giovedì 15 aprile 2010

Cruciani - Telese 0-0

Abbiamo assistito, ieri alla Zanzara, ad un ennesimo match dialettico tra Giuseppe Cruciani e Luca Telese, fortunatamente senza troppi mielosi sbaciucchiamenti, sul tema, stavolta, del servizio mensa scolastica negato, ad Adro e Montecchio Maggiore, ai figli dei cittadini non in regola con il pagamento delle rette. Si sono scontrate due visioni contrapposte, inconciliabili, che mi hanno spinto a fare un po' da giudice di gara.

Chi ha vinto il duello? Secondo me a questo giro nessuno dei due. Ma se di pareggio vogliamo parlare, non può che trattarsi di uno zero a zero. Entrambi i contendenti, infatti, in base alla mia percezione si sono arroccati su posizioni preconcette ed estreme: da un lato per Telese siamo di fronte ad un razzismo strisciante (in molti casi le famiglie coinvolte erano di stranieri), mentre dall'altro, per Cruciani, nell'operato dei sindaci di Adro e di Montecchio non c'è nulla da biasimare, nemmeno una virgola.

Le argomentazioni di Luca Telese, secondo me, perdono consistenza nel momento in cui egli evoca la "grande teoria del complotto". L'idea cioè, che contro i bambini stranieri sia in corso, da parte di un aben definita area politica, una crociata studiata a tavolino al fine di colpire quei soggetti che più degli adulti hanno la possibilità di integrarsi, di diventare "come noi e parte di noi" perdendo quel segno distintivo di diversi, estranei, alieni, senza il quale viene meno la possibilità, da parte di una certa cultura, di identificare il nemico/babau da additare.

Io sono d'accordo con il conduttore di Tetris sul fatto che un partito come quello della Lega, al di là di certe dichiarazioni di facciata di esponenti vari, sia un soggetto politico che, in linea generale, i processi di integrazione li vuole tuttora semplicemente ostacolare, mettendosi di traverso (cosa che elettoralmente paga moltissimo) quando invece tali processi andrebbero governati, gestiti, incanalati nei corretti binari. Però da qui a dire che ci sia una macchinazione volta a colpire in particolar modo i bambini a me sembra un'esagerazione bella e buona, priva di fondamento, un modo sproporzionato di ribattere a questioni che sì esistono, ma non nella misura che Telese dipinge. A spararle così grosse si passa dalla parte del torto.

Dall'altra parte però, anche Giuseppe Cruciani (che ieri per la prima volta in oltre due anni ha omaggiato questo blog di un suo commento, speriamo non sia l'ultimo) ha denotato una chiusura mentale veramente irritante. Il suo ragionamento in sostanza è questo: quelli che criticano i sindaci di Adro e Montecchio sono, in ultima analisi, gli stessi che, in altre circostanze, hanno urlato al rispetto assoluto delle regole, come nel recente caso del caos liste nel Lazio. Quando però (riassumo sempre il Crux pensiero) spunta l'occasione per criticare la Lega, ecco che dalle regole, all'improvviso, si può beatamente derogare, aggrappandosi in modo strumentale all'immagine – a dire di Crux artefatta – dei poveri bambini affamati. Ai sindaci – è la conclusione di Crux – non si può imputare nulla. In questa storia i cattivi sono solo e unicamente i genitori.

L'approccio di Cruciani è per me inammissibile, perché è, a dir poco, tagliato con l'accetta. E' vero che i genitori meritano tutto il biasimo possibile, ma, ciò detto, il conduttore non tiene conto di altri dettagli e sfumature che sono importanti. Come ho spiegato in dettaglio nel mio post di lunedì scorso, c'è modo e modo di far rispettare le regole. Per rientrare del credito, i sindaci potevano seguire una strada diversa, senza innescare un coinvolgimento diretto dei bambini la cui tutela deve stare in cima alla lista delle priorità.

Non è necessario essere pregiudizialmente ostili alla Lega per ritenere che la soluzione scelta dai sindaci di Adro e Montecchio non fosse consona. Basta la logica, il buon senso, e quel sentimento di protezione che tutti bene o male percepiamo naturale verso i bambini, senza che ciò debba preconfigurare una strumentalizzazione degli stessi. Io non accetto che tutta la questione venga ricondotta alle solite diatribe politiche. Non posso parlare per altri, ma per me, lo posso garantire, non è cosi.

E se ancora non sono stato abbastanza convincente, ecco un esempio che vale più di mille parole. Far sì che ad uno scolaro sia negato il servizio mensa perché il genitore è moroso equivale a pretendere che un bambino, in seguito ad un controllo, sia fatto scendere, nel bel mezzo del viaggio, da un autobus sul quale un genitore poco scrupoloso lo aveva fatto salire senza biglietto. E' la stessa identica cosa. Buon appetito a tutti.

-------------------------------------

Contributo musicale dedicato all'anonimo benefattore di Adro che mediante una sostanziosa donazione ha saldato il debito delle famiglie morose.

I don't know who you are but I
I'm with you
I'm with you....



Avril Lavigne, "I'm with you" (2002)




Isn't anyone tryin' to find me?
Won't somebody come take me home?

44 commenti:

PaoloVE ha detto...

Buongiorno.

L'esempio della tua chiusa non è per niente astratto:

http://tinyurl.com/scuolabus

Ci terrei a sottolineare questa parte: "la settimana scorsa un autista si è rifiutato di riaccompagnare a casa due sorelline di una scuola dell’infanzia, che al mattino avevano regolarmente usufruito del servizio": immaginate cosa significhi per due bimbe dell'asilo non riuscire a rientrare a casa.

Non sarà il grande complotto, ma i casi si sprecano...

Saluti

Paolo

Francesca ha detto...

Adesso si sentono in competizione i solerti amministratori locali leghisti (quelli stessi che predicano di realizzare nel contempo anche la migliore integrazione magari) a inventarsi i sistemi piu' crudeli per procedere, per i servizi erogati, al recupero crediti.
Con l'approvazione degli elettori che li han mandati li apposta per farla finita con il buonismo della sinistra magari, che prima governava "in disprezzo delle regole" dove ora ci sono i paladini del rigore ad ogni costo.
Per fortuna nostra e loro non è vero che la nostra sensibilità ha la valenza negativa che non perdono occasione di attribuire proprio a quella parola.
La vicenda di Adro comunque ha tracciato una strada diversa, lo indicano le parole terribili di quella lunga lettera e la gara di solidarietà che si è scatenata dopo il primo consistente versamento.

Che vergona, un Paese che premia gli evasori miliardari ed è inflessibile con i meno fortunati.
Ma la logica è proprio questa: forte con i deboli e debole, anzi debolissimo con i forti.

F®Ømß°£ ha detto...

Buongiorno,

ieri mi sono sorbito sia in diretta che in replica, sfortunata coincidenza, il buon Crux che asseriva che le persone che protestano per i casi di Adro e Montecchio sono le stesse che in altri casi sono inflessibili, ripetendo più volte l'esempio delle liste elettorali.

E chi ha detto che sono le stesse persone? Lo dice Cruciani e quindi è verità per tutta la puntata.

Sul pareggio tra Telese e Crux, sono perfettamente d'accordo con authan. Le posizioni da piagnisteo razzista che ha espresso Telese mi sembrano in questo caso fuori luogo.

Come ha detto Cruciani se uno i soldi non li ha, il regolamento certo non lo obbliga a pagare la mensa.

Lì ci sono dei furbi, e sono loro che andrebbero puniti.

Cruciani ha ragione a dire che la colpa maggiore è dei genitori, ma si sbaglia a mio parere nel non stigmatizzare l'atteggiamento dei sindaci.

Il sindaco, prima di rifarsi sui bambini, dovrebbe annichilire sul piano legale i furbetti evasori fiscali, se questo sono. Ci sono senza dubbio dei metodi per far cacciare il dovuto e le sacrosante multe a chi non paga, pur potendo.

Aggiungo quello che secondo me è il vero nocciolo della questione: perché questi sindaci, guardacaso leghisti, hanno scelto la via di colpire i bambini?

Per protagonismo dico io, per apparire e poter fare la solita faccia feroce che tanto piace ai loro elettori.

Saluti

Tommaso

Francesca ha detto...

TOTO-ZANZARA
siccome penso che il filone preti-pedofilia-vaticano non si sia ancora esaurito, propongo il seguente:

http://www.repubblica.it/esteri/2010/04/15/news/hans_kung-3359034/

la lunga lettera di HANS KÜNG (Kiung x il Crux) ai vescovi sul papato di B16 di cui dice:

Indubbiamente egli non ha mai mancato di adempiere con scrupolo agli impegni quotidiani del papato, e inoltre ci ha fatto dono di tre giovevoli encicliche sulla fede, la speranza e l'amore. Ma a fronte della maggiore sfida del nostro tempo il suo pontificato si dimostra ogni giorno di più come un'ulteriore occasione perduta, per non aver saputo cogliere una serie di opportunità
Quali mancato riavvicinamento alle Chiese evangeliche, mancata continuità di dialogo con gli ebrei e i musulmani, il non essere venuto in aiuto alle popolazioni dell'Africa nella lotta contro la sovrappopolazione e l'AIDS, assecondando la contraccezione e l'uso del preservativo, etc. e per non aver recitato il mea culpa in occasione della settimana santa per il fatto che il sistema mondiale di occultamento degli abusi sessuali del clero rispondesse alle disposizioni della Congregazione romana per la Dottrina della fede, guidata tra il 1981 e il 2005 dall'allora cardinale Ratzinger.

PaoloVE ha detto...

...quello che mi lascia perplesso dell'argomentazione che sarebbero sostanzialmente i figli dei furbetti a finire in questa rete di servizi interrotti è il fatto che, per ragionare con l'accetta, allora basta mandargli a casa l'agenzia recupero crediti "er cravatta" (quelli che te recuperano tutto er credito e li interessi, metodi spicci ed efficaci, non si risponde de la prognosi)e portargli via il Mercedes nuovo(che si vendono bene e tanto di auto blu c'è sempre bisogno).

Prescindendo poi dal fatto che continuo a non capire perchè i figli debbano rispondere così direttamente delle colpe dei padri.

Saluti

Paolo

PaoloVE ha detto...

Propongo un contributo multimediale alternativo (sempre riferito al pagare i debiti):
Paid my dues di Anastasia (ho sempre apprezzato l'incredibile voce di questa cantante: quando l'ho sentita la prima volta me l'ero immaginata come la cantante negra da coro gospel sopra il quintale...)

Saluti

Paolo, the jazz singer

Authan ha detto...

'Azz, paolo, era una bella proposta, ti fosse venuta in mente dieci minuti prima... Era una bella idea! Se ci sara' un altro benefattore, magari sul caso dello scuolabus di Verona, la usero' senz'altro :-)

PS: Però confesso che la voce nasale di Anastacia a me un po' turba...

Neon+Atlas ha detto...

Ehi qualcuno ieri nel post precedente ha detto che Filippo Facci scrive da queste parti sotto pseudonimo. E' vero? Oddio, pure qua... ;)

Authan ha detto...

Neon, credo proprio tu abbia capito male. C'e' stato un solo commento di Facci qualche giorno fa, firmato con nome e cognome.

francesco.caroselli ha detto...

PaoloVe si dice dice nera, o meglio di colore.
negra è proprio una brutta parola.

sulla chiesa e pedofilia
vi riporto l'articolo di Ostellino che Cruciani ha detto di condividere.
Ovviamente io non condivido niente.
Finora non mi è mai successo di essere d'accordo con Ostellino. MAI
http://archivi.myblog.it/tag/ostellino

Pale ha detto...

@ francesco

non cominciamo di nuovo sul nero-negro-di colore-ecc...
Ne abbiamo già parlato mesi fa.

A me la cosa che veramente turba della questione mense/bus è che un sindaco avrebbe molti altri mezzi per risolvere la questione che negare il pranzo/bus ai bambini. Al limite chiamare gli assistenti sociali. Mi sembra che in questo caso il sindaco abbia usato il bazooka contro le mosche per il semplice fatto che non conosce i meccanismi usuali...

Pale

francesco.caroselli ha detto...

assolutamente off-topic
il cartone animato di su Falcone e Borsellino

I bambini non sanno nemmeno che sono e cosa hanno fatto gli ultimi due eroi della storia italiana.

Francesca ha detto...

TOTO-ZANZARA
ospite telefonico il proconsole leghista campionario vivente di felpe padane sul drammatico problema :

La Domenica sportiva trasloca a Roma?

«Ennesimo sopruso ai danni del Nord, il sindaco Moratti scenda in piazza»

Insorge la Lega:
«Non lo permetteremo»

Lo spostamento nella Capitale motivato dalla penuria di giornalisti a Milano nell'anno dei mondiali

ste76 ha detto...

Io la vedo cosi:

-Cruciani e' d'accordo con i sindaci. Legittimo.

-Authan avrebbe una soluzione piu' ragionevole. Legittima e se portata avanti da qualcuno metterebbe in difficolta i sindaci, i quali, data la soluzione piu morbida, ma comunque funzionale, perseverando con il loro pugno di ferro renderebbero piu evidente la loro insensibilita' verso i bimbi.

-Telese ne fa una questione di principio e di ideologia. Legittimo. Ma completamente inutile.

Telese-Cruciani-Authan

0-1-1

Sono fissato con dare un senso pratico alle proprie idee. Che volete farci.

PaoloVE ha detto...

@ francesco.caroselli:

ai tempi delle polemiche sull'uso della parola "negro" avevo glissato abbastanza, ma sono rimasto coerente ( :-))ti riposto quanto avevo scritto allora:

"Per quanto mi riguarda sul poco appassionante argomento, credo che molto dipenda da come le cose vengono dette: uso il termine "negro" (come cieco, spazzino, gobbo, sordo, zoppo,...) nell'accezione più neutra possibile quando voglio indicare la caratteristica "fisica", lo evito nei casi in cui sospetto possa risultare offensivo o anche solo fastidioso per l'ascoltatore.
Un mio conoscente diceva: "Che tu mi chiami cieco, non vedente o videoleso, io continuo a non vederci un caxxo..."

Saluti

Paolo

francesco.caroselli ha detto...

bah la parola negro continua a non piacermi
E' troppo brusca.
Nero si capisce uguale, e le persone continuano a rimanere nere sia che le chiami nere o negre.
La TUA piccola distinzione appartiene solo a te.
Ma se una parola è offensiva bisogna sempre considerare chi è offeso. Se le persone di colore non accettano quella parola bisognerebbe rispettare la loro sensibilità.
Non è importante cosa vuol dire quella parola PER TE, sono piu importanti GLI ALTRI.
In un mondo globalizzato non possiamo dimenticare che negro=nigger
nero= black
in italiano cambia solo una lettera (g), in inglese è totalmente diverso. E ormai il mondo e i ragazzi di oggi mi sembra abbastanza globalizzato per capire la differenza.


negro era l'appellativo spregevole dei padroni per i loro schiavi.
...poi non dite che Balotelli è incazzoso. Se lo si chiama negro ha tutti il diritto di incazzarsi.


Sulla questione Adro
ieri in trasmissione un signore ha fatto notare che nella logica di Cruciani c'è una falla bella grossa.
Cruciani dice sostanzialemnte che il sindaco vuole colpire chi fa il furbo.
Infatti se le famiglie che non pagano fossero realmente povere allora riceverebbero gli aiuti dello stato. Ergo se non ricevono nessun sussidio è perchè una ricerca sulla loro situazione finanziaria mettere in luce che non sono affatto poveri in canna.

Questo ragionamento non tiene conto del FATTO che gli irregolari non possono ricevere nessun aiuto.
Cruciani da ragione al sindaco solo perchè è un ingenuo è crede veramente che non ci sia nessun intento discriminatorio.
Prima i morosi piu di 40, ora sono 18 se non erro. La percentuali di immigrati è cresciuta fra i morosi segno che chi si trova a difficolta a pagare sono proprio gli stranieri.
Possiamo sapere quanti irregolari ci sono fra quei morosi?
No.

Cruciani e se non fossero solo dei furbetti? Se fossero veramente poveri? Se fossero poveri da non pagare la retta ma non abbastanza poveri da rientrare tra le mamiglie che beneficiano di un aiuto?
E poi che aiuto da lo Stato?
Crucaini a supporto della sua certezza granitica non ha portato niente, solo la parola del Sindaco.
mi dispiace ma non mi basta

ste76 ha detto...

@francesco
"Cruciani e se non fossero solo dei furbetti?"

mentre ti sforzi di contraddire Cruciani cadi in uno strano paradosso. Hai gia' detto, giustamente, che non e' corretto che i bambini paghino per gli errori dei genitori. A questo punto non pensi sia inutile capire se questi ultimi sono furbi o meno. I loro figli sono comunque innocenti?

Invecem, se mai Cruciani si rifacesse vivo qui, io vorrei sapere da lui perche la "soluzione di Authan" non dovrebbe essere preferibile? Costi maggiori: non penso sia questo. Difficolta' a riscuotere: va beh allora siamo messi bene.
Ammettilo dai, che e' un uscita di propaganda.

Neon+Atlas ha detto...

@ Authan

fiuu.. meno male, un paio in particolare posono tranquillamente essere scambiati x il "mitico" FF.
thanx!

Neon+Atlas ha detto...

A margine, dopo aver sentito in podcast la trasmissione di ieri, devo dire che per la prima volta sono d'accordo con Crux e non con Telese.

La tesi del "problemi di lingua, si vergognano" non può essere una scusante per non chiedere la gratuità od un aiuto.
Se ti sta a cuore tuo figlio, fai di tutto per garantirgli la dignità minima.

La verità ho paura che sia la solita, invece italianissima: se si può farla franca l'uomo italico non paga.

paolo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
paolo ha detto...

Che noia queste puntate della Zanzara....
Speriamo che stasera Santoro faccia un po di casino, così domani abbiamo qualcosa da dire. Vero Crux ?

PaoloVE ha detto...

@ atlas:

Ok, ammettiamo anche che "La verità ho paura che sia la solita, invece italianissima: se si può farla franca l'uomo italico non paga."

Ma non sarebbe molto più bello pignorargli il Mercedes all'uomo italico che all'auto tetezka c'è così affezionato? Sai che complesso di castrazione gli fai venire se gli porti via il SUV davanti agli occhi dei vicini? e lasciando stare i bimbi...

Saluti

Paolo

ste76 ha detto...

@paoloVe

potrebbero vendere i biglietti per assistere al momento del pignoramento e con il ricavato fare pesce gratis in mensa per un paio d'anni

Neon+Atlas ha detto...

@PaoloVE

Sono d'accordo. Ed infatti non capisco. Personalmente a chi non paga gli manderei all'istante i servizi sociali a casa. Così in un colpo solo vediamo se si vergognano e di che cilindrata è la macchina nel parcheggio.

Poi però è anche vero che non si può invocare la scure (sacrosanta) per chi va "a magnà 'n panino" e poi gridare al ritorno di Hitler se succede una cosa così.

Sennò finisce tutto in vacca..

MarianoS ha detto...

Ammetto di aver ascoltato solo piccoli spezzoni, quindi il mio post va preso in piccolissima considerazione.

Per quanto riguarda il punteggio, personalmente assegnerei un Cruciani vs Telesle 0-1.
In sintesi, dal mio punto di vista la questione e' assegnare una scala di valori, e su questa scala si dovra' ragionare.
In particolare, sicuramente saranno tutti d'accordo che i bambini dovrebbero essere tutelati a priori[*], pertanto un ragionamento che non prevede tale tutela e' da considerare errato in quanto mancherebbe di presupposti essenziali. Quindi Cruciani 0.
Eliminati i ragionamenti che non tengono conto della parte debole, si pensa a come far rientrare i crediti.

Tenendo conto del post di lunedi, tornando alla metafora sportiva, stilo la classifica aggiornata:
------------
Authan 2
Telese 1
Cruciani 0
------------

Saluti,
Mariano

PS: [*] -> mi e' venuta in mente una scena dei Simpson in cui Maude dice in una sala comunale "E nessuno pensa ai bambini?!". (as perbenismo) Il mio pensiero va letto in maniera differente.

PaoloVE ha detto...

@ neon:

forse una volta parla neon e una volta altlas e quindi non riesco a seguirti: che attinenza hanno tra loro bambini, panini e hitler?

Saluti e dubbi

Paolo

francesco.caroselli ha detto...

a ste76
Io penso che sia utilissimo, anzi necessario, capire se i genitori sotto tiro siano furbetti o no.
Io penso che qualcuno ci sia.
Cruciani invece pare convinto che TUTTI i genitori che non pagano siano dei furbetti. (Crux pensiero: altrimenti avrebbero degli aiuto dallo stato).

E mi pare che anche qui nel blog siate certi che quelli non pagano sono tutti furbetti.

Mi pare sorprendente avere tale sicurezza

Io non ne sono affatto certo, e se ci fossero dei genitori realemnte impossibilitati a pagare?

ste76 ha detto...

@FRANCESCO
io proprio non mi pongo il problema poiche:
-non sono un poliziotto
-non sono un magistrato
-in ogni caso, cosi o cosi, ci andrebbero di mezzo bambini innocenti

Neon+Atlas ha detto...

@PaoloVE

Non mi pare complicatissimo.
Se hai seguito la trasmissione di ieri, il Crux faceva giustamente notare che gli stessi che si scandalizzavano relativamente alla faccenda dele liste PdL (il panino di Milioni è passato tipo 2000 volte alla Zanzara) dicendo che le regole vanno rispettate sempre, sono gli stessi che ora gridano al razzismo ecc.. ecc... Hitler sta per Adolf Hitler ;)

@MarianoS

anch'io ho pensato alla moglie del reverendo Lovejoy ahahah :D

francesco.caroselli ha detto...

ste
il problema te lo devi porre come cittadino altrimenti si creano due fazioni di principio.

quella di Cruciani e del sindaco che dicono che l'operato è scarosanto (e pazienza se di mezzo ci sono i bambini)

e quella della Bindi e Telese che dicono che è una barbarie intollerabile e intollerante.


Penso che l'unico modo per fare giustizia sia sapere che fa il furbo e chi no.
Se hai soldi paghi Stop
se non li hai te li paga lo stato.

Lineare

PaoloVE ha detto...

@ neon

AAAh! adesso ho capito...

Ok ammettiamo di voler esserer duri e puri in ogni cosa a prescindere: e perchè pignorargli quella c***o di Mercedes in modo da ricuotere l'esatto dovuto sarebbe uno sbracare?
Il servizio verrebe erogato e congruamente pagato, il bilancio comunale sarebbe a posto, Milioni potrebbe continuare a mangiarsi panini fuori orario e tutti vissero felici e coi denti...

Il problema è che probabilmente, come dice Francesco, ci sono i furbetti ma anche quelli di cui, per un comune, è più facile non occuparsi. Anche se ne avrebbero bisogno.

Saluti

Paolo il coerente :-)

ste76 ha detto...

@francesco

l'unica cosa che io conosco, in questo universo, che sia lineare e' la retta.
Io credo che le fazioni si creino perche la gente non sa limitarsi a quello che e' dimostrabile, quello che e' palpabile.

ste76 ha detto...

@francesco

Per evitare le fazioni basterebbe non rincorrere la giustizia sociale, la giustizia penale, la giustizia economica, la pace come se avessero una loro qualche sostanza reale. Mescolando tutto in un grande calderone nella speranza di trovare la formula magica. Basterebbe fermarsi a guardare il problema volta per volta, e basta.
E secondo me chiedersi se ci sono i furbi o meno in questo caso, e' irrilevante se gia' hai deciso che i bambini (innocenti) non ci devono andare di mezzo.

Neon+Atlas ha detto...

@PaoloVE

Sì, sì, ma infatti son d'accordo. Credo che ci sia stata una volontà di fare casino da parte del sindaco o chi per lui. A volerla risolvere penso ci fossero gli strumenti.

Ma la Lega, si sà, cavalca la paura. In un mondo migliore prenderebbe due voti.

ps. Ecco Feltri alla Zanzara no, però.

Clem ha detto...

Aggiorniamo il TOTOZanzara?
Non credo che Coso si potrà esimere dal parlare di questo..
Fini-Berlusconi, è scontro. Fini:
«Gruppi autonomi in parlamento». Berlusconi: «Allora si dimetta»

Che ci volete fare, gli uomini son fatti così. E ora DUE ORE DI TRAFFICO.
:D

francesco.caroselli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
francesco.caroselli ha detto...

io ho le scatole piene di questa storia di Adro.
trovo invece che i media abbiano dato poco spazio alle ultime su emergency

riporto una lettera di uno dei tre "spariti", è di qualche giorno prima dell'arresto.

Afganistan: 18 febbraio 2010

Anche a Nadali, altro distretto non lontano dall'ospedale di Emergency a
Lashkar-gah, stanno combattendo ormai da giorni.
Akter Mohammed è arrivato poco fa con il padre Wali Jan, un uomo di almeno 60 anni con una folta barba bianca.
Un proiettile, uno solo, gli ha passato la testa da parte a parte.
È ancora vivo e lo stanno operando.
Il padre urlava e si dibatteva il petto, non solo per quello che hanno fatto a suo figlio, ma anche per il modo.
Akter era in casa sua, dietro a una finestra su cui batteva il sole.
La sua curiosità l'ha spinto ad avvicinarsi per vedere cosa stava succedendo fuori, con tutti quei rumori di blindati e di armi.
Un soldato ha intravisto una sagoma dietro il vetro e ha sparato. Colpo singolo alla testa.
Poi gli altri sono entrati in casa, urlando e facendo alzare le mani al padre, spingendolo con forza contro il muro.
In un angolo, sotto la finestra, hanno visto il risultato del proiettile esploso contro la sagoma che appariva alla finestra.
Un bambino di nove anni. Nove.
Appena l'hanno visto a terra ferito e spaventato, se ne sono andati. Senza una parola.
Non si abbandona così nemmeno un cane.
Matteo, Lashkar-gah

Francesca ha detto...

ahahahha! Ma ho capito bene?
il figlio della signora Costa di Adro è stressato e si porta a scuola la pistola giocattolo!
Eppoi la mamma in questione ha il coraggio di prendersela con il benefattore per aver osato criticare nella famosa lettera l'educazione impartita dai concittadini ai loro figli!
Emmenomale che il Crux glie l'ha detto (con tatto eh, perchè adesso la sciura è diventata la testimonial di Adro sui mass media!) alla Costa "ehm... ma allora qui c'è qualche problema" e quella "ma lo sa lei cosa c'è nella testolina del mio bambino stella dora?"
Si credo di saperlo....
Quello che c'ha anche lei nella testa, cara signora, il vuoto pneumatico! Una che si dichiara apolitica (!) ed evoca trame e complotti da parte dell'opposizione ai danni dell'amministrazione comunale!

Piuttosto riascoltatevi l'intervento di Luciano verso le ore 20.15 che ha nominato l'interesse supremo dei minori da tutelare secondo le norme costituzionali da parte degli enti!
Qui pero' Cruciani molto sbrigativo (minimizator al massimo, non è il caso di tirare in ballo la Costituzione eh?) ha ribadito il suo appoggio incondizionato al sindaco Lancini!

Michele Reccanello ha detto...

Buonasera,

Sulla vicenda "mensa scuola", di cui si è già detto tanto, una cosa importante mancava per avere un'opinione più precisa, ovvero conoscere le motivazioni di queste persone che la mensa non la pagano. Dal mio punto di vista è importante sapere se questi fanno i furbi o se effettivamente hanno dei problemi a pagare il servizio e magari sono stati mal indirizzati nel affrontare il problema nel modo più corretto.
Un grazie va, da parte mia, alla signora di Adro per l'intervento di stasera in trasmissione.

Michele Reccanello ha detto...

@francesca,

non sono riuscito a seguire tutto l'intervento della signora di Adro ma, visto quello che scrivi, mi sa che mi sono perso qualcosa...

Aveva concluso dicendo che ci sono i furbi, ma c'è anche chi è stato mal consigliato, rivolgendosi alla cgil invece che all'assistenza sociale...

francesco.caroselli ha detto...

Cruciani
Hai sempre detto che sei a favore dell'abolizione dell provincie.

Il Bocchino che hai fatto sentire ad 8 e 1/2 (lo sembra molto brutto da dire) dice che berlusconi ha rinnegato il programma elttorale su questo tema.

Come ha commentato lei caro Cruciani: "ora Bocchino vuole fare un gruppo parlamentare diverso per abolire le provincie".
E' travisare.
>E poi se Bocchino chiama Renzo Bossi "la trota" non lo si può biasimare, in questo modo lo chiamò il padre!

E poi Bocchino accenna che il PDL è andato male alle elezioni. Lo si può negare?
Ha perso 8 punti percentuali.
Certo li ha presi la Lega.
Ma chi è del pDL non può che preoccuparsi

francesco.caroselli ha detto...

dal sito di Luttazzi

Bagnasco:"Contro papa Benedetto XVI c'è certamente una campagna orchestrata dai nemici della Chiesa". La potente lobby dei bambini.
(tito darca)

Zero7 ha detto...

Buongiorno, a mio modesto avviso tra le due posizioni quella che più si avvicina alla realtà dei fatti è quella di Telese. Lo penso dopo aver saputo delle reazioni di un buon numero di genitori degli alunni della scuola in questione, che hanno contestato la scelta del “benefattore” ed espresso appoggio e solidarietà al sindaco.
Se, infatti, il problema fosse stato solo economico, il saldo degli arretrati, da qualunque parte fosse provenuto, avrebbe dovuto mettere a tacere ogni contestazione.
Se ciò non è avvenuto è segno che il problema non era solo economico, e le proteste dei genitori che hanno appoggiato il sindaco dimostrano che, al di là dei furbetti, si volevano colpire specifici obiettivi.
D’altra parte, se il problema fosse stato solo economico, sarebbe stato opportuno che l’amministrazione comunale intraprendesse altre vie (fino a giungere al pignoramento) prima di procedere alla sospensione del servizio.

francesco.caroselli ha detto...

Sono d'accordo con Zero7, tranne su un punto.
Passare SUBITO al pignoramento mi sembra un po eccessivo. C'è una procedura per la riscossione dl credito che è gia molto "aggressivo". Soprattutto se si guarda la prima parte (a parte una breve introduzione) di questa inchiesta di report.
Equitalia è pericolosetta...