattina.
ma sono stanco di farmi ribollire il sangue rimurginando su cose passate.

Adriano e Recoba.
Adriano era diventato un alcolizzato. Andava all'allenamento sbronzo e smaltiva la sbornia sul lettino dell'infermeria.
L'Inter ha fatto pedinare Vieri? Ok. Cosa toglie alle altre squadre? Niente.
Non è un comportamento anti-sportivo, è qualcosa al di fuori del calcio.
E' una mancanza di fiducia fra datore di lavoro e dipendente...

Sai cosa è molto antisporivo?
il doping.
Vogliamo parlare del doping della Juve?

francesco.caroselli ha detto...

il messaggio di prima era per vorlander
Cmq confermo quello che ho detto.Credo che Moratti e l'Inter avessero cominciato dopo il 2002, ovvero dopo che Nucci gli confermò che c'era un'influenza diretta di Moggi sul mondo arbitrale -tramite FIGC e anche direttamente con l'AIA-, a intrattenere rapporti illegittimi con designatori e arbitri.
La mia ricostruzione è forse troppo buonista verso l'Inter, ma mettiamola cosi: Moggi era gia ben conosciuto nell'ambiente per i lavoretti sporchi.
ben prima di andare alla juve si è scoperto che procurò delle prostitute agli arbitri internazionali che diresserò una partita del Torino in Coppa uefa.
Un gran bel precedente...
Moratti al contrario era abbastanza nuovo nel mondo del calcio. E' quindi ragionevole pensare che i rapporti (sbagliati, sbaliatissimi) li stesse cominciando a tessere.



Ora lancio un'altra provocazione, che non c'entra con il calcio.
Se domani un prete dovesse essere ucciso brutalmente per la strada.
Un prete pedofilo.
E l'assassino è stato uno delle sue vittime.
Si potrebbe parlare di campagna d'odio contro la chiesa e i prelati?
Non so se avete capito che persino il papa ha coperto diverse volte dei preti pedofili...
ci sono lettere e prove scritte.

Vorlander ha detto...

Come sempre, buoni o cattivi e comunque quello che fa l'altro è sempre mille volte peggio.
Ho scritto di Vieri perché il ragionamento che faccio è: se sono stati in grado di fare quello, ossia un reato, probabilmente sono "capaci" anche di commettere illeciti sportivi, non sono poi tutte 'ste verginelle. Certo, se la convinzione di base è che i dirigenti dell'inter si muovono o per filantropia o per amor, vabbè, cade tutta la mia tesi, non c'è che dire. Anzi, risulta addirittura offensiva, finanche nauseabonda, dato che ho letto l'altro ieri che Cruciani e Mughini ti fanno vomitare per le loro opinioni, non tanto diverse dalle mie.

francesco.caroselli ha detto...

Cruciani e Mughini (non so tu) pensano che quel che ha fatto Moggi è piu omeno quel che ha fatto Moratti.
Piu o meno sono la stessa cosa.
E be questo mi fa abbastanza vomitare.
Perchè è al di fuori della realtà.
Poi possiamo anche discutere dei contatti dei dirigenti dell'iinter con con gli arbitri...
io vorrei solo ricordare quel che è emerso su Moggi.
Siccome sono passati un po di anni non vorrei che la memoria giocasse cattivi scherzi.

A me dispiace soltanto che del sistema Moggi se ne siano accorti solo nel 2006.
pazienza.


Cmq attendo con impiazenza le nuove sconvolgenti rivelazioni di martedi, quando gli avvocati di Moggi porteranno nuove e schiaccianti prove.
vedremo.
finora c'è pochissimo

Vorlander ha detto...

Io per avere cotanta sicumera (la tua) sulle mie opinioni, aspetto le sentenze definitive del processo che si sta celebrando. Credo che l'unico atteggiamento giusto sia quello di parlare a seconda di quello che stabilisce un soggetto che per professione giudica, e non a seconda di quello che scrive la gazzetta dello sport.

Michele Reccanello ha detto...

@Francesco

Il mio commento (Il parallelo sul gladiatore) non aveva nessun intento particolare se non quello di sottolineare che ci trovo delle somiglianze tra la storia del film, e la nostra storia di questi ultimi anni. Lo sfogo sociale è giusto, ma non va bene che la gente si scordi di accendere il cervello, mi riferisco ai tifosi che l'unica cosa a cui riescono a pensare sono i "professionisti miliardari" del pallone, quando spesso quelle stesse persone vivono una situazione di disagio sociale.

Michele Reccanello ha detto...

vi volevo segnalare questo link sulla 8x1000 è girato a Livorno.
Il secondo video, è un Venditti d'annata. Attenzione alle parole della canzone, ogni riferimento a fatti cose e altro non è casuale.

Michele Reccanello ha detto...

Tanto per "allegerire", e visto che c'è l'ostensione sulla sindone una vignetta sul PD

Vorlander ha detto...

@Michele
Bellissimo il primo video! :)

francesco.caroselli ha detto...

a michele
la gente che usa il cervello solo per il calcio continuerà a fare cosi per sempre...
e se il calcio non ci fosse si troverebbe un'altra mania.
Non si possono usare gli ultrà piu estremisti come esempio o metafora della società.
Non rappresentano nient'altro che una minoranza.

Visto che siamo in tema...
ho visto 2-3 partite in Spagna.
Un'altro mondo.
Un'altra idea di società!
Non voglio essere il solito italiana che pensa che negli altri paesi è sempre meglio, ma gli stadi e l'edacazione sportiva li è ad un altro livello.

Francesca ha detto...

Sono molto addolorata per la scomparsa di Edmondo Berselli che se ne è andato a soli 59 anni.
Un giornalista pacato che adoravo per la sua bonomia tipicamente emiliana di modenese DOC.
Ben conosciuto per i suoi libri di analisi politica ma io lo ricordo anche per i deliziosi testi per programmi TV sulla musica e il costume degli anni 60, come uno memorabile su RAIDUE nel 2008.

Bellissimo quello recente con Shel Shapiro tratto dal tour "Sarà una bella società" (libro+CD) di cui Berselli diceva:

"...è una conversazione rivolta al pubblico quasi come una confidenza,
per indurlo a ricordare, a rimettere a fuoco, a rivivere, con le canzoni
eseguite o solo accennate, le parole che suggeriscono l’idea di un mondo,
e con l’effetto della musica eseguita dal vivo, e delle parole cantate
da un protagonista che ricorda, con amore ma senza rimpianti,
il tempo che abbiamo attraversato.È una melodia in minore, senza retorica.
Con un po’ di inevitabile nostalgia, ma anche forte della consapevolezza
di cui disponiamo oggi. Per dire come eravamo, e per vedere come
siamo diventati, sapendo che quei tempi non torneranno, ma li si può
fare rivivere, risentire,in modo che ci appartengano ancora,
e che li sentiamo ancora nostri.

Ciao Edmondo, lasci un grande vuoto e non solo tra le pagine del mio quotidiano preferito.

Vorlander ha detto...

Che notizia di mxxxx, Francesca. Sono senza parole.

samson ha detto...

Lasciavano ben sperare le tue premesse ,per le quali volevi astenerti da qualsiasi commento a causa della tua fede sportiva (presumo inter).fede che avrebbe come tu stesso dici inquinato la necessaria obiettività del commento.
Allo stesso modo anche io (juventino) avrei voluto astenermi ,in quanto parte in causa,ma a questo punto faccio presente che quando sono uscit3e le telefonate di Moratti ,sinceramente mi è sembrato il tentativo disperato di un condannato in extremis............
Ma dopo leggendo i tabulati tra Facchetti e Bergamo o Pairetto non ricordo,bhe! non so proprio cosa dire
il vizio è cosi esplicito cosiimmune da interpretazioni soggettive che la domanda da porsi è la seguente :
E' piu colpevole un assassino che ammazza con 1 coltellata ,oppure un altro che ammazza con 10 ??
Ha detto bene Oliviero Bhea in un intervista di questi giorni:
Facevano tutti le stesse cose solo che Moggi sapeva farle meglio !!

samson ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Francesca ha detto...

MARIO CALABRESI

Edmondo Berselli aveva due grandi doti non comuni: l’ironia e l’originalità. Era una persona che valeva la pena conoscere e avere la fortuna di incontrare, anche solo per pochi minuti in mezzo a una strada. In quattro frasi riusciva a illuminare una giornata e a sintetizzare tutto quello che c’era da ricordare dei giornali di quella mattina. Saltava da un argomento all’altro, mescolando l’alto e il basso con naturalezza, spiazzandoti continuamente con i suoi guizzi; ti parlava di una canzone, poi scartava sulla politica per chiudere con un pettegolezzo fulminante. Sottolineava questa brillantezza e il suo estro con un’impercettibile irrequietezza del corpo e con un continuo muoversi in treno per l’Italia, quasi un modo per dare sfogo a tutta l’energia che attraversava la sua testa.

Aveva un modo di pensare libero, mai stereotipato: aveva le radici in una terra di valori solidi e pensiero unico come l’Emilia, di cui manteneva la cadenza dialettale come vezzo, ma a lui piaceva scartare e dissacrare, rompere il conformismo e salutarti con una battuta feroce che ti rimaneva in testa per tutta la giornata.


Consiglio anche il ricordo a firma di Romano Prodi & Michele Serra (il re degli snob) su REPU.

Francesca ha detto...

OT

una sola parola a commento delle dichiarazioni AVVENTATE dei ministri (si fa per dire) Frattini & La Rissa: VERGOGNATEVI!

PaoloVE ha detto...

@ francesco.caroselli:

la Juventus per quanto riguarda l'uso di doping ha avuto sentenze (e perscrizioni) alterne.

Se non ricordo male è stata assolta in via definitiva dall'accusa di aver praticato il doping e prescritta da quella conseguente di frode sportiva.

Per entrambe i reati vi era stata assoluzione in appello...

Che i toni in materia fossero stati esacerbati mi risultò molto chiaro per una coincidenza: quando venne data notizia della sentenza e vennero fatti sentire i commenti stavo facendo ordine dei farmaci che avevo in casa per la mia famiglia con la radio accesa. Guariniello contestava alla radio la sentenza, segnalando l'incredibilmente alto numero di farmaci presente nell'ambulatorio della Juve (oltre un centinaio), destinato all'utilizzo su alcune decine di atleti.

Numero che scoprii essere meno del doppio di quelli presenti in casa mia ad uso famigliare (due adulti non atleti e due bambini, tutti sani e non ipocondriaci).

Improvvisamente la quantità di farmaci presente nell'ambulatorio della Juventus non mi sembrò più così rilevante come indizio...

Saluti

Paolo

Ornette ha detto...

@ Francesca: e che dire di quelle ancora più vergognose di Gasparri? (che ho postato nel pozzo degli off-topic)?
L'organizzazione di Strada ha curato 2 milioni e mezzo di persone in 10 anni nei posti più difficili del mondo, mentre da noi nella ricca Milano si lascia morire una bambina di 13 mesi perchè rea, oltre che di essere nigeriana, di avere la tessera sanitaria scaduta.. Se questa è l'Italia dell'amore, viene da piangere..
http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/ha-la-tessera-sanitaria-scaduta-e-le-negano-le-cure-muore-cosi-una-bimba-di-13-mesi-322358/

Francesca ha detto...

ciao Ornette

quello che succede ha dell'incredibile!
Accusano EMERGENCY di fare politica e ho paura di quello che potrà succedere ai tre ostaggi e intanto il fuoco amico sui civili afgani non si ferma mai!

Per parte mia, come ogni anno continuo a sostenere EMERGENCY anche e soprattutto con la destinazione del 5x1000 nel 730 appena compilato.

A proposito, Authan, per l'8x1000 mi son fidata del tuo consiglio eh, tutto alla chiesa valdese!

ciao

Squeeze ha detto...

Non so se in questo post commenterà più qualcuno, ma sono state scritte una MAREA di inesattezze. O veri e propri Castroni. Paparesta, tanto per cominciare. Smentita dallo stesso arbitro. I sorteggi truccati? Ma per favore

Comunque rimando a qui. Che sarà juventino, ma è *circostanziato* e smentisce tutte le cose che la gente dice tanto per fare...

http://ju29ro.com/contro-informazione/1910-calciopoli-basta-favole-e-tempo-di-fatti.html

Francesca ha detto...

Questo il sondaggio del CDS:

Credete che, al di là del meritorio intervento umanitario, Emergency abbia assunto un ruolo troppo politico?

No 86.4%
Sì 13.6%

Numero votanti: 11822