venerdì 3 dicembre 2010

Il salotto cattivo della destra impresentabile

[L'articolo è di Paolo]

Buongiorno,
oggi una piccola riflessione sulla trasmissione (wow, due in una settimana! Ormai per me è record! :-))

Immaginate di essere un esponente di quella destra becera e retriva di cui la società normalmente si vergogna e che normalmente cerca giustamente di tenere lontano da sé. Per fare degli esempi tra gli ospiti passati nel tempo in trasmissione possiamo citare (ed è un elenco solo parziale) uno pseudo giornalista antisemita alla Maurizio Blondet, degli integralisti cattolici omofobi alla Paola Binetti o alla Maurizio Ruggiero, dei neofascisti alla Roberto Fiore, dei razzisti xenofobi dichiarati alla Pier Gianni Prosperini o, new-entry, Vittorio Aliprandi, un consigliere comunale di Padova, il quale di recente ha scritto su Facebook che i rom bisognerebbe prenderli a calci, privarli dei figli, spedirli in campi di concentramento, e altre carezze del genere.

Bene, dal punto di vista mediatico, fino a qualche tempo fa, le vostre iniziative avevano due prospettive: essere confinate entro qualche ristretto recinto frequentato essenzialmente da esaltati a voi contigui tipo il sito di Sacrum Imperium, web-radio come Bandiera Nera, radio come Radio Padania, oppure in alternativa comparire occasionalmente su qualche media mainstream di maggior diffusione dove sareste stati sottoposti ad una giusta e solenne bastonatura metaforica e presentati come il fenomeno da baraccone quale siete.

Alle vostre pseudo idee era sostanzialmente preclusa la possibilità di trovare un terreno fertile: potevano convincere i convinti (cosa poco utile), ma sarebbero arrivate ad un pubblico diverso unicamente accompagnate dal filtro di una critica attenta, di un contraddittorio severo e chiaramente etichettate come socialmente non accettabili. Invece, nella sua continua ricerca dell'originalità ad ogni costo, Giuseppe Cruciani ha invece deciso di trasformare la Zanzara nel salotto cattivo della destra impresentabile.

Rivestite un ruolo pubblico e dichiarate che i rom vi fanno vomitare e che andrebbero confinati in campo di concentramento? Potete star sicuri che, appena la notizia ottiene un minimo di rilievo, Cruciani vi ospiterà in trasmissione e, pur dichiarando di non esser d'accordo con voi (se vuoi restare in onda sulla frequenze della radio di Confindustria in società devi saperci stare), anche se, in fondo in fondo in fondo, non è così al mille per mille (ad un certo punto Crux ha confessato di provare anch'egli fastidio fisico e “schifo” per i rom che lo importunano facendo accattonaggio), vi darà modo di ammiccare alla peggiore pancia degli italiani, di giocare con i sottintesi delle cosiddette provocazioni, di inventare contestualizzazioni impossibili, di utilizzare false smentite, di buttarla in battutine che confermano le posizioni confusamente rinnegate pro forma.

Il tutto da un media mainstream molto seguito con il minimo sindacale del contraddittorio ed ostentando un'opposizione minima e divertita, come se si trattasse di sciocchezzuole senza peso ed invocando l'ipocrisia e la complicità pelosa dei benpensanti.

Cruciani, con l'alibi dell'essere il conduttore che non si indigna, sembra essersi preso il ruolo di sdoganatore del peggio che la destra italiana continua a produrre. Non credo serva sottolineare che, se state dall'altra parte, a sinistra, Cruciani si indigna e non disdegna aggredirvi verbalmente (altro che bonario e sommesso dissenso), spesso e volentieri a prescindere dal fatto che non abbiate sostenuto o fatto nulla di nemmeno lontanamente altrettanto becero.

Ciao

Paolo

42 commenti:

Francesca ha detto...

Naturalmente avevo letto la notizia e, senza toto-zanzara, avevo già scommesso con me stessa che ci sarebbe stata!

Cruciani, con l'alibi dell'essere il conduttore che non si indigna, sembra essersi preso il ruolo di sdoganatore del peggio che la destra italiana continua a produrre

Quando arriva Borghezio poi, con il suo saluto da demente "Buonapadaniaatutti" il Crux FINGE di rimproverarlo, ma intanto glielo fa dire, una, dieci, cento volte....


Che nervi!!!!

Francesca ha detto...

@ Authan

ahahahha!!

Parenzo: "La madre dei cretini è sempre incinta"

Aliprandi: "Allora siamo fratelli"

Authan ha detto...

Alcune mie note.

In realtà ieri Aliprandi è stato bastonato, da Parenzo, forse fin troppo. Nella forma, dico, non nella sostanza, perché quell'elemento meritava ogni epiteto che s'è preso. Però bastonare senza pietà ma senza ricorrere all'insulto è un arte che il bravo giornalista dovrebbe saper padroneggiare.

Quando dici che “Cruciani ha invece deciso di trasformare la Zanzara nel salotto cattivo della destra impresentabile” io ci avrei aggiunto un “suo malgrado”, o “al di là delle intenzioni”, giusto per completezza. A meno che tu, Paolo, non la veda diversamente.

Crux, per giustificare il suo “schifo” per i rom, dice che “non bisogna essere ipocriti”, che il fastidio fisico lo provano più o meno tutti. Ragionando in modo uguale ed opposto però, bisognerebbe che Crux rinunciasse all'altra faccia dell'ipocrisia, dicendo qualcosa del tipo “al di là delle esagerazioni, in fondo in fondo la penso come Aliprandi. Il cittadino che ragiona può anche provare schifo davanti ad un rom, ma poi quando arriva a casa si guarda allo specchio e dice “però mi faccio un po' schifo anch'io”.

Sul cattivi sentimenti degli italiani verso i rom consiglio la lettura di un ottimo articolo antirazzista di Filippo Facci, risalente alla fine di agosto 2010, sul Post di Luca Sofri e su Libero. Crux farebbe bene ad incornicarlo e rileggerlo tutte le volte che si reca in bagno.

B ha detto...

Cruciani si straccia le vesti e sbraita solo contro gli studenti che manifestano.
Veramente la feccia che risale la fogna.

F®Ømß°£ ha detto...

Buondì,

come sempre Paolo centra il punto: ipocrisia crucianiana al massimo. Fa parlare per decine di minuti l'Aliprandi, che è sgradevole da ascoltare non foss'altro per il tono cupo e la totale illogicità della sua difesa.

Come con le frasi di Emilio Fede sul "menare i manifestanti", anche qui il nostro fa capire chiaramente che lui è d'accordo al 100% con Aliprandi, ma con malizia finge di opporsi alle affermazioni da bar del consigliere comunale della mia città.

Arriva addirittura ad ammettere, Cruciani, che anche a lui in fondo fanno schifo i rom. E qui bene fanno authan e Paolo a sottolineare che è anche possibile provare questo sentimento, ma esternarlo orgogliosi in una radio non è sfuggire all'ipocrisia, ma è una manifestazione becera di pulsioni che una società sana deve tenere a bada.

Parenzo ha insultato il concittadino, anche pesantemente, rinunciando alla possibilità di umiliarlo con argomentazioni forti e con un po' di ironia. Purtroppo la superficialità è di tutta la trasmissione non solo del conduttore.

Perfetta comunque la metafora: ti può scappare un rutto in una cena formale, ma non è la stessa cosa che farlo apposta, magari usando le mani per amplificare il suono e poi sorridere compiaciuti. Quello che fanno Cruciani e Aliprandi sostenendo a testa alta che gli fa schifo un gruppo etnico è esattamente questo.

Leggo che l'ineffabile consigliere sostiene che FB sia un luogo privato. Mi pare si commenti da solo.

Saluti

Tommaso da Padova che non vive in mezzo ai rom e quindi è uno snob

PaoloVE ha detto...

@ Authan:

"Aliprandi è stato bastonato parecchio, da David Parenzo." Appunto: da Parenzo e con Cruciani che lo tratteneva sminuendo.

Credo che almeno in parte l'intenzionalità ci sia: nella scelta dei toni quanto meno, visto che quelli riservati a questi soggetti sono particolarmente vellutati rispetto a quelli riservati a chi occupa temporaneamente e senza far danni i monumenti, per dirne una.
Se invece la scelta di ospitare spesso simili personaggi dipenda dalla volontà di ricercare la notizia sensazionalistica o dal voler far considerare normali determinate posizioni non lo so, quello che temo è però questo secondo effetto, secondo me prevedibile.

Ciao

Paolo

F®Ømß°£ ha detto...

Aggiungo che concordo (sempre al cènto per cènto, mi raccomando) con Paolo.
La scelta di ospiti come Borghezio, Sgarbi, e compagnia indica una linea precisa, unita alla critica solo proforma riservata ad alcuni di loro.

T.

god_of_love27 ha detto...

Non mi sembra che Cruciani abbia preso le difese di Aliprandi; ha piuttosto tentato la sua solita e scontata provocazione dicendo che prova un po' di fastidio nel vedere i rom che chiedono le elemosina. E' la sua solita e noiosissima strategia di creare controversie per beneficiare del trambusto. Non so cosa hanno detto poi gli ascoltatori. Personalmente ho spento la radio alle 19:15 dedicandomi ad altro.

PaoloVE ha detto...

@ tommaso:

la lega patavina vuole riprendersi quello che è suo, dopo le uscite di Aliprandi:

http://tinyurl.com/maratonpd

Non è che vi hanno versato qualcosa nell'acqua?

Ciao

Paolo

francesco ha detto...

HAHAHAHA... questi della Lega sono fuori di cervello. E poi sempre pronti a dire: "ma è una battuta, una provocazione!"
Le battute non esistono in politica! Esistono semmai messaggi indirizzati a chi vuole coglierli.

Francesca ha detto...

@ PaoloVE

un irresistibile TOTO-ZANZARA per il nostro maratoneta dj!

OT

ma sempre sulla Lega Nord... intanto qui si gode un mondo pensando che adesso qualcuno al di sopra di ogni sospetto... non sarebbe poi cosi immacolato!

http://www.ilriformista.it/stories/Prima%20pagina/307641/

Michele Reccanello ha detto...

Buona sera,

OT per PaoloVE,

ho sentito citare Phastidio.net ieri a "noveinpunto", e gli ho dato un occhiata trovandolo interessante. Se non lo conosci già penso che possa piacere anche a te.

Ciao

francesco.caroselli ha detto...

Parenzo non ha bastonato un bel niene, le vere basyonato non sono gli insulti gratuiti, ma smontare pezzo per pezzo le argomentazioni altrui.
L'insulto "di per se" anzi migliora la situazione di Aliprandi che può passare per vittima.

Ieri la mancanza di Telese era piu che evidente. Quando c'era da parlare di questi temi Luca sapeva argomentare alla grande!

Ottodixit ha detto...

Cauro Authan,

Celeberrimo è il detto secondo il quale anche ad un orologio rotto accade di dire la verità, due volte al giorno. Per cui non mi stupisco che anche il reggipenna di regime Filippo Facci di tanto in tanto scriva cose sensate.

Mi stupisco invece che chi, come te (fra blogger ci si dà del tu, vero?) è solito scrivere cose sensate, di tanto in tanto arrivi all'obbrobrio, come nella fattispecie consigiliare di leggere una cosa - qualsiasi cosa - di Facci.

FiFa, come lo chiamano affettuosamente gli ammiratori, è un prodotto di quella scuola craxista che condannata all'estinzione silenziosa in patria in seguito alla caduta del cinghialone nella pattumiera della cronaca giudiziaria è stata miracolata da San Berlusconi.

Il suo nome è legato ad una vicenda oscura, il dossier (pubblicato in origine anonimo ma di cui FiFa incalzato dai magistrati si assumerà infine la responsabilità) contro Di Pietro che - pompato dalla stampa di Berlusconi - costerà al protagonista di Mani Pulite un procedimento disciplinare a Brescia poi sfociato in un'assoluzione che non varrà però ad impedire le dimissioni del magistrato.

In un recente volume FiFa stesso ricorda che all'epoca più giornali gli diedero dello spione (attività in cui peraltro si illustra un collega del Facci, Renato Farina, l'ormai famoso e screditato "agente betulla"), che in un testo universitario fu accostato a Giorgio Zicari e Mino Pecorelli (figure ambigue di giornalisti manipolati dai servizi), che fu considerato il burattino di Craxi.

In questo recente volume - ha scritto Michele Brambilla su la Stampa - "l’autore del libro - e del dossier - fornisce una versione che appare naïf, tanto trabocca di ingenuità e casualità. Non si vergogna, anzi si compiace, di vestire i panni di una specie di Fantozzi, totalmente incapace di ordire trame, e perfino di padroneggiare le sue stesse azioni."

A questa apparente improntitudine - che fa pensare al Peter Sellers de "il Giardiniere" - FiFa aggiunge però una rara violenza espressiva: quello che Sgarbi è nel parlare, Facci lo è nello scrivere. Prepotente, intollerante, arrogante, pervicace, manipolatore e subornatore: questo lo stile.

Solitamente schierato sulle posizioni della destra più retriva (quella giustamente denunciata qui da Paolo), FiFa cerca di connotarsi in senso liberaleggiante ora dando addosso alla mignottocrazia, ora difendendo (seppure in maniera ambigua) Saviano, ora attribuendosi una patente di anti-razzismo che è in totale disaccordo con la sua intima natura.

Caro Authan, consigliare un testo di Facci - qualsiasi testo di FiFa - è rendere cattivo servizio ai tuoi lettori.

Michele Reccanello ha detto...

@F.C

Concordo con te su Telese.

Michele Reccanello ha detto...

A cruciani,

ma che vuoi che ti dica il medico di B?

francesco.caroselli ha detto...

Cruciani:
"Adoro le sfide...
Adoro quelli che vogliono morire con la pistola in mano"

Non vi ricorda pericolosamente qulla frase su proteggere il barile di benzina e il cerino? (non la ricordo proprio bene, ma era una frase del genere)
______________________________


Ottodix caschi male Autan è un grande estimatore di F. Facci...
e devo ammettere che Facci padroneggia veramente bene la lingua italiana, poi qualche volta F. Facci ha ragione, come gli orologi fermi appunto.
Per quanto mi riguarda il tipo di uomo l'ho inquadrato quando si è scagliato senza arte ne parte (dicendo un mucchio di bullshit) contro Salvatore Borsellino...
A volte bisognerebbe astenersi quando non si padroneggia bene l'argomento....

Ottodixit ha detto...

Caro F.C.

Fra i tanti antirazzisti del mondo, andare a scegliere proprio quello più improbabile io lo trovo una provocazione. Ho sbagliato a reagire? Forse. Ma andava fatto ad onor del vero.

Ciao.

francesco.caroselli ha detto...

Otto ti volevo avvertire che la questione "come diavolo è possibile che Autan apprezzi Facci?" è per noi, frequentatori del blog di lunga data, un Dejà Vù (io e il francese abbiamo litigato abbiate pietà).
altre persone prima di te hanno discusso con Autan di questo argomento...
Dovresti andare a ripescare qul mini-dibattito.

Michele Reccanello ha detto...

@Otto

Vero quello che dice F.C.

mariolino ha detto...

In attesa del TG de La 7, stasera sto ascoltando La Zanzara.
Alto giornalismo l’intervista di Cruciani al medico personale di Berlusconi.
Cinque minuti fa ho inviato a lui e alla Zanzara la seguente mail:

“Chiedere al medico personale di Berlusconi se Berlusconi sta bene in salute, è come chiedere a Bondi se Berlusconi è una persona onesta.
Caro Giuseppe, sei solo ridicolo.
Mi meraviglio di Parenzo che sta al gioco.
mariolino”

Michele Reccanello ha detto...

@mariolino

E' come sparare sulla croce rossa, povero Crux!

Francesca ha detto...

L'imitazione dell'ex-CDS Scalfaro è una versione soft di Radio Londra.

Che viviamo nel peggiore periodo dalla Repubblica è chiaro e lampante e pure i dati del rapporto Censis lo attestano e parlare di "disastro" è ancora non esagerare!

Cruciani sposa la linea del giornalino di zio Paolino che ha messo oggi in prima tutti quelli che in pubblico si sono appisolati.... da Innocenzo Cipolletta alla Marcegaglia...... poco importa che Scalfaro sia ultranovantenne.... ma che lucidità ragazzi!!

Dopo le parole di Fini....minkia che colpo per Cruciani!!!

Michele Reccanello ha detto...

Invece di farneticare tanto il Crux, potrebbe leggersi quello che ha scritto Chicco Mentana su vanity fair a proposito di wikileaks,
e non venga a dire che Mentana è fazioso.

PS Ne avevo apprezzato la lettura stamani a letture di R24, e ho cercato tutto il pomeriggio l'articolo, che ho trovato solo ora in quanto il blog di Mentana era irraggiungibile.

Francesca ha detto...

che pena Parenzo!
come una scimmietta ammaestrata al comando del Crux che bolle di rabbia! occhio che Le viene un ttacco di bile eh!?!
e dire che Parenzo lo avevo apprezzato anche quella volta che fu pubblicata quella finta lettera del ministro di santa Lucia quando disse "Io giornalista non è che se mi portano una merdaccia qualunque io la pubblico cosi senza fare un minimo di accertamenti"!

E il medico...?
Di sicuro è già parlamentare del P2ELLE!
Ma quando mai un medico SERIO parla cosi di un proprio paziente, anziano e con tutto quel po' po' di curriculum sanitario che ha il PDC?!

Dai Parenzo adesso piantala che hai davvero stufato, un po' di rispetto che diamine, Scalfaro non è quel rincoglionito che volete far credere!

mariolino ha detto...

Il mio chiodo fisso.

Agganciandosi alle rivelazioni di Wikileaks, stasera Cruciani ha intervistato il medico personale di Berlusconi, sulla salute del “Cavaliere”.
Gli ho inviato una mail segnalandogli che interrogare Alberto Zangrillo sulla salute di Berlusconi, è come chiedere a Bondi se Berlusconi è onesto.
Zangrillo ha giurato sulla salute di ferro del nostro benamato e paragonato il suo fisico a quello di un cinquantenne. Alla fine dell’intervista, che è stata lunga e penosa, Cruciani, invece di ironizzare sulle affermazioni del medico, ha precisato di conoscere Zangrillo da molti anni, di aver stima di lui e reputarlo una persona seria.
La mail l’avevo già spedita e non ho più avuto voglia di inviargliene un’altra.
L’intervista ha rasentato il ridicolo ed è stata caratterizzata da ipocrisia e disinformazione.
Cruciani ci prende per deficienti?

---------------------------------------

Insistiamo a parlare di Cruciani senza capire che così facendo contribuiamo al successo del personaggio: un giornalista di media cultura che è riuscito ad imporsi facendo leva su riflessi pronti, parlantina, chiarezza di linguaggio e una certa propensione a dialogare anche con chi non la pensa come lui.
La sua abilità è anche quella di stimolare polemiche e non far appisolare l’ascoltatore, come invece capita a Zapping del sonnifero Forbice.
Purtroppo Cruciani è un giornalista manifestamente di parte, capace solo di una conduzione “leggera”. Non approfondisce mai.

Avete notato quanta pubblicità all’inizio e durante La Zanzara? Cruciani fa audience.
Di chi è il merito (o la colpa)?
Delle polemiche che alimentano la trasmissione, degli ascoltatori che telefonano contestandolo, e di un blog come questo dove una decina di bloggers intelligenti, colti e informati scrivono di lui.
Di un blog come questo con un titolo accattivante “L’Anti-Zanzara” e di post come quello di oggi dove l’ottimo Paolo commenta “il fatto del giorno” della Zanzara di ieri: a tutto vantaggio del compenso del conduttore che ormai sarà salito alle stelle.
L’audience non è merito del gossip che Cruciani elargisce a piene mani.
Il merito (o la colpa) è solo di coloro che lo contestano non spegnendo la radio ma continuando ad ascoltarlo e parlare di lui.

Ogni tanto mi viene il dubbio che Authan e Cruciani si siano messi d’accordo.
Che Crux passi ad Authan una paghetta mensile per la fatica di questo blog.
O che magari Crux e Authan siano la stessa persona (Ahahaha).
Ma quest’ultima ipotesi è totalmente infondata perchè Crux non sarebbe mai in grado di scrivere come il nostro.

Ma insomma…

Authan ha detto...

x ottodixit

Filippo Facci ha troppo talento per essere inquadrato solo nella sua insopportabile funzione di anti-Travaglio. Di quella che e' una sua vera e propria ossessione ho ironizzato innumerevoli volte (in un post ho parlato di "invidia del pene"). Pero' basta leggere con costanza i suoi pezzi per scoprire che Facci e' anche molto altro, e che questo altro e' spesso lodevole. Spesso, ribadisco, e non raramente, come tu sostieni con la metafora dell'orologio rotto. Io apprezzo Travaglio ma non divido il mondo in buoni e cattivi a seconda che siano dalla sua parte o contro di lui. Ho imparato ad andare altre questi semplici schemi.

Buon weekend.

Authan ha detto...

x mariolino

Tra il numero di lettori di questo blog e il numero di ascoltatori della Zanzara ci sono tre ordini di grandezza. Cioe' un rapporto stimabile in 1:1000. Questo blog e' IRRILEVANTE sul "consenso" di Cruciani. A dirla tutta, poi, a giudicare dalle mail feroci che mi e' capitato di ricevere dal conduttore non direi che egli sia poi cosi entusiasta della nostra esistenza, anzi. Per strani motivi, forse solo per il suo orgoglio ferito, gli diamo un sacco di fastidio. Un po' come i rom :-)

A margine, lasciami aggiungere che della persona di Cruciani e della sua trasmissione a me frega davvero poco. Sono solo agganci mediati con l'attualita', fonti di spunti su cui polemizzare, esche con cui catturare lettori che arrivano qui cercando "Cruciani Zanzara" su Google. A questo mi serve riferirmi a Radio 24. A crearmi una mia nicchia, un bacino d'utenza. Spero che la spiegazione sia chiara e definitiva. Grazie

Ciao.

francesco.caroselli ha detto...

ahahahaha
Le mail inferocite di Cruciani verso Autan...
Chissà se ci sarà mai un Wikicrux che le pubblicherà...

Dalle poche volte che GC è intervenuto sul blog e dal sarcasmo che ha riversato su ogni singolo carattere battuto non mi stupisco che ti odi caro Autan (Ancora mi ricordo "Floris, la cassazione". ahahahah quanta rabbia e fastidio che trapelavano).
Cmq all'inizio nemmeno io capivo perchè si seguiva cruciani, ma ora mi è abbastanza evidente: la zanzara è un programma come un altro di attualità. Da spunti per fare ragionamenti generali....
certo c'è anche il "caso umano Cruciani" che non può che suscitare interesse visto le evoluzioni dell'uomo (una volta era molto meglio di cosi)


Cmq se proprio vogliamo sottilizzare ci sono esseri umani che lo irritano più dei rom:
I filo-palestinesi e i "micheal moore" (riesco persino a vedere la il ribrezzo che gli compare sulla faccia).


PS-Se mai volessi lasciare la zanzara (con la famosa "exit strategy") quale sarebbe la tua trasmissione di ripiego?
(pura curiosità)

PPS- quanto vorrei leggere le mail che ti manda il crux....
la famosa percentuale di luogocomunismo demagogia etc... penso venga proprio da quelle missive private.
(poi non capisco perchè mandare missive private piuttosto che rispondere pubblicamente nei commenti)

Paolo Rosa ha detto...

Volevo aggiungere qualcosa su Filippo Facci sul quale la penso come Authan.
Volevo parlare del primissimo e giovanissimo Facci che scriveva sul "quotidiano" di Monza, "Il Cittadino".Quotidiano che, poichè a Monza non succede mai nulla, esce una volta alla settimana :-)
Facci ha qualche anno meno di me e avevamo frequentazioni in comune e per questo quando mi capitava in mano il suddetto giornale leggevo i suoi articoli.
Beh, il Facci della primissima ora era un antesignano di "Mani pulite". Ricordo i suoi articoli sulla malasanità monzese dove scavava a fondo sul potere del ras locale, un certo Vigilio Sironi, che sarebbe stato uno dei primi tre arrestati a Monza per tangenti. Ricordo i suoi articoli contro un certo Campus che lui prendeva in giro, onestamente in modo un po' infantile, e lo paragonava all'omonimo shampo....Come gli lasciassero scrivere certi articoli su un giornale filodc filocattolico che vendeva copie alle vecchiette che guardavano solo i necrologi ancora non l'ho capito. Lui cita le sue prime querele come risalenti a quel periodo, io ricordo pesanti scritte sui muri della città nei suoi confronti ..... poi pochissimo tempo dopo finì all'Avanti a difendere i socialisti accusati nella vicenda "Mani pulite" .... bah ........

Su Cruciani ho ben poco da dire: sopporto sempre meno la sua maleducazione ed arroganza nei confronti di chi interviene. Aggredisce l'interlocutore, lo interrompe, continua a dire "ma non è così" senza spiegare il perchè non è cosi'. Sinceramente lo ascolto solo perchè Forbice è peggio.

Ottodixit ha detto...

Gentile Authan,

Ringrazio per l'attenzione. Noto però che obietti non a quello che scrivo ma a quello che pensi io sia, cioè un travaglista e in quanto tale oppositore di FiFa. E' vero che spesso mi trovo d'accordo con Travaglio, è vero che come lui sono decisamente, faziosamente contrario a Berlusconi e al berlusconismo, però le mie convergenze con lo stimabile giornalista si fermano qui, e di fatti di lui non ho proprio parlato nel mio modesto intervento. Per cui quando mi scrivi che "non divido il mondo in buoni e cattivi a seconda che siano dalla sua parte o contro di lui [del Travaglio]. Ho imparato ad andare oltre questi semplici schemi" mi dici cose che mi scivolano addosso come l'acqua sulle penne dell'oca.

Quando affermo che FiFa è un cattivo maestro non lo dico da travaglista ma neanche da anti-berlusconista. Perché FiFa è berlusconista solo di striscio, per ragioni alimentari: Mediaset gli dà da mangiare, e lui - sapendo con chi ha che fare - ricambia con l'osservante sottomissione tant'è che quando, come nel caso della Carfagna, gli fanno intendere che ha tirato troppo la corda il Nostro ammutolisce come il picciotto davanti al capo mandamento.

Ma i moralisti a pagamento sono legioni e quindi non è questo il rimprovero che muovo al Guru di Monza (la sua città). Al FiFa rimprovero un accentuato nichilismo individualista. Il suo negare a priori l'esistenza di qualsiasi valore dà luogo ad un anarchismo senza scopo, il suo ribellismo è primario, alimentato solo dall'istinto. A ciò si aggiungano i tratti caratteriali di cui ho scritto e si capisce perchè ritengo il FiFa un cattivo Guru e perché non riesco a leggere i suoi pezzi "con costanza", come invece fai tu.

Mi dicono che l'argomento è trito e ritrito, capisco dunque il tuo fastidio a doverlo riprenderlo. Non lo fare, ti risparmierai una risposta di maniera e superficiale.

Authan ha detto...

Obbedisco, otto. Non sai quanto volentieri.

mariolino ha detto...

Mah, Authan!
Non mi pare un bell’esempio di democrazia censurare il mio intervento di ieri sera e rispondermi sul blog invece che al mio indirizzo di posta elettronica.
Lascia giudicare agli utenti. Che, leggendo il tuo intervento scritto a notte fonda, senza aver letto prima il mio, non possono aver capito assolutamente nulla.
E poi: mi sembra di aver fatto dell’ironia…hai paura anche di quella?

Authan ha detto...

mariolino, tutti i commenti mi arrivano in copia alla casella email, anche quelli che incappano nel filtro antispam, come è di nuovo capitato a te senza che me ne accorgessi. Per favore piantala di darmi del censore, o lo diventerò sul serio. Cmq ora il tuo commento è stato sbloccato. Accetto le scuse. Prego.

francesco.caroselli ha detto...

Autan noto con stupore che perdi la pazienza un po troppo facilmente!
...
Ascoltando gli zoppi si impara a zoppicare?
:-)

A PaoloRosa
Scusa ma mi sembri un po contraddittorio.
Il parere di Autan su F facci è chiaro, un giornalista di grande talento, forse un po troppo istintivo quando si toccano le corde "Travaglio" e capello meshato.
Prima dici che hai apprezzato Filippo Facci alle prime armi, che rischiava di suo e sentiva puzza di bruciato in anticipo rispetto mani pulita, insomma un giornalista onesto e coraggioso.
Non capisco come puoi mantenere la stessa opinione positiva dopo che è passato al Lato Oscuro, ovvero difendere i socialisti sull'Avanti.
E' ovvio che un giornalista che perde la sua indipendenza e mette il suo talento al servizio di un gruppo politico/suo editore (i socialisti) perde la cosa piu preziosa.
Su Facci mi vien da dire "che peccato, che talento sprecato".

Secondo me non vale la pena di leggere articoli di giornali che non possono essere troppo onesti.

Vi ho già detto che F Facci quando scrive di Mafia scrive cazzate?

Visto che tutti gli riconosciamo della bravura l'unica soluzione è che sia etrodiritto, anche se non ci sono piu socialisti...

giaco ha detto...

Concordo con Ottodixit su FF. Soprattutto concordo sul fatto che il berlusconismo o l'antiberlusconismo non sono l'unico metro per misurare un giornalista (anche se di questi tempi rappresentano un'utile approssimazione). Peraltro qui non siamo di fronte a uno che ha cambiato idea su Berlusconi e si comporta coerentemente di conseguenza, come per esempio Filippo Rossi, ma su un personaggio che va come un pendolo, muta opinione ogni 3x2. Lucidità e indipendenza di giudizio? Macché: narcisismo patologico (in questo è similissimo a Cruciani, Ferrara e Sgarbi).
La stessa accusa la si può muovere anche a Travaglio (che dice anche lui le sue brave caxxate, talvolta perde colpi e non cita correttamente le fonti, ecc.), ma che almeno della coerenza può giustamente menare vanto.

G.

Francesca ha detto...

oggi su LIBERO un articolo a firma di FF (non è Fabio Fazio...ehm...) in tema di eutanasia.

http://www.libero-news.it/news/544947/L_eutanasia_c_%C3%A8.html

Lo posto qui anche se il riferimento corretto sarebbe al post in cui si parlava del M° Monicelli ma visto che si è innescato un dibattito sull'ex-lungocrinito .....

Io posso portare la mia esperienza per confermare che, lontano dai clamori, dai casi di gente famosa, nella pratica è proprio cosi come dice FF: la sospensione delle cure e l’eutanasia sono tranquillamente praticati.

Nel 1999 mio padre ricoverato per una gravissima patologia epatica, esclusa la possibilitò del trapianto, in circa un mese di degenza ospedaliera ha ricevuto solo terapia del dolore in attesa....
Il giorno che ho chiesto (in accordo con le mie sorelle) di staccare l'ossigeno e portare il babbo a casa a morire nel suo letto i medici non si sono opposti, verificati alcuni parametri, non mi hanno nemmeno richiesto di firmare l'istanza di dimissioni.
Mi hanno solo chiesto se desiderassi per il babbo i conforti religiosi...
poi via con l'ambulanza e dopo circa tre ore dall'arrivo a casa... se n'è andato, cosi come so che avrebbe voluto.

Pero' per tornare a FF il problema è che si vorrebbe poter lasciare in piena libertà le proprie disposizioni sul fine vite e invece questo non è permesso.

Paolo Rosa ha detto...

@ Francesco Caroselli

Sinceramente non mi sembra di essermi contraddetto, però ti ringrazio per il tuo commento,se ti sono sembrato in contraddizione con me stesso, evidentemente, ho dato questa impressione. Provo ora a spiegarmi.

Che la penso come Authan su F.F. è perchè anch'io non divido il mondo in buoni e cattivi. Il fatto che mi possa trovare più in sintonia con il pensiero di Travaglio che con quello di Facci - e è quello che succede - non significa che il primo sia bravo ed il secondo no. Ultimamente sto dando valore a chi non la pensa come me e, partendo dal beneficio del dubbio, cerco di mettere a confronto le mie idee con quelle di chi con me non è in sintonia. Credo sia il solo modo per rafforzare il mio pensiero. Leggendo F.F. quando non sono d'accordo con lui non lo sono pesantemente, ma indubbiamente scrive bene, e talvolta, soprattutto ultimamente mi succede di essere più spesso d'accordo con lui di quanto succedeva fino a poco fa. E' cambiato lui? Son cambiato io? Boh ... e in fondo non è importante.

Però una cosa che forse non ho spiegato bene nel mio precedente intervento: sicuramente non ho apprezzato il F.F. che scriveva su "l'Avanti" ma non ho detto che ho apprezzato il F.F. che scriveva sul "Il Cittadino". Era un Filippo Facci molto giovane, molto inesperto, molto più grezzo dell'attuale. La mia era semplicemente una testimonianza del primissimo F.F.... senza alcun gudizio su questa fase della sua carriera.

francesco.caroselli ha detto...

Visto che Autan non pubblicherà il suo post prima di lunedi e che si preanuncia una domenica gelida da passare in casa vi propongo qualche video.
Tutto il mondo parla di Julian Assange.
Perchè non sentiamo direttamente lui?
Ecco un'intervista divisa in due parti
Parte uno e parte due
Molto interessante se si vuol cercare di capire come sta cambiando il mondo..

Poi aggiungo un gustoso video apocalittico/ottimistico, secondo me molto "correlato" al destino di WikiLeaks (e forse del suo ideatore)
Gaia


Mi scuso con Autan per l'OT.

Collettivo ha detto...

va da sé che la mia speranza è quella di vedere un giorno cruciani e il leghista di turno fare un po' di simpatico accattonaggio

cignolino ha detto...

Ho seguito uno stralcio della puntata di venerdì 3 dic, quella relativa al dialogo con il prof. A. Zangrillo. Mi chiedo se la mia impressione che buona parte della discussione fosse inerente le capacità priapiche ancora intatte di B sia stata anche la vostra. Mentre ascoltavo mi è venuta in mente una domanda classicamente curcianiana: ma a noi del fatto che B riesca o meno a raddrizzare l'appendice cosa interessa? E' o non è un elemento interessante tanto quanto la laurea di Di Pietro (giusto per parafrasare lo stesso Cruciani circa un mese fa)?

Francesca ha detto...

Sempre a proposito di FF....qualcuno ha vista l'intervista di Piroso ieri sera al bello e maledetto??
E' stata interessante.

Ancora dalle mie frequentazioni televisive della domenica, segnalo che ieri sera il Crux era vestito come un addetto delle pompe funebri!
Io ho una telepatia incredibile e riesco a fare zapping sulla rete abusiva proprio quando il Direttorissimo dice cazzate!
Una clamorosa sulle ragioni dello sciopero/sospensione dei calciatori per il prox we che gli è valsa l'essere zittito dagli altri giornalisti sportivi presenti, evidentemente un po' piu' informati di lui!!