martedì 25 marzo 2008

Paragoni e confronti

Pasquetta senza Cruciani ma non senza Zanzara, che è andata regolarmente in onda con la conduzione del bravo Alessio Maurizi, il quale, dotato di un eloquio molto pulito e ordinato, ha confermato l’ottima impressione che mi ero già fatto quando in passate circostanze egli aveva avuto occasione di sostituire il conduttore titolare.

Se proprio devo trovargli un difetto, posso dire che a Maurizi manca forse un briciolo della verve di Giuseppe Cruciani, che è ciò che consente a quest’ultimo di spiccare tra la massa. E’ chiaro che ognuno ha il suo stile e va bene così, però rimane il fatto che senza Cruciani questo blog probabilmente non esisterebbe.

Venendo ai contenuti dell'ultima Zanzara, anche in assenza di novità eclatanti ancora una volta si è parlato quasi esclusivamente di Alitalia, e francamente la cosa comincia un po’ ad annoiare. D’altronde, però, se i radioascoltatori che chiamano vogliono parlare solo di quello, credo non ci si possa far nulla.

Non avendo io nulla da aggiungere su Alitalia a quanto detto nei post precedenti, mi limito a segnalare l’applauso spontaneo strappatomi da Maurizi quando ha detto che, ad intuito, in presenza di opinioni divergenti tra i ministri Padoa Schioppa e Bianchi, tenderebbe a dare maggior credito al primo…

Come non essere d’accordo: paragonare Padoa Schioppa con Bianchi è come mettere a confronto Maradona con Frustalupi, o se preferite, Placido Domingo con Mino Reitano.

2 commenti:

robegue ha detto...

Ciao Authan, anch'io sono strarotto di sentire parole su alitalia, e non credo che tutti quelli che chiamano vogliano parlare di questo. Piuttosto è ovvio che gli interventi vengono filtrati per rimanere sull'argomento di discussione, stabilito dal conduttore. Io stesso ho più volte chiamato chiedendo di parlare d'altro, ma puntualmente non mi hanno richiamato. Questa polemica su alitalia serve a non parlare d'altro. Perchè?

mauriziomorabito ha detto...

Maurizi nonostante l'ottimo cognome 8-) non mi convince su La Zanzara perche' o svicola sugli argomenti conflittuali, o esprime pensieri un po' qualunquisti e lontani dalla profondita' del Cruciani. Lo vedrei meglio in un programma di intrattenimento, o in un VivaVoce di quelli "tranquilli" come la puntata su Madre Teresa