mercoledì 28 aprile 2010

Tutta la differenza del mondo

Quando Giuseppe Cruciani si mette in testa una cosa, non c'è verso di levargliela. Per carità, ognuno è padrone delle proprie opionioni, ci mancherebbe, ma una certa rigidità mentale, quella che a parole si dice sempre di voler rigettare, ma che poi nei fatti ogni tanto traspare, risulta un po' fastidiosa.

Prendiamo il caso della Lega. Crux un bel giorno ha deciso di “non avere alcun pregiudizio contro la Lega”. Il che va bene, anzi, fa onore, ma solo fino a quando questo approccio non si trasforma suo malgrado in anti-antileghismo, e cioè nel prendere posizione a difesa della Lega stimolato più dal desiderio di ribattere agli antileghisti che non dalle effettive valutazioni nel merito delle questioni portate all'attenzione. Un atteggiamento che poi è lo stesso che Crux adotta verso Berlusconi, in quello che il tenutario di questo blog ha battezzato anti-antiberlusconismo.

Il caso delle mense scolastiche è emblematico di quanto appena detto sopra. Sono giorni che Crux si affanna a segnalare casi di giunte comunali di sinistra che prendono provvedimenti contro i casi di morosità nel pagamento delle rette per la refezione assimilandoli a quelli di Adro e Montecchio Maggiore, per dimostrare che i casi del comune nel bresciano e di quello nel vicentino erano stati strumentalmente amplificati in un'ottica anti-leghista. Cosa che magari in parte è vera, ma ciò non implica che nelle scelte dei sindaci dei due summenzionati comuni non ci debba per forza essere nulla da obiettare.

Ieri, in particolare, è stato citato il caso di Padova, di cui nessun giornale parla (che ci sia un megacomplotto?) tranne il quotidiano locale Il Mattino (da non confondersi con quello di Napoli). Il comune di cui è sindaco l'esponente PD Flavio Zanonato ha deciso che dal prossimo anno scolastico potranno frequentare le mense del Comune solo gli alunni le cui famiglie abbiano pagato gli arretrati entro agosto. “Adesso voi potrete trovarci tutte le differenze di questo mondo”, ha detto Crux, “ma per me questo caso è identico a quello di Adro”. Ora, capite il mio imbarazzo: messa sul piano in cui l'ha messa Crux, se io mi metto a spiegare la difformità tra le diverse situazioni passo per essere quello che in un caso spalanca gli occhi e nell'altro caso ci mette davanti due fette di salame.

Peccato che per cogliere le differenze basti semplicemente leggere bene l'articolo del Mattino. A parte il fatto - quello sì marginale - che a Padova il tema non è la morosità nei pagamenti delle rette ma l'alto numero di domande di esenero dalle rette medesime senza averne titolo, e a parte il fatto - già più di rilievo - che il metodo repressivo adottato, in prima battuta, è quello della sanzione amministrativa, nel caso di Padova la sospensione del servizio non è prevista in modo tranchant da un giorno all'altro, ma solo a partire dal successivo anno scolastico. E guarda un po', questo, nella mia percezione, fa tutta la differenza di questo mondo.

E dire che di pregiudizi sulla Lega non ne ho neppure io. Solo che io non li ho neanche per i suoi oppositori.

--------------------------------------------------

The Smiths, "What Difference Does It Make?" (1984)




So what difference does it make?
So what difference does it make?
It makes none, but now you have gone
And your prejudice won't keep you warm tonight...


37 commenti:

Michele Reccanello ha detto...

Infatti, c' è una differenza abissale tra quello fatto tra il comune di Adro e il fatto di Padova che ieri il Crux ha sbandierato in trasmissione. Ovvero, al contrario di quanto successo ad Adro - e altri comuni - intanto non viene lasciato a piedi nessuno. Sta poi a chi di dovere regolarizzare la sua posizione. Se potrà farlo.
Hai detto bene sulle due fette di salame sugli occhi dle nostro, il problema è farglielo capire...

MarianoS ha detto...

Non credo che questa frase
Il comune ha deciso che al prossimo anno scolastico potranno frequentare le mense [...] solo gli alunni [..]
e quest'altra
sospendere il servizio mensa/fornire pasti sostitutivi senza preavviso

siano differenti nel contenuto. Forse c'e' solo una questione temporale... ma non sara' proprio li' il problema??

Saluti,
Mariano

ste76 ha detto...

@MarianoS
Hai ragione sul fatto che in termini pratici non cambia poi molto.
Pero secondo me c'e invece una differenza sostanziale:
Quella della lega e' prima di tutto una scelta mossa per far parlare di se', una scelta populista. Quell'altra, piu' cauta, e' fatta solamente per risolvere un problema.

Daniele ha detto...

Mariano, secondo me invece ci sta una bella differenza.
Lasciare i bambini senza pasto da un giorno all'altro, umiliandoli di fronte ai loro coetanei, mi sembra ben diverso dall'avvertire i genitori che dall'anno successivo se non pagano dovranno trovare una soluzione alternativa.

Francesca ha detto...

L'istruzione è obbligatoria.

Il servizio mensa offerto dalla scuola no.

"Portatevi il cestino da casa o fatevi venire a prendere da vostri genitori"

Se ai genitori oggi viene richiesto sempre piu' pesantemente di contribuire a vario titolo alle spese di funzionamento della scuola, per acquisti di materiale didattico, o piu' banalmente per la CARTA IGIENICA, ma non come donazione liberale, bensi pagando i bollettini postali già belli compilati, perchè la mensa non potrebbe essere gratuita allora?

Tanto piu' che nell'assegnazione degli appalti alle società di ristorazione spesso e volentieri girano mazzette che poi si ripercuotono proprio sul prezzo del ticket.

Con enorme soddisfazione il Crux ha citato un paio di sere fa mi sembra, anche l'esempio di Savona, comune notoriamente ad amministrazione PD, rimarcando l'analogia con le note vicende dei comuni a guida leghista.

A quanto ne so io li si è trattato della sospensione dell'erogazione di BUONI PASTO GRAUITI per il tempo necessario ad eseguire verifiche ed accertamenti sulle condizioni reddituali delle famiglie che ne usufruivano, al termine dei quali i buoni pasto sono stati riconcessi agli aventi diritto.

PaoloVE ha detto...

Buongiorno,

io trovo anche interessante che l'obiettivo sia stato spostato da Cruciani solo su Adro, il che gli permette di dire che nessuno è stato lasciato a pane e acqua: ma a Montecchio questo è successo ed è stato attestato dalla preside (ai bimbi è stato dato un panino NON imbottito ed hanno mangiato normalmente solo grazie al fatto che i compagni hanno condiviso il loro pasto: ha proprio ragione Paolini, da piccoli siamo tutti un po' comunisti :-) ), ed a Verona lo scuolabus che aveva portato all'asilo (all'asilo!!!!) due bimbe non le ha riportate a casa.

Per una cosa come l'ultima credo potrei far irruzione nell'ufficio del sindaco con l'ascia in perfetto stile shining e pormi sul suo stesso piano di civiltà...

@ mariano:
la mensa non è normalmente un servizio obbligatorio, per cui a Padova si creeranno probabilmente due gruppi, di cui uno mangia in mensa e l'altro si aggiunge a chi torna a mangiare a casa, nella perfetta normalità, ma a nessun bambino viene detto all'ingresso (o peggio sul predellino dello scuolabus) "No, tu no, non hai pagato...". Ma scherziamo?

Non è in discussione che chi è in condizione di farlo debba pagare, ma, porca puttana, lasci i bambini fuori e chiami la premiata ditta "Er cravatta recupero crediti ed ossa rotte" e riscuoti il dovuto dai genitori. Con gli interessi e le spese.
Se inveceche risolvere il problema nel migliore dei modi vuoi sfruttarlo per cavalcare la moda degli anti buonisti, invece, te ne fotti dei bambini. E qualche anno dopo magari ti ritrovi ad interogarti su quali fossero i valori di Pietro Maso...

Saluti

Paolo

Lorenzo ha detto...

Il solito trucco del "tutti uguali" con cui si è assolto Craxi, Moggi e chiunque altro facesse comodo assolvere.

1) Se anche una amministrazione di csx ha levato la mensa ai bambini sono DUE sindaci infami e non due sindaci come tutti gli altri

2)pretendere la riscossione di quanto dovuto E' SACROSANTO. Mandare solleciti e poi pignoramenti ad un GENITORE è SACROSANTO.
Non è quello in discussione.

3)Dare invece una letterina ai BAMBINI è scandaloso. Levargli il pasto dandogli solo un panino è INFAME.

4) Se ci sono esenzioni e buoni comunali DEVONO ESSERE DATI A TUTTI. Questo è addirittura PIU' importante dei punti precedenti.

ste76 ha detto...

@paolove

hai ragione.

buonisno, anti-buonismo e anti-anti-buonismo

mi ricorda qualcosa..
e' pazzesco come riescano sempre a portarci a parlare pro o contro un estremo. Il problema della mensa, almeno quello, puo' essere risolto dai! Non sono specialista ma non penso sia una cosa da risolvere solamente o con uno stato di polizia oppure solo alla maniera woodstock.

F®Ømß°£ ha detto...

Buongiorno,

Quella di Cruciani è un'argomentazione che sento spesso usare.

La sento usare spessissimo da politici, da intellettuali, da ascoltatori de La Zanzara, e anche qui su questo blog.

L'argomentazione è:

1) il signor A ha fatto qualcosa su cui c'è un qualche tipo di polemica.
2) il signor A fa parte di una categoria CA.
3) il signor C critica l'operato di A, di cui al punto 1)
4) il signor B appartiene alla categoria CB che si contrappone in genere a CA

A questo punto il filosofo sottile cosa fa per difendere il signor A? Ma è ovvio la solita argomentazione tanto efficace, quanto miserabile.

1) il signor C ha fatto qualcosa di simile a ciò che ha fatto il signor A
2) il signor C appartiene alla categoria CB, come il signor B.

QUINDI:

1) il signor B non ha diritto a criticare il signor A

MA ANCHE:

2) ciò che ha fatto il signor A è giustificabile, perché l'ha fatto anche il signor C che appartiene alla categoria CB contrapposta alla categoria CA.

L'irritazione che mi prende quando sento queste argomentazioni da bambini di 5 anni meritevoli di percosse educative è infinita.

Tuttavia noto con amarezza che l'efficacia di questa fesseria camuffata da ragionamento è universale.

Prendiamo la vicenda Moggi, le escort di B, le idiozie di Cruciani su Adro, le diatribe sul tricolore. Chi più ne ha più ne metta. Si discute solo con questo miserabile canovaccio.

Saluti

Tommaso logico

Michele Reccanello ha detto...

vorrei ricordare cosa diceva Travaglio ad anno0 che, parlando della lega, si spendono fior di soldi per la nuova sede, e un tavolo di cristallo viene pagato 10000 euro. Poi pero` si fa i cani con dei bimbi, quando semmai sarebbe giusto tirare le orecchie ai genitori dopo aver verificato le condizioni economiche di queste. E poi mi sembra di aver capito, nella vicenda di Adro, che sono stati negati anche i servizi sociali. A me questa sembrerebbe persecuzione, voi che ne dite?

bart27 ha detto...

non ne posso più della parola buonismo e dell'uso che ne viene fatto.

In origine, serviva a criticare quelle anime belle che sanno dire cose solo generiche e irrealizzabili.

Ma ormai serve soltanto a mettere nell'angolo chiunque difenda i più elementari diritti civili, o critichi comportamenti fuori misura, scalmanati, gretti e aggressivi.

Lancio un nuovo termine, da opporre al primo: stronzismo
.

ste76 ha detto...

@tommaso

lo fai anche tu questo errore di argomentazione QUINDI zitto :D

scherzavo non potevo resistere.

dovresti dare un nome a questa situazione che hai formalizzato. Effettivamente si presenta spesso questo "pattern". Quello che succede e' che tipicamente si perde il filo del discorso maestro per entrare nel turbine del "ma a cominciato lui".

Apparte gli scherzi, per caso ci sono caduto anch'io in questa trappola argomentativa? Se si', sarebbe utile come esempio pratico di riferimento (mi imolo per la causa del miglioramento/avanzamento del livello filosofico di questo blog).

Lunga vita all'anti-zanzara.

Francesca ha detto...

@ bart27

di neologismo in neologismo.... a me piace molto uno riferito a chi governa ma non va nei salotti e preferisce la polenta al cous-cous e manda in consiglio regionale igieniste dentali e pluricannati alla maturità.
Il termine è: ASINOCRAZIA

paolo ha detto...

Ieri alla "Zanzara" una grande soddisfazione ( all'incirca si è svolto questo dialogo )

Cruciani: " ..lei è libero di dire quello che vuole, ma quella che ha raccontato lei non è proprio la realtà "

Ascoltatore : " ....secondo lei no, secondo me si... !!! "

Ho aspettato penso due anni questa risposta da parte di un radioascoltatore. Finalmente il piedistallo da cui parla il Crux è stato ribaltato. IL fatto che le opioni di Cruciani valgono quanto quelle di un altro pensatore sottolineato. Evviva !!!!

ps. se trovo il pezzo riscrivo precisamente il dialogo !

Lorenzo ha detto...

Parlando di asinocrazia e di Adro, non so se sapevate che....


http://nonleggerlo.blogspot.com/2010/04/licenza-elementare-is-back.html

Francesca ha detto...

@ lorenzo

nessuna sorpresa!
ma li senti come si esprimono?
tranne qualcuno, pochissimi credo, i laureati tra le camicie verdi son da ricercare col lanternino.
Mi piacerebbe sapere quanti degli europarlamentari leghisti parlano almeno inglese o francese!

Clem ha detto...

Beh, notevole la scelta di argomenti di Cruciani.
C'è la Grecia che tra un po' collassa, Goldman Sachs sotto processo per fatti non scorrelati dalla crisi greca. Nel frattempo la nostra maggioranza fa notizia perché Bocchino non ci gioca più però solo se non ci gioca più neanche Cicchitto, al che arriva un certo Menia e dice che lui non ci gioca più più di tutti e che vuole anche lui il budino alla vaniglia e non al cioccolato.
Però oh, cazzarola, Adro, oh, cioè.
Per quanto riguarda le licenze elementari, ci sarebbe da organizzare lo Sciopero come in Atlas Shrugged altroché.
Lo so è un riferimento criptico, mi si accusi pure di snobismo culturale.

Authan ha detto...

Clem,
in realta' ieri sul discorso Adro e' stato fatto solo un breve accenno ad inizio trasmissione. Pero' si da' il caso che sia stato cio' che piu' mi ha colpito. I temi di ieri, per la cronaca, sono stati o ritriti (Fini/PDL sopra tutti) o, nella mia percezione, di scarso interesse: intervista ad Ostellino su Berlusconi/Putin/universita' del pensiero liberale), e cabaret puro con Raul Casadei (!) sull'eventuale separazione della Romagna dall'Emilia. Insomma, poca roba.

Michele Reccanello ha detto...

clem,
Sottoscrivo il tuo commento. Hai parlato te , nel post di ieri, di pigs e piigs? Certo che non c'è da stare allegri. E certo, come da lui ammesso ieri, non puoi pretendere che ne parli il buon GC.

F®Ømß°£ ha detto...

@ste

no, non mi riferivo in particolare a te. Si può avere la tentazione di usare questa argomentazione in una discussione a voce, a caldo.

Usarla a freddo e per iscritto è una fesseria a mio parere. Se per confutare una critica ha anche un vago senso, se il signor B e il sgnor C sono la stessa persona, per assolvere il signor A l'argomentazione è una fesseria.

Ciao

Clem ha detto...

Michele: uh, no, ieri sono rimasto mio malgrado sconnesso per gran parte della giornata qundi non ho postato niente. Non ho nemmeno letto, sinceramente, ci sono troppi commenti!!
Authan: la trasmissione di ieri ce l'ho sul lettore, ma mi sono stufato durante l'incipit su Adro vs Padova e hop, son passato a Milan. Lieto di sapere che c'era anche altro. Cmq tranquillo Authan che anche quando improvvisi perché in trasmissione non c'è niente a noi (oddio, diciamo a me) va benissimo lo stesso.

bernard ha detto...

"tutta la differenza del mondo"...
bah...
sicuramente c'è una maggior delicatezza nel metodo in cui è stata gestita la comunicazione.
Punto.
Bisogna pero' fare un passo avanti ed immaginare cosa succederà quando il primo settembre qualche genitore non avrà pagato la quota, e allora qualche bambino resterà senza pasto.
Non è uguale ad Adro?
In un post precedente Authan ha descritto una soluzione perfetta: rivalersi sui genitori senza negare i pasti ai bambini, ma non mi sembra sia questo il caso.
Sono d'accordo con MarianoS nel fatto che la differenza sia piccola piccola.
Per me un' altra soluzione è integrare il costo del pasto nella retta mensile per l'asilo, tenendo ovviamente conto dell'ISE della famiglia.

bernard ha detto...

Un'altra piccola nota: a chi ha visto annozero è apparso chiaro che la contrapposizione tra le mamme dei bambini dell'asilo di Adro era tutta incentrata sulla differenza di trattamento tra italiani ed extracomunitari.
In quel paese chi non è italiano non ha diritto a dei bonus o non ricordo bene a quale vantaggio economico, di fatto riservato ai soli residenti italiani.
Questo mi fa venire in mente che il sindaco di Padova, Zanonato, è lo stesso che fece erigere il famoso muro di via Anelli, attorno ad un quartiere frequentato perlopiu' da extracomunitari, dandosi quindi un' immagine "leghista" che sicuramente gli ha giovato alle ultime comunali.
Vi dico, da padovano, che la vista di quel muro, che mi è toccata tutti i giorni per piu' di un anno, mi ha provocato non pochi turbamenti.

Michele Reccanello ha detto...

Caro barnard,

Io semplicemente non sono d'accordo nel far pesare gli errori, le beghe dei grandi, ai piccoli. So che non è scuola dell'obbligo e che non sono dovuti i servizi dell'asilo, però dal momento che dei piccoli sono abituati tutti i giorni a dividere i pasti con i loro amichetti, come gli può essere spiegata questa differenza di trattamento all'improvviso? Eppoi per i bimbi anche l'asilo è un importante momento di socializzazione e di formazione che non va mai negato.
Visto che sono tutti bravi amministratori, e attenti ai conti questi sindaci, potrebbero magari andare negli asili a spiegare a quei bimbi che gli tocca pane e acqua, oppure che gli tocca andare a casa a piedi. Bisogna fare magari a loro le pulci in che cosa spendono i soldi della comunità?
Secondo me ne scopriremmo di belle!

E' possibile che tra quei genitori ci siano dei furbi, è anche possibile che ci siano dei genitori che hanno problemi economici visti i tempi che corrono. Perchè esplodono questi casi solo ora mentre ad esempio l'anno scorso nessuno ne parlava?

Gli amministratori siano chiamati a governare e ad amministrare il bene comune. Ci sono dei casi in cui ai genitori, se si comportano male, viene toltà la patria potestà, se in questi casi c'è qualcuno che si prende la briga di arrivare a tanto, perchè nel caso di Adro - come altri casi analoghi - non c'è nessuno che ha a cuore l'interesse dei bimbi?
Qualcuno ha detto che i genitori in difficoltà si possono rivolgere ai servizi sociali, se il sindaco era una persona responsabile poteva mandare lui i servizi sociali, ma mi pare di avere capito che invece è stato negata anche questa possibilità, perchè a quanto pare chi era in difficoltà si è rivolta alla CGIL.
Per concludere ti invito a guardare questo.

Ciao.

PS1 Per curiosità a settembre anche il mio bimbo - avrà 3 anni - andrà all'asilo che mi costa 50€ al mese e 2€ a pasto. E non credo che usufruirò dello scuolabus. Mi sono documentato per fare l'ISEE e avere così la riduzione delle tariffe e - a occhio - per rientrarci bisogna veramente essere con le pezze al culo.

PS2 Quel vecchio bavoso - perchè così è ridotto ora - con il fazzoletto verde al collo e i suoi accoliti, per chi non se lo ricorda era uno di quelli che tuonava - con ragione - contro Roma ladrona. A forza di sparare nel mucchio ha fatto scappare i "topi dal formaggio" per prenderne il posto. Come al solito la coerenza è di casa nella politica italiana.

bernard ha detto...

Bene Michele, vedo che siamo d'accordo al 100%.
Pero' in una cosa Cruciani ha ragione: si è parlato tanto di quanto successo ad Adro perchè dietro alla decisione del sindaco c'erano intenti discriminatori, e questo appare chiaramente dal video che hai linkato.
Quanto successo in altri luoghi, pur essendo concettualmente equivalente, non ha avuto la stessa risonanza.
Non perchè il caso sia differente, come sostiene Authan, ma perchè è meno evidente questo aspetto.
Tutto nasce dal fatto che, per come sono trattati in Italia, spesso gli extracomunitari hanno un lavoro in nero o guadagnano pochissimo, è quindi normale (e giusto) che i posti riservati alle fasce piu' deboli siano in gran parte loro.
Ogni occasione allora diventa buona per esprimere la rabbia degli italiani che si sono visti superare, e la lega fa affidameno ad essa per guadagnare consensi.
Ps: beato te che spendi 50 euro per l'asilo di tuo figlio. Il per il nido di mia figlia di 2 anni spendo 7 volte tanto!

francesco.caroselli ha detto...

commenti sparsi
a Michele
(sull'ultimo post di ieri)
Tremonti non è stato velatamente accusato di taroccare i conti.
No è stato direttamente accusato.
Infatti si è dovuto dimettere (le tensioni con Fini risalgono a questo accaduto)
ancora per michele
sono io che ho parlato di pigs, ma alla zanzara non si parla di quello, lo dovresti sapere. sentiti barisoni (for president) se vuoi certi argomenti!


Francè
Ma perchè hai la foto di mourinho nel profilo?
Sei granata mica neroazzurra!
Cos'è quella una proposta per il futuro leader del PD?
(la sua prostituzione intellettuale fu mitica)

PaoloVe
Ogni volta che leggo i tuoi post n(quello sull'ascia ad esempio) mi convinco sempre di piu che sei troppo intelligente per fare politica altrimenti saresti il mio candidato ideale


Commenti vari

Putin che insegna la libertà.
Siamo al paradosso.
ha fatto chiudere le tv private che lo criticavano. polizia e arresti.
giornalisti morti
sono stato spiegato? :-)

Fini: "noi non siamo la destra con la bova alla bocca".
Secondo voi a chi si riferisce nello specifico?
Secondo me il mirino è soprattutto puntato sulla Santanché (o santadechè).
Era proprio lei che si definiva cosi, Cruciani ci fece ascoltare una sua clip in cui lo diceva espressamente.
Cmq quella frase un po altezzosa di Fini Cruciani proprio non la manda giù. E' da radical-chic di destra! Un non-sense.

Ragazzi qui non avete detto una parola. Una parola sull'atto indegno sull'atto vandalico all'"albero Falcone".
ve lo riporto

Ecco cosa sta succedendo al sud.
Mi vergogno per tutta quella gente. Roba dell'altro mondo.
Questa è la questione meridionale. Gente come quella in manette sposta il 10-15% dei voti è può decidere quindi chi vince o perde le elezioni.
Questo mi ricorda la frase di Tremonti, che Cruciani ha indicato come frase pesante e importante e che secondo lui non aveva avuto abbastanza rilievo sui giornali: "in certe realtà non sai se l'assessore che incontri è un camorrista" by il ministro dell'economia. Ne vogliamo parlare?)

Michele Reccanello ha detto...

buongiorno,

@bernard

7 volte tanto!!!
forse non ci siamo capiti 50€ è la retta mensile. E forse mi sono spiegato male io parlavo di scuola materna, che io chiamo comunque asilo.

Francesca ha detto...

@ francesco

diciamo che sono granata e soprattutto anti-milanista, dunque l'Internazionale F.C. mi sta simpatica come altra squadra milanese.
Gli avversari dei miei nemici sono miei amici!
La fotina di Mou l'ho messa per l'auspicio che le cose con i blaugrana andassero bene e cosi è stato e la rimettero' per finale contro i tedeschi!

Ciao

Michele Reccanello ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Michele Reccanello ha detto...

A chi ha ascoltato il colloquio tra il Crux e Guido, ultima telefonata, strano l'attegiamento del Crux - che è evidentemente stato al gioco - ieri sera. Mi sarei aspettato il telefono riattaccato in faccia, invece l'ha pure richiamato. Io lo ascoltavo con le lacrime agli occhi dalle risate.... Una vera chicca, soprattutto quando sparava su Feltri, e divertente la scenetta con l'altro ascoltatore che dava ragione ha Guido e che poi è rimasto "in sospeso"

Evidentemente era di buon umore, al contrario martedi sera precedente che nella prima mezz'ora è stato di una antipatia unica.

Michele Reccanello ha detto...

Articolo di repubblica su Fini
La "difesa" di Feltri. "Berlusconi prende le distanze, io invece rimango fermo nell'idea che le notizie o sono vere o non sono vere": così il direttore del Giornale. "E quella su Fini e la 'suocera' che prende un milione e rotti dalla Rai, ente pubblico, è vera. Il resto conta poco. Anzi, niente".

Il problema è che Littorio pubblica più le ciofeche delle notizie vere, come il caso Boffo ha evidenziato bene.

Francesca ha detto...

@ michele

scusa Mike, ma vorrei suggerirti qualcosa che credo utile per te e per il blog.

E cioè che in linea generale sia meglio evitare di commentare l'ultima trasmissione La Zanzara nel post che fa riferimento a quella della sera prima.
E' un errore che facevo sempre anch'io, che poi è quello di non aspettare il post del giorno di Authan sul presumibile nuovo argomento, scaturito dall'ultima Zanzara

Dunque commentare di Feltri/Sallusti/suocera di Fini nel post di ieri che è sulla questione mense e dintorni ... non è cosa buona e giusta!

ciao
Francesca comare noiosa

MarianoS ha detto...

Mi scuso per la mia assoluta non chiarezza nel post... ma quando si scrive di fretta (come adesso) si commettono spesso di questi errori.

In particolare, ipotizzavo che il lettore avesse chiara l'ironia del post, ma non e' stato cosi' (me ne scuso nuovamente). L'accento lo volevo mettere proprio sulla questione temporale che e' assolutamente centrale.

Saluti,
Mariano

PaoloVE ha detto...

@ francesco.caroselli:

i miei due neuroni fanno la ola :-)

Saluti

Paolo

francesco.caroselli ha detto...

ifrancè i commenti quasi live di michele mi piacciono assai e quasi sempre li condivido in pieno.

Insomma questo è un blog sulla zanzara.
Commentandola non penso che si vada off-topic.

Effettevimente sei un po comare.

PS-Cruciani a Tetris fa sempre la figura dello scolare distratto in ultima fila.
Veramente simpatico. (come un calcio negli zebedei.

OT
Sono sconvolto dal comportamento antisportivo dei catalani. E ve lo dice chi per loro provo un amore smisurato.

Michele Reccanello ha detto...

scusa francesca,

Sul commento delle 8:38 ti dò ragione. Sul commento delle 8:28 questo credo che sia un blog su "la zanzara" per cui mi sembra in topic partlare della trasmissione.
Eppoi va bene fare l'arbitro e fischiare la punizione, però credo che il più titolato a dare cartellini gialli sia il tenutario del blog. Non credi?

Michele, il giocatore falloso.

Francesca ha detto...

@ Mike

oh certo che si!
qui il padrone di casa è solo Authan!