lunedì 12 luglio 2010

L'ultima frontiera dell'antiberlusconismo

L'ennesima vergogna scritta da Giuseppe Cruciani per Panorama, un articolo insultante della sua intelligenza, di quella dei lettori, e di quella di Ilaria D'Amico (vittima designata nel pezzo in questione, per via di un'intervista antiberlusconiana che la presentatrice ha rilasciato di recente al Corriere della Sera) mi ha provocato un tale senso di repulsione che in questo momento preferirei dedicarmi all'ornitologia pur di non pensare a cosa si è ridotto il giornalismo in Italia.

Il pezzo non è linkabile in rete al momento, e quindi dovete accontentarvi di un riassunto. In sostanza, siccome la presentatrice di Sky e de La7 è ricca, famosa, ha due belle case a Roma e Milano, e al mattino sorseggia il caffè comoda comoda leggendo i quotidiani via iPad insieme al suo compagno, per Cruciani non ha senso che costei critichi la cosiddetta legge Bavaglio e che abbia opinioni drastiche sulla qualità della politica italiana. Per farla breve, se Ilaria D'Amico ha tutto ciò che una persona normale possa desiderare, incluso l'iPad, che cazzo avrà mai da lamentarsi?

Di fronte ad un ragionamento del genere cascano braccia, mento, e pure altre appendici corporee. E non trovo consolatorio il fatto che articoli demenziali come questi vedano la luce solo in nome dei soldi, sempre pochi e maledetti, che si guadagnano lavorando per l'esercito mediatico del bene. Anche perché il timore che ciò non sia poi così vero è tutt'altro che inesistente.

(E dire che la D'Amico, con quella sua voce orrenda, manco mi sta simpatica.)

***

La psichiatria è l'ultima frontiera dell'antiberlusconismo”, ha sentenziato venerdì scorso Cruciani alla Zanzara, convinto di aver detto una cosa intelligente, dopo che una signora era in trasmissione dicendosi certa che il premier è un depresso cronico.

In realtà, che Berlusconi sia affetto da disturbi della personalità è un'ipotesi che si avanza da sempre, senza che mai essa diventasse un caposaldo su cui fondare l'iniziativa d'opposizione all'attuale premier da parte di partiti politici, movimenti d'opinione e mezzi d'informazione di area di centro sinistra. Nessuna novità dunque. Né ultima frontiera, né prima frontiera. Tutto uguale a sempre.

Ciò detto, ad ogni modo, nessuno in buona fede può affermare che certi atteggiamenti un po' inusuali del premier, anche in situazioni e scenari istituzionali, e certe ossessioni non frequenti per la età (le ragazze, il sesso), possano e debbano passare inosservati. E' sicuramente un personaggio fuori dal comune, il nostro premier. Di ragioni per dubitare seriamente della sua sanità mentale non ce ne sono (anzi, le mille leggi ad personam a difesa dei suoi interessi fanno pensare ad una lucidità assoluta), ma non vi è dubbio che buone dosi di egocentrismo e narcisismo siano elementi che caratterizzino la personalità del cavaliere.

Basta la presenza di una spiccata autostima a definire "pericoloso" un soggetto, a maggior ragione nei casi in cui questi detiene nelle sue mani un grande potere? Io non lo credo. Al più il cavaliere fa solo fare terribili figure di merda al nostro paese in contesti internazionali.

Ma se Cruciani, così, per gioco, anziché limitarsi alle sue inutili frasette ad effetto volesse imboccare la strada del Berlusconi "disturbato", anche solo per vedere dove porta, beh, almeno un soggetto interessante da intervistare ci sarebbe. Si tratta del luminare della psichiatria Luigi Cancrini, ex deputato per i Comunisti Italiani, secondo il quale (cito da una sua intervista del 2009), Silvio Berlusconi è nientemeno che a “rischio di progressiva perdita del contatto con la realtà”. Sarebbe interessante dialogarci, no? Giusto per verificare se il suo giudizio è condizionato dalle opinioni politiche o meno.

Sì, sarebbe interessante. Ecco perché non succederà mai.

------------------------------------

Marlene Kuntz, "La lira di Narciso" (2005)




Nell'acqua ciò che è intorno a me
si specchia con me
riflesso in un'immagine
che si anima di quello che anima me...


10 commenti:

Francesca ha detto...

Non so a quanti potrà interessare come invece ha colpito me, ma uno degli argomenti de l'ultima Zanzara è stato l'autoreferenzialità del TG1.

Ora…, con tutto quello per cui si potrebbe criticare il TG1, che nasconde o mistifica la realtà, che gli editoriali del direttore siano da Istituto Luce, prendersela cosi tanto perché Attilio Romiti (che un tempo, mesi fa, era una delle “fisse” di Cruciani) parla del Premio Internazionale per l’Adriatico conferito al direttore del Tg1 Augusto Minzolini , ricevuto tra l’altro proprio dalle mani del collega Romiti e dal sindaco di Fermo (AN) “per il coraggio e lo spirito di rinnovamento con cui dirige il Tg di Rai uno”.... francamente....
Piuttosto, caro Cruciani, a Minzolini andrebbe riconosciuto “Il coraggio del silenzio visto che il Tg1 del giorno dopo, alle 13,30, si guarda bene da dare notizia e immagine di quanto stava accadendo a Roma nei confronti dei terremotati aquilani” ma qui sappiamo bene lei come la pensa!

Ma per tornare all’autoreferenzialità ...... ma è un caso che sia proprio lei, Cruciani, a fare questo rilievo?
“Chi è senza peccato.....”
Nell’ultima settimana la Sua Radio ce l’ha propinato in ogni modo, credo di non essere io la sola ad averlo notato!

Con ordine:

Mercoledi 07/07 sera in chiusura di Focus Economia, verso le 18.25 Barisoni la chiama addirittura in trasmissione a parlare in diretta per il lancio della Zanzara e di quello che sarà il tema da Lei scelto per aprire l’appuntamento;

Giovedi 08/07 mattino notiziario delle 7 la giornalista (mi pare Catia Caramelli) parla di un certo argomento dibattuto anche a La Zanzara della sera prima

Giovedi sera 08/07 nella trasmissione di Carlo Genta sui mondiali, ospite Cruciani, insieme al pelato, a gufare contro gli spagnoli (e ben vi sta! Come godo!!!)

Per finire:

Sabato pomeriggio 10/07 in diretta alle 13.30 (stamattina presto in replica) Cruciani viene intervistato dalla college Raffaella Calandra nella sua interessante rubrica “Storiacce” dove solitamente si parla di mafia e misteri italiani.

Intervistato ovviamente per parlare della sua ultima fatica letteraria e del caso Battisti, come si puo’ sentire nell’audio:

http://www.radio24.ilsole24ore.com/popup/player.php?filename=Sat13.mp3&archivio=1 (dal minuto 33)

Forse che con la nuova direzione di Radio24 si sono aperti nuovi orizzonti anche per il nostro conduttore preferito?


Voglio aggiungere, a margine dell’intervista di cui sopra che la stessa ci consegna un Cruciani “mitraglia” , capace di respingere soprattutto la domanda clou: “perché focalizzare la propria attenzione su Battisti e non altri eccellenti nomi come Zorzi o Casimirri?” Risposta facile facile e..... bugiarda!
“Zorzi è cittadino giapponese e Casimirri, riparato in Nicaragua, è cittadino di quel Paese a tutti gli effetti”!

La verità è un'altra, mi appare chiara ed evidente, è il suo messaggio contro le élites intellettuali francesi e brasiliane che proteggono Battisti e influenzano le decisioni di estradizione perché essere scrittori conta assai.

Ascoltare per credere!!!!

francesco.caroselli ha detto...

Clap clap
Sia per Autahn che per Francesca (orami a tutti gli effetti "crucianologa")

Francesca ha detto...

Davvero solo figure di merda?

L'intervento odierno del premier al Forum del Mediterraneo (12-13 luglio) per future sinergie di qua e di là del mare:
"Ho inaugurato la politica del cucù".
E si concede una battuta:
"Non sono più un playboy ma un playold"

intanto, segnalo anche l'articolo de La Stampa di ieri per gli appassionati di potere & potenti:

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=7579&ID_sezione=&sezione=

Sull'incredibile Bruno Ermolli presidente di Promos, azienda speciale della Camera di Commercio di Milano, ed ideatore del 2° Med Forum.

ciao

Francesca ha detto...

TOTO-ZANZARA (che lascia orfano PaoloVE!)

Massimo Bordin conclude la sua permanenza a Radio Radicale per incompatibilità con l'ex-monumento della cultura libertaria!

http://www.corriere.it/politica/10_luglio_12/se-radio-radicale-perde-la-voce-rauca-di-Bordin-battista_264f6d24-8d8f-11df-a602-00144f02aabe.shtml

ora Bordin avrà ancor piu' tempo per Omnibus su LA7 dove spesso succede di apprezzarlo con quel suo inconfondibile pacato e signorile stile.

nike ha detto...

Dal link alla intervista con la D'Amico:

Simona Ventura ha detto al nostro giornale che la politica è ormai un blob verdastro, che occupa ogni spazio.
«È vero, ed è anche un grande ufficio di collocamento per le dame bianche di cui parlavamo prima. Destra o sinistra non importa».


Donne arrivate che chiamano ancora a loro modo tutte le loro colleghe di sesso, “puttane”. Certamente è vero quello che viene asserito nell'intervista sia da parte della Ventura che dalla D'Amico, ma porca miseria, possibile che siano così berlusconizzate pur professandosi di sinistra da continuare a non dire, ad esempio, una risposta qualsiasi che poteva essere:”«È vero: è un grandissimo puttanaio, un vero e proprio ufficio di collocamento per dame e cavalieri, bianchi, e di colori assortiti». No, le solite stronzate, una bautade, come va di moda adesso, il linguaggio che secondo questi stronzi arriva a chiunque (il Cavaliere S.B. principe insegna).

È uno scandalo?
«Nessuno scandalo. Noi italiani siamo abituati.


Sì, certo; se hai visto l'ultimo film “Italians” di Verdone. (Sordi lo capivo ed era patetico, Verdone è addirittura pervicace nel patetismo).

Arriva il diluvio universale. Sull’arca può portare solo un politico: chi salva?
«Quelli del Pd è inutile, una volta a bordo si getterebbero in acqua da soli. Salvo Pannella: verboso, incontenibile, disinteressato, coraggioso. Non potrà mai essere a capo del governo, ma è il giusto tributo a un sognatore».

Non mi aspettavo nulla di diverso da una vipparola un' “artista” della televisione. E Cruciani senza essere un vip tv si comporta uguale, e inoltre è anche più ignorante della D'Amico. E forse perfino della Ventura. E conduce una delle trasmissioni più ascoltate di radio24, anche se preferisco in assoluto su tutti Nicoletti diMelog: ha il senso dell'umorismo,e mi fa sbellicare :D


“La psichiatria è l'ultima frontiera dell'antiberlusconismo”, ha sentenziato venerdì scorso Cruciani alla Zanzara, convinto di aver detto una cosa intelligente, dopo che una signora era in trasmissione dicendosi certa che il premier è un depresso cronico.

Secondo me è pagato dalla Lega, o dalla propaganda complottista
LOL
: “Sigmund Freud era un massone”.
Cose così :D

L'ho sentita la signora che afferma che è stata in psicanalisi per la depressione per anni e anche se era una tantino ridicola, chi non ha mai pensato che Berlusconi dovrebbe non dovrebbe essere internato, o almeno sottoposto a TSO, dopo una qualsiasi dichiarazione tipo : “pensate di essere in vacanza” ai terremotati dell'Aquila, o “cu cu!” alla Merchel, o “è anche abbronzato” diretto ad Obama il Presidente eletto degli Stati Uniti, o quando ha dato del “ Kapò” ad un membro del parlamento europeo.LOL

Silvio Berlusconi è nientemeno che a “rischio di progressiva perdita del contatto con la realtà”.

E' troppo ricco! Avere un qualsiasi contatto con la “realtà”? Non è per lui: la Realtà della gente, del Popolo. Hai presente la Politica? Non fa per lui, per Silvio intendo e tutti i suoi sodali. :)

francesco.caroselli ha detto...

la puntata è stata molto molto triste.
troppo triste.

piena di finta allegria.
piu del solito.

L'intervista al medico di Berlusconi Zagarello Zarrillo Ziliani (mi è venuta la emiliofedite) è stata il top dell'inutilità.
Per metà del tempo si sono decantate le virtù quasi sovraumane del nostro premier e il resto del tempo è stato egualmente diviso per chiedere se realmente si può arrivare a 150 anni e se c'è chi ci vuole arrivare.

Siamo oltre la normale zanzara.
La zanzara-tigre?
un baffo
questa è la mosca tze-tze.
Mosca perchè si posa sulle mer*e che il SB lascia e rilascia (ad arte) per sviare l'attenzione, e tze-tze perchè provoca una malattia pericolosa e contagiosa.
Il cazzeggio a tutti costi.


Cruciani mi sta simpaticissimo (giuro) ma la trasmissione di oggi è pericolosa


PS- paoleVe è scomparso? o è semplicemente in vacanza? (beato lui)

The Old Arcade ha detto...

L'articolo di Cruciani non è per me scandaloso per il semplice fatto che la sua attitudine "anti-anti" l'ho sempre vista come una forma di berlusconismo dettata dalla superficialità un pò cafona del nostro.

Certo in sto periodo la rabbia sale.

Non ci sarebbe altro da aggiungere se non il classico "no, no, ma vada a farsi fottere..."

Io ribadisco che il duetto con Telese è ottima radio. Ma appena egli mette giù il telefono spengo la radio.

Michele Reccanello ha detto...

sto ascoltando la replica notturna de "la zanzara" e concordo con the old arcade: dopo telese vien voglia di spegnere in particolare Stasera con un cumulo di inutilità a cominciare da Don Verze.
Per quanto riguarda quella che è stata definita la P3 o le cene a casa di Vespa solito minimizator. Noto con dispiacere che ogni giorno che passa il Crux è sempre più fan di un governo che rimane in carica solo per uno, ma che difatto non governa.

Francesca ha detto...

Basta la presenza di una spiccata autostima a definire "pericoloso" un soggetto, a maggior ragione nei casi in cui questi detiene nelle sue mani un grande potere? Io non lo credo. Al più il cavaliere fa solo fare terribili figure di merda al nostro paese in contesti internazionali.


Ecco, leggendo oggi Michele Brambilla (ex del giornalino di zio Paolino, come il sig. Teresio!)

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=7585&ID_sezione=&sezione=

sono ancora piu' convinta della mia fissa di anti-B, dell'utilità del boicottaggio e della volontà di evitare in ogni modo possibile la contaminazione con il magico mondo di Mister B(ean), le sue TV e i suoi interessi, per come poi certi valori spregiudicati di autoassoluzione sono diventati fondanti del partito-azienda del sorriso.
Senza alcun furore ideologico a priori, ma la convinzione che, alla base dei bizzarri ed incoerenti comportamenti dell’arzillo PDC affetto da incontinenza verbale, ci sia anche e proprio un serio problema di salute mentale che va aggravandosi di giorno in giorno!
Al punto che ieri diceva di voler vivere fino a 150 anni e oggi di Carboni invece "Non si incarcera uno che ha 78 anni"
E perchè no?, in fondo è solo nel mezzo del cammin di nostra vita!

Aggiungo che come ben sappiamo indignarsi equivale a proclamarsi forcaioli e giustizialisti, concetti lontani mille anni luce dal garantismo di scuola crucianiana!
E cosi', mentre dai titoli del TG1 di ieri si è sentito il silenzio tombale sull'inchiesta eolico che coinvolge la cricca PDL, tutti i GR di Radio24 hanno mandato la notizia in apertura a tutte le edizioni, ma il nostro PDC oggi dichiara come sempre che è tutta una montatura, che è la variante di complotto.

francesco.caroselli ha detto...

Ieri ho aaxoltato solo sales sette e mezza in poi. Qualcuno
I può dire se si e' parlato dell'uso criminale della giustizia che i tirapiedi di B hanno fatto?