sabato 22 marzo 2008

Il grande bluff

Alzi la mano chi pensa realmente che il tackle di Berlusconi nella vicenda Alitalia, con l'annuncio della cordata italiana, sia animato da autentico interesse e affetto verso la compagnia aerea, e che la campagna elettorale non c’entri nulla. Suvvia, siamo seri.

Mi sento di poter ragionevolmente ipotizzare che non ci crede neppure Cruciani, considerando che nella Zanzara di venerdì (fin troppo monotematica, se la devo dire tutta) egli ha detto ben due volte che “se non era per le imminenti elezioni, a quest’ora Alitalia era già in mano ai francesi”.

Nulla mi toglie dalla testa che quella di Berlusconi sia un’abile (diciamo così) azione di disturbo volta da lato a ritrovarsi gratis una facile argomentazione da usare come grimaldello in campagna elettrorale (la presunta “svendita” di Alitalia), e dall’altro a distogliere l’attenzione dai temi più tradizionali di una campagna elettorale (inclusa la politica estera di cui Cruciani sente molto la mancanza), seguendo la teoria in base alla quale chi parte da una situazione di vantaggio, certificata da tutti i sondaggi, ha solo da perdere in confronti diretti sui programmi elettorali.

Magari verrò clamorosamente smentito (e in tal caso farò ammenda), ma ora come ora do per scontato che la cordata fuffa di Berlusconi non si paleserà mai, adducendo come scusa l’impossibilità di una verifica approfondita dei conti. Insomma, diciamola tutta: quello di Berlusconi è un colossale bluff portato avanti per meri fini personali.

Non posso non chiedermi come commenterà Giuseppe Cruciani tale bluff quando esso dovesse risultare evidente a chiunque non sia accecato dalla faziosità. Vorrei permettermi di suggerirgli un termine che egli stesso, alcune settimane fa, ha usato per molto molto molto meno (anche se non a torto), riferendosi alla canditatura nel PD dell’operaio Thyssen Boccuzzi. Il termine, lo ricorderete, è “sciacallaggio”.

1 commento:

mauriziomorabito ha detto...

Mettiamoci l'anima in pace, tutto quello promesso da qui al 14 aprile e' una panzana