venerdì 26 marzo 2010

Re per una notte

Non ho rilievi particolari da fare alla Zanzara di ieri. Giuseppe Cruciani se l'è presa in particolar modo con il suo bersaglio pidiellino preferito che usa per dimostrare di non essere poi così difensivo verso il PDL, Daniela Santanché, e con il suo bersaglio leghista preferito per far vedere di non essere poi così difensivo verso la Lega, Roberto Calderoli.

La prima è stata canzonata dopo un diverbio televisivo con Livia Turco e Marco Pannella perché tentava di argomentare a favore della sua parte politica mettendo insieme in un pastone di tutto e di più, inclusi i valori cattolici (la vita, l'aborto, la famiglia, ecc.) di cui il PDL e lei in particolare sarebbe portatore (ma quando mai...).

Il secondo, Calderoli, è stato biasimato pesantemente per la sceneggiata del falò delle 375.000 leggi inutili (Gian Antonio Stella, ospite in trasmissione, ha osservato, che, facendo due conti, tale numero è irreale, visto che implicherebbe l'aver emanato, da parte del parlamento, dieci leggi al giorno per 150 anni) una scena che il conduttore ha definito “raccapricciante”, anche al di là di tutte le polemiche che si sono sollevate a contorno per la precettatazione di una trentina di vigili del fuoco giusto per far da scenografia allo show hollywoodiano.

Non c'è nulla da aggiungere. Ci sono solo mandibole, braccia e palle da raccogliere, dopo che sono cascate.

***

Confesso, anch'io, come Crux, ho nutrito ieri sera la mia passione per il calcio vedendo su SKY Napoli-Juventus (grande partita, sotto ogni punto di vista). Ma non perché, al contrario di Crux, Raiperunanotte non mi interessasse (“che noia, quelli là dicono sempre le stesse cose”, ha sbottato il conduttore). Il fatto è che da quando su internet si riesce a recuperare in video praticamente ogni cosa, l'esigenza di vedere un programma in diretta non sussiste, e stamattina, visto che fortunatamente sono un po' scarico come lavoro, ho potuto vedere ampi stralci dello show grazie a YouTube.

Alla faccia della noia. Tutto si può dire, nel bene e nel male, tranne che siano state tre ore noiose. E' stato anzi uno degli spettacoli televisivi più spassosi di sempre. Io, per dirne una, sto ancora lacrimando per il tanto ridere di fronte al monologo hard di Daniele Luttazzi (prima parte, seconda parte), numero uno assoluto, imperatore della satira, vero vincitore della serata. Re per una notte a Raiperunanotte.


Re per una notte


Certo, se penso all'uso che Cruciani farà stasera delle parole dell'ex presentatore di Satyricon, di quelle di Iacona, di Lerner, di Santoro, di Travaglio, ecc, pescando ad arte i frammenti che gli fanno più comodo (magari partendo da quel “odiare i mascalzoni è cosa nobile” di Luttazzi), se penso allo scontato, triste, scialbo, banale, pedestre, pedissequo rito del Radio Londra che verrà dedicato a Mario Monicelli (l'anziano regista ha addirittura auspicato una rivoluzione), se penso all'articolo anti-santoriano e anti-luttazziano di Aldo Grasso (apparso oggi sul Corriere) a cui Crux si appoggerà essendo incapace di argomentare con parole sue, se penso ai sospiri del conduttore per l'accostamento Berlusconi/Mussolini, se penso ai suoi grugniti e ai bofonchii per l'SOS di Santoro a Napolitano, se penso al menefreghismo di Cruciani che stasera di nuovo si manifesterà, se penso al suo cinismo, alla sua inconsistenza, alla sua incoerenza, al suo doppiopesismo, beh, se penso a tutto questo, mi viene da lacrimare un'altra volta. Ma, in questo caso, per compassione.

(Qualcuno gentilmente avrebbe un fazzoletto?)

***

Domani capirete che non stavo scherzando e penserete: 'Quello è matto!'. Ma vedete, io la penso così: meglio re per una notte che buffone per sempre.

Robert De Niro nel film "Re per una notte"

---------------------------------

Contributo multimediale dedicato a Calderoli.

Prodigy, "Firestarter" (1996)




I'm the self inflicted, mind detonator
I'm the one infected, twisted animator
I'm a firestarter, twisted firestarter...


99 commenti:

Pale ha detto...

Ho visto la trasmissione di ieri. Sto parlando naturalmente di quella di Santoro, non Cruciani.
Dal punto di vista dei contenuti mi è sembrata la solita storia. Gli unici due che si sono distinti dagli altri sono Luttazzi e Morgan.

Il primo per il livello altissimo di satira. Certo non ci si poteva aspettare un monologo al miele. Ne è arrivato uno al vetriolo che in pochi minuti ha riportato alla luce la vera funzione del satiro in una società libera. Luttazzi può piacere o non piacere, ma senza dubbio il suo mestiere di artista lo sa fare, e bene. Il fattopoi che le sue affermazioni sull'odio possano legittimare le tuonate di Berlusconi, beh, conferma il fatto che lui fa arte, non politica. Lui non è interessato a sostenere un certo partito rispetto ad un altro. Lui fa satira e basta.

Il secondo, purtroppo, per la figura patetica che ha fatto quando ha provato a dire due cose.
In effetti Morgan sembrava un pesce fuor d'acqua. E questo per essere cauti nei giudizi. Non sapevano come fermare la sua performance. L'unica parte nella quale si è sentito a suo agio è quando ha suonato. Ma per farlo suonare Venditti ha dovuto sudare parecchio.
Pale

Daniele ha detto...

Luttazzi e' stato da lacrime agli occhi veramente!
Ridatecelo in tv!!!

Francesca ha detto...

Ho seguito anch'io Santoro sin dall'inizio ma su Rainews24 con il bravo Corradino Mineo, sorbendomi prima tutta una tribuna politica con Casini che non è stato affatto male.

Di Luttazzi non posso che confermare quanto già detto sia da Authan che Pale, del resto sono stata a vedere il suo spettacolo anche a teatro.

Mi è piaciuta moltissimo la band di Elio che non delude mai e, ancora come Pale, ritengo che Morgan sia stato il peggiore, l'unico che poteva restarsene a casa, nessuno si sarebbe accorto della mancanza.

Non ho riscontrato cadute di stile nei passaggi forti, come invece anche Maltese oggi, dopo le critiche di Grasso, rileva.
Mah... forse non pratica il sesso anale!

Adesso il cavaliere di Hardcore grida all'"obbrobrio incivile e barbaro" e si rivolge ancora una volta all'Agcom, come ha fatto prima per oscurare, ora per sanzionare l'uso di una via alternativa nell'esercizio di una libertà fondamentale!
Ma come ????
Ci ha stracciato fino a oggi le palle per convincerci che gli "attacchi" di Santoro e di tutti i "demonizzatori" del sultano fossero sorgenti di consenso aggiuntivo per lui!!

nessuno ha detto...

Non ci resta che piangere.

Io lo avrei intitolato così.
Ma si sa che io ho altra sensibilità (anzi, non ne ho).

Piangere per Luttazzi dal gran ridere.
Piangere per il Cruciani della prossima puntata per compassione preventiva.

Il tutto per continuare a dreamare, neoinglesismo coniato da me che significa sognare.

Authan ha detto...

Compassione preventiva? Non è colpa mia se Crux è prevedibile come una mosca in un letamaio.

Pale ha detto...

@ nessuno

Hai visto la trasmissione di ieri? Cosa ne pensi delle varie performance (perchè di queste si trattava, essendo uno spettacolo) dei vari ospiti? Mi interesserebbe sapere uno per uno (o quasi) cosa ne pensi, con un paio di frasi a testa, così non vi saranno ambiguità!

Pale

Pale ha detto...

@ Authan

"Crux è prevedibile come una mosca in un letamaio"

Fantastica figura retorica!

Pale

mauro ha detto...

authan che succede?
non ti avevo mai percepito così duro e critico verso il crux.
inutile aggiungere che concordo al 100%: ogni tanto (santanché, calderoli...) fa finta di sbeffeggiare anche quelli, ma la finta si legge da un kilometro, e oggi in compenso ci delizierà coi radiolondrati.
vuoi mettere che soddisfazione?

qualcuno ieri (forse lerner) ha parlato di chi minimizza per professione. indovinate chi mi è venuto in mente?

comunque stasera NON ASCOLTERO' la zanzara.

bart27 ha detto...

SALOTTO vs STUDIO

In salotto c'è la TV
Nello studio c'è il computer

Questi due media si stanno scontrando.
Non si sa chi soppianterà l'altro.
Non si sa chi ingloberà l'altro.

Ieri con Raiperunanotte (ma anche prima, con la trasmissione di Corriere.it Mentana Condicio) è andato "in onda" un bel match fra Tv e Internet.

Per ora, direi ai punti, Internet ha vinto una battaglia.
Chissà se vincerà la guerra.

Mi sa che siamo di fronte a un processo ineluttabile, provocato dalle vorticose innovazioni tecnologiche dei media.
E l'aver cancellato i talk show è stato un boomerang, perché ha accelerato di colpo un processo, forse addirittura epocale.

Pertanto, difendiamo Internet, e difendiamo il suo spirito primigenio, declinandolo e aggiornandolo in tutte le sue evoluzioni.

Fateci caso: tutti i giornalisti che stanno dentro al "sistema" (mi esprimo velocemente, intendetemi) denigrano Internet: ad esempio, Aldo Forbice di Zapping su Rai Uno, e non ultimo Cruciani Giuseppe.


( Luttazzi strepitoso! )
.

Authan ha detto...

Mauro,
sono sempre molto severo con Crux. Ma lo sono (nella mia percezione) con un approccio non prevenuto. Non lo considero assolutamente un servo, e se gli capita di dire qualcosa di condivisibile (da me, ovvio), sono bel felice di elogiarlo. Non è difficile da comprendere. Non sono né
un fan sfegatato del Crux, né un suo detrattore a prescindere.
Ciao.

mauro ha detto...

neanch'io lo considero un servo, nonostante detesti quel suo fintissimo desiderio di mostrarsi libero e controcorrente.
solo, a volte mi eri sembrato fin troppo indulgente. per me, come scrivi oggi, certe cose sono grandi come macigni: se non le vedi o ci fai o ci sei. e lui secondo me un po' ci è (cinica sintonia berlusconiana) e un po' ci fa (essendo di parte, tende a minimizzare ad arte gli scivoloni berlusconiani, salvo massimizzare invece l'anti-berlusconismo).

ps: luttazzi da cineteca, morgan imbarazzante.

Michele Reccanello ha detto...

@mauro

authan che succede?
non ti avevo mai percepito così duro e critico verso il crux.


(lo dico con un certo sorrisetto)
Authan, visto quello che ha scritto nel post e nel commento (prevedibile come una mosca in un letamaio...), ha tutta la mia comprensione.
La riprova stasera alle 18 e 30
ECCOCI... ...radiolondra! Già lo vedo (sento)

P.S. Di Luttazzi, mi ricordo solo quella "gag" del mangiatore di me..a che fece scalpore (tra le tante), ma non l'ho mai seguito. Ma devo dire che dopo un primo momento di sconcerto (il rapporto anale), quando poi (alla sua maniera) l'ha spiegato ero piegato in due dalle risate. Fantastico anche il commento "Ho aspettato 8 anni..."
Davvero il pezzo forte. Benigni, buffo pure lui con quel "contrasto" sulla libertà, ma è volato assai più basso.

Michele Reccanello ha detto...

Sul cav che invoca l'AGCOM:

eh! eh! ...

Dopo tutto quello che è venuto fuori, chi può solo sperare che l'AGCOM sia un arbitro superpartes? E con che coraggio lo invoca e che credibilità ha?

Zecca ha detto...

A proposito di mosche sul letame, mi vedo gia il Crux con la bava alla bocca che stasera on air fa risentire o fa menzione della lunga metafora sodomita di Luttazzi ( che a me personalmente ha fatto sbellicare).

Il Cavaliere di Hardcore e' un capolavoro , chi l'ha coniato? tu Francesca?

PaoloVE ha detto...

Buongiorno,

la trasmissione di santoro di ieri sera mi ha suscitato riflessioni tra di loro contrastanti:

a) è stata una trasmissione di parte, militante e faziosa, anche se mi pare fossero stati invitati a partecipare anche giornalisti di parte avversa.

b) paradossalmente l'assenza dei soliti battibecchi (sarebbe bastato un Belpietro o un Sallusti e tutto sarebbe finito in caciara come sempre ad Annozero) ha reso comprensibili i contenuti, pur non aggiungendo granchè a quanto già noto. Forse è meglio avere due programmi di parti opposte piuttosto che uno solo in cui le due parti opposte urlano.

c) lo share sta chiarendo se gli spettatori ritengano o meno che certe trasmissioni valgano il canone.

d) ho sentito che dopo il boom di contatti internet il governo ha deciso di tagliare i fondi per la banda larga... :-)

e) sono curioso di vedere cosa farà adeso l'Agcom e cosa resterà della par condicio...

f) Santoro continua a non piacermi perchè fa il martire, certo che c'è chi fa di tutto per renderlo credibile nel ruolo

g) anche se qualcuno non la penserà così, credo che la trasmissione non abbia toccato elementi che avessero attinenza con il voto dei prossimi giorni: le liberà civili sono tra quei massimi sistemi, sicuramente importanti, che non penso interessino chi vota per la regione...

Saluti e buon voto

Paolo

Michele Reccanello ha detto...

@Bart

SALOTTO vs STUDIO

Qualche anno fa con la presentazione del digitale terrestre, Renato Soru allora presidente della regione Sardegna, ma in particolare fondatore di Tiscali criticò l'uso del modem (antiquato) nel decoder del digitale terrestre e secondo me con ragione. Infatti inserendo una porta di rete o una connessione wi-fi si poteva fare della TV un mezzo veramente interattivo e multifunzionale.

Quando Grillo tuonava contro il digitale terrestre dicendo che è una tecnologia morta, aveva (anzi, ha) ragione.

Pensa solo che con un mezzo simile, chi gestisce i media, ha la lettura immediata del successo o del flop di un evento. Oppure i telesondaggi, opinioni, per non parlare della posta e altri servizi, che sarebbero a disposizione di chi non vuole ammattire accendendo e smanettando con un PC.

nessuno ha detto...

a Pale
"Hai visto la trasmissione di ieri? Cosa ne pensi delle varie performance (perchè di queste si trattava, essendo uno spettacolo) dei vari ospiti? Mi interesserebbe sapere uno per uno (o quasi) cosa ne pensi, con un paio di frasi a testa, così non vi saranno ambiguità!"

Pale, non è snobismo da parte mia, credimi.
Spessissimo la sera davanti alla televisione io mi addormento, anche se c'è una partita, o un film. E' l'età.
Ed anche ieri sera mi sono addormentato.
Gli unici che ho visto sono stati
Morgan con Venditti, un pezzo del Travaglio che ha leggiucchiato il suo pezzettino su Milioni quando la registrazione di Benigni non partiva e Luttazzi.
Tutti gli altri sono andati mentre io dreamavo

Di Morgan e Venditti cosa c'è da dire? L'ha detto Santoro a Venditti , alla fine; Quando torni, torna da solo.

Di Travaglio ti ho già detto.

Su Luttazzi, che ci aveva lasciato otto anni fa mentre serviva sopra un piatto un gelato di feci, cosa dire?

E' rimasto in tema. Non è andato off topic.

Secondo me un giudizio tecnico appropriato e forse da intenditore (dico: forse) lo potrebbe dare Tinto Brass.

Ha certamente avuto una battuta bruciante quando ha detto: vedo che parlo a chi ne sa e molte donne hanno riso, meno gli uomini.

Si può concordare con Authan.

Ha fatto piangere (diciamo pure dal gran ridere).

Soddisfatto? Fammi sapere.

Michele Reccanello ha detto...

@PaoloVe

Santoro continua a non piacermi perchè fa il martire, certo che c'è chi fa di tutto per renderlo credibile nel ruolo

Di Santoro, pur ritenendo interessanti le sue trasmissioni, non mi piace il suo stile nella conduzione, dove spesso si sovrappone a chi parla, e talvolta gli taglia pure il discorso, capisco anche il fatto di fare il martire, come lo ha fatto anche Luttazzi ieri sera - anche se comunque non credo che se ne lamenti molto i suoi spettacoli fanno sempre il pieno a quanto mi risulta - visto che è stato messo alla porta dai soliti maggiordomi troppo zelanti, a cui basta un sospiro del B. per partire in tromba.

E ciò di cui tratta sono argomenti di solitò già noti - perchè comparsi sui principali quotidiani - su di un noto personaggio che si sente martire anche lui quando Santoro ne parla male. Se si ritenesse offeso, perchè magari certi argomenti sono irrispettosi della sua onorabilità, basterebbe far una denuncia per calunnia. O no?

nessuno ha detto...

a Michele Reccanello

Ti riposto il post di questa mattina

nessuno ha detto...
a Michele Reccanello
Siccome l'ultimo commento delle 21,58 del 25/03 è il mio, perché secondo te sarebbe significativo?

Cosa ha di strano?

Vedo che sei mattiniero, il tuo del 26 è delle 05,17.


Sarai così gentile da rispondere?

Francesca ha detto...

@ Zecca

eh, magari!
no, si tratta del titolo di un articolo a firma di Marco Travaglio del 01/05/09 su L'Unità, anche se poi tale appellativo ha preso a circolare in rete per indicare appunto il Banana e che ha soppiantato il consunto termine precedentemente usato di "cavaliere mascarato" di origine televisiva (credo).

Il cavaliere di Hardcore
(MARCO TRAVAGLIO- L’Unità-Primo maggio 09)

Chissà com’è stato il ritorno in ufficio del papà di Noemi dopo la festa per il 18° compleanno della ragazza con visita a sorpresa di Al Tappone, che lei chiama eloquentemente «papi».

Figurarsi i frizzi e lazzi dei colleghi: «Ciao papi», «Tutto bene in famiglia, papi?».

Il malcapitato è stato pure calunniatocome «vecchio autista di Craxi» (falso, ovviamente). Insomma una catastrofe, per il pover’uomo.

Per il Cavaliere di Hardcore invece lo scandalo delle selezioni per le Europee, decisamente più corrive di quelle per “Colpo Grosso”, è stato prontamente trasformato nell’ennesimo trionfo dalle tv e dalla stampa al seguito.

Che hanno evitato di collegarlo alle denunce di Guzzanti senior sulla «mignottocrazia» e alla notizia del padre di un’altra fanciulla che s’è dato fuoco dinanzi a Palazzo Grazioli perché la figlia s’è vista negare una candidatura promessa in cambio di non si sa bene cosa.

Da quando ha chiuso il Bagaglino e il ministero delle Pari Opportunità è in overbooking, i posti disponibili scarseggiano.

Checché ne dica «la signora », come papi chiama la moglie.

A strigliarla a dovere ha provveduto Maria Giovanna Maglie sull’apposito Giornale: «La First Lady in sonno… nemica della maggioranza degl’italiani», anziché «lasciarlo lavorare», «danneggia il premier e il governo ».

L’editoriale trasuda un trasporto sconfinato per papi. Il quale ora dovrebbe dare un cenno di gratitudine a Maria Giovanna, così bisognosa d’affetto.

Niente ministeri né sottosegretariati. Basterà un cenno, un buffetto,un anellino.

Conta il pensiero.

Suvvia, papi, faccia qualcosa anche per lei.

Marco ha detto...

Buondì,

prevedendo i punti a e g del commento di Paolo ed essendo d'accordo sul punto f ho evitato accuratamente di andare a vedere lo spettacolo, ben sapendo comunque che le parti meritevoli le posso trovare in rete.

Ho visto Luttazzi e devo dire che il suo monologo era rovinato dalle facce serie serie di alcuni degli ospiti. Oltre che dal sorriso autocompiaciuto di Travaglio.

Stasera, sempre in via preventiva eviterò di ascoltare Cruciani che, temo si comporterà come preconizzato da Authan.

Buonanotte

Tommaso

Michele Reccanello ha detto...

@nessuno

OT

Niente di strano. Lavoro come turnista 321. Questa settimana sono 1, e stamani mentre mi aggiravo per casa con una tazza di caffelatte in mano ero curioso di dare un occhiata alle notizie e magari al mio blog preferito.
Di solito la mattina dò un occhiata al televideo (che guardo di pù della televisione), ma stamani avevo un pò di tempo in più...

Buon per te che (presumo) da pensionato (visto che ti spacci per un'anziano signore) eri beatamente a letto a quell'ora.

francesco.caroselli ha detto...

Adesso mi date ragione su Luttazzi..
io il monologo l'ho visto intero...
si compra in edicola..
senza contare che da internet ho scaricato tutti i monologhi vecchi...
e a teatro se è nella mia città non me lo faccio scappare.
Michele.. Luttazzi negli ultimi due anni è diventato un po piu triste perchè persino in teatro gli creano problemi...
Non gli danno la disponibiltà...oppure gli tolgono il teatro 2 giorni prima dello spettacolo...


Secondo me cmq cruciani ha dimostrato tutta la sua pochezza.
Invece di assistere al piu grande evento trans-mediatico d'italia ha preferito guardare la partita.
E non giocava nemmeno la sua squardra del cuore!

E noi dobbiamo stare ad ascoltare le opinioni di un disinformato e pigro giornalista?
Cruciani oggi chiameranno un sacco di gente che ha visto l'evento e vorrà commentarlo..
tu cosa dirai?

nessuno ha detto...

a Pale

Mi è tornata alla mente una vecchia storia.
Un mio amico tuttora vegeto, molto pio e devoto - si è fatto sposare da un vescovo - già negli anni '60 del secolo scorso, (per tornare alla concezione luttaziana del berlusconismo e lui stesso Luttazzi ne è prova vivente), suddivideva gli esseri umani in due categorie: i mettinculi ed i prendinculi.

Come vedi, niente di nuovo sotto il sole.

Ciao

Pale ha detto...

@ nessuno

Ti dirò di più... già ai tempi di Aristofane si faceva satira parlando di feci e sesso. È un classico della satira.

Pale

nessuno ha detto...

a Michele Reccanello

Certamente sono io che mi sono espresso male.
Chiedevo chiarimenti sul significato del post seguente:

Michele Reccanello ha detto...
OT
...significativo che l'ultimo commento è delle 21:58

26 marzo 2010 05.17


Cosa ci sarebbe di "significativo" nella circostanza che l'ultimo commento - che è mio - è delle 21,58?

O. K.?

Pale ha detto...

leggete Telese e il commento sotto... secondo me è più azzeccato il commento del pezzo di Telese. Voi che ne pensate?

http://www.lucatelese.it/?p=1843

Pale

Francesca ha detto...

TOTO-ZANZARA

Sospeso il divieto di dimora in Campania per Lady Mastella, per motivi elettorali.
Di nuovo esiliata da lunedi prox!
«La misura restrittiva nei miei confronti - aveva detto la Lonardo - è da ventennio fascista per allontanare i dissidenti. Io e Craxi abbiamo storie diverse ma siamo stati mandati entrambi in esilio».

Michele Reccanello ha detto...

@francesco.caroselli

Secondo me cmq cruciani ha dimostrato tutta la sua pochezza.
Invece di assistere al piu grande evento trans-mediatico d'italia ha preferito guardare la partita.


Permettimi un piccola critica...
al di là di tutto, peppino ha il diritto di guardare cosa meglio crede, noi semplicemente possiamo criticarlo quando sostiene posizioni per noi non accettabili.

P.S. Luttazzi, come tutti ha il diritto di guadagnarsi il pane come meglio sa fare. Le volte che è capitato dalle mie parti ha fatto il pieno. Sarà perchè abito in una regione rossa?

nessuno ha detto...

Ancora a Pale

Eh, gli antichi greci la sapevano lunga.
Ma tornando ai mettinculi ed ai prendinculi, non è meglio, secondo te, stare tra i primi?

Quanto ai secondi, e Luttazzi ne deve sapere qualcosa, vale anche il consiglio cinese. Quando il nemico ti sodomizza, non agitarti. Godrà di meno.

Ad majora.

Michele Reccanello ha detto...

@nessuno

Sai invecchio a vista d'occhio...
e ogni tanto svagello. Qualche tempo fa in un commento di Francesca che parlava di Barbara Spinelli per un lapsus mi è venuto in Barbara Palombelli.

Questa volta avevo visto l'ora dell'ultimo commento (il tuo) alle 21:58 che ho invece preso per 20:58...

Fabio Giampaoli ha detto...

Beh! alla fine era veramente sempre la solita storia apparte il momento in cui Morgan ha detto a Venditti di non rompere troppo i coglioni con la retorica.

Per il resto a me Travaglio mi ha convinto da un pezzo, sul fatto che il nostro è un paese con un alto grado di corruzione e con poco senso civico e che Berlusconi come un bel pò dei dirigenti di sinistra stanno dentro a tutto questo senza troppi problemi.
Il problema è che bisognerebbe trovare il modo di convincere della bontà di certe tesi tutti i berluscones non adoranti (quelli adoranti è gente contenta così ed è bene lasciar perdere), per i quali sarebbe forse più salutare ascoltare per bene cosa stanno cominciando a dire i vari Facci e Giannino già citati in questo blog.
Ovvero che anche al netto della sua situazione giudiziaria, alla fine quest'uomo ci tiene TUTTI (sinistra, moderati e destra) prigionieri della sua megalomania parolaia e inconcludente.

Pale ha detto...

@ ancora a nessuno

Vi è una distinzione enorme fra ineleganza e satira. Il tuo ultimo commento non mi sembra di stampo satirico.

Con simpatia,
Pale

nessuno ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
nessuno ha detto...

Ancora a Pale

Sì, il mio ultimo commento è inelegante, mentre il pezzo scritto e letto su in leggìo da Luttazzi è satirico.

Ma è colpa mia solo in parte.

Io mi rifaccio all'antica, molto antica, saggezza cinese che non so se è più o meno contemporanea a quella di Aristofane.

Del resto non vedi che anche Authan parla di mosche sul letame?

Oggi il tema che passa il convento è questo, anche se in salsa di santoriana democrazia e libertà.

(Un giorno ti passerò l'apologo sulla libertà che raccontava mio padre).

Ciao.

bart27 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Michele Reccanello ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Michele Reccanello ha detto...

@Fabio Giampaoli

Su Travaglio: Il maestro è stato bravo con l'alunno, Montanelli disse che la sua arma più pericolosa è l'archivio. Può stare sulle scatole per quell'atteggiamento un pò altezzoso, ma personalmente mi piace. E' uno dei pochi che non risparmia mazzate a una parte e all'altra. Molti si arrabbiano per ciò che racconta, in realtà non fà altro che riprendere dei fatti di cronaca giudizaria, e condirli con un ironia pesante.
Ho comprato diversi suoi libri e sono andato a sentirlo in un museo, (con lui c'era anche Peter Gomez anche lui un giornalista come si deve), ed è impressionante per la quantità d'informazioni che snocciola e soprattutto il racconto che fa della nostra classe politica

Clem ha detto...

@ Paolo: occhio a definire faziosa una trasmissione (a cui gli ospiti di parte avversa si rifiutano di andare) per l'assenza di ospiti di parte avversa. Si fa il loro gioco :)

francesco.caroselli ha detto...

nessuno
se mi agito godrà di piu
ma se non mi agito il mettinculo pensrà che il trattamento mi è piaciuto...

... po dopo che quello avrà "sborrato" ne verrà un altro...

... io preferisco mettermi in piedi e cercare di evitare che poi venga il mettinculo numero 2.

La consorte Berlusconi infatti diceva (non a torto) che il pericolo di dittatura sarà piu alto dopo B.
Parole sante

Clem ha detto...

Cazzarola, ragazzi, e poi il problema è una gag di Luttazzi di anni fa... -_-

nessuno ha detto...

Awlore, dove sei finito?

Michele Reccanello ha detto...

@Authan

Grasso... Monicelli... Luttazzi...
Proprio prevedibile il nostro conduttore preferito! Anche troppo

Michele Reccanello ha detto...

Fantastico questo intervento:

...Lei Cruciani la ammiro perchè dà un colpo al cerchio... e un colpo alla botte...

Para-regime mediatico!

nessuno ha detto...

a Francesco Caroselli
"se mi agito godrà di piu
ma se non mi agito il mettinculo pensrà"

Caro Francesco, della parola in corsivo è importante l'accento.
Non è parola piana, con l'accento cioè sull'ultima sillaba, praticamente la "u".

No. E' parola sdrucciola, con l'accento sulla penultima sillaba, cioè sulla "i".

Mi taccomando, quamdo la devi usare, usala con l'accento giusto.

Se no, come parola piana, risulterebbe volgare.

nessuno ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
nessuno ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
nessuno ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
nessuno ha detto...

DELLE REGOLE

"Questo paese ha bisogno di regole" (D'Alema)
"Minzolini, lei non rispetta le regole" (Borromeo)
Santoro: "Le regole? Me le faccio da me"
Il popolo dei talk show: "W le regole che Santoro si è fatto per sé"

In confronto a quel che ha fatto Santoro, i nostri off topic fanno venire la tosse alle pulci dal gran ridere.

E perché mai dovrei rispettare le regole del codice della strada? Io sto dalla parte di Santoro.

Pfui! Le regole!

In Sicilia "regole" si chiamano le mestruazioni delle donne.
"Le son venute le regole"

Almeno quelle - come dice Emilio Fede: il condizionale è d'obbligo -
dovrebbero essere regolari

Clem ha detto...

E che ha fatto, Santoro?

Clem ha detto...

Mi spiego perché se no...
Il problema è che Santoro, al limite, deve onorare il contratto di esclusiva con la Rai, e, volendo, ne ha parlato male. Wow, non ha onorato il contratto col suo datore di lavoro! Berlusconi ospitava un mafioso, ma anche questi sinistri ci danno dentro, eh?!
Ma posso capire che da appartenendo alla categoria dei sodomizzatori ti dia fastidio quando chi cerchi di violentare non è d'accordo :D
*pat pat*
Abbi una grandiosa giornata! :)

nessuno ha detto...

Santoro rispettare le regole?
Ma siamo matti?

L'importante è che non si sia mai d'accordo l'uno con l'altro e ciascuno fare come meglio gli aggrada.

Si fa così in tutti i paesi del mondo e chi negli altri paesi lavora lo sa benissimo.

Poi ciascuno avrà le proprie masse di seguaci che gli daranno ragione e man forte.

Quanto alle sodomizzazioni, chiedere informazioni e istruzioni a Daniele Luttazzi.

Carramba, olè.

francesco.caroselli ha detto...

Berlusconi rispettare le regole?
Ma siamo matti?

L'importante è che non si sia mai d'accordo l'uno con l'altro e ciascuno fare come meglio gli aggrada.

Si fa così in tutti i paesi del mondo e chi negli altri paesi lavora lo sa benissimo.

Poi ciascuno avrà le proprie masse di seguaci che gli daranno ragione e man forte.


Sei forte nessuno, veramente forte


Cmq ls vedo sempre piu grigia e le elezioni regionali non potranno cambiare nulla.
Sigh e sob


Io on ho niente contro il sesso "diverso" l'importante è che sia metti che prendi siano consensienti...

ste76 ha detto...

Ciao a tutti,
questo non e' un off-topic!
Io sono fermamente convinto che la cannabis sia innocua (escluso naturalmente il rischio prigione e il rischio contatto con la malavita insito nella sua illegalita'..)
ora vorrei fare una battuta! Eccola:

lo Stato Italiano ha reso illegale la cannabis perche' vuole ficcarvela su per il culo e vuole che la mafia ve la ficchi su per il culo per fare una bella doppia penetrazione.

Ora, ditemi, apparte il concetto PROFONDO che sta celato (molto celato) nella mia battuta dove sta' l'umorismo? Non lo vedete. Neppure io.
Da tempo sostengo che oramai va bene tutto purche sia chiaramente anti-B. Ora ho la mia chiave di volta.
Sono davvero stufo. Qualcuno mi aiuti.

PaoloVE ha detto...

@ clem:

non mi pare che alla trasmissione servisse l'assenza di una controparte per essere faziosa, bastava l'impianto "a tesi", secondo me.
Paradossalmente invece l'assenza di una contoparte ha reso chiari i contenuti della trasmissione, SB ha perfettamente ragione a definire trasmissioni come annozero dei pollai: ci manda apposta e con successo i Larussa o i Lupi di turno al solo scopo di urlare coccodè perchè non si capisca cosa dicono gli altri...

Saluti

Paolo

ste76 ha detto...

Meno male c'e' Benigni
http://www.youtube.com/watch?v=SjIQyJCJyYk&feature=rec-LGOUT-exp_fresh+div-1r-5-HM

Authan ha detto...

Ste, non fa ridere perché tu non le sai raccontare :-)

lexdc ha detto...

CRUCIANI CREDO SIA IN BUONA FEDE. ANCH' IO HO SCRITTO UN POST CHE COINVOLGE ANCHE LUI, IN QUANTO RITIENE IL BERLUSKAZZ UN PO' NAIF MENTRE INVECE CREDO CHE SIA TUTTO CALCOLATO.
WWW.LEXDC.SPLINDER.COM

francesco.caroselli ha detto...

stew la tua battuta è pietosa...
me la spieghi?
non l'ho capita!

Visto che la cannabis come tema l'hai introdotta tu volevo dire una cosa MOLTO off-topic:
Hai mai visto weeds?
Se non l'hai mai visto dai un'occhiata qui:
http://www.filmgratisdownload.com/2010/02/weeds.html

Una serie che ha come protagonista una madre di famiglia che si mette a spacciare erba.
Esilarante.
Ha vinto golden globe e latri premi.

(ho conosciuto questa serie grazie a Freccero e la sua mitica rai4!
(lo stesso Freccero che fu l'ultimo direttore di rete un minimo competente e coraggioso)

francesco.caroselli ha detto...

visto che avevamo accennato al nucleare...

http://www.youtube.com/watch?v=Y1o-GrK3xE4
Storie sconosciute di inquinamento

ste76 ha detto...

@francesco
la serie weeds (per lo meno le prime 2 serie) e' veramente forte, divertente e irriverente.

Lo so che la mia battuta e' pietosa. Doveva esserlo. Mi faccio perdonare con qualche citazione che potra' far ridere anche i non anti-B e quelli che non pensano che il popolo bue sia quello che vota B.

satira ironica:
http://www.youtube.com/watch?v=Dk9jxVx83o4

satira surreale:
http://www.youtube.com/watch?v=OuyH6bCQZVo&feature=related

satira burlesca:
http://www.youtube.com/watch?v=o8_Nwdc-PDc&feature=related

satira pungente:
http://www.youtube.com/watch?v=3SKTRjnZuNU

francesco.caroselli ha detto...

Pigì (cerchio)Battista vs Scalfari su influenza della Tv sulle elezioni (22marzo10)

francesco.caroselli ha detto...

Ste76
mah la comicità è una cosa, la satira è un'altra...
si fa un po troppa confusione...
mi vien voglia di riprendere il mio libro di letteratura latina...

anzi lo cerco e appena lo trovo vi riporto qualcosa.

La comicità è innocua, anzi può anche rendere simpatici certi personaggi, mentre la satira è feroce.
E' la sua natura.
Ed è un vero peccato che luttazzi non sia piu in video
http://www.youtube.com/watch?v=rPL6RgJ77wI&feature=related

Clem ha detto...

@ Paolo: non sono sicuro di capire cosa intendi con impianto a tesi. Fondamentalmente "si sa già quello che diranno e il tono con cui lo diranno"?
Per quanto riguarda la seconda parte del tuo commento, non ho la TV da anni quindi non saprei (e non guardo quei programmi per intero, al massimo qualche spezzone gustoso segnalato altrove), ma mi pare plausibilissimo.

Michele Reccanello ha detto...

@ste76

"...Come se i fatti fossero opinioni da contraddire..."

Fantastico l'esempio di satira pungente nel link da te proposto.

Un'esempio di democrazia "pungente"

Grazie.

nessuno ha detto...

a Francesco Caroselli

Francesco, sei in grado di ricordarmi la data della nostra discussione sulla Costituzione, poteri, istituzioni e ordini?
Mi piacerebbe rileggermela, ma non so dove andare a cercare.
Spero in un tuo aiuto.
Ciao.

francesco.caroselli ha detto...

http://antizanzara.blogspot.com/2010/01/ipertrofia-mediatica.html

ciao nessuno

francesco.caroselli ha detto...

http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2010/03/28/il-silenzio-elettorale-del-tg5/


O se qualcuno mi dice che Santoro è fazioso...
oppure che le tv non contano nella campagna elettorale..

francesco.caroselli ha detto...

Luttazzi:"E quando quel fazioso di Berlusconi vi dirà che voi siete mossi dall'odio, voi replicate con le parole del grande oratore latino Quintiliano che ricordava "Odiare i mascalzoni è cosa nobile". Perchè è cosa nobile? Ce lo ricorda Aristofane ne I Cavalieri, diceva "Ingiuriare i mascalzoni con la satira è cosa nobile. A ben vedere, significa onorare gli onesti".
(raiperunanotte 25/03/2010)

nessuno ha detto...

A Francesco Caroselli
Grazie, Francesco.
Link pervenuto.

ste76 ha detto...

“L'umorismo può esistere solo laddove la gente distingue ancora il confine tra ciò che è importante e ciò che non lo è. E questo confine oggi non si distingue più.”

Milan Kundera

nessuno ha detto...

A Francesco Caroselli 27/03 h13,57

"Berlusconi rispetta le regole?"
"Santoro rispetta òle regole?"

Francesco, Berlusconi è il capo del Governo che sta lì per scriverle, le regole, sostenuto dalla maggioranza parlamentare e, se quelle regole non gli vengono annullate dalla Corte Costituzionale, quelle regole devono valere per tutti.

Santoro non mi risulta che sia Capo del Governo.

Mi dirai: Ma Santoro ha dalla sua il popolo dei talk show, 5 o 6 milioni di spettatori, forse anche qualcosa in più.

E quanti milioni di voti ha dalla sua Berlusconi per diventare capo del Governo ed ottenere una maggioranza parlamentare che gli consente di scrivere le regole anche attraverso le Commissioni parlamentari quale è quella di vigilanza sulla Rai che ha emesso quel provvedimento su proposta di un radicale?

Perché un'affermazione diventi verità, basta ripeterla infinite volte.

E' quello che fa regolarmente la minoranza la quale preferisce chiamarsi opposizione facendo ritenere che la propria rappresentanza parlamentare sia superiore - quanto meno dal punto di vista dei "valori" - alla maggioranza votata dalla maggioranza degli elettori.

Vogliono far passare anche l'idea
che avere la maggioranza parlamentare non dà diritto a imporre la volontà della maggioranza.
E allora, di grazia, chi deve governare?
La minoranza?

Cosa avviene in un qualsiasi Consiglio Comunale?
Cosa in un consiglio Regionale?
Vi governano le minoranze?

Quanto alla condivisione, che si faccia valere prima nei consigli comunali e regionali, specie nelle regioni rosse.

E in Italia dominerà l'inciucio.

Lorenzo ha detto...

Invito TUTTI, ma specie chi vota nel Lazio, a leggere questo ALLUCINANTE articolo del Foglio e il relativo articolo di commento

http://www.ilfoglio.it/soloqui/4746

http://phastidio.net/2010/03/27/cosa-succede-se-bonino-vince/

Spero un giorno di incontrare il giornalista del Foglio per spiegargi, da (ex, per fortuna) contribuente, cosa penso di quelli come lui

PaoloVE ha detto...

@ clem:
hai capito bene: ho sempre trovato le trasmissioni di Santoro scontate sia nei contenuti che nei toni, sempre che fosse possibile capire qualcosa in mezzo alla rissa che coinvolgeva gli ospiti...

In Raiperunanotte è mancata la rissa e, in tutta onestà e secondo me, il livello dei partecipanti è stato superiore alla media (con qualche eccezione).

Saluti

Paolo

Michele Reccanello ha detto...

@nessuno

"Berlusconi è il capo del Governo che sta lì per scriverle, le regole, sostenuto dalla maggioranza parlamentare e, se quelle regole non gli vengono annullate dalla Corte Costituzionale, quelle regole devono valere per tutti."

Ciao,

Il punto è proprio delle regole e in chi le scrive. Al di là della maggioranza, e di chi lo ha votato, ma a te come cittadino (ma vale per chiunque), con i dubbi (mai chiariti) che il personaggio presenta, che credibilità può avere, e di come queste vengono fatte passare.
B. è un elefante che si muove in una stanza piena di cristalli. Ogni cosa che tocca la può rompere, perchè qualsiasi cosa che fà si risolve quasi sempre in un conflitto d'intersse.

Mi spiego meglio:
Dopo le tante esternazioni da lui fatte sulla giustizia (anch'io sono convinto che la giustizia non funziona ma credo che il principale responsabile sia proprio la politica che ha avuto interesse negli ultimi 50 anni a lasciar andar così le cose e non i giudici, una categoria in cui, come in tutte le categorie c'è chi fà il proprio dovere - la maggioranza - e chi nò), in che modò interverrà secondo te?
Lo farà per mettersi al riparo dai processi che lo riguardano - e io come cittadino vorrei sapere se B. è innocente o meno - oppure lo farà per rendere un servizio migliore ai cittadini?

Attendo un tuo cortese parere.
Buondì.

Michele Reccanello ha detto...

Curiosa questa foto da vero "padrino" mafioso!

Michele Reccanello ha detto...

Qui un'altro esempio di magistratura politicizzata, toghe rosse, e politici santerellini.

A me la definizione Giustizialismo mi fa venir voglia di c....e!

nessuno ha detto...

A Michele Reccanello

"Al di là della maggioranza, e di chi lo ha votato,"

Al di là?
Come al di là?

L'essenza della democrazia è il voto e tu me lo metti "al di là?"

Io, che sono imbecille e indegno perché ho una fabbrica di scarpe che non va benissimo, mi candido a sindaco del tuo paese - si fa per dire - vinco le elezioni perché la maggioranza della popolazione del tuo paese mi ha dato il voto, e poi tu, come cittadino, siccome la mia fabbrica di scarpe chiude ed io mando a casa i dipendenti, non riconosci il mio diritto-dovere a fare il sindaco del tuo paese utilizzando la maggioranza che ho nel consiglio comunale perché tu, che non rappresenti la maggioranza, affermi che non sono credibile?

In quale articolo della Costituzione trovi la base legittimante per affermare cose del genere?

Tu dici: "al di là".

Ma di cosa stai parlando?

Ciao.

ste76 ha detto...

@nessuno
io sono d'accordissimo con te su questo problema della delegittimazione. Quello che cerco di far capire ai miei compagni qui e' che si vuole rispondere ad un anomalia con i mezzi sbagliati. Polemiche, delegittimazioni varie, teorie complottistiche, discese in piazza non sono una soluzione al problema ma solo una specie di sfogo per noi popolo bue e una tattica politica per loro partito della giustizia e della sinistra.

ste76 ha detto...

Ora, Authan mi dira' che lui e' solo un osservatore (sulla rupe). Ma l'osservatore non e' mai solo un osservatore (soppratutto se poi pubblica le proprie osservazioni!)
Il principio di indeterminazione di Heisenberg stabilisce che:
« non è possibile conoscere simultaneamente la velocità e la posizione di una particella con certezza »
Questo accade perche' se uno vuole osservare una delle due quantita' deve modifare l'altra.

Authan ha detto...

Ste,
quello che non va nei tuoi ragionamenti e' che tu ti limiti a lamentarti dell'atteggiamento dell'opposizione della maggioranza, molto distruttivo e poco costruttivo.

E' vero, hai ragione, e' cosi', ma puo' essere diverso? NO, NON PUO', perche' l'atteggiamento della destra verso la sinistra e' uguale e opposto, e uno "stop unilaterale delle ostilità" da parte della sinistra verrebbe visto dal 95% del suo elettorato (tu sei nel rimanente 5%) come un totale tradimento, e il consenso per il csx crollerebbe.

Anch'io vorrei vedere della politica propositiva e non distruttiva. Cavolo se lo vorrei! Ma penso che questo scenario ha speranze di avverarsi solo dopo che sara' sparito politicamente l'oggetto del contendere, l'avvelenatore di pozzi, l'incendiario che alimenta il fuoco, l'autore del peccato originale. Se questo mi porta incidentalmente e occasionalmente a trovarmi a dire cose simili rispetto a quelle di chi parla solo sulla base del disprezzo per l'avversario io non so cosa farci. Il mio non e' odio, ne' disprezzo, ma semplice e banale pragmatismo. Io non posso ne' voglio reprimere il mio pragmatismo solo perche' (come accade per crux) non voglio essere assimilato ad un odiatore antiberlusoconiano. Io me ne fotto di quel che sembro, m'importa solo di quel che sono.

nessuno ha detto...

a Ste76
"E' vero, hai ragione, e' cosi', ma puo' essere diverso? NO, NON PUO', perche' l'atteggiamento della destra verso la sinistra e' uguale e opposto, e uno "stop unilaterale delle ostilità" da parte della sinistra verrebbe visto dal 95% del suo elettorato (tu sei nel rimanente 5%) come un totale tradimento, e il consenso per il csx crollerebbe."

E' il momento in cui Authan smette di essere sognatore - I am a dream - per diventere concreto ed intrupparsi neil 95% dell'elettorato di sinistra, come è giusto che sia.

Vieni fuori anche tu da quel 5% inutile.

A proposito, sai?

Io che sono di destra, non vado a votare. Nella mia circoscrizione il mio partito non è rappresentato. Per il centrodestra ci sono solo Lega - ed io non sono leghista - e il PdL nato dal predellino che io non ho mai condiviso.

Quindi, niente mio voto.

Ciao

ste76 ha detto...

@Authan

Prima di tutto e' d'obbligo chiarire che non mi sogno di equipollarti agli anti-B di serie B. Se ti ho dato questa impressione mi dispiace ma "Io me ne fotto di quel che sembro, m'importa solo di quel che sono." :)
A prova di questo c'e' la mia stessa permanenza in questo fantastico blog :P
Secondo me sei molto pragmatico e questo mi piace.
Detto cio'

"da parte della sinistra verrebbe visto dal 95% del suo elettorato (tu sei nel rimanente 5%)come un totale tradimento e il consenso per il csx crollererebbe."

e come verrebbe visto dal elettorato di B. un atteggiamento non ostile di B. verso una sinistra che da quando e' sceso in campo lo attacca su faccende personali?? No non sto' girando la frittata, ti sto chiedendo se la questione e' vincere le elezioni o essere virtuosi? Perche' B. ha vinto le elezioni e noi, a questo punto, non ci sappiamo distinguere per virtuosita'. Se mi dici che pure le scelte "morali" di fondo della sinistra sono colpa di Berlusconi dobbiamo fare un po di ripasso di cattechismo :)
Magari B. fosse Dio visto che io sono ateo..

Michele Reccanello ha detto...

@nessuno

...al di là

Il fatto saliente del mio commento è semplicemente quello di chiederti un parere e non di mettere i puntini sulle "i"...

Riformulo:
Come è ovvio che c' è una maggioranza di persone che a votato per B., in sostanza puoi espormi il tuo pensiero di semplice cittadino sulle questioni come dal mio precedente commento ;-)

Ciao.

PaoloVE ha detto...

A mente fredda, secondo me, il dato più rilevante della trasmissione di Santoro è che, tra staellite, digitale terrestre ed internet, sta diventando possibile fare informazione e guadagnare ascolti / visibilità al di fuori del duopolio Rai Mediaset.

E quindi che i prossimi scenari saranno un po' diversi, anche se non è detto che debbano mutare i rapporti di forza in campo (per fare un esempio, mi pare che le TV del PD Youdem e redtv siano stati sinora due esempi fallimentari di come interpretare il possibile futuro dell'informazione).

Saluti

YouPaolo

nessuno ha detto...

a Michele Reccanello

Anch'io ti rimando alla mia precedente risposta.
Secondo me da quella si evince chiaramente il mio pensiero di cittadino osservante della Costituzione.

Ciao

ste76 ha detto...

@paolove

riguardo alla questione dell'informazione che hai sollevato, vorrei aggiungere che c'e una sfaccettatura che bisogna sempre tenere presente: troppa scelta = troppa frammentazione.
La TV nel bene e nel male con i suoi 6 canali permette a me e a te di avere una base sulla quale discutere.
Per esempio questo blog e' un frammento molto piccolo nell'informazione tenuto tra l'altro assieme da una trasmissione di una radio molto diffusa e conosciuta. Se le possibili "zanzare" fossero mettiamo 100 probabilmente ci vorrebbe molto tempo affinche io e te, che seguiamo due diverse trasmissioni, riuscissimo a "sincronizzarci" sulla terminologia, sulle idee di base , ecc .
Cioe la TV generalista fa da collante per tutta l'Italia.
Per questo motivo io vorrei tanto ci fosse un canale europeo tradotto in molte lingue che facesse intrattenimento, film, serie con l'intento di essere apprezzato da tutti i paesi dell'unione. In questo modo la distanza che c'e tra me e un francese potrebbe sensibilmente accorciarsi.
Questa e' l'altra faccia della medaglia dei cambiamenti di forza.
Che ne pensi?

Ste la testa e la croce.

francesco.caroselli ha detto...

se vuoi fare una legge ordinaria basta la maggioranza semplice se vuoi cambiare la costituzione, l'assetto dello stato devi avere la maggioranza qualificata.
2/3 del parlamento.

E le regole valgono per tutti.
Anche se sei capo del governo.
Le indebite pressione sono reato.
ma ormai ci siamo abituati fra cene con giudici costituzionali e telefonate a tutto spiano a controllaori rai...

mi spieghi che regole ha violato Santoro?


nessuno tu parli di democrazia, del voto come valore assoluto..
ed è giusto.
Ma sai quanto vale qui un voto?
venti euro.
la democrazia smembrata pezzo per pezzo.
Il solito puntuale Galullo

(qui invece un bell'articolo sull'usura bianca, ovvero quelle delle banche, sempre del robertino)

I talebani se si tenessero elezioni probabilmento avrebbero percentualmente piu voti di B...
eppure....

Michele Reccanello ha detto...

@nessuno

Credo che questa sia una non risposta, ti ho chiesto un parere di come vedi le cose in qualità di cittadino. Anche se dici di rispettare la costituzione è lecito esprimere dei pareri.

PaoloVE ha detto...

@ ste76:

credo che l'equivalenza tra scelta e frammentazione ci possa stare, con aspetti positivi e negativi: da un lato i canali generalisti (normalmente gratuiti) hanno peggiorato la qualità della loro offerta, dall'altro su canali tematici è possibile trovare contenuti un tempo impensabili.

Dal punto di vista della formazione dell'opinione pubblica ho invece l'impressione che il ruolo dominante di pochi canali abbia favorito la crescita di posizioni conformiste, piuttosto che quella di un comune sentire, il che non mi sembra un bene.

Nella pratica esiste un settore nel quale c'è un canale europeo ed addirittura occidentale: è quello dell'intrattenimento musicale per giovani, con MTV, che non mi pare che abbia contribuito ad elevare il livello qualitativo della musica, anzi anche in questo caso riconosco i segni di un conformismo sulle più scontate posizioni più commerciali...

Saluti

Paolo televisivo

PaoloVE ha detto...

@ ste76:

mi sono riletto il tuo post sulla comicità vera o presunta di Luttazzi e ho capito perchè non sono d'accordo con te: per quanto il tema possa disturbare qualcuno o anche molti, l'accostamento tra aspetti molto intimi ed il contesto di uno spettacolo pubblico ("vedo che c'è qualcuno che sa di cosa stiamo parlando"), tra immagini auliche ("come un ranuncolo a primavera") e prosaiche ("come un anello di cipolla") ed il parallelo tra il sesso e la politica sono elementi che generano un aspetto comico.

Non c'era solo l'elemento sboccato e biecamente sessuale.

Che possa non essere di gradimento altrui è altro discorso.

Saluti

Paolo

nessuno ha detto...

A Michele Reccanello, che pretende risposte come pretende lui e poi nota anche l'rario dei miei interventi (21,58 ah mi sono sbagliato, credevo 20,58).

Credo che questa sia una non risposta, ti ho chiesto un parere di come vedi le cose in qualità di cittadino.

Secondo te, se non ti ho risposto come "cittadino", come ti ho risposto, come e abitante di un paesino?

ste76 ha detto...

@paolove
grazie per la risposta. Sono d'accordo sull'abbassamento di qualita' legato alla tv generalista.
Sul conformismo sono sempre un po scettico. Ti faccio un esempio. In questo periodo, tra quelli che si interessano di politica, poche cose sono piu conformiste che essere anti-B (in modo light o meno). Sara' perche' e' GIUSTO esserlo ma questo chi lo decide, il conformista o l'anti-conformista.

Lutazzi dell'altra sera, non mi e' proprio piaciuto, ma questo non ci mette in disaccordo perche e' una questione di gusti. Errore mio, voler dimostrare qualcosa usando un argomento tanto opinabile.

nessuno ha detto...

a Francesco Caroselli

E le regole valgono per tutti.
Anche se sei capo del governo.


Le regole valgono per tutti, anche per Berlusconi che le sue pressioni per via telefono le paga attraverso un'inchiesta che da Trani è passata a Roma.

Il non rispetto delle regole quando Santoro se ne impipa delle disposizioni che la Rai dà ai suoi dipendenti e non per telefono, Santoro dove le paga?

Ma sai quanto vale qui un voto?
venti euro.


Si racconta che facesse così anche Achille Lauro, che tu non hai conosciuto. Anzi, di un paio di scarpe o di cento lire lui dava la metà. Cioè una scarpa o la cento lire strappata a metà. L'altra scarpa e l'altra metà della centolire la dava "dopo" il voto, se il voto era stato dato "giusto".

Questo per dire che era così prima che tu nascessi. Ma anche dopo che tu sei nato, con tutte le belle e nobili idee che ti frullano per il capo, tu e la tua nuova generazione non siete stati e non siete capaci di cambiare nulla.

In altre parole, siete nati ammatula, invano.

Ciao

Michele Reccanello ha detto...

Caro nessuno

OT

(Visto che mi fai notare il lapsus l'orario)
Buon per te che non sbagli mai...

Clem ha detto...

Michele:
hai cominciato qualche settimana fa commentando Nessuno con grande cortesia e dimostrando sincero interesse per una voce "fuori dal coro", domandando dialogo.
Ti becchi risposte acide fermentate in anni di repressione comunista nella regione in cui vive.
Lo so, è abbastanza sconfortante, ma ci siamo passati un po' tutti :)
@ Paolo: quello che dici di Santoro è vero anche per Il Foglio, Il Giornale, Repubblica e quant'altro. Trovare qualcuno che non faccia il tifo è quasi impossibile. Di Santoro guardo su internet gli spazi di Travaglio, unicamente perché porta parecchia documentazione.

Michele Reccanello ha detto...

@Clem

Grazie per la tua solidarieta ;-)

ste76 ha detto...

vai nessuno che puoi fare di meglio ;)

(par condicio)

nessuno ha detto...

a Michele Reccanello

Mi continui a chiedere cose da cittadino e non sei mai soddisfatto delle risposte che ti do.
Vuoi che ti risponda come risponderebbe Travaglio?
E' questo che ti aspetti da me per onorare il tuo (e vostro) concetto di dialogo?
Tradotto sarebbe: siccome dialoga con me, anche se è di destra, deve alla fine pensarla come me e concordare con me,

No, Michele, non è così.
Io la penso in modo diametralmente opposto al tuo.
E non da adesso, ma almeno da 30 anni prima che tu nascessi.

Ciao

PS. Solo un toscanino come te può pensare che io mi sia bevuta la storiella dello sbaglio nella lettura dell'orario. Primo perché non c'era nessuno sbagio. Secondo, perché tra 20,58 e 21,58 non vedo cosa cambi.
Tu volevi sottolineare come "significativo" un'altra cosa.
E poi, come tutti i sinistrones "puri" scoperti con le dita nella marmellata, fai finta di cadere dalle nuvole o dal pero.

Ma almeno su questo potremo essere d'accodo, no?
Che sono nato prima di te.

Ciao