martedì 30 marzo 2010

Venti forti da nord

Ognuno usa i propri criteri per definire vincitori e vinti di una consultazione elettorale su base regionale, e io ho i miei, che a dire il vero sono gli stessi anche per le altre elezioni. Confronto il risultato finale con quelle che erano le ragionevoli aspettative.

Per entrambi i poli il "minimo sindacale" era portare effettivamente a casa le regioni che tutti i sondaggi davano per certe o per molto probabili. Quattro per il centrodestra, sette per il centrosinistra. Cosa puntualmente avvenuta.

Ma la partita vera si giocava nelle due regioni in bilico, Piemonte e Lazio, su cui entrambi gli schieramenti riponevano le summenzionate "ragionevoli aspettative". Essendo entrambe le regioni andate al centrodestra, sebbene per un pugno di voti, tale polo è indiscutibilmente quello che esce vincente dalla tornata elettorale, dalla quale, com'è di tutta evidenza, non è arrivata quella spallata nei confronti dell'attuale maggioranza di governo auspicata dall'opposizione. Sotto questo punto di vista, la sconfitta per il PD è cocente. Così hanno deciso gli elettori e di questo bisogna serenamente prendere atto. E' la democrazia bellezza, e ora e sempre viva la democrazia.

Fatte tali premesse, mi lancio in qualche considerazione sparsa:

1) Chi esce trionfante dalle elezioni è chiaramente la Lega Nord, il cui potere contrattuale è ora ancora più ampio. Come questo dato si tradurrà in termini di riforme a livello nazionale è un film interessante di cui non è facile indovinare il finale, visto che il federalismo fiscale in divenire è estremamente svantaggioso, da un punto di vista economico, nei confronti del mezzogiorno, assuefatto all'assistenzialismo. Una resa dei conti nord/sud tutta interna al centrodestra è all'orizzonte, perché prima o poi la pantomima della coalizione unita e coesa alla "come è bello far l'amore da Trieste in giù" dovrà finire, e i nodi venire al pettine.

2) Se le riforme fossero l'unico vero fulcro del Carroccio, l'ascesa inarrestabile di tale movimento sarebbe ai miei occhi, che da sempre vedono il federalismo fiscale con grande favore, estremamente interessante. Peccato che la benzina di questo motore innovatore e riformatore consista in quella medievaleggiante, antistorica, retrograda animosità nei confronti degli immigrati considerati come un tutt'uno, senza reali distinzioni tra chi delinque e chi no. Solo un cieco può non vedere che l'humus su cui prospera la Lega rimane sempre la xenofobia e ciò, nella mia personale percezione, avvelena tutto quanto di appetibile ci possa essere nel movimento padano.

3) Il PD continua ad avere un enorme deficit di credibilità, di leadership e di capacità di penetrazione nell'elettorato. Le idee latitano e quelle poche che ci sono vengono mal comunicate. Bersani è tanto una brava persona ma non ha carisma e non sarà mai in grado di attrarre nuovo consenso in termini significativi. Con questo non voglio dire che debba essere rimosso, anzi. Il balletto dei segretari deve finire. Però è bene che il PD inizi un percorso che porti ad individuare un candidato "con i controcoglioni" per il 2013. Mancano tre anni, è vero, ma conoscendo la reattività del maggiore partito d'opposizione, tre anni son persin pochi.

4) Berlusconi esce indenne dall'ennesimo referendum su di lui. Andando a ben vedere il PDL sembra aver perso un sacco di voti (in termini assoluti a vantaggio dell'astensionismo e in termini relativi a vantaggio della Lega), ma il cavaliere vince anche quando perde. Vedremo come il premier gestirà la resa dei conti di cui al punto uno, quando avrà luogo.

5) L'astensionismo è stato bipartisan, e non ha inciso. Ha ragione Giuseppe Cruciani, è un tema su cui ci si sta soffermando troppo. Già in passato ci furono bruschi cali nell'affluenza ai seggi, ma poi ogni volta si è successivamente tornati a livelli medio-alti.

6) E per ultimo mi tolgo un sassolino dalla scarpa per tirarlo metaforicamente sul grugno di una delle persone più odiosamente tracotanti dell'universo: Vittorio Sgarbi, sulla cui lista Rete Liberal, inneggiata dal nostro Cruciani con tanto di “spada di fuoco” alzata al cielo, avrebbero dovuto confluire, in conseguenza del caos liste, tutti i voti dell'elettorato PDL in Lazio (“Ci aspettiamo almeno il 12% dei voti e con questa percentuale puoi ottenere più di tre assessorati, tra cui cultura, turismo e riforme. Io saro assessore alla cultura”, disse il critico d'arte dieci giorni fa). Ebbene, Rete Liberal ha preso in tutto il Lazio lo 0,64%, percentuale a cui corrispondono zero seggi. In particolare, Sgarbi, quale candidato consigliere nella circoscrizione di Roma, ha ottenuto solo 515 preferenze. Cinquecentoquindici. A buffone.

--------------------------------------------------------------

Subsonica, "Giungla nord" (1997)




Nebbie di qui
Ci avvolgono
Come titoli di coda
Su storie a lieto fine
Vivere qui, insieme a te
Nel freddo, stringerti
Negli anni, stringerti


137 commenti:

Francesca ha detto...

Anche il partito comunista dei lavoratori di Florenzo Doino (super sbeffeggiato da Cruciani in una puntata di Mission Impossible che non farete fatica a ricordare...) non ha avuto seggi in Basilicata come potete vedere qui:

http://www.repubblica.it/static/speciale/2010/elezioni/regionali/basilicata.html#risultati

ma ha preso piu voti di Sgarbo Sgarbi.

A Buffone!

Ornette ha detto...

Ciao Authan, condivido la tua analisi sulle elezioni; vorrei aggiungere solo un'unica cosa a cui non hai accennato, ovvero il buon risultato del "Movimento 5 stelle", del quale sembrano per la prima volta accorgersi anche i media "per vecchi" (tv e radio), dopo averlo completamente ignorato in campagna elettorale. Sarà populista, demagogico, ecc., ma se non altro è un partito di giovani, e questo fa ben sperare in un futuro migliore.. Unico godimento per il sottoscritto della tornata può essere, come sembra stia avvenendo, la sconfitta di Brunetta che, oltre per l'ipertrofico ministro, sarebbe uno schiaffetto (diciamo una scoppola o un coppino) anche per il PdL e il Presidente. Chi si contenta gode..

nessuno ha detto...

La colpa è tutta di Cruciani, di quel pietoso di Cruciani.

AAA elettore di centrosinistra per elezioni 2013 disperatamente cercasi.

Sei il milionesimo visitatore. Per verificare quale premio ti è stato assegnato – una Ferrari o un giro del mondo in 180 giorni su una lussuosissima nave da crociera - clicca qui.

Si accettano anche elettori delle 5 stelle o del popolo viola (che il viola già porta male di suo) da redimere e riavviare sulle retta via.

AAA elettore di centrosinistra disperatamente cercasi.

Disponiamo di tantissimi giornalisti ed opinions leaders di chiara fama e di (in)discussa capacità, di conduttori, saltimbanchi e satiri(ci) rinomati.

Gente che dice: Me ne fotto di quel che sembro, M’importa di quel che (inutilmente) sono (perché io sono io, vuoi mettere?)

Gente che si salva perché sognatrice (I am a dream) di una destra come vuole lui e che esegua quello che vuole la Rosetta Bindi.

Gente super partes.

Gente che quando non vince – non si dica mai: quando perde – dà la colpa a Cruciani, il penoso Cruciani.

Ci mancano soltanto gli elettori.

Ma è un dettaglio di nessuna importanza.

AAA elettore di centrosinistra disperatamente cercasi per elezioni 2013

PaoloVE ha detto...

@ authan:

credo tu abbia toppato il contributo multimediale: mai come oggi ci stava bene un "Tramonti a nord est"...

Per il resto condivido gli spunti della tua analisi. Mi consolo con le proiezioni veneziane: (almeno) in questo caso sono un soddisfatto afflitto da sindrome NIMBY :-)

Saluti

Paolo

Francesca ha detto...

caro Paolo, anche per me sarebbe in qualche modo una congura rivincita se a Lecco il candidato di centro sx, ora in testa con quasi il 50% e a spoglio quasi ultimato, fosse confermato su nientepopodimeno che il ministro ad minkiam HarryPotter-Castelli che sta adesso al 45%!

I hope....

Lorenzo ha detto...

Continuo a non capire
il PdL ha perso 11 punti percentuali dalle politiche 2008
undici punti in due anni
se non e' un tracollo questo...
ineve tutti a incensarsi a destra e a disperarsi a sinistra
ma la matematica non l'insegnano piu?

Authan ha detto...

Paolo,
La canzone di Elisa, intendi? Che poi s'intitola "Luce". Bellissima, me la tengo per un'altra volta :-)
authan

PS: E poi il Piemonte sta a nord-ovest :-))

PS2: ascoltalo, il pezzo dei Subsonica, e' una meraviglia.

PS3: x tutti. Ma in generale li ascoltate i contributi musicali o li ignorate? A volte metto perle assolute che passano sotto silenzio :-(

nessuno ha detto...

A Lorenzo

Ha tutte le ragioni.

Io questa notte scrivevo: Allora, alle 23,56 del 29/03/2010 la tenzone si è conclusa da 11 a 2 a 7 a 6 a favore del centrosinistra.

Cosa augurare a centrodestra e centrosinistra?

Che il secondo vinca sempre così e che il primo perda sempre così.

Ciao

Michele Reccanello ha detto...

Uno spunto interessante è in merito a quel pallone gonfiato di Brunetta:

Contro ogni previsione, niente doppio incarico.
Cruciani almeno per questo sarà a lutto.

P.S. Grazie a Vendola per il "calcio nel sedere virtuale" a Baffino

Michele Reccanello ha detto...

@Authan

sul PS3: Qualche volta si e qualche volta no. Più interessante "chiaccherare"

PaoloVE ha detto...

@ lorenzo:

il PDL può perdere tutti i voti che vuole e non preoccuparsene, almeno sino a quando gli altri ne prendono meno di lui, come avviene adesso.

In più, invece di massacrare gli alleati come ha fatto il PD nelle ultime tornate elettorali, li ha fatti crescere, il che garantisce ulteriori spazi di manovra politica ad SB (se i tuoi alleati vincono per te, dov'è il problema?).

Aggiungi che probabilmente riuscirà ad assorbire una parte dell'UDC, che si è dimostrato ininfluente e quindi cercherà posti e poltrone altrove (ha pesato solo in liguria) ed ottieni il motivo di tutta questa tranquillità a destra.

Saluti

Paolo

bart27 ha detto...

Accetto la sconfitta, gli errori sono errori e si pagano.

Accetto la sconfitta, sebbene, da tempo, non abbia più un partito di riferimento.

Ma a chi festeggia chiedo una cortesia, perché voglio sinceramente CAPIRE.

Si guardi questo comizio della Lega

fatto?

Bene, ora chiedo: cosa avete da festeggiare?

Che futuro vi aspettate da quelle parole digrignate alla folla? Chi parlava era una mela marcia, oppure era semplicemente un sincero in mezzo a molti acrobati delle parole?

saluti
bart

Pale ha detto...

@ Ornette

Vorrei solo rispondere con questa frase che ho scritto ad un mio amico grillino stamattina:

L'autocastrazione è una missione della sinistra italiana

Il Piemonte deve proprio ringraziare i grillini che non hanno votato Bresso. Ma il voto disgiunto era tanto difficile? Ma forse per loro è più divertente contarsi che contare!

Scusate ma sono imbufalito oggi. Accetto il risultato, faccio i complimenti a chi ha vinto (Lega Nord) e rimbrotto chi ha perso (PD). Però non posso non imbufalirmi quando vedo che i grillini sono pure soddisfatti: "Che bello, abbiamo fatto un ottimo risulato. E se la Lega ha vinto, vabbeh, tanto sono tutti uguali quelli sporchi politici!"

Se poi i grillini piemontesi hanno votato contro la Bresso per la questione TAV allora ho un'altra idea che ho scritto al mio amico grillino/viola e che da condividere con voi (e vediamo se voi la condividete!).
Parliamoci chiaro. La TAV si farà e non ha senso opporsi ancora. Quello che bisogna fare è controllare che tutti i lavori vengano fatti nel modo migliore possibile. Se si continuano a fermare i lavori, protestare e basta, quello che succederà è che le cose saranno fatte lentamente (con enormi disagi per tutti), costosamente e malissimo (soprattutto dal punto di vista ambientale). Tanto vale cambiare strategia. Il dialogo lo si deve cercare sui punti di contatto, non su quelli che giocoforza non potranno mai esserci.

@ Authan

Io i contributi spesso li ascolto. Adesso che ho pure le casse sulla scrivania dell'ufficio ancora di più! ;)

Pale-biffedan

Francesca ha detto...

Ufo Robot non l'ha presa benissimo...
aahahahahh!!!

ste76 ha detto...

@Pale
La TAV si farà e non ha senso opporsi ancora. [..] Il dialogo lo si deve cercare sui punti di contatto, non su quelli che giocoforza non potranno mai esserci.

Assolutamente vero. Esempio proposta banale (e banalizzata) a coloro a cui la TAV passa tanto vicino: sconto sui trasporti. E agli idealisti che dicono che e' una questione di principio e non di soldi un bel pugno di mosche.

nessuno ha detto...

A Bart27

Il filmato l'ho visto.

Bene, ora chiedo: cosa avete da festeggiare?
Che futuro vi aspettate da quelle parole digrignate alla folla?


1° Gentilini vuole la rivoluzione come Monicelli intervistato da Anozero. Sono rivoluzioni contro "entità" diverse, ma sempre rivoluzioni.

2° Che cosa mi aspetto da "questi"?
Personalmente niente, perché io sono di altra etnìa. Sono siciliano ed i siciliani in tremila anni di Storia non hanno mai fatto la guerra a nessuno, nemmeno a Malta. Sono stati sempre conquistati senza colpo ferire da bianchi e neri nel corso dei millenni e sono stati il ricettacolo di tutte le civiltà esterne..
"Questi" invece sono gli stessi che hanno fatto grande, immensa la Repubblica di Venezia.
Gli stessi che in parte hanno fatto il Risorgimento.
Gli stessi che hanno combattuto sul Carso e sul Monte Grappa nel
'15-'18.
L'Italia è fatta anche da "italiani" di questo genere da cui sono nati Nereo Rocco, i Marzotto. Fabio Capello, Roberto Baggio ed Alessandro Del Piero.
(Scusate la retorica, ma ogni tanto srerve anche lei e la sinistra ne ha sempre la bocca piena).

Chi è stato generato dalla sinistra?

Alla sinistra non piacciono le parole di Gentilini ed il popolo che lo applaude e ne condivide i programmi?

Che cosa è "capace" di fare la sinistra per convincere quel popolo ad abbracciare altri programmi?

La sinistra non si perita di confrontarsi con quel popolo per il quale non organizza nemmeno la più scarna festa dell'Unità di cui invece riempie le estati dell'Emila
e forse anche della Toscana.

E allora la sinistra, cosa si aspetta?

Di vincere?

Sostenendo Anozero ed il coprofilo Luttazzi?

Francesca ha detto...

e nemmeno Castelli!

Michele Reccanello ha detto...

A proposito di TAV:
Premetto che non sono ne a favore ne a sfavore, rifletto su vari aspetti della faccenda e visto che ne parlate ho delle domande da farvi:

- Visti i prezzi attuali dei biglietti aerei che mi sembrano competitivi, e anche considerando anche la velocità con cui aereo e treno si muovono, secondo voi ha senso costruire una ferrovia che, visto come vanno le cose da noi, ci costerà assai di più rispetto alle realizzazioni di altri paesi europei, e che chiaramente come in tutte le opere pubbliche c'è chi ci mangia parecchio tra politici, imprese e criminalità organizzata?

- La TAV avra un impatto ambientale, per dare un'idea il tunnel della TAV tra Firenze e Bologna ha causato il prosciugamento di diverse sorgenti. Inoltre pare che sotto le alpi ci siano dei giacimenti di uranio e radio (minerali radioattivi). Sono problemi che vanno considerati nella realizzazione della ferrovia?
E infine:
- Secondo voi non sarebbe semmai più giusto impiegare quei soldi per migliorare il traporto merci su ferrovia?

Grazie di ciascun contributo.

Authan ha detto...

Contributo che dovrà andare nel pozzo degli off topic. Grazie.

Francesca ha detto...

@ nessuno

meno male che stasera riprende BALLARO'
cominciava a mancarmi troppo

scommetto che c'è il ministro La Rissa e la Carlucci che pure mena forte!

domani ancora Telese e finalmente giovedi torna SANTO SANTORO con BEATO TRAVAGLIO!!

speriamo ci sia il soave Bondi...

francesco.caroselli ha detto...

condivido la goduria per l'inabissamento di Sgarbi.
E brunetta?
Hai visto che scoppola per il mini-stro? Orsoni? e chi è costui? tutti, ma non renatino..ehehehe
(ha ragione Ornette: chi si accontenta gode)

Viva Vendola che gli elettori ce li ha...
Aff a D'Alema!
Il PD deve morire, o almeno deve sbarazzarsi dei suoi leader "storici".
E perchè parlate sempre di bersani?
si scrive bersani, ma si legge D'alema.


PaoloVe ha detto ciò che ieri non sono riuscito ad esprimere con un fiume di parole
n più, invece di massacrare gli alleati come ha fatto il PD nelle ultime tornate elettorali, li ha fatti crescere, il che garantisce ulteriori spazi di manovra politica ad SB (se i tuoi alleati vincono per te, dov'è il problema?)
Grazie Paolo di dare corpo e sostanza alle mie parole( anche se so benissimo che non era il tuo fine)
Proprio per questo motivo Pale dovrebbe smetterla di arrabbiarsi con i grillini, perchè i grillini sono dalle parte giusta.
Hanno idee semplici we concrete, sono non-professionisti e sono freschi.
E inutile che ti incazzi, io fossi stato in piemonte la Bresso non l'avrei votata in ogni caso.
Please don't kill the baby


Cmq il futuro è molto semplice.
(sarò io che sono sempliciotto?)

La lega avrà il suo federalismo fiscale e B avrà la tanto agognata "grande riforma della giustizia" (o come la chiamo io: tana libera tutti).

B non andrà mai contro la Lega.
Gli interessi non si contrappongono, quindi tutti contenti.
L'unico problema potrebbe essere il Sud che si ribella, ma fino al 2013 non si capirà, e quindi c'è tutto il tempo.


Molto interessante sarà il PD.
Premettendo che non ha NESSUNA possibilità di vincere, nemmeno nel 2013, per il solito squilibrio delle forze (e anche per incapacità).

In queste grandi riforme che farà il PD'

Ha 2 strade:
-Opporsi strenuamente
-appoggiarle, o cmq non opporsi troppo, con relativo scambio oscuro sottobanco di chissà che cosa.

Infatti entrambe le riforme (federalismo e riforma della giustizia) hanno bisogno di modifica costituzionale.
Si puo SOLO fare in parlamento e allora il PD diventa necessario per avere i 2/3...e amen.
oppure si puo fare in parlamento a maggioranza semplice, ma con lo scoglio non indifferente del referendum confermativo.

Cosa farà il PD?

Michele Reccanello ha detto...

@Authan

Grazie, va bene lo stesso.

nessuno ha detto...

a Pale, sulla TAV

Vedremo come andrà a finire.

Ricordo solo che qualche mese fa facevo notare che Napolitano si era affrettato a recarsi a Reggio Calabria per quella bagatella di Rosarno subito riassorbita, perché sapeva di non rischiare nulla.

Anche se qualcuno per l'occasione ha fatto ritrovare un'auto con dell'esplosivo per "eroificarlo" un po'.

Mentre si guardava bene dall'andare a Susa per la TAV che ha ben altra rilevanza economico-politica.

Secondo me perché non ne aveva e non ne ha il coraggio.

francesco.caroselli ha detto...

a Pale e ste76
perchè si deve fare sta tav?
non lo sapete nemmeno voi.
Che minchia me ne fotte di collegare lisbona a kiev? (il famoso corridoio 5)?
niente.
mi puo rendere , come passagero piu veloce il transito sulle alpi?
NO. si tratta di trasporto merci.
Allora mi spiegate la ragione per la quale bisogna rovinare la vita ad un sacco di persone e distruggere per sempre le bellezze della nostra teraa?
Votate PD che è meglio.

Io intanto se provano a mettere su una "pietrina" per il ponte sulle stretto sono gia pronto con molotov e lanciarazzi... che per la Marcegaglia e Impregilo di proiettili ce ne sono in abbondanza.

Sub-cazzone Frascus

Michele Reccanello ha detto...

@Francesco

Condivido in pieno la tua visione.

Con una controindicazione: Un paese ancora più ridicolo. Con a capo - tanto sono convinto che tra 3 anni non cambierà nulla - un piduista, corruttore, ecc. e un (altro) vecchio bavoso dal fazzoletto verde. E Fini messo alla porta!

Il PD sulla via dell'estinzione, e Di Pietro l'unico a fare uno straccio di opposizione (per quel che può contare).

Allegria!

Clem ha detto...

Nessano:

1° Gentilini vuole la rivoluzione come Monicelli intervistato da Anozero. Sono rivoluzioni contro "entità" diverse, ma sempre rivoluzioni.

Sì, va beh, uno è un regista che dice la sua opinione, l'altro è un politico che si candida e avrà il potere di attuare questa opinione. Non c'entra niente, tu lo sai e sei in malafede.
Cmq non era questa la domanda. La domanda era "cosa ci trovate?"
Risposta: "eeeeh, ma anche Monicelli dice le stesse cose!"
Ma non li leggi i commenti prima di rispondere?

"Questi" invece sono gli stessi che hanno fatto grande, immensa la Repubblica di Venezia.
Gli stessi che in parte hanno fatto il Risorgimento.
Gli stessi che hanno combattuto sul Carso e sul Monte Grappa nel
'15-'18.


Ma di che stai parlando? Forse IL NONNO di questi, o IL BISNONNO, o GLI ANTENATI. Ripeto, meno campari col bianco, che poi vedi i Flintstones sui palchi della Lega!

(Scusate la retorica, ma ogni tanto srerve anche lei e la sinistra ne ha sempre la bocca piena).

Lol. Considerando che una settimana fa c'era chi prometteva di curare il cancro, sì, è evidente che la retorica sta a sinistra.

Che cosa è "capace" di fare la sinistra per convincere quel popolo ad abbracciare altri programmi?

Eh no, scusa, rispondi tu: cosa è "capace" di fare la Lega per convincere quel popolo ad abbracciare il loro programma?

Clem ha detto...

Francesco te l'abbiamo già detto, IL TRASPORTO È MERCI E PERSONE, "CRÌBIO!" :-P
E cmq credo che authan avesse suggerito di usare il pozzo degli off-topic :)

francesco.caroselli ha detto...

Quiz di rete

cosa vota nessuno?
Anzi cosa voterebbe?

no PDL e Lega per sua stessa ammissione.

Forza Nuova di Fiore?
La Destra di Storace?

Non mi vengono altri partiti di destra.

Nessuno sciogli l'arcano!

francesco.caroselli ha detto...

No.
i binari della tav non sono compatibili...
pensavo di avertelo gia detto!
Eppoi chi cacchio vuole andare a lisbona o a Kiev con il treno?

Michele Reccanello ha detto...

Vi segnalo questa intervista a Beppe Grillo su "La stampa"

ste76 ha detto...

In un certo senso la TAV non e' cosi' off-topic. La mentalita' no-tav a tutti i costi mi fa pensare ad un altra battaglia tutto cuore e niente cervello che proprio ieri ha fatto vedere la sua inutilita' nociva.

bart27 ha detto...

@ nessuno

1) se io devo scegliere tra mangiare una minestra cattiva e una suola di scarpe, scelgo la minestra cattiva. Ma se proprio non riesco a mandarla giù digiuno.

Posto che io per primo ho molte cose che non mi vanno di questa sinistra, dei suoi giornali (Repubblica), e dei suoi cantori (Santoro), rendo più esplicito il senso della domanda di prima:

è possibile che pur di non avere questa (ripeto, brutta) sinistra ci si affidi a una coalizione dove albergano personaggi come il leghista Gentilini di quel video, che dicono cose non brutte, ma orrende?

2) Se io sento a un comizio di sinistra i soliti bla bla non credibili mi viene da fischiare

Se tu fossi stato al comizio di Gentilini, avresti applaudito?

saluti
bart

Michele Reccanello ha detto...

Per chi ha un account facebook
questi link 1, 2, 3

PaoloVE ha detto...

@ pale:

non voglio essere polemico, ma ti invito a veder le cose dall'altra parte, se ti è possibile.

Ti risulta che il PD abbia provato a trovare un accordo con i grillini?

Eppure in Piemonte e Liguria l'accordo PD - UDC è stato considerato necessario e pomposamente definito "laboratorio politico". Perchè per il movimento 5 stelle sono state fatte valutazioni diverse (e, mi permetto di far notare, evidentemente sbagliate)? Perchè non si rimprovera all'UDC di aver fatto mancare i propri voti al PD in Veneto e Lombardia in assenza di un accordo?

Probabilmente il PD si accorge adesso, dopo la sconfitta e la conta dei voti, che forse sarebbe stato necessario farlo anche con Grillo, ma non l'ha tentato a tempo debito.ti pare un comportamento previdente?

Senza il presupposto dell'accordo ai grillini non si può addebitare nulla. Specialmente perchè come movimento politico mi pare difficile ascriverlo alla sinistra tout court (lo vedrei semmai più vicino all'IDV), ed ancor di più mi pare difficile pensare che possa convivere in coalizione con il più conservatore dei partiti (l'UDC che invece il PD si era scelto come alleato).

Adesso che mancano voti il PD può dispiacersene, prendendosi la sua parte di colpa per non aver tentato l'accordo, ma non può addebitarla solo agli altri.

Mi preoccupa molto il fatto che non vedo nessuno dire "Abbiamo sbagliato a non trovare un accordo con il movimento 5 stelle", ma vedo solo chi dice "Abbiamo perso per colpa di Grillo" non comprendendo che in assenza di accordi Grillo non è un alleato: mi ricorda quando nessuno si è realmente chiesto perchè la sinistra radicale affondava Prodi (anche quando non era lei a farlo, per inciso) ed ha preferito addebitare ogni colpa agli alleati e massacrarli, senza capire dove aveva sbagliato.

E non si tratta di autoflagellarsi (quello lo lascio alla binetti e, come ben si sa, all'intimità lussuriosa di chi lo desideri): mi pare che, ammazzati i vecchi alleati, adesso si pensi di massacrare quelli nuovi potenziali.

Secondo te è possibile sperare di riprendersi in questo modo?

Saluti

Paolo

P.s. di bello sulla trombatura di brunetta c'è che a venezia la Lega gli ha negato quasi metà dei suoi voti (19% alle regionali, 11% alle comunali). Che volete farci, cerco di consolarmi come posso...

Clem ha detto...

Francesco, però non PERSEVERARE nel dire il falso. Questo è il link, te l'avevo già mandato, dai:
http://www.ltf-sas.com/pages/articles.php?art_id=44
Non so se useranno carrozze con scarto speciale o cosa, ma i passeggeri sono contemplati.

Francesca ha detto...

un altro dato consolante è che FN in Lombardia ha preso qualcosa come 11 mila voti e zero seggi.
il candidato Invernizzi che ci aveva dato i brividi de paura!

Michele Reccanello ha detto...

oltre all'articolo sul sito de "la Stampa" di Beppe Grillo, ce un'articolo anche sul sito di Repubblica.it. Al solito parlano di anti-politica, ma secondo me sarebbe necessario distinguere in anti-questo-modo-di-fare-politica.

ste76 ha detto...

Ok ora confesso, anch'io sono dispiaciuto per le sconfitte subite. Chissa' quante cose avrebbe fatto il PD per e in quelle regioni. UUUAHHAHHAHHAHA

bart27 ha detto...

@ Clem

rispondere al Anozero (volutamente scritto con una N sola) scritto da Nessuno, chiamandolo Nessano non mi sembra elegante.

Se invece era un semplice errore scusami

Michele Reccanello ha detto...

sempre sull'intervista su "la Stampa" questo passaggio che mi fa sganasciare:
Pronti al grande salto?
«Ma vi rendete conto? In Emilia siamo arrivati al 7 per cento. Senza le televisioni e i giornali che hanno altri di cui occuparsi. E Casini, che è ogni giorno in tivvù, ha preso poco più della metà. In Piemonte siamo intorno al 4 per cento. Vedrete... questo è soltanto l’inizio. E’ cambiato tutto, ma il Pdl e il Pd meno elle non se ne sono nemmeno accorti».

pinaz ha detto...

@ Pale:

ripeto in parte i miei commenti sul post di ieri sul M5S.

I grillini avrebbero duvuto, per la ragion di stato del PD, non votare secondo la propria convizione per un movimento che propone programmi pragmatici (anche se non condivisibili) in contrapposizione a Pd o PDL che cavalcano il solito "campanilismo dell'ideologia" per raccogliere voti?

E poi non imbufalirti, ti ricordo che quell che i tuoi "beniamini" che hanno perso sono gli stessi che spartiscono le poltrone con il PDL, gli stessi che suggeriscono le risposte all'avversario politico in difficoltà in un dibattito TV, gli stessi che se ne sono STRAFREGATI del conflitto di interesse quando erano al governo salvo poi gridare "al lupo" adesso che sono all'opposizione.

Sono d'accordo con te quando dici (tra le righe) che i leghisti sono il peggio del peggio, personalmente li ritengo sub-persone microcefale ignoranti e razziste (perchè ci vado leggero), ma che cavolo devo fare... votare quelli che gli si oppongono (almeno a parole) ma che quando sono al governo, a causa del frazionamento e della posizione predominante dei cattolici, non riescono a trovare opinione comune neppure sulla procreazione assistita?
Io voto dal 1999 e mai una volta, dicesi una, sarei andato a votare se non per l'emergenza democratica anti-B. Adesso basta, però...
Che facciano vedere qualcosa per cui valga la pena votarli!
Altrimenti il voto lo lascio ai tifosi (PD o PDL non fa differenza) e ai razzisti della lega.
La politica e le elezioni non sono un fatto di tifo, e finchè la sinistra non si metterà bene in testa questo perderà...
Perchè ci sarà sempre quella sparuta minoranza a cui il rospo non va giù.
Un tempo era rifondazione, poi c'è stato l'IDV e adesso i M5S. Se non altro posso affermare che mentre con rifondazione se non era zuppa si trattava di pan bagnato, con il M5S si tratta di un dissenso propositivo, espliciti e soprattutto disinteressato (dove il disinteresse è per la poltrona mentre l'interesse è per il Paese).

ovviamente, IMHO

PaoloVE ha detto...

@ francesco:

treni AV stanno già circolando in Italia ed utilizzano lo scartamento standard di 1435 mm.

http://it.wikipedia.org/wiki/Scartamento_ferroviario#Scelta_dello_scartamento

Il problema è consolidare la sede ferroviaria per poter correre (o trasportare carichi) ed avere percorsi dove non circolino mezzi lenti (sui binari sorpassare è un casino :-))

Saluti

Paolo

ste76 ha detto...

Grillo non mi fa impazzire come politico. Non mi rallegro all'idea di un partito tanto acerbo con del potere politico. Pero' quando vedo il PD dare la colpa a Grillo mi sembrano tanto i francesi agli ultimi mondiali: e il vento qua e la palla tonda di la.

nessuno ha detto...

a Bart27

"Se tu fossi stato al comizio di Gentilini, avresti applaudito?"

No.

Però PER ME la Lega à la minestra cattiva, la sinistra è la suola di scarpe.

Magari PER TE è il contrario.

De gustibus...

Però queste son cose che ci ripetiamo tutti i giorni.

Il grosso problema è che siamo all'indomani di una elezione - regionale quanto vuoi - ed in Italia, su un unico risultato che è grande come una casa, sinistra e destra traggono conclusioni opposte.

La più banale di tutte: ERA TUTTO PREVISTO. Anche se sono stati incollati alla TV fino alle due di notte per sapere come sarebbe andata a finire nel Lazio ed in Pimonte.

Come vuoi chiamare questo fenomeno se non: INCOMUNICABILITA'?

Io ho risposto alle tue domande 1 + 1.

Tu rispondi alla mia.

Clem ha detto...

@Bart: chemmefrega, io mi vesto da H&M ;).
@Ste: mi piace il parallelo noTav/noTuttoIlResto. Anche nell'intervista linkata da Michele traspare, nonostante Grillo tenti di dare una diversa impressione, svicolando su "quello che decideranno i ragazzi" quando gli si chiede dei contenuti.

@Paolo, mi hai fatto cambiare idea su Grillo, effettivamente.
Ma resto del mio parere sulla sinistra estremista vs governo Prodi, dato che in quel caso c'erano alleanze esplicite. Mi rendo conto che il "massacro", come lo definisci, sia stato vissuto come tale dagli esponenti politici di quel partito, ma evidentemente non dagli elettori, che volevano governo e stabilità e che non avendolo trovato sono passati a votare altro (e qui non ho elementi per dire con certezza che siano passati tutti da RC al PD ma mi pare più plausibile rispetto al passaggio RC -> PDL)

pinaz ha detto...

@nessuno

non è INCOMUNICABILITA'. Lo sarebbe se ognuno dei due attante, nel suo intimo, fosse convinto di aver ragione.

Invece oggi la sinistra sa di aver perso, ma lo nega, ieri succedeva a parti inverse.

Questa chiamasi FAZIOSITA', al fine di fomentare il TIFO, ma soprattutto l'APPARTENENZA IDEOLOGICA ACRITICA degli elettori più beceri, che non scelgono per fatti o programmi ma per il simbolo, a prescindere.

Ed è per questo motivo che la gente sana, prima o poi, si stufa e li manda a ca*are

nessuno ha detto...

Io dialogo con chiunque trovandomi in disaccordo con tutti.

Ma non dialogo con chi gratuitamente asserisce che io sono in malafede.

Potrò emettere giudizi simili nei confronti di politici che perseguono loro scopi particolari ammantati da ideale.

Ma non accetto un simile comportamento da chi, non interpellato, si intromette nel dialogo tra altre due persone.

Clem ha detto...

E allora mandagli una mail e non scrivere su commenti pubblici in un blog privato.

nessuno ha detto...

a Francesca.

Dell'inno di Mameli che ha più di 160 anni, ma la musica è di Novaro rimasto sconosciuto, apprezzo solo

Noi siamo da secoli
Calpesti, derisi,
Perché non siam popolo,
Perché siam divisi.

Per me, dopo 160 anni, non è cambiato niente.

bart27 ha detto...

Giustissimo Nessuno, de gustibus

Quella che per me è la minestra cattiva per te è la suola di scarpe

Il punto è che tu non applaudi alle cose orrende dette da Gentilini, ma gioisci per la vittoria della sua coalizione.

Inoltre, le cose dette dal leghista Gentilini sono nettamente fuori dalla nostra Costituzione, e da tutte le Carte dei diritti fondamentali che il nostro piccolo mondo ha prodotto negli ultimi due secoli. Non è un dettaglio.

E' vero, c'è incomunicabilità fra gli schieramenti.

Io, però, distribuisco le colpe non in parti eque.

Si può dialogare tra schieramenti che rispettano, con le parole e coi fatti, la nostra Costituzione. La sinistra ha le sue colpe, ma a chi la nostra Costituzione gli va stretta, di colpe, secondo me, ne ha di più.

saluti
bart

PaoloVE ha detto...

@ clem:

mi fai venire voglia di straconvincerti:-)

Senza voler entrare nel merito:

Nel secondo Prodi a far cadere il governo furono i centristi (remember dini e mastella?), anche se la colpa viene data alla sinistra radicale.

Nel primo Prodi invece RC negò la fiducia alla finanziaria (ottobre 1998) perchè questa includeva i disposti per operare militarmente nell'ex iugoslavia. L'intervento militare in ex iugoslavia violava gli accordi di maggioranza tra Prodi e Bertinotti, al punto che RC aveva chiesto di stralciarlo dalla finanziaria (che così RC avrebbe approvato) e mandarlo avanti con l'appoggio esterno offerto dall'opposizione (in un raro esempio di politica bipartizan). Prodi non accettò di indebolirsi nei confronti della destra e tentò il tutto per tutto. Perdendo. Ma la violazione degli accordi che portò RC alla rottura nacque in casa Prodi.

Saluti

Paolo

francesco.caroselli ha detto...

Sulla TAV (e io la mollo qui. Authan non c'è bisogno di altri richiami promesso)

PaoloVe
tu dici:
"treni AV stanno già circolando in Italia ed utilizzano lo scartamento standard di 1435 mm."
Infatti la freccia rossa e altri non sono "alta velocità" doc, am un compromesso.
L'alta velocità è quella del Giappone e pchi altri.
Poi sul link di Wikipedia che proprio tu mi hai mandato ho trovato questo:

Al momento di adottare ex novo un sistema ferroviario alcuni ritennero prudente adottare uno scartamento diverso, quasi sempre, (per evitare la adattabilità dei mezzi dello scartamento standard), notevolmente più largo; tali sono ad esempio lo scartamento russo o lo spagnolo-portoghese.
ripeto la parte importante:
"tali sono ad esempio lo scartamento russo o lo spagnolo-portoghese"
E la tav nient'altro è che ll Lisbona-kiev.
Ora non ricordo dove lessi che la Tav non è compatibile con i nostri binari, ma il link che mi hai dato solo conferma la mia convinzione.


A Ste76.
Il link che mi hai dato è in francese e non ci ho capito un cispero.La tav potrebbe portare anche passeggeri...
Mah se lo scartamento è diverso come continuo a ripetere, bisognerebbe trovare un modo di farli entrare nelle stazioni questi treni....visto che dubito che ne costruiranno altra appositamente.

PaoloVE ha detto...

@ clem:

dimenticavo di aggiungere che già altri punti degli accordi erano stati disattesi (35 ore,...).
Personalmente credo che il PD sembra aver ereditato dal PCI una concezione di ruolo egemone della sinistra un po' troppo esteso...

Paolo

ste76 ha detto...

@francesco

scusa quale link?

nessuno ha detto...

a Pinaz

Non sono riuscito a capire il senso del tuo intervento.
Non è INCOMUNICABILITA' ma è FAZIOSITA'.

Dove sta la differenza sostanziale?

Secondo me gli esiti elettorali sono il risultato del voto di milioni di persone.
E' la scoperta dell'acqua calda, mi dirai.
Secondo me, le persone votano per l'uno o per l'altro così come sono tifose di Milan o Juventus abitando a Terontola o Canicattì.

Tu parli di gente sana. Ma la gente sana in che via ed a che numero abita?

Quando in treno mi avvicino alla stazione di una grande città, metti Milano o Bologna, io dal finestrino guardo i condomini delle periferie di quelle città che mi scorrono davanti agli occhi.
E mi domando. Chi saranno quelli che abitano in quei condomini?
Sono centinaia di condomini e decine di migliaia di appartamenti dove vivono milioni di persone.

Come fai a stabilire tra quei milioni di persone che non conosci quali sono le persone sane?

Questa notte a Porta a Porta aspettando gli esiti elettorali non ricordo chi ha detto: "Ora la politica, visti i risultati di Grillo (o qualcosa del genere, non ricordo) deve pensare concretamente alle persone".

Sono trasecolato.

Perché, mi son chiesto, la politica, nei millenni della storia dell'umanità e quella degli ultimi cinquant'anni in particolare, nel bene e nel male, di cosa si è interessata se non delle persone?

O ci hanno sempre raccontato balle?

Finisco.

Dici che le persone sane se si stufano i politici li mandano a quel paese.

D'accordo. I politici andranno a quel paese.

E le persone sane dove andranno a finire?

francesco.caroselli ha detto...

Clem disse:
"la somma dei voti di rifondazione con quelli della sinistra moderata, due governi fa, avrebbe fatto vincere quest'ultima. Invece rifondazione è andata da sola dura e pura e risultato: 5 anni di Berlusconi."

grave errore! è veltroni che si presentò da solo per inseguire la vocazione """""""""maggioritaria"""""""

rifondazione non ha tradito ha tradito il solo Ferrando, che infatti è stato espulso e poi formato un suo partitino.
il boccone piu amoro è stata la guerra in afghanistan e iraq
tanti paesi non sono andati...noi si.
Nonostante questo RC appoggiò il governo.
E ti ricordo che la promessa pacifista era uno dei cardino della sinistra, non solo rifondazione.
(c'erano bandiere della pace ovunque)

francesco.caroselli ha detto...

ste76
Scusa il link me l'ha mandato Clem:
"Francesco, però non PERSEVERARE nel dire il falso. Questo è il link, te l'avevo già mandato, dai:
http://www.ltf-sas.com/pages/articles.php?art_id=44
Non so se useranno carrozze con scarto speciale o cosa, ma i passeggeri sono contemplati."

nessuno ha detto...

A Bart27

E' stato interessante dialogare con te.

Ma ti dirò.
A me la Costituzione sta stretta, molto stretta.

Guardando ieri tra mie vecchie carte, mi è capitato di leggere il titolo di un articolo su un giornale del 1992.

Il titolo diceva. Per il ministro Martelli è ora di modificare la Costituzione.

E siamo ancora lì.

Ciao

Clem ha detto...

@Ste, Francesco si è confuso tra me e te, e per te questo NON è un complimento ;)
@Francesco, ci sono 3 bandierine in fondo alla pagina... italiana inglese e francese... su su, fai lo sforzo di cliccare :D
Questo taglia la testa al toro.
Cmq ho risposto nel pozzo degli off-topic qualche ora fa.
@Paolo: per non ripetermi, ho scritto già a commento del post di ieri. Versione breve: io parlavo dell'ultimo governo Prodi, che come tutti sappiamo è caduto per via di Mastella, ma siamo tutti d'accordo che i bertinottiani han remato contro mica male. Tipo Turigliatto. Credo siano questi i fatti che contano, più che dire "ma ha cominciato lui" :)

(oggi sono cazzeggione su internet dato che LHC ha oggi iniziato a collidere fasci a 3.5 TeV per fascio.

francesco.caroselli ha detto...

nessuno-mario
condividi esattamente le stesse idee di B.
Perchè non voti per lui?
perchè lo disistimi?
pensate le stesse cose!
da adesso in poi per me sarai nessuno-silvio!

Viva la costituzione. Ora e sempre.

PaoloVE ha detto...

@ francesco.caroselli:

da link a wikipedia:

"Oggi anche nazioni, come la Spagna, che hanno scartamento maggiore per le linee ordinarie, per le loro linee ad alta velocità hanno adottato lo scartamento standard di 1435 mm."

AUG, ho detto!

Paolo

ste76 ha detto...

Bravo Francesco!! L'hai detto.
c'erano bandiere della pace ovunque!!! Anche a casa mia. E ho speso pure 3 euro. E li ho votati e votati. Pensateci popolo bue di sinistra, pensateci e poi ditemi chi e' che lo sta pigliando in tu u culu. Almeno loro hanno la soddisfazione di essere nel partito dell'amore :D

Michele Reccanello ha detto...

@Clem

Su Grillo:

Anch'io come politico non ce lo vedo proprio. Condivido però le sue posizioni sulla politica che deve essere fatta da persone che non ha avuto precedenti penali, o procedimenti pendenti.
Voglio far notare che fu Grillo nell'86 - con un "leggero" anticipo su mani pulite - a dare dei ladri - ma si sapeva, si fingeva di non vedere - ai socialisti:
"La cena in Cina... c'erano tutti i socialisti, con la delegazione, mangiavano... A un certo momento Martelli ha fatto una delle figure più terribili... Ha chiamato Craxi e ha detto: "Ma senti un po', qua ce n'è un miliardo e son tutti socialisti?". E Craxi ha detto: "Sì, perché?". "Ma allora se son tutti socialisti, a chi rubano?" (fonte: wikipedia; voce beppe grillo)
Per questa battuta fu allontanato (tanto per cambiare) dalla RAI, dove evidentemente non si gradiscono le verità anche scomode.
E qualcuno si ricorda della Parmalat:
"il noto comico Beppe Grillo, in una serie di spettacoli risalenti a diversi mesi prima del crac aveva preannunciato una bancarotta in pochi anni dell'azienda; ciò si verificò, ed egli venne sentito come persona informata dei fatti dagli organismi competenti, e dimostrò a questi che i debiti e i falsi in bilancio erano nettamente visibili già anni prima dello scoppio del caso, e che lui l'aveva detto ma che nessuno gli aveva creduto." (fonte: wikipedia; voce parmalat)

Per non dire del caso Telecom e altro ancora.
Ci sono alcuni aspetti controversi sul personaggio, però credo che abbia un briciolo di credibilità in più (per me) rispetto alla classe politica attuale. Invito a leggere la voce beppe grillo su wikipedia.

nessuno ha detto...

a Francesco Caroselli

cosa vota nessuno?
Anzi cosa voterebbe?

no PDL e Lega per sua stessa ammissione.

Forza Nuova di Fiore?
La Destra di Storace?


Avrei votato la Destra di Storace,
un politico storico prima dell'MSI e poi di AN finchè è esistita.
Ma nella mia circoscrizione la sua lista non era presente.
Quindi non ho votato.
Anche perché il mio voto non avrebbe in alcun modo modificato il risultato in Emilia-Romagna.

Contento, Francesco?

E, visto che ci confidiamo i segreti (di Pulcinella), tu per chi hai votato?

Michele Reccanello ha detto...

@Clem

OT

Avevo già letto l'articolo sul lhc, e sono contento che qualcuno del blog condivide con me la passione per la scienza e la ricerca.
L'avrei anche voluto postare ma credo che Authan non sarebbe stato molto d'accordo.

F®Ømß°£ ha detto...

Buongiorno,

condivido l'analisi di authan, ma vorrei aggiungere qualche osservazione.

Astensione

Chi si è astenuto di fatto ha contribuito a far vincere chi ha preso la maggioranza dei voti.

Solo questo è ciò che rimane e a mio parere, ciò che conta.

Trovo patetica per esempio la rubrica su Repubblica online "Spiega perché non hai votato". Mi trattengo dalla semplicistica risposta à la Crucianì: "Machissenefrega di perché non hai votato", ma semplicementi invito a riflettere sul fatto che tra una settimana del tasso di astensione non si parlerà più, si dirà che la maggioranza approva B.

Il cosiddetto segnale alla classe politica dato con l'astensione è una bufala e, visti i risultati di oggi, B ringrazia e tanti saluti.

Grillini

Non conosco i candidati, per cui mi astengo da un giudizio su di loro. Tuttavia l'effetto concreto del voto per Grillo, specialmente in Piemonte o nelle regioni "in bilico" è stato di far vincere il candidato più "lontano" dagli ideali del movimento 5 stelle.

Le chiacchiere su questo tema stanno veramente a zero.

Come ha scritto Scalfari in occasione di elezioni passate, c'è un voto responsabile da dare.

Qui si continua con l'onanismo intellettuale per cui si inseguono ideali utopistici con la conseguenza concreta di regalare Regioni e Paese a quello che il giorno prima e il giorno dopo delle elezioni si definisce un Governo che mette in pericolo la democrazia.

Se si crede davvero che la democrazia sia in pericolo, se si parla di regime, se si fa il No B day ululando "Vaffanculo", rendersi responsabili della sua vittoria elettorale è una vergogna e c'è poco da rallegrarsi per i segnali di fumo lanciati dove tira vento.

Unica gioia della giornata, la sconfitta di Brunetta, Sgarbi è una tale nullità politica che non lo considero neanche.

Saluti

Tommaso

Michele Reccanello ha detto...

@Tommaso

Come ha scritto Scalfari in occasione di elezioni passate, c'è un voto responsabile da dare.

Il fatto è che si continua a votare per schieramento preso, Pd o Pdl che sia, il che contribuisce al fatto che in uesto paese non cambia niente. Perciò vedo positivamente il movimento a 5 stelle. Il vecchio trombone si sà pende sempre per baffino.
Oggi movimento 5 stelle ha rubato qualche voto al PD (se lo è meritato?), domani chissà...
Dal mio punto di vista il voto è responsabile anche così, ma si sa sono solo punti di vista.


Ciao.

francesco.caroselli ha detto...

Ciao tommaso
non condivido niente di quello che hai detto.

L'astensione non ha premiato nessuno.

Se la massa di B andasse al voto piu compatta vincerebbe ancora di piu.ùInvece tutte queste polemiche in questi giorni hanno un po scazzato il suo popolo che fra la'ltro non vedeva un reale problema perche tanto sono le regionali.

I Grillini sono un fenomeno di protesta?
forse, anche.

Ma se non si capisce che vogliono stiamo freschi.
Se preferiscono far vincere il loro odiato B piuttosto che dare il voto al PD un motivo ci sarà!
E il MIO motivo è questo: come si fa a mandare via una dirigenza fossilizzata e vecchia?
Protestando, votando Grillo.
Che cmq propone cose comprensibili!

pinaz ha detto...

@nessuno

La differnza è che l'incomunicabilità può essere causata sia dalla faziosità (prefrisco "appartenenza ideologica acritica"), sia dall'incapacità oggettiva di comunicare e di comprendersi. Qui nno c'è nessun limite, quindi l'utilizzo del termine "incomunicabilità" potrebbe essere fuorviante. Fatta questa premessa possiamo usare anche il termine che hai detto tu, basta accordarsi sul presupposto di partenza.

"Come fai a stabilire tra quei milioni di persone che non conosci quali sono le persone sane?"

Io non devo stilare una lista, non mi interessa sapere delle persone che incrocio per strada chi sia "sano" o meno. Mi limito a dire, e credo con pieno titolo, che le persone che votano a destra come a sinistra così come sono tifose della Sampdoria o del Genoa non sono sane. Punto. Tanto è evidente che quelli sani sono i tifosi della Sampdoria! :-D

"la politica, nei millenni della storia dell'umanità e quella degli ultimi cinquant'anni in particolare, nel bene e nel male, di cosa si è interessata se non delle persone?"

Fermandoci agli ultimi 60 anni con il suffragio universale, si è interessata troppo spesso degli interessi di pochi piuttosto che della Res Publica. Casi Unipol piuttosto che Minzolini, per citarne due soli...
Non dico che il movimento ispirato da Grillo (non "di Grillo"!!!) sia quello che salverà il Paese. Dico solo che è un buon presupposto avere persone che si impegnano in politica senza logiche di appartenenza o interessi privati in ballo.

"Dici che le persone sane se si stufano i politici li mandano a quel paese.
D'accordo. I politici andranno a quel paese.
E le persone sane dove andranno a finire?"

Le persone sane andranno a bagno, insieme a tutte le altre. Ma nella "dittatura della maggioranza" (che di per sè non sarebbe un male, ma lo diventa quando la maggioranza vota ed elegge per tifo) non c'è altra soluzione, se non quella di rendersi corresponsabili della deriva.

bart27 ha detto...

@ Nessuno

quando cito la Costituzione mi riferisco in maniera sottintesa ai suoi principi di fondo, e all'architettura che ne consegue, fatta di pesi e contrappesi.

Tutto il resto, anche per me, è tranquillamente adattabile ai tempi. (Basta, magari, non farlo a colpi di maggioranza, cosa che hanno fatto o provato a fare tutti, destra e sinistra)

Purtroppo, sempre per me, quando B dice che gli va stretta, temo non si riferisca a quelle parti che io penso siano tranquillamente modificabili.

***

In generale, cambiando argomento, ma non troppo, io sono interessato a capire perché B fa così breccia.
Alcune spiegazioni me le do da solo, mi sembrano semplici. Ma poi mi accorgo che mi sfugge qualcosa, che non capisco, nonostante quella che a me sembra l'evidenza.

Nella mia città non riesco a trovare un berlusconiano con cui confrontarmi nemmeno a pagarlo oro.
Sia perché vivo in una città storicamente di sinistra, sia perché moltissimi berlusconiani non hanno il coraggio di professarsi tali in pubblico.

Per cui, le persone che – per intendersi – "lanciano il sasso e poi nascondono la mano" mi fanno uscire di cotenna, mentre invece rispetto chi professa idee opposte alle mie e ha il coraggio di dirle pubblicamente.
.

Pale ha detto...

Sono contento di aver sollevato un vespaio. Anzi due. Sulla (NO-)TAV e su Grillo.

La cosa più bella è pensate che io sia un PDino di ferro. Niente di più lontano da questo. Tra l'altro nutro anche simaptia ed interesse per le battaglie dei grillini e riconosco loro di portare avanti idee che varrebbero la pena di essere approfondite senza preconcetti.

Il mio ragionamento (ho riletto il mio post, e lo ribadisco) è il fatto che in Italia si tende sempre verso il bene personale e non quello comune. Inutile prendersi in giro, oh gente di sinistra. Se si vuole salire al governo bisogna votare compatti.

Con un voto disgiunto i grillini avrebbero aiutato qualcuno di sinistra a rimanere in sella della regione. Nel frattempo però avrebbero potuto rivendicare il loro peso all'interno della sinistra. Questo sarebbe stato un primo passo per diventare un domani la forza principe della sinistra. Perché non ha senso essere il primo partito di un'area politica che ha un pugno di voti. È esattamente lo stesso errore che fanno i partitini post-comunisti. Non cercano il consenso con gli altri, ma più sono odiati più si sentono puri e duri. Più sono divisi più pensano di essere democratici.

Peccato che in una democrazia bisogna la minoranza deve essere competitiva così che la maggioranza sia sempre spinta a migliorarsi.

Quello che vedo è che:
1) Il PD è scandalosamente senza idee e leadership. Sta perdendo la propria base di voto inesorabilmente, ma ancora è il partito di riferimento. E quando dico ciò intendo il solo riferimento numerico, perchè per il resto sono solo carta da pesce.
2) Di Pietro è un sultano che a parte il tema della giustiza non ha uno straccio di programma. Mi sembra la Lega Nord della sinistra. Non ha capacità oratorie, ma grandi doti comunicative, facendo presa su un elettorato di sinistra frustrato (e a ragione!) dalla situazione economica e sociale italiana.
3) I partiti post-comunisti giocano in disparte una partita tutta loro.
4) Il popolo viola/grillini sono molto attivi, e hanno ancora la dinamicità e caoticità di Internet. In ciò risiede il loro principale limite e la loro grande forza. Peccato che l'idea delle 5 stelle mi sembri una buffonata e l'ambientalismo ortodosso uno specchietto per le allodole.

Ho appena visto il post di Tommaso e concordo in pieno. Che piaccia o no, adesso in Piemonte c'è un governatore di destra. Ciò che i grillini dovrebbero fare non è fare i girotondi o cose del genere. Dovrebbero entrare in massa in un partito (ad esempio il PD) e cambiare il vento fetido che c'è là dentro. Questo se davvero vogliono cambiare l'Italia adesso. Se invece vogliono cambiarla fra 30 anni, beh, che se la prendano comoda cercando di farsi maggioranza.

Pale

Pale ha detto...

[...] E mentre passano i 30 anni, i partiti che più detestano vincono.

Pale

Alessio ha detto...

Scusatemi, mio cugino è un ignorante perfetto, ha la licenza di terza media, bocciato 4 volte alle superiori ed ora fa il fruttivendolo. Cerco un partito politico disponibile a candidarlo e magari a dargli uno stipendio anche di 8000 euro al mese per un qualsiasi EXPO, manifestazione, organizzazione di eventi importanti. Purtroppo non è parente di Umberto Bossi... che dite ha chances di uscire dall'anonimato?

pinaz ha detto...

@ Tommaso:

Ma gli ideali utopistici quali sono, dire no alla privatizzazione della gestione delle acque? O puntare su energie rinnovabili?

Riguardo al pericolo della democrazia hai ragione, in parte. Perchè formalmente Berlusconi e i suoi non aboliranno mai la democrazia nelle sue forme. Intanto l'hanno già svuotata nei contenuti.

Nell'occidente del 2010 non c'è più bisogno di insaurare una dittatura come da definizione del Devoto Oli, perchè basta avere il 50,1% (almeno in Italia) per quel cavolo che si vuole.
Personalmente ritengo che la democrazia sia già venuta meno, ma non perchè si vuole cacciare Santoro... E' venuta meno, per fare un esempio, perchè la televisione (che nonostante il pensiero di Cruciani sposta l'ago della bilancia degli indecisi, decisivi per il risultato finale con il loro 6-7%) è già antidemocratica. E'antidemocratica non solo quando non da spazio a qualcuno (esempio M5S) ma anche quando gli da spazio influenzando in modo nascosto l'opinione dello spettatore su quel che sta guardando. Una musica di commento in sottofondo non può stare in un servizio di nessun telegiornale. Avete presente le musichette dileggianti di Studio Aperto nei confronti di Prodi quando era al governo?
Agli occhi dei più sembrerà banale, ma serve anche quello per spostare l'ago della bilancia, per giunta non in modo esplicito alla Emilio Fede o alla Santoro, ma in modo subdolo e nascosto. O che termini vengono usati nel titolo di un servizio, l'intonazione data alla lettura di una notizia, l'espressione facciale di approvazione o disappunto... Non serve aver fatto il DAMS o lavorare nel Marketing per capire certi giochetti della comunicazione...

Ebbene, Tommaso, la sinistra è meglio o peggio di B? E' ovviamente meglio, ma non ha il culo pulito, come si suol dire con un francesismo... Perchè utilizza gli stessi stratagemmi (dove può) e perchè non ha messo mano al conflitto di interessi (quando poteva).

Quindi, nonostante ritenga pure io che Berlusconi sia un male per la nostra democrazia, non me la sento proprio di andare a votare per questa sinistra. Perchè per me il regime c'è già e ci sarebbe lo stesso. A quel punto preferisco (preferirei, visto che non ho votato) sperare in qualcosa di diverso, cosa che innegabilmente è, rispetto a PD e PDL, il M5S.

Michele Reccanello ha detto...

@Bart27

Concordo con la prima parte del tuo commento, soprattutto le riforme sarebbero cosa urgente, ma l'unica riforma che interessa B. è quella sulla giustizia. Naturalmente non per il bene comune. (e forse a fine legislatura sarà anche l'unica fatta)

Ha proposito di incontrare un berlusconiano, per esperienza, è cosa da evitare (vedi l'inizio di raiperunanotte con l'inviato che era andato in piazza S.Giovanni alla manifestazione PDL). Solitamente ce l'hanno con Prodi e con la sinistra (non posso dargli tutti i torti) e i comunisti (Giudici a parte, dove sono andati?) e finiresti solo col litigare - come ho fatto io con mia cognata e mia suocera - e non ci sarebbe verso di far loro vedere le contraddizioni, i troppi "dark sides" che il personaggio presenta.

Michele Reccanello ha detto...

Il mio ragionamento (ho riletto il mio post, e lo ribadisco) è il fatto che in Italia si tende sempre verso il bene personale e non quello comune. Inutile prendersi in giro, oh gente di sinistra. Se si vuole salire al governo bisogna votare compatti.

Il bene comune...
Questo dovrebbe essere lo spirito della politica fatta come si deve. Da noi è un utopia. E visto che parliamo di Grillo è stato lui a definire la classe politica attuale un "comitato d'affari". Ha forse torto?

bart27 ha detto...

@ Michele Reccanello

è vero, le rarissime volte che sono riuscito a discutere con un berlusconiano ho messo a dura prova il mio fegato.

ma non vedo altra strada Michele, se non si prova nemmeno a parlarci chi o che cosa pensi che gli possa far cambiare idea?

F®Ømß°£ ha detto...

Pale concorda con me e io concordo con lui.

Trovo cose sensate in quello che scrive pinaz, in quello che scrive Michele anche, ma queste alla fine della fiera sono chiacchiere.

Il grillino non vuole la TAV? E invece l'avrà. Non può cambiare questo. Vota contro la Bresso. Perché? Per la TAV e perché gli fa così tanto schifo il PD che preferisce... Cota. Ma scusate, che ragionamento è?

Di fatto, si possono raccontarsi tante belle favole, ma se si vuole vincere, si deve essere compatti.

Essere felici mentre ci dilatano lo sfintere come dice il fine Luttazzi è proprio da incoscienti.

A pinaz: io nn sono uno di quelli che teme la dittatura con le SS che girano in cappotto per le strade (c'è anche il Global warming :-)). Nel mio post sottolineavo l'incoerenza di chi invece lo fa, e poi usa il voto in un modo che di fatto fa vincere proprio coloro che odia di più.

Il voto è una croce su un simbolo, tutte le pippe mentali sul perché e sul percome non contano!

PaoloVE ha detto...

@ tommaso e pale:

sui grillini credo le vostre analisi siano abbastanza corrette, ma continuano a prescindere dal fatto che anche il PD debba "muoversi" verso gli alleati.
In sintesi sembra che per voi per battere SB chiunque debba essere disposto ad adattarsi completamente alle posizioni del PD. Se no ci si cucca SB.

E a queste condizioni si è già dimostrato che nessuna alleanza regge, sempre che si formi. Perchè se RC, M5S, UDC, UDEUR,... fossero perfettamente sulle posizioni del PD, SAREBBERO PARTE DEL PD, cosa che non è.

Non vi viene il dubbio che anche questo possa essere il motivo delle sconfitte a sinistra?
Non vi viene il dubbio che la responsabilità della sconfitta abiti di più in casa di chi ha il 25% dei voti che da chi ne ha il 5%?

@ Alessio:

facile ironia: mi viene in mante Cristiano Di Pietro, con le debite proporzioni...

Saluti

Paolo

pinaz ha detto...

@ Pale:

condivido sul ragionamento del voto disgiunto per le liste M5S, ma d'altro canto comprendo anche chi ormai, purtroppo, non ce la fa più a turarsi il naso e votare PD... perchè la puzza è troppo forte...

Sul discorso di entrare in un partito e cambiarlo hai ragione, ma forse sei utopico anche tu... Hai mai provato ad entrare in un partito e cambiarlo nella struttura? Io non ci sono riuscito neppure in un circolo ARCI... sarò io che non sono in grado, ma la resistenza al cambiamento è parecchio parecchio parecchio radicata...

Neon+Atlas ha detto...

Questi risultati, oltre a confermare l'analfabetismo culturale, non sono nulla di nuovo in un paese in cui negli ultimi tempi il 75% dello spazio in tv è stato dato al centro-destra.

Finchè non si gioca ad armi pari hai voglia a lamentarti del Pd "che non buca il video"..

nessuno ha detto...

a Pinaz
Le mie idee vengono sempre più confuse.
Tu dici (mi limito a questo per tentare di semplificare e mettere ordine)
Le persone sane andranno a bagno, insieme a tutte le altre. Ma nella "dittatura della maggioranza" (che di per sè non sarebbe un male, ma lo diventa quando la maggioranza vota ed elegge per tifo) non c'è altra soluzione, se non quella di rendersi corresponsabili della deriva.

Dunque per te ci sarebbe "la dittatura della maggioranza" quando "la maggioranza vota per tifo".

Quindi, durante lo spoglio delle schede, gli scrutatori dovrebbero porsi il quesito: "Questo qui, ha votato per tifo o per convinzione? Ha votato per tifo. Quindi annullo scheda e voto".

Dovrebbe andare più o meno così?

Ed il risultato elettorale, alla fine dello spoglio, quale dovrebbe essere?

La democratica "oppressione" della minoranza di voti delle persone sane definite tali dagli scrutatori?

Sarebbero criteri nuovi di democrazia, dal momento che, per quanto io sappia, la democrazia sarebbe il governo della maggioranza in libere elezioni, senza qualificazione e aggettivazione del voto e del votante.

Michele Reccanello ha detto...

Caro Bart

Commetti il mio stesso errore: il voler fare preselitismo.

Credo che la gente continuerà a votare B. fintanto che le cose gli andranno bene. Un mio zio è un artigiano, naturalmente vota B., nella dichiarazione dei redditi qualcosa scappa sempre, i sindacati sono la rovina d'italia, ha una misera pensione, ma nonostante tutto continua a lavorare nella sua attività il cui fondo ha un certo valore. Si lamenta che ha dei problemi negli affari. E qui ti voglio:
Caro zio dopo diversi anni di guida a destra ti sei accorto che per te non è cambiato nulla? Magari non cambiava nulla nemmeno con la guida sx. Però non potrai mai saperlo.

Viva l'ITALIA!

nessuno ha detto...

a Pinaz
Dimenticavo l'ultima tua frase.

non c'è altra soluzione, se non quella di rendersi corresponsabili della deriva.

Che votando ci si renda corresponsabili (più e meglio di coloro che si astengono,ma anche costoro hanno le loro motivazioni perché, quanto meno, non peccano di "tifo") è un fatto.

se poi lo si sia "della deriva", chi lo stabilisce? i soliti scrutatori?

Che un giorno si stabilisca che scrutatori possano diventare solo dei magistrati?

pinaz ha detto...

@ nessuno:

Sì, ci vorrebbe un perito calligrafico che tra le varie croci apposte sulla scheda individua quelle delle persone sane... ma per favore!
Non far polemica solo per il gusto di alzare un polverone...
Secondo il mio parere c'è "la dittatura della maggioranza" quando "la maggioranza vota per tifo". Ebbene sì, ma la cosa non si risolve agli scrutini, bensì in campagna elettorale e in tutti i santi giorni.
Non ci sarà più dittatura della maggioranza quando i politic ed i partiti smetteranno di fare campagna appellandosi ai tifosi e sbandierando becera propaganda, ma guadagneranno i voti con fatti e programmi. Esattamente l'opposto di quel che accade oggi.

pinaz ha detto...

@nessuno.

Post Scriptum

come vedi ho ampiamente discusso con te, senza mai trascendere e mantenendo il confronto sui contenuti.

Mi dispiace farti notare che il tuo atteggiamento, mascherato dietro un simpatico sarcasmo, è quello del provocatore di basso livello...

Comincerò ad ignorarti come fanno gli altri, se il tenore dei tuoi interventi continua ad essere lo stesso.

Saluti.

ste76 ha detto...

democrazia?

e' la forma politica che meglio si adatta al capitalismo e al consumismo infatti da' la sensazione di liberta' e di scelta. Da' a chi ha piu soldi (per le campagne elettorali) un innegabile vantaggio di avere una voce in capitolo nelle decisioni di governo senza per questo essere l'unico parametro di vittoria. Questo non vi fa pensare alla coca cola.

nessuno ha detto...

a Bart27
Nella mia città non riesco a trovare un berlusconiano con cui confrontarmi nemmeno a pagarlo oro.
Sia perché vivo in una città storicamente di sinistra, sia perché moltissimi berlusconiani non hanno il coraggio di professarsi tali in pubblico.


Per cui, le persone che – per intendersi – "lanciano il sasso e poi nascondono la mano" mi fanno uscire di cotenna, mentre invece rispetto chi professa idee opposte alle mie e ha il coraggio di dirle pubblicamente.

Immagino che tu sia di sinistra.
Non te l'ho sentito dichiarare e non vorrei poi trovarmi con uno che lancia il sasso e nasconde la mano. Non si sa mai.

Io sono di destra ma non sono berlusconiano. Non ho mai votato FI. E adesso che AN è confluita nel PDL, voto La Destra di Storace quando la lista nel mio seggio c'è.
Questa volta non c'era e quindi non ho votato.

Il tuo sogno è confrontarti con un berlusconiano. Io non lo sono, quindi non possiamo fare niente.

F®Ømß°£ ha detto...

@Paolo

Certamente il PD ha responsabilità. Anche se non è facilissima l'alleanza con un movimento che si basa sui "Vaffanculo" e che sembra nutrire e alla fine dei conti, nutre, più odio verso il PD che verso le destre. Capisco comunque quello che vuoi dire.

Ma questo non toglie che il voto dato a sinistra per punire il PD o per premiare il giovane e fresco vento grillino che sia, alla conta dei voti è un voto che fa solo sorridere i Cota e i B.

Hai scritto più volte che il PD ti ha stancato e che a tuo parere bisogna fargli capire che o cambiano registro o perderanno sempre. Tuttavia non riesco a non trovare comunque autolesionistico questo dare la priorità a un risentimento giustificato, ma a mio parere secondario rispetto all'obiettivo primario che è indebolire B, se ancora fosse possibile prima che sia tardi.

T.

nessuno ha detto...

a Pinaz
Guarda che ti sbagli di grosso sulle mie presunte provocazioni.
Secondo me, il problema che poni tu è praticamente IRRISOLVIBILE
per la semplice ragione che non si può entrare nè nella testa di chi è alla guida dei partiti e che fa la propaganda che più gli sembra produttiva dal suo punto di vista, nè nella testa degli elettori che ritengono di tutelare i propri interessi votando in un modo piuttosto che in un altro.

ste76 ha detto...

bisognerebbe trovare un Berlusconiano, e parlarci, forse si riuscirebbe a capire qualcosa di piu'. Ma dove czo sono. Una volta in un blog di dx (in un post contro travaglio) ho "parlato" con uno che mi ha fatto riflettere sull'illeggittimita' di alcune posizioni degli anti-B ecc ecc. Per poi pero' scoprire che neppure lui aveva votato B., si era astenuto!

ste76 ha detto...

@Tommaso

scusa ma mi trovo in forte disaccordo quando dici

obiettivo primario che è indebolire B,

i Cristiani hanno smesso di meritare quel nome quando il loro obbietivo non era piu' il bene ma il convincere e imporre le proprie idee di bene. I comunisti hanno smesso di meritarsi quel nome quando .. potrei andare avanti a lungo. Indebolire B. non puo essere l'obiettivo primario di un grande partito di sinistra come il PD.
Io mi rifiuto di alzarmi la mattina con l'obbiettivo di indebolire B. Io voglio la riforma della giustizia pensata e fatta dalla sn. Voglio le riforme dei radicali. Voglio una riforma delle leggi sull'immigrazione fatta dalla sn. Non era per questo che si andava a votare.

F®Ømß°£ ha detto...

@Ste

Mi spiego.

Preessa: credo che B sia pericoloso per il modo in cui vuole riformare le istituzioni.

Conseguenza: trovo che l'obiettivo di impedirglielo sia primario.

Non è il male, è una persona che rischia di prendere delle decisioni che a mio parere saranno negative per il Paese.

Tutto qua
T.

pinaz ha detto...

@Tommaso:

hai ragione, B. è pericoloso. Ma non è alle Regionali che si deve combattere. Le regioni decidono principalmente su istruzione, saluti, trasporti.

La deriva autoritaria B. la fa con le Politiche, quando si può riformare la giustizia, per esempio.

Quindi, prima di arrabbiarci con i grillini aspettiamo che "danneggino" (secondo la tua ottica) il PD.
Allora avrai ragione, ma i grillini hanno già detto che non si presenteranno alle politiche. E se si presenteranno sbaglieranno profondamente, sono il primo a dichiararlo.
Perchè il M5S è una rete di cittadini che deve incidere sulle scelte locali, dei posti che conoscone in cui vivono per il bene della collettività.

@ nessuno:
sono felice di sbagliermi sull'atteggiamento provocatorio.
Sul problema della propaganda e dell'irrisolvibilità della questione di cui dibattevamo, che ti devo dire... non ho mai affermato che sia risolvibile. :-)
Un fondo di demagogia ci sarà sempre, nella politica. Il problema è che in Italia il fondo ha raggiunto la cima.

Saluti.

F®Ømß°£ ha detto...

@pinaz

Grazie ai risultati di queste regionali, il governo di B è o no più forte? Potrà agire forte del fatto che "la maggioranza è con lui".

Nonostante il suo partito non mi pare abbia preso tutti questi voti e nonostante il segnale dei miei stivali lanciatogli dagli astensionisti.

Non si dovrebbe combattere B alle regionali, ma ahimé l'Italia è così, questo era l'ennesimo referendum su B. E l'ha vinto.

B WINS

T.

Clem ha detto...

FATALITY!!!!!
(scusate, non ho resistito)

francesco.caroselli ha detto...

Il PD è cosi democratico che non permette a Grillo di candidarsi alle primarie...
Paura?

L'Obbiettivo deve essere una maggiore democrazia. (perchè come dice Authan non è on/off ma un valore analogico)

Poi il PD dovrebbe fornire una "VISIONE", un futuro diverso da quello proposto da B e Lega.

Le idee di grillo su trasporti, energia, istruzione, salute, informazione, econimia etc.. sono stupende.
idealistiche ma molto romantiche da un punto di vista.
Sono idee che possono fare breccia.
E' cosi che B ha conquistato gli elettori...con delle pessime idee, ma ripetute fino allo sfinimento.
Cosa ripete il PD? cosa propone?
Ma ti ricordi la vergogna del programma di piu di 200 pagine?
E' come non dire niente.

Cerco che anche neon-Atlas ha ragione, le tv contano troppo.
Proposta: tv private che coprano il segnale delle tv.
tV pirata che rompano le palle

pinaz ha detto...

No Tommaso, dopo le regionali il governo non è più forte. Cambieranno forse gli equilibri interni alla maggioranza, ma non aumenta il numero dei suoi deputati e non era un referendum pro o contro Berlusconi.
Erano delle elezioni per nominare gli amministratori delle nostre regioni, che decidono su salute e istruzione e non sulla giustizia o sull'economia.
Se votiamo sempre e comunque per far cadere Berlusconi (anche quando non è quella la posta in palio) l'Italia non farà altro che peggiorare, perchè alle Regioni non metteremo i migliori a governarle ma solo i migliori contro B. Di questo passo anche quando si vota per i Comuni sarà un referendum pro o contro B, anche per le circoscrizioni, anche per l'assemblea condominiale.
Non è così, credo, che il Paese può sperare di uscire dalla crisi, scegliendo il più avverso a B... ma scegliendo il migliore (che poi a volte le due cose possono anche coincidere).
Non pretendo di convincerti, ma il paese è immobilizzato da berlusconi e no berlusconi da 15 anni. Il nano di Hardocre ha 75 anni, prima o poi il signore prenderà in gloria anche lui. E cosa rimarrà?
Un Italia che ha perso 20 o 30 anni dietro al Nano, mentre gli ospedali funzioneranno sempre peggio, la scuola sarà svuotata di qualsiasi velleità culturale e via discorrendo.
Pensiamo ogni tanto PRO qualcosa e non sempre CONTRO...
o no?

Pale ha detto...

Cruciani dixit:

"Signora, si chiama àida o aìda?"

Mamma mia che ignoranza!!!

Se non conosci il Verdi, ma almeno Rino Gaetano???
http://www.youtube.com/watch?v=l177224N84o

Pale

F®Ømß°£ ha detto...

@pinaz

Bisogna aspettare che muoia, piuttosto che mandarlo a casa, visto che si può?

No, noi dobbiamo sognare. Loro governano e noi sogniamo. Loro governano e noi lo prendiamo sempre in quel posto.

Scusa lo sfogo. Io comprendo il tuo punto di vista, ma non posso non pensare che da domani B potrà fregiarsi di un'altra vittoria e avrà via libera e un po' più in discesa per continuare a schiantarcelo in boffice, e lo vedremo nelle scuole, negli ospedali eccetera. Con buona pace del valore regionale di queste elezioni.

T.

francesco.caroselli ha detto...

Tommaso
La mia regione è stata governata per 5 anni dal centro-sx (molto piu centro che sx...ma vabbe) è tutti i calabresi l'hanno preso in der posten lo stesso...
Se penso che potrebbe capitare anche a livello nazionale sono disposto a votare anch'io B.
Se devo essere stuprato meglio che sia un'estraneo piuttosto che mio zio/amico.

Michele Reccanello ha detto...

Sul governo Prodi, non so se è assimilabile a un governo Berlusconi senza leggi ad personam, mi sembra un po' riduttivo: la prima cosa che mi viene in mente pensando a quel governo sono le riforme di Bersani, utili a tutti, la prima che mi viene in mente pensando a questo governo è il lodo alfano, utile a Berlusconi. E io ho sempre interpretato la scomparsa di rifondazione come una reazione di disgusto violento dei suoi elettori, che speravano in meno balletti politici e più governo.

Clem,

Mi sono andato a rileggere il tuo ottimo commento nel post C.V.D. e volevo aggiungere che oltre alle divisioni dovute ai partitini (che meno male sono quasi spariti, manca solo l'UDC) grosso discredito (ricordo bene molti miei colleghi che, su quanto sto per dirti, erano veramente imbufaliti) in merito all'ultima finaziaria di Padoa Schioppa è venuto dall'umiliante balletto sul bollo auto. Sembrerà una cosa da niente ma molte persone su quella vicenda sono rimaste assai deluse e lo ricordano ancora con rabbia.

F®Ømß°£ ha detto...

@Clem

Sei il migliore con il link alle fatality. In effetti pensavo proprio a quello.

@Francesco

In politica il tuo ragionamento proprio non regge a mio parere. Mi ricorda piuttosto il marito che si strappa i cosiddetti per far dispetto alla moglie.

Ora me ne vo a prendere l'acqua del temporale.

Piove... governo ladro :-D

Ciao a tutti

T.

Clem ha detto...

Hu... Michele, mi cogli impreparato.
All'epoca vivevo in Italia ma la macchina era aziendale quindi mi son perso i bolli ^_^.
Vado a cercare roba in giro.
Tommaso: eheh, alla fine il clima è quello lì: non c'è mica stata una rissa in cui la Carlucci ha tentato di strappare la colonna vertebrale all'avversaria in stile Raiden? :D

Pale ha detto...

Vai Tommy che te la stai cavando benissimo!!! :D

Concordo a mani basse con te.

@ Paolo
Non è vero che non dò responsabilità al PD. Anzi. Ha una responsabilità enorme, tanto che secondo me uno dei maggiori artefici della debolezza della Sinistra italiana si chiama D'Alema.

Il fatto che il PD non abbia permesso a Grillo di candidarsi secondo me è stato un errore strategico di portata incredibile. Avrebbero dovuto aprirsi al confronto in modo serio, così da costringere anche Grillo ad assumere posizioni non nichiliste in termini (il V-Day è nichilista). Grillo ha molte idee che dovrebbero essere discusse nelle sedi istituzionali opportune, non solo in piazza o su Internet.

Pale

PS @nessuno: la verifica parola è herpses!!!

pinaz ha detto...

@ Pale:
"Grillo ha molte idee che dovrebbero essere discusse nelle sedi istituzionali opportune, non solo in piazza o su Internet."

Ed infatti da oggi, almeno in Emilia Romagna e in Piemonte verranno discusse nei consigli regionali, che sono per l'appunto le sedi opportune.
Purtroppo portare Grillo su posizione non nichiliste (se per nichilista è dire che i poltici-affaristi hanno stufato) non è possibile. Perchè come per lui anche per tanta gente questa politica, di destra o di sinistra, ha stufato.
I più "Menefreghisti" se ne vanno al mare e non ci pensano su, quelli che proprio non ci riescono votano un movimento come quello 5 Stelle.

E qui mi riallaccio al discorso di Tommaso... E' attribuibile solo agli elettori la disaffezione per questa politica, o anche il PD deve farsi un bel esame di coscienza?

Tommaso, tu scrivi:
Bisogna aspettare che muoia, piuttosto che mandarlo a casa, visto che si può?
[...]
non posso non pensare che da domani B potrà fregiarsi di un'altra vittoria


Ieri non si poteva mandarlo a casa, perchè erano delle regionali. Oggi come dici tu si fregia di un'altra vittoria, il che di per sè a me non fa nè caldo nè freddo...
Grazie a questa vittoria avrà una strada un po' più in discesa alle prossime politiche? Probabilmente sì.
Perchè? Perchè molti elettori (sia a dx che a sx) votano per tifo, non per un apprezzamento dei fatti.
Fatti che questo governo non porta, perchè non sta facendo abbastanza e non lo sta facendo bene...
Ma tanto i suoi voti li prende, perchè ci sono i tifosi...
Qualcuno dovrà prima o poi di rompere questa catena del tifo o no?

Ti faccio una domanda Tommaso: dici che sarebbe controproducente da parte della sinistra smettere di parlare di Berlusconi (allo scopo prioritario di abbatterlo) e parlare di fatti concreti, di come vuole riformare l'economia, restrutturare la salute, etc.?
Farebbe male a fare come se B non esistesse, a ignorarlo invece che a rincorrerlo su ogni sparata sua o del Brunetta di turno?
A me sembra che la sinistra sia sempre ad inseguire (a livello mediatico) le boutade della destra che non hanno riscontro nella vita dei cittadini ma solo negli interessi del premier; ad inseguire su un terreno minato, perchè l'informazione sappiamo tutti come sta...
Berlusconi ha gente-elettori che lo AMANO per davvero, Bersani no (per fortuna!). Ma fino a quando continueremo a giocare sul terreno scelto dall'avversario, mi dispiace, perderemo.
Su questo mi piacerebbe sapere la tua opinione.

Ciao

pinaz ha detto...

Sallusti a Ballarò:

"ha perso l'anti-berlusconismo becero, quello che critica Berlusconi qualsiasi cosa faccia o dica".

Ha ragione! E non perchè l'anti-berlusconismo critichi a torto, ma perchè il berlusconismo ha più tifosi!!!

nessuno ha detto...

Francesca
Francesca, questa mattina ti compiacevi perché stasera ci sarebbe stato Ballarò.
La Trasmissione in questo momento è a metà circa.
Cosa pensi delle posizioni di Di Pietro?
Cosa pensi di quanto ha detto Paolo Mieli che il PD nel Lazio non doveva accettare di battersi contro un avversario azzoppato?
Io trovo che Sassoli è in difficoltà.
Tu cosa percepisci?

Ciao

anna ha detto...

Salve.
Attendo di leggere il tuo commento della puntata di questa sera di Cruciani, quando ha intervistato Bossi Jr, detto la Trota. Cuciani i rivolgeva a lui con domande così mielose, così timide, che ho quasi simpatizzato per il ragazzo, che probabilmente è abituato a modi più energici.
La chicca è stata: vado all'Università di Economia.
E' pronto per il Parlamento Italiano

nessuno ha detto...

a Bart27
Ti riposto il mio precedente intervento delle h 19,17 a cui non hai risposto o la tua risposta mi è sfuggita:

nessuno ha detto...
a Bart27
Nella mia città non riesco a trovare un berlusconiano con cui confrontarmi nemmeno a pagarlo oro.
Sia perché vivo in una città storicamente di sinistra, sia perché moltissimi berlusconiani non hanno il coraggio di professarsi tali in pubblico.

Per cui, le persone che – per intendersi – "lanciano il sasso e poi nascondono la mano" mi fanno uscire di cotenna, mentre invece rispetto chi professa idee opposte alle mie e ha il coraggio di dirle pubblicamente.


Immagino che tu sia di sinistra.
Non te l'ho sentito dichiarare e non vorrei poi trovarmi con uno che lancia il sasso e nasconde la mano. Non si sa mai.

Io sono di destra ma non sono berlusconiano. Non ho mai votato FI. E adesso che AN è confluita nel PDL, voto La Destra di Storace quando la lista nel mio seggio c'è.
Questa volta non c'era e quindi non ho votato.

Il tuo sogno è confrontarti con un berlusconiano. Io non lo sono, quindi non possiamo fare niente.

30 marzo 2010 19.07

Ti pongo la domanda più chiaramente.
Tu per chi voti o per chi hai votato?
L'ho chiesto a Francesco Caroselli che mi aveva chiesto per chi voto io, e non mi ha risposto.
Adesso lo chiedo anche a te.

O non sarà che solo i berlusconiani o i ritenuti tali accusati di lanciare il sasso e di nascondere la mano lo devono dichiarare e gli altri no?

Ciao

Fabio ha detto...

Sono d' accordo su tutto con te tranne che su un punto che è stato sottolineato da Crux nella trasmissione di stasera. La Lega è drammaticamente anti immigrati, ferocemente contro gli stranieri, il gendarme degli Italiani con la I maiuscola, si ma solo a parole. In realtà mai ha fatto seguire alle chiacchiere, provvedimenti o proposte reali. Questo perchè una parte del suo elettorato ha bisogno della mano d'opera a basso costo mentre l' altra ha solo bisogno di essere rassicurata che qualcuno pensa con intensità al problema immigrati. Anche io penso tuttavia che le proposte della lega siano interessanti e nuove, soprattutto in campo economico e in particolar modo se confrontate col nulla del PD e l' antistoricismo della sinistra estrema. Quanto al PDL è solo la DC travestita che campa sul voto dei disperati e dei beneficiati del sud; speriamo in Fini per una destra moderna.
Un saluto.

F®Ømß°£ ha detto...

@Pinaz

Farebbe bene la sinistra a ignorare B?

Credo che la risposta debba essere articolata.

Nel mondo ideale in cui tutti sono informati allo stesso modo, tutti hanno sottomano le informazioni corrette per valutare come scegliere, tutti i candidati si possono esprimere in modo chiaro, la strategia di B non sarebbe così vincente e ignorare i suoi strepiti sarebbe facile e utile.

Ma nel mondo reale dove in tv ci si grida sopra, dove la gente ragiona come i bambini: ("Io rubo, si, ma anche tuo cugino!"), dove tutti i telegiornali ci propinano sempre B in tutte le salse, come si fa a ignorarlo?

Evitare di rispondere alle sue sparate più folli, metterlo in ridicolo, se si riesce, questo sarebbe l'obiettivo. Quando urla, farlo urlare da solo. Ma per fare questo si deve avere uno spazio per dire la propria, non il solito miserabile talk show dove appena dici la verità ti interrompono.

Purtroppo, e si vede spesso anche ne La Zanzara o in questo blog, la tv ingigantisce personaggi che sono delle nullità se viste nella giusta prospettiva (ovviamente non parlo di B in questo caso). Le persone credono all'informazione televisiva, ma soprattutto accettano la sua scala dei valori.

Finché l'informazione è gestita in questo modo, è molto difficile dettare l'agenda, o non giocare sul terreno avversario come scrivi tu. Non è impossibile, ma servono leader di alto livello e ahimé Bersani, Di Pietro e ovviamente Grillo non sono all'altezza.

Aggiungo che se il PD ha scarsissima originalità quando non si parla di B, di certo Di Pietro e Grillo quando non insultano B (fornendogli sempre i pretesti per fare la vittima), amano attaccare il PD stesso, incuranti del male che fanno alla loro stessa causa.

Sul discorso del tifo, io sono molto pessimista, dal momento che credo in effetti che non solo B ne abbia di più, ma anche che il PD ne abbia molti di più che tifano contro.

Rompere la catena del tifo, senza idee vere, e perdendo sempre la vedo molto dura.

Buonanotte

T.

francesco.caroselli ha detto...

e no caro cruciani questa non puo passare.
Sono sicuro che Peppe Crusciani e Authan, ognuno con il suo stile, non mancheranno di redarguirti.

Finalmente Crux ha avuto la prova.
La prova "fiammegiante" che la tv non influisce sul voto:
brunetta e Pezzopane nonostante la loro "ipertrofia mediatica" hanno perso.
Ergo la tv non influisce.

E no caro crux!
Tu non puoi considerare nella voce "TV" solo la presenza video, tuot-court.
Certo hai ragione tu quando dici che l'importante è quello che si dice in tv. (e infatti Brunetta è stato bastonato alla grande)
Ma non c'è solo la presenza in Video quando si fa riferimento alle tv.
Quello che piu è mellifluo e basso non lo consideri proprio?
Cosa intendo dire?
Minzolini, Mimun, StudioAperto (che tu tratti sempre con la puzza sotto al naso, lo snob sembri tu in questocaso! Orrore e raccapriccio) e TG2... il fatto del giorno, mattino 5 e tutte quelle trasmissioni che seguono le casalinghe e le famiglie dove le metti?

Quella parte della tv fa il lavoro "sporco", fa la vita da mediano... perchè la palla la devi dare a chi finilizza il gioco, ovvero il centro-dx, B e Lega in primis.
Quei TG "apparecchiano" una realtà che è a uso e consumo di politiche gia scritte.
Il panico sicurezza per esempio: le statistiche mostrano che i piccoli reati e i reati di strada sono sempre costanti. Eppure quando c'era Prodi al governo era tutto in susseguirsi di stupri e violenze in ogni angolo.
La risposta pronta ce l'aveva il centro-dx: maggior sicurezza.
Ora che al governo c'è il centro-dx i reati "piccoli" sembrano scomparsi.
Purtroppo non è cosi, si voleva far passare l'idea che con la sinistra fossimo tutti piu insicuri.
Le statische invece mostrano che tali reati sono rimasti costanti.

La sinistra tassa troppo.
La famosaa finanziaria "lacrime e sangue" di Padoa-Schioppa.
E' vero fu una finanziaria con una forte pressione fiscale (c'erano i conti da risanare)...
fun una finanziaria tanto "pesante" che B la suò come "pretesto" per attaccare il governo diProdi. (la famosa "spallata").
Tutti i TG, TUTTI, comprendevano un paio di interviste di cittadini, commercianti che si disperavano "non arriviamo a fine mese".
Dopo ovviamente i pareri di destra e sinistra.
Cmq quelle interviste erano un ottimo tramplino di lancio per lanciare accuse al governo
Il tutto perfettamente leggittimo non c'è niente da dire.

Quello che non è leggittimo è che nessuna tv abbia mai detto che la manovra finanziaria del PDL è la fotocopia di quella del PD.
E come quelli erano vampiri con una manovra da 33mld di euro e il centro-dx no con la sua manovra da 31 mld di Euro?
Che senso ha?
E poi che fine hanno fatto le interviste alle famiglie e alla gente comune che si lamenta?
Non penso che c'è ne sia di meno... visto la crisi....
e ma certo di questo non bisogna parlarne perchè c'è la crisi.

Era ovvio che il governo Prodi sarebbe caduto da un momento all'altro, e quindi per 2 anni hanno fatto campagna elettorale contro la sinistra.

Ora difficilemte in tv si trova qualche giornalista che critica il governo.
Come mai?
forse perchè se ti cacciano dalla rai difficilmente trovi un editore "diverso"?
Ricordate i tg prodi-time?
Stupri di rumeni e il governo che ci mette le mani in tasca...
ora niente ne sulla sicurezza ne sulle tasse.
tutto miracolasamente risolto.
E' proprio vero: la tv non influisce!
MA VAFFANCULO VA!
Le tv non servono come no...
forse è quello

francesco.caroselli ha detto...

Sallusti a Ballarò:

"ha perso l'anti-berlusconismo becero, quello che critica Berlusconi qualsiasi cosa faccia o dica".

Ecco la sinistra ha perso per il troppo Anti-B.
Certo è proprio cosi, infatti l'IDV è triplicata se non di piu rispetto le regionali 2005 e il movimento grillo è nato.
Chi ha fatto meno Anti-berlusconismo? il PD che infatti perde da tempo?

E' anti logico pensare che per battere un avversario non bisogni criticarlo.
In America sia alle primarie che alle elezioni si scannano. Se ne dicono di tutti i colori.
Cosa che noi nemmeno ci immaginiamo.
Le parole di di pietro sembrerebbero miele!

E poi se Bersani è un pochino furbo farebbe esattamente l'opposto di quel che gli consiglia il Sallusti di turno...
e infatti prima ha detto grillo ci ha rovinati (che frase infelice) e poi ha aperto al dialogo..

francesco.caroselli ha detto...

nessuno.
No non mi voglio mica nascondere.
Io ti dico per chi voto...
ma è una cosa molto variabile.
Alle comunali mi piacerebbe votare il mov5stelle, se ci sarà e sarà serio.
Alle regionali voterei a sinistra, ma la sinistra fa schifo.
Alle politiche ora come ora voterei IDV, ma se Fini fa il suo partito lo voterò a dispetto di Tonino.
Cmq sono di sinistra, am molto moderato, anche se ho paura a dirlo perchè se dici sinistra modearata vengono in mente Rutelli, Binetti Parisi etc... roba da suicidio
Il mio target di partito sarebbe esattamente il PD. Purtroppo fa schifo.. che ci possiamo fare?

Tu piuttosto che voti Destra di Storace..
Dio, Patria e Famiglia?
Dio e famiglia non so, ma non mi pare che ti sia poi cosi fiero della tua patria!

francesco.caroselli ha detto...

le origini del mito
a rivederlo ora fa impressione

invece le fatality mi hanno fatto rivivere tempi d'infanzia con il mio supernes!

Francesca ha detto...

@ nessuno

cosa penso di ADP?
già dopo la zanzara di ieri stavo poco bene, quando ho sentito Cruciani esprimere di essere invidioso per Bossi jr, con la Gruber dove c'era in collegamento l'esponente NO-TAV del M5S mi sono aggravata e quindi sono arrivata a Ballaro' senza forze.
Il caso Piemonte tuttavia va considerato a sè ed io pur essendo una sostenitrice NO-TAV avrei sostenuto la Bresso a costo della vita e infatti mi pare che ADP ai grillini abbia detto simpaticamente questo, "una stretta di mano, ma nelle istituzioni bisogna esserci per poterle cambiare".
Pensare adesso che in Piazza Castello al Palazzo della Regione Piemonte sventolerà per 5 anni quell'orribile bandiera con il presunto sole delle Alpi... è davvero disgustoso!

bart27 ha detto...

@ nessuno

se essere di sinistra significa volere che lo Stato dia veramente pari opportunità a tutti (per "veramente", intendo "concretamente", a parole sono buoni tutti), e il destino di una persona non sia segnato in partenza dal reddito o dall'influenza dei genitori, allora io lo sono, sebbene queste definizioni (destra, sinistra) siano generalissime, e descrivano ben poco dell'universo mentale di un individuo.

quanto al voto, se tu sei orfano di Almirante, io lo sono di Berlinguer, precisando che non ho mai aderito all'utopia massimalista*.
Aggiungendo poi che i miei riferimenti stanno al di là, ma molto al di là, della dicotomia don camillo-peppone.

Sicché, ultimamente, faccio come a briscola in 5... distribuisco i punti. In altre parole, negli ultimi anni ho votato quasi tutti i partiti di opposizione. Ripreciso, non sono per niente un nostalgico orfano della sua marce e mantello, cerco solo di distinguere tra idee, principi, obiettivi, strumenti, persone e coerenze.

saluti
bart

*ricordo benissimo cosa disse Almirante andando a visitare la salma di Berlinguer. Dell'avversario degli avversari riuscii ad avere rispetto in quell'occasione. Mi sa che di gesti del genere i politici di oggi non sarebbero capaci.

pinaz ha detto...

@ tommaso:

grazie del parere, condivido in buona parte.

@ francesco caroselli:

condivido in toto l'analisi sul ruolo della TV minimizzato ovviamente daCruciani. Volevo dire oggi le cose che hai indicato tu, dopo aver sentito l'ascoltatore Lucio in chiusura di trasmissione.
Aggiungendo però quel che cruciani fa finta di non capire (mitico l'ascoltatore che gli ha chiesto se c'è o ci fa, pensavo la stessa cosa nello stesso momento...).
Dove c'è meno cultura, meno conoscenza della storia, della letteratura, dell'arte, del cinema e chi più ne ha più ne metta... Dove c'è invece la conoscenza solo della formazione della squadra di calcio... Lì la TV influisce di più, perchè il cittadino ha meno strumenti per analizzare la situazione in modo critico, ed è più portato a credere quello che dice la scatola magica...
Tutto questo a vantaggio talora di Berlusconi, molto spesso della Lega. Ovviamente i beceri elettori di sinistra (come li ha definiti cruciani) ci sono eccome... non possiamo stabilirlo qui, ma vorrei sapere quanti elettori con la 5° elementare ha il PD, quanti ne ha Fini e quanti la Lega... così, per pura curiosità.

infine su sallusti a Ballarò... vero che Di Pietro ha aumentato il consenso... ma il target del PD, converrà con me su questo francesco caroselli, è ben diverso da quello di Di Pietro...

nessuno ha detto...

Voglio tentare un gioco o una prova, non so.
Poi mi riprometto di non intervenire più, se riuscirò a mantenere l’intenzione.

Immaginiamo che questo blog rappresenti una specie di parlamento.
In questo ipotetico parlamento la stragrande maggioranza sarebbe rappresentata da bloggisti di sinistra ed io da solo rappresenterei, indegnamente, la destra. Se c’è qualcuno che in questo gioco vuole interpretare un ruolo di destra aggiungendosi a me, è il benvenuto.

Ora, in una tale situazione, non solo io mi ritroverei tutti contro, il che sarebbe scontato, ma mi ritroverei soprattutto nella reale condizione di non poter dialogare con una “controparte” definita.

Perché, leggendo ogni e tutti gli interventi su questo blog, non ce n’è uno che vada d’accordo con un altro. “A” è sì d’accordo con “B”, ma fin lì, perché su quell’altro punto sarebbe d’accordo con “C” col quale però non si trova d’accordo relativamente all’ipotesi “f”.

Insomma, regna la confusione delle lingue.

Quando poi mi sento dire che chi vince le elezioni per aver ottenuto la maggioranza dei voti da liberi elettori, esercita la “dittatura della maggioranza” anche perché quegli elettori, liberi o non liberi, non sarebbero comunque “persone sane” dal momento che non rifiutano la “propaganda” dei capopopolo, allora comincio a disorientarmi anche sul concetto di “democrazia”.

Ora pensiamo a quel che accade in parlamento dove è presente una maggioranza opposta rispetto al blog e cioè dove è presente una maggioranza di destra.

La mia domanda è: come può, questa maggioranza parlamentare di destra, che sia berlusconiana, bossiana o finiana, dialogare con la sinistra, se la sinistra è o fosse rappresentata da esponenti che riproducessero le posizioni disgregate e contraddittorie che ogni bloggista espone su questo blog rispetto al suo compagno di partito?

Ci avete mai pensato?

La mia ipotesi è pura follia?

Oppure il dialogo tra posizioni contrapposte è per sua natura intrinseca IMPROPONIBILE dal momento che il dialogo è molto difficile e improduttivo anche all’interno di una parte sola?

nessuno ha detto...

A Bart27
Interpreto male la tua risposta (assieme a quella di Francesco Caroselli il quale risponde per sé) a proposito di "per chi voti", se concludo nel modo seguente?:

Se gli elettori di Berlusconi si vergognano di ammetterlo, anche quelli di D'Alema - chiamiamoli orfani di Berlinguer (per quanto non sappia cosa abbia fatto di importante Berlinguer) - non se ne vantano.
Nell'antichità dicevano: se Atene piange, Sparta non ride.
Possiamo metterla così?

Se così stanno le cose, Berlusconi, salvo sorprese legate alla salute, può dormire sonni tranquilli e la sinistra che in 88 anni ha governato solo sporadicamente per brevissimi periodi e di straforo, potrà continuare a sognare di andare al potere senza andarci mai.

Parlo di 88 anni perché faccio partire il conteggio dal 28 ottobre 1922.

Ciao.

francesco.caroselli ha detto...

una cosa che mi sono dimenticato di sottolineare dalla trasmissione di ieri:
"Ma ti pare che vince una borgatara?"
Questo è l'essemmesse sms che un amico "molto romano e molto PD" ha inviato al nostro buon Crux.

Giuseppino fai molto bene ha a stigmatizzare la puzzetta sotto al naso e la presunzione di superiorità di certi individui della sinistra. (soprattutto PD).
Anche perchè la Polverni mi piace, cosi a pelle, umanamente.
Poi vedremo come governerà. Di certo non è una borgatara (la scena ai lineanotte in cui chiama la madre che si aggira nel marasma post elezioni è di una tenerezza commovente e sincera), ha una sua storia, una sua carriera e una sua storia da tosta sindacalista.
Eppoi se è un po "ruspante" è solo un merito..in più!
Fa bene Crux a denunciare l'altezzosità PDina, anche se credo che non sia determinante nella sconfitta, ma sicuramente è un parametro da tenere in considerazione.

Ben altra cosa invece è difendere le posizioni della Lega sugli immigrati.
Non è una trovata radical-chic e intellettualoide chiedere il rispetto dei diritti dell'uomo. Non è snobbismo attaccare posizioni Razziste.
Non importa se simili bassi istinti siano forti e presenti nei cittadini/elettori. Certe idee sono gia state giudicate dalla storia.
Non siamo al razzismo di Stato, chi l'hai mai detto.
Ma se non si limitano certe esternazioni, se non si condannano l'incitamento all'odio.
Prima di diventare "istituzionale" il razzismo deve aver preso piede in qualche modo...
Non si deve ripetere.

Tanto piu che non credo affatto che la Lega vinca per il suo forte astio (solo astio?) verso gli extra-comunitari.. La Lega avanza perhè sta dimostrando di saper amministrare. Non ha bisogno del razzismo.

Eppoi caro Crux l'odio verso B non è accetabile mentre quello per milioni di persone si?
Contento tu!

Cmq ricorda bisogna essere intollerante con gli intolleranti.
E non è affatto snob e sinistroide attaccare il razzismo, dovrebbe rientrare nei DOVERI di un giornalista. Anzi di un uomo. Sempre che sostto sotto non condivida quell'idea...
ma non è il tuo caso caro crux...
tu sei contro i "sinistr"i sia quando attaccano con risibili accuse d la Polverini, sia quando attaccano con ragioni da vendere certe derive leghiste.

Persino Lino banfi sa che il razzismo è sbagliato.
E chi l'ha detto?
La Storia

Francesca ha detto...

@ caroselli

you wrote:

non credo affatto che la Lega vinca per il suo forte astio (solo astio?) verso gli extra-comunitari.. La Lega avanza perhè sta dimostrando di saper amministrare. Non ha bisogno del razzismo.

Non sono passati che pochi mesi dalla fantastica operazione WHITE CHRISTMAS di Coccaglio (BS); in molti comuni a conduzione leghista qui del varesotto viene "prescritto" di non affittare e/o vendere abitazioni a extracomunitari in generale, anche a quelli cosiddetti regolari. Ricordo di sicuro a Gerenzano, vicino a Saronno il paese del famoso amaretto, ma anche altrove.
Morazzone e Tradate (Va): un assegno per i neonati esclusi quelli extracomunitari.
Alzano Lombardo (Bg): incentivi economici alle nuove coppie ma solo se italiane.
Brignano Gera d'Adda (Bg) Aiuti economici solo per i disoccupati italiani.
Romano d'Ezzelino (Vi). I bambini extracomunitari sono esclusi dai bonus scuola (vedi anche Brescia).

Poi sempre nell'ottica della migliore integrazione:

Como: centralino del comune che risponde in dialetto padano.
Cantù (Co). Un numero verde per segnalare la presenza di clandestini.
San Martino dall'Argine (Mn). Il comune invita a denunciare la presenza di immigrati clandestini.
Adro (Bs). Premio di 500 euro ai vigili urbani per ogni clandestino individuato.
Cernobbio (Co): Ispezioni a sopresa dei vigili urbani per verificare presenza di bagni e docce e in generale per verificare stato abitazioni e igiene

Poi la lunga lista dei divieti che attengono a extracomunitari e loro abitudini:
Vietati burqa e burqini in piscine varie (spaventano i bambini italiani!)
Vietato consumo di cibi, come il tradizionale kepab, all'aperto
Vietato sedersi sulle panchine
I parcheggi comunali riservati ai soli residenti italiani.
Divieti alla costruzione di moschee o mancate autorizzazioni a variazione di destinazione d'uso come a Varese.
a Lodi per far desistere dall'intenzione di aprire un centro islamico, attivisti della LN hanno versato sul terreno urina di maiale, cosi come a Padova.


la lista è ancora lunga se per caso ti interessa posso proseguire eh?!

bart27 ha detto...

@ nessuno

non so cosa intenti quando dici "interpretare male una risposta" (non capirla? trarre conclusioni sconfortanti?)

per quel che ho capito, so bene che B può dormire sonni tranquilli

da una parte, perché la sinistra carbura male, dall'altra perché siamo un paese di gente assai strana (eufemismo) che pubblicamente è onestissima, quasi perfetta, si batte il petto tutte le domeniche, si straccia le vesti per l'aborto, ma poi zitta zitta, se la figlia è gravida anzitempo, ci fa un pensierino, e a volte un pensierone. Insomma, gente tanto incravattata e profumata, quanto dotata di stomaci di ferro, che pur di preservare il proprio, spesso misero, orticello, è disposta a ingoiare di tutto, a volte persino il proprio cervello.

per cui, di essere in minoranza non m'importa, anche sapendo che ci resterò a lungo. Meglio perdente che vincitore ogni volta, a seconda del carro (o carroccio) di passaggio.

In fondo, aspetto da molto più tempo, non 88, ma 221 anni, per cui anno più o anno meno, che m'importa?

Nessuno, ridici, ridiamoci sopra, facciamo una gita su Marte, che è meglio per la salute, soprattutto del fegato.

nessuno ha detto...

a Francesca

Se A=B e B=C, A=C
Non ricordo più come si chiama questa figura matematica: proprietà transitoria o qualcosa di simile?

Ebbene.
Se la maggioranza dei settentrionali - tu segnali i casi di province lombarde - è leghista;

e se i leghisti sono razzisti in modo orrendo;

la maggioranza dei settentrionali è razzista in modo orrendo.

Oppure i leghisti non sono lombardi, veneti, piemontesi ma sono atzechi capitati dalle parti di Cernobbio perché caduti dal cielo?

O la mia è una delle mie solite "provocazioni" con cui spesso sono "liquidati" i miei interventi?

Ciao.

Francesca ha detto...

Il problema è di un paese in cui la pubblica opinione, la maggioranza di essa, è ormai arrivata a giustificare QUALSIASI cosa.
Basti considerare quello che è successo negli ultimi 12 mesi
E come ci si è arrivati?
Attraverso una perfida quanto studiata manipoliazione del pensiero individuale portato all'ammasso in direzione del pensiero unico, dietro le ossessioni indotte come bisogni, la sicurezza, la giustizia, la libertà, il bene....

Francesca ha detto...

@ nessuno

guarda, lasciamo stare e non infierire piu' di tanto.
accetto tutto, ma il Piemonte in mano a quei buzzurri senza senso dello stato proprio no.

Per cercare di capire meglio ho letto anche Cazzullo secondo cui il nuovo corso viene visto con favore anche dalle élites torinesi come puoi leggere qui:

http://www.corriere.it/politica/speciali/2010/elezioni/notizie/cazzullo-apertura-credito-cota-citta-risorgimento_21a957f6-3c8d-11df-80d0-00144f02aabe.shtml

ma rimango convinta che, come recita nel passaggio finale il pezzo: La Bresso ha lavorato molto bene, e meritava di più.

nessuno ha detto...

A Bart27

1a domanda: tu aspetti da 221 anni. Cioè, da quando? Vuoi spiegarmi?

2° punto. Ho fatto il giretto su Marte da te consigliato e non mi sono divertito granchè. Ma vi ho ritovato lo stesso popolo italiano incravattato di oggi che aborrisce l'aborto e poi porta dall'ostetrico a pagamento la figlia gravida per errore.
Lo stesso popolo che faceva governare Benito (mentre altrove altri popoli facevano governare altri figuri) e oggi fa governare Silvio.

E' il popolo d'Italia.

E' lui, il popolo d'Italia, che impedisce la realizzazione dei tuoi sogni da 88 o 221 anni, non i suoi capetti.

Se poi gli chiedi, al popolo d'Italia, perché si diverte ad impedirtelo, ti risponderà: perché mi piace così.

E tu non potrai farci niente, per altri 221 anni.

Non considerare la mia una provocazione. Non lo è per niente.

E' Storia d'Italia.

nessuno ha detto...

a Francesca
Ti assicuro che non ho nessunissima voglia di infierire, ma quando scrivi:
Attraverso una perfida quanto studiata manipoliazione del pensiero individuale portato all'ammasso in direzione del pensiero unico, dietro le ossessioni indotte come bisogni, la sicurezza, la giustizia, la libertà, il bene.... vuoi dire che lombardi, piemontesi e veneti hanno al posto del cervello delle spugne capaci di assorbire solo tutto il marcio della terra?

Sarebbero cioè privi del libero arbitrio?

Poi sottolinei La Bresso ha lavorato molto bene, e meritava di più.: da chi?
Guarda che i piemontesi hanno mandato a ramengo i Savoia che avevano decuplicato il loro staterello.
Figurati quello che gliene frega del buon lavoro della Bresso.
E certo che l'establishment torinese accoglie bene i nuovi arrivati!
Ha sempre fatto così nei secoli, che fossero francesi o anche (un po' meno) spagnoli.

Non te la prendere, Francesca. Non ne vale assolutamente la pena.

Ciao

pinaz ha detto...

in risposta all'ultimo intervento di nessuno:

sì, sono in parte privati del libero arbitrio. Se la cultura non c'è e l'unica fonte di informazione è la TV, se la Tv mente con il proposito di mentire ed orientare a suo piacimento, alcuni "faciloni" sono de facto privi del libero arbitrio.
Ci si può aggrappare a tutti i sofismi che si vuole, ma il libero arbitrio lo esercitano solo sulla carta, de facto, nella sostanza, ne sono privi.
Come delle marionette.
Non tutti i leghisti, non tutti i PDLini, non tutti quelli del PD. Una piccola parte, quella che basta comunque ad uno come Cota di vincere in piemonte (scarto del 2%)

Non serve convincere tutti a votarti, basta convincere con l'inganno, quella piccola percentuale, determinantne e non in grado di formarsi un idea oggettiva, convinta e cosciente della realtà dei fatti.

Francesca ha detto...

caro pinaz,
a volte vorrei fare al mio paesello dominato da PDL & Lega, come il giornalista di Report che è andato in giro per Como a chiedere ironicamente ai cittadini "Come si vive in un'area sottoutilizzata?"
e ancora "Lei sa che cos'è il FAS?"
risposte:
"Ma se siamo una delle città e provincie piu' ricche ed industrializzate al Nord?"
"il FAS? al massimo so cos'è un fax"!

Son bestie a cui han dato da bere che tutti i problemi vengono dall'immigrazione, in Italia e specialmente al nord.
Basta cosi, non occorre sapere altro. Non come vengono spesi i denari pubblici. A parte urlare lo sperpero dovuto alle intercettazioni scomode!

Non occorre sapere che ben 12 milioni sono stati "distratti" dal FAS un anno fa per essere destinati al finanziamento di interventi concernenti il trasporto lacuale nei laghi Maggiore, Garda e Como, cioè per l'acquisto di nuovi traghetti e/o la manutenzione di quelli in servizio della società di gestione governativa della navigazione.

E che ci volete fare? Evidentemente non si sono trovati a Como sponsor privati danarosi e generosi come per il Ponte dei miracoli!

nessuno ha detto...

a Pinaz, suo ultimo intervento

Avrai anche ragione, non ne sono certo, ma può anche darsi che tu abbia ragione.

Ritengo però che il tuo principio teorico sulla assenza del libero arbitrio in una quota di elettori
non possa trovare sbocchi legislativi in senso restrittivo nei confronti di chicchessia.

All'uopo riporto qui l'art. 48 della Costituzione

Art. 48.

Sono elettori tutti i cittadini, uomini e donne, che hanno raggiunto la maggiore età.

Il voto è personale ed eguale, libero e segreto. Il suo esercizio è dovere civico.

La legge stabilisce requisiti e modalità per l'esercizio del diritto di voto dei cittadini residenti all'estero e ne assicura l'effettività. A tale fine è istituita una circoscrizione Estero per l'elezione delle Camere, alla quale sono assegnati seggi nel numero stabilito da norma costituzionale e secondo criteri determinati dalla legge.[7]

Il diritto di voto non può essere limitato se non per incapacità civile o per effetto di sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnità morale indicati dalla legge.

Non dire che sono provocatorio quando faccio parlare la Costituzione

Ciao

francesco.caroselli ha detto...

france.
Ho parlato con degli amici di Verona.
Loro soddisfatti dell'amainistrazione della Lega.
Dicevano che prima la città era sporca e ora con il sindaco leghista è rinata.
Quando gli parlo del razzismo della lega loro lo classificano solo come colore, scuotono la testa è pensano non sia importante.
La città è tenuta bene!
Oltretutto questo ragazzo è tendenzialmente di sinistra, ed ha origini calbresi (la madre lo è)...mi ha raccontato ridendo un aneddoto sun un leone che mangia un terrone o qualcosa cosi.
A qualcuno questo razzismo piace... per altri è solo "folkloristico" ma sono abbastanza certo che solo una minoranza degli elettori della lega sia razzista come borghezio, gentilini e via discorrendo.

Francesca ha detto...

@ Caroselli

Varese è la culla della LN, la città che ha tenuto a battesimo nel 1984 il movimento nato con UB e
da moltissimi anni amministrata dai leghisti. Una piccola città, una piccola provincia, facile da tenere in ordine e a cui dare il decoro che merita per il suo passato di città giardino di antiche villeggiature borghesi.
Vedessi com'è trascurata invece.
Io lavoro proprio all'ingresso della città, vicino alla sede dell'azienda municipalizzata c'è, sulla riva dell'inquinatissimo fiume Olona che ne ha raccolto per anni gli scarichi velenosi, il gigantesco e fatiscente scheletro di una conceria dismessa da almeno 25 anni, con le sue vetrate rotte, i tetti squarciati, tegole rotte e pluviali arrugginiti pericolosamente in bilico sulla strada; all'intorno erbacce e rifiuti ovunque.
Poche centinaia di metri piu' in là in direzione dell'autostrada per Milano, la A8 dei Laghi, altri complessi industriali di cartiere o fabbriche tessili abbandonati da decenni ed in rovina.... inguardabili.
Un vero schifo!
Ma i cittadini continuano a votare cosi e son ben contenti!
Il sindaco di Varese guida la fronda dei primi cittadini contro il patto di stabilità....

A Verona son contenti che la città sia pulita.... vabbè, chi si contenta....

PaoloVE ha detto...

@ Tommaso:

ho riletto i tuoi post di ieri con le "ricette" relativi al M5S, e nell'insieme mi danno l'impressione che tu stia predicando l'uso del solo antiberlusconismo come collante dell'opposizione di sinistra.

Ma, senza altri contenuti difficilmente si prendono voti (abbiamo ampiamente visto che i tifosi pro SB sono più numerosi di quelli anti SB) e sopprattutto non si governa, come abbiamo già avuto modo di toccare con mano.

La strada, secondo me, rimane quella di definire un possibile programma di interesse comune e candidarsi per realizzarlo (come era stato fatto in occasione del Prodi 2). E attenersi a quello (cosa disattesa da subito nel Prodi 2 grazie a mastella, che ripudiava il programma dopo nemmeno 2 settimane).

Saluti

Paolo contrattuale

Francesca ha detto...

@ caroselli ...e al suo amico di verona

...di provocazione in provocazione... questa sarebbe l'integrazione?

http://parma.repubblica.it/cronaca/2010/03/31/news/crocifisso_accanto_alla_moschea_il_parroco_non_lo_benedico-3055541/

francesco.caroselli ha detto...

france
non ho detto che la lega vuole l'integrazione.
(non sono cosi stupido)
dico solo che molti degli elettori della lega se ne fregano se sono razzisti e intolleranti... considerano questa perversione una nota di colore....

E' ovvio che io non la penso cosi!
OK?