martedì 4 marzo 2008

Il marketing di Veltroni

Una buona metà della trasmissione di ieri è andata via sulla notizia della candidatura nel Partito Democratico dell’imprenditore veneto Calearo. Una candidatura imprevista, date le opinioni espresse e gli atteggiamenti avuti dal Calearo nel passato anche recente.

Premesso che ho piacere che le varie candidature, specialmente di personaggi noti, siano scandagliate (ho anche fatto un lungo post sullo screening dei candidati), è proprio necessario che Cruciani faccia ogni santa volta la tiritera sulla disomogeneità delle candidature nel PD, sulle statuine del presepe, sullo sciacallaggio, sull’insensatezza della scelta di persone dichiaratamente inesperte o comunque inadeguate al ruolo di parlamentare?

Per fortuna che Fiona May è andata dall’altra parte, sennò chissà quanto spazio le sarebbe stato dedicato, considerando che Cruciani si accanisce solo sul PD.

Sì, Cruciani, abbiamo capito. Hai ragione. E non lo dico ironicamente.

Chiunque abbia più di un neurone capisce che quello di Veltroni è puro marketing elettorale. Veltroni sta tentando di massimizzare il consenso predisponendo sentinelle per ogni branca della società civile, secondo quella che potrebbe essere chiamata “fine strategia” da chi vede il bicchiere del PD mezzo pieno, o “atteggiamento subdolo” da chi lo vede mezzo vuoto.

Cosa pretende Cruciani? Che Veltroni ammetta il tutto e ufficializzi su carta bollata di stare facendo marketing?

Non si potrebbe passare oltre, guidando maggiormente l’attenzione degli ascoltatori sul tema dei programmi elettorali?

Ad esempio, mi sento di dire che la fase più stimolante della Zanzara di ieri è stata l’intervista al prof. Pietro Garibaldi per approfondire i contenuti liberali e liberisti dei programmi dei due principali schieramenti. L’approfondimento è durato poco, ma è stato interessante, e auspico che venga ripetuto, chiamando di volta in volta un esperto (possibilmente non fazioso) per confrontare i contenuti dei programmi di PD e PDL su un tema specifico.

3 commenti:

Ed ha detto...

OT. Ti ringrazio della visita e soprattutto della dritta: sto giusto ascoltando La Zanzara e devo dire che come alternativa a Zapping è grandiosa.

mauriziomorabito ha detto...

Vuoi che si parli dei programmi quando il leader a destra e' un venditore professionista, e quello a sinistra si dedica al marketing elettorale?

Stai scherzando, vero?

authan ha detto...

Maurizio,
per quel che mi riguarda al posto di Berlusconi e Veltroni potrebbero esserci Totò e Peppino o Dolce e Gabbana. Fatto sta che uno di questi due soggetti diventerà premier, e io voglio sapere che cavolo hanno intenzione di fare.

Voltare la faccia e sputare per terra non serve a nulla.

Ciao :-)
Authan (autore del blog)