giovedì 27 maggio 2010

La polizia (tributaria) alle calcagna

Va bene che ognuno ha diritto alle proprie opinioni, e ci mancherebbe altro, ma l'insistenza con cui Giuseppe Cruciani esprime la sua convinzione che l'attuale direzione del TG1 targata Minzolini sia “in continuità con il passato, salvo dettagli legati alle diverse sensibilità” lascia sconcertati, visto che l'evidenza dice tutt'altro. Neppure il paziente Giulio Borrelli, ex direttore del TG1 e ora corrispondente Rai da New York, protagonista ieri di un lungo intervento alla Zanzara per via del suo nuovo libro in uscita "Le mani sul TG1", è riuscito a far cambiare idea al nostro conduttore preferito.

E' una battaglia senza speranza, quella contro il prosciutto sugli occhi di Cruciani, che francamente oggi non ho tanta voglia di intraprendere in prima persona. Mi limito pertanto a riportare qui di seguito quel che disse Lucia Annunziata, solitamente molto stimata dal Crux, il marzo scorso in un'intervista pubblicata dal Fatto. Chissà che Santa Lucia non faccia il miracolo.

Tutti i direttori Rai vengono nominati dalla politica. Non ci sono scelte professionali, la professionalità è messa in conto ma la scelta è di natura politica. Io sono stata nominata direttore del Tg3 dal governo Prodi. Ma fino a un certo punto il livello era accettabile, esisteva una soglia di dignità collettiva. Vespa fu cacciato dal Tg1 perché disse che il suo partito di riferimento era la Dc. Oggi invece l'essere militante di un'area politica è diventata addirittura rivendicazione orgogliosa. Minzolini ha fatto, fa, una cosa in più: si sente parte militante della linea politica del premier che l'ha nominato. Non credo che sbagli a fare i suoi editoriali ma sbaglia ad abbracciare la stessa causa di chi l'ha nominato. Ripeto, la Rai è proprietà della politica, i direttori sono di parte politica per definizione, la differenza è tra chi come Minzolini l'abbraccia e ne fa una missione e chi invece tenta di mediare tra le proprie opinioni e l'interesse generale. Questo è il salto imposto da Berlusconi, che non solo ti nomina ma poi vuole che tu diventi un suo soldatino.

***

Ma dopo una sana e istruttiva legnata, oggi per il nostro Crux c'è anche spazio per uno zuccherino. Nel Berlusconi di ieri che sostiene come in Europa si sia “vissuto al di sopra dei propri mezzi” c'è una clamorosa contraddizione, che il conduttore della Zanzara opportunamente non ha mancato di far notare (questo è lo zuccherino), con il Berlusconi del passato, quello che invitava i cittadini a spendere e ad acquistare beni perché così "si fa girare l'economia". Dal consumismo visto come motore per uscire dalla crisi, perché questa era l'insana ricetta del premier, siamo ora passati ai “sacrifici indispensabili”. Che dire... Bentornato sulla Terra, cavaliere. Conta di restarci a lungo?

***

E per chiudere ho una domanda che, magari partendo dall'audio col bisticcio, ieri alla conferenza stampa, tra Luca Telese (divertente il suo pezzo sul Fatto di oggi) e il duo Berlusconi&Tremonti, avrei piacere Crux girasse a tutti i radioascoltatori, perché secondo me è interessante. Perché l'idea - formidabile in un'ottica anti evasione - di abbassare drasticamente la soglia massima per il pagamento in contanti (molto più di quanto non abbia fatto Tremonti), è vissuta così male da qualcuno?

Tremonti menziona gli anziani che avrebbero difficoltà col bancomat… Il problema esiste, certo, ma a guardar bene, a parte il fatto che è solo una questione di abitudine, e che il cercare le monetine giuste nel portafoglio è per tutti una morte ben peggiore, come può tirare in ballo gli anziani colui che tempo fa ideò la social card? Non ha senso, dai.

Berlusconi, invece, cita il famigerato “stato di polizia tributaria”, spiegando come ci siano “spese che delle volte uno preferisce effettuare in contanti”. E cioè quali, di grazia?

Ma poi, di preciso, cosa diavolo è lo stato di polizia tributaria? Cosa significa non volerlo, se non il reclamare una malintesa libertà ad evadere tutto quel che si può? Mistero. In particolar modo per me, che penso a quanto sarebbe meraviglioso un mondo senza banconote, e, soprattutto, senza quei dannati spiccioli. A parte per gli amanti della numismatica, s'intende :-)

-------------------------------------

The Clash, "Police On My Back" (1980)




Well I'm running, police on my back
I've been hiding, police on my back
There was a shooting, police on my back
And the victim well he won't come back...


36 commenti:

Francesca ha detto...

A P.za S. Giovanni il 20 marzo con i 13candidati13 c'è andato apposta dal palco a minacciare le adoranti comparse inghirlandate di bandiere azzurre del partito dell'amore-che-vincie-sempre-sull'odio, per dire che "se vince la sinistra saremmo in uno Stato di polizia tributaria". E tutti gli asini sotto a scrollare il capino: "Noooooooooooooooooo"!!

Authan ha detto...

Di Cruciani/Borrelli/Tg1 parla anche il mio marchettaro di fiducia Wil su NonLeggerlo :-)

Viola ha detto...

non posso fare a meno di ridere.. :-)

e sì, è una battaglia senza speranza..

Michele Reccanello ha detto...

Sul duello Crux vs Borrelli:

Cruciani ha parlato di "curva degli ascolti" e della scelta di dare spazio alla cronaca rosa e Borrelli ha ribadito che il tg1 ha perso 1 milione di spettatori. Io e mia moglie che lo stavamo ascoltando abbiamo pensato che la "curva" era in discesa perchè la cronaca rosa e le ricette non dovrebbero far parte di un tg che si dica serio, al limite ci può stare ogni tanto, ma qui il problema è che ormai (copiando i tg di merdaset) tutti i tg danno ampio spazio alle cazzate giusto per addormentare le coscienze delle persone e questo è lavaggio del cervello alle persone. Insieme all'enorme bobardamento pubblicitario.

Ad un certo punto la mia consorte mi ha chiesto (come al solito): "ma come fai ad ascoltarlo che è un cafone e un antipatico?" Ed io: "questa è una delle volte che vale il prezzo del biglietto."

Michele Reccanello ha detto...

Scusa Francesca se ti ho rubarto la battuta sul prezzo del biglietto, ma ieri sera mi è venuta spontanea (e non racconto fregnacce).

Francesca ha detto...

@ Mike

no, guarda che non è mia la battuta!
Qui l'ho letta ed imparata dal guru Authan.
Ci andava a pennello per la trasmissione di ieri sera, cosi l'ho tolta dal cassettino della memoria delle citazioni utili per occasioni speciali!

Michele Reccanello ha detto...

Ieri sera era una di quelle.

Francesca ha detto...

ecco perchè Useppino è tanto deferente!
Dopo aver riviste tutte queste chicche di un anno di successi dell'Augusto:

http://nonleggerlo.blogspot.com/2010/05/un-anno-con-minzolini-ecco-il-mio.html

che invidia, quasi piu' che per Bossi jr la trota di Gemonio!

Francesca ha detto...

Qualcosa di molto piu' serio delle battute e delle facce della manovra.

La sempre imperdibile Irene Tinagli di oggi:

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=7408&ID_sezione=&sezione=


....e il fratello granata Culicchia da par suo!

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=7411&ID_sezione=&sezione=

Gabriele, Monza ha detto...

Mi chiedo: Cruciani era da poco sbarcato su L'Antizanzara con qualche suo commento, da quanto ciò non accade più?

Il prosciutto sugli occhi di GC é ormai tanto palese, che temo non avrà più il coraggio di esporsi a questa piccola (ma qualificata) comunità.

Difendere Berlusconi sta diventando un'impresa sempre più patetica, bisogna essere dei Bondi solo per provarci.

Cruciani é forse definitivamente Bondizzato?

Francesca ha detto...

OT

Voglio segnalarvi un fatto curioso a proposito del Crux.

Era mia abitudine, il giovedì, andare sul sito di Panorama (bleah!) a cercare l'editoriale di Cruciani, in quella trentina di righe tutte cose già sentite alla Zanzara, come le solite noiose considerazioni su esuli snob o pluri-radiolondrati che evocano pericoli per la democrazia, e radical-chic come Scalfari o Serra, cosi come la derisione per i vari esponenti PD come Veltroni o Prodi.

Dopo il numero 20 di due settimane fa, la scorsa settimana ho cercato senza trovarla la pagina della striminzita rubrica del nostro sul numero 21.
Idem oggi sul numero 22....nessuna traccia!

Avrei la tentazione di correre in edicola.... ma forse potrei essere indotta a ritirare anche i fantastici DVD da collezione in regalo con Libero!!

francesco.caroselli ha detto...

dprima c'era riotta...
colui che nell'ultima edizione del suo tg si vantava del picco di ascolti..
senza correlare tale picco al terremoto


quel che crux voleva dire è che il tg1 è da sempre filogovernativo.
Non sono d'accordo perchè filogovernativo èuna cosa..ma se sbagliano nella comunicazione delle notizie e si nascondono quelle scomode...siamo oltre.

Authan
Su nonleggerlo il link al tuo blog era nell'articolo mentre tu l'hai messo solo nei commenti...
maleducato!

francesco.caroselli ha detto...

da l Blog di Luttazzi a proposito del TG1

Stragi di Mafia, il TG1 ha osservato 30 minuti di silenzio.
(Augusto Rasori)

Michele Reccanello ha detto...

@Francesco Caroselli

Nell'intervento di ieri Borrelli sottolineava che il TG1 è sempre stato filo-governativo, ma cercando comunque di rappresentare tutte le posizioni. Così dovrebbe essere anche ora, anche se sarebbe l'ora che la politica stia fuori dalle tv (e dalle palle).

francesco.caroselli ha detto...

se al gov c'è la sinistra ed è filogov è tutto piu sopportabile perchè c'è mediaset che compensa...
ma se al gov c'è b non è la stessa cosa, come si bilancia la comunicazione?

Neon+Atlas ha detto...

Ma cosa fa Cruciani,
mentre parla con Mastella si fa venire l'inflessione meridionale? Alt(r)o zerbinismo.

Michele Reccanello ha detto...

Bingo, una citazione del blog!

francesco.caroselli ha detto...

ammettilo Authan quanto dai a Telese per le marchette in trasmissione?

Ci sono voci (nella mia mente malata) che con i soldoni del blog ti sei comprato una casa a Santiago del Cile...

E poi è vero il tuo flirt con Margherita Hack?

massimo.zanardi ha detto...

@authan: complimentissimi x il contributo musicale
@neon: non essere ingiusto, non è zerbinismo, ma sindrome di zelig...

francesco.caroselli ha detto...

Mastella forse è solo un troppo buono...
si fida delle persone!

Pensate quel poverino aveva nominato a capo dei giovani dell'Udeur un certo Francesco Campanella.

Chi è?

Semplicemente colui che riciclava il denaro di Provenzano e che ha procurato il passaporto falso allo stesso Provenzano per l'operazione alla prostata in Costa Azzurra.

Poverino.. lui è un ingenuo...

Ma Crux una domandina su questo Francesco Campanella no?
DAIII

francesco.caroselli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
francesco.caroselli ha detto...

Telese pretendo che tu chieda a Cruciani cosa ne pensa del pedaggio sul "tratturi", o sentiero delle capre, ovvero la SA-RC.

E anche lei caro Telese cose ne pensa?

Io ho le molotov in caldo...

francesco.caroselli ha detto...

La parte pericolosa della frase di Berlusconi

che io metterò in neretto...

Come primo ministro non ho mai avuto la sensazione di avere del potere, forse come imprenditore qualche volta. Cito una frase di colui che era considerato come un grande dittatore e cioe' Benito Mussolini : dicono che ho potere ma quello ce l'hanno i miei gerarchi io posso solo dire al mio cavallo di andare a destra o a sinistra

colui che era considerato???

Ma secondo B Mussolini non fu un dittatore?

questo mi fa rabbrividire...

francesco.caroselli ha detto...

Sentendo tutto l'intervento di B ho ancora più paura...

b legge i diari di Mussolini...

Speriamo non legga mai Mein Keimpf!

Il rospo dalla bocca larga ha detto...

E l'ennesimo parlamentare che parla di spese superiori ai 5.000 euro per il rapporto con gli elettori e al fatto che con 15.000 euro mensili non ci si campa? Non ne vogliamo parlare? Ieri si è raschiato il fondo del barile eh...

Francesca ha detto...

Mister B(ean) a Parigi davanti all?OCSE come già a Bonn all'assise del PPE.
Parla di sè. Lui è il centro del mondo.
Non ha potere, uguale a Mussolini, e lo dice alla presenza del rappresentante di Israele.
Evidentemente la firma sulle leggi razziali del '38 e la dichiarazione di guerra del giugno '40 le ha fatte il suo cavallo!

Michele Reccanello ha detto...

Perchè legge bavaglio, lodo alfano, cirielli... tanto per citarne qualcuna, servivano a babbo natale.

L'unico potere che ha è imporre le sue volontà agli zerbini. Che ovviamente non dicono mai di no anche con il maldipancia.

PaoloVE ha detto...

@ neon + atlas:

anche io tendo ad assumere la cadenza di chi mi parla, quando mi è in qualche modo familiare: credo capiti a chi non ha forti radici che lo leghino ad un unico posto, non solo agli zerbini...

Saluti

Paolo

Francesca ha detto...

SUPER OT

ma doveroso tributo!

la Giuria del Premio Satira Politica di Forte dei Marmi (Pino Corrias, Bruno Manfellotto, Beppe Cottafavi, Pasquale Chessa, Giovanni Nardi) ha deciso di premiare "Il graffio" di DARIO CECCARELLI (la jena di RADIO24) per la sezione Radio del Premio.

La Cerimonia di Premiazione - nella quale si assegnano i Premi della satira a giornalisti; scrittori; personaggi del mondo televisivo, radiofonico, teatrale; disegnatori - avrà luogo a Forte dei Marmi sabato 11 settembre (ore 11 conferenza stampa ore 18 Premiazione).


Sul sito web www.premiosatira.it
le premiazioni degli anni passati.


Forte dei Marmi.....arrivooooooo!!

Ornette ha detto...

"Noi di Repubblica siamo sbarcati con voi su un pianeta nuovo e l'orizzonte è emozionante e infinito". Sentite come inizia questo articolo di oggi di Zucconi su Repubblica per pubblicizzare lo "sbarco" del giornale su IPAD e l'IPAD stesso. E' da giorni che i giornali ci inondano di articoli entusiastici sulla tavoletta Apple, e Repubblica non si esenta da una incredibile quanto ridicola marchetta. Il livello del quotidiano di Scalfari si sta abbassando sempre più o è solo una mia opinione?

massimo.zanardi ha detto...

E' una mia impressione o il PD sta perdendo l'ennesima occasione x proporsi come alternativa politica credibile all'attuale governo? E' assodato che se vogliono mantenere euro e UE gli stati membri devono ridurre l'indebitamento? Bene, allora si accolgono gli inviti alla collaborazione di Napolitano e del governo per sfidare il governo stesso su riforme strutturali. Ok, collaboriamo, ma solo a queste condizioni... certo, c'è il rischio che il governo si accaparri il merito di riforme storiche, mentre una manovra fatta di creste, elemosina e piccoli taccheggi come quella proposta da tremonti costringerà probabilmente il governo ad altre strette di cordoni prima della prossima scadenza elettorale, con conseguente perdita (definitiva?) di credibilità... ma siamo sicuri che questo buttar la palla in tribuna alla lunga paghi?

Francesca ha detto...

@ zanardi

Ho ricevuto proprio adesso via sms la comunicazione dalla segreteria del mio consigliere regionale di riferimento Alessandro Alfieri (6190 preferenze, fra cui la mia, lontanissimo dalle quasi 13000 del segretario regionale Maurizio Martina)che sabato 29 ci sarà l'apertura della Festa Democratica al lido della Schiranna (lago di Varese).
E il 2 giugno alle 18.30 "Aperitivo tricolore" con il fascinoso onorevole Zaccaria (ex Rai, ex della Guerritore...)

quasi quasi ci vado, visto che sono ancora senza TV, e glielo chiedo che tipo di atteggiamento terranno in aula nei passaggi di votazione della manovra.

massimo.zanardi ha detto...

@Francesca
prova a suggerirgli:

1)autoriduzione spontanea del 10% dello stipendio da parte di tutti i parlamentari PD indipendentemente dal successo della proposta del governo
2)mancata presentazione di lista e candidati alle prossime provinciali: come dire, noi siamo realmente intenzionati ad eliminarle...
p.s. mi rendo conto si tratterebbe di demagogia allo stato puro, ma al momento il PD ha un così fottuto bisogno di consenso che non è il caso di far troppo gli schizzinosi...

francesco.caroselli ha detto...

ho una domanda.
ma a che titolo i parlamentari devolvono parte del loro stipendio al partito di appartenenza?
Siamo d'accordo che non c'è piu il finanziamento pubblico ai partiti, ma quest'ultimi ricevono cmq il rimborso elettorale.
Una pioggia di soldi!
Non capisco, e sarebbe il caso di spiegarlo!
Invece di devolvere i soldi al partito dovrebbe sovvenzionare una fondazione che aiuti i cittadini...
sarebbe una mossa "populista", ma come dice Massimo.zanardi non è il caso di fare gli schizzinosi!

Francesca ha detto...

@ caroselli

ma che domanda è?
guarda che era buona norma e regola anche nel vecchio PC, ai tempi della buonanima di Berlinguer (Enrico), malgrado i fiumi di rubli che arrivavano dall'URSS, e di cui Pansa ha le prove.

Credo lo facciano in tanti e di sicuro i leghisti per imposizione del molto democratico sistema di comando imposto dal senatur della minkia.

A proposito!
Oggi a Varese non si circola!
C'è il G6 Europeo sulla sicurezza con 6 ministri dell'Interno a
Palazzo Estense con il ministro ai respingimenti Maroni.

La città è da giorni tappezzata di manifesti provocatori contro la mafia firmati CasaPound Italia!

http://www.vivamafarka.com/forum/index.php?topic=87280.0

E anche se amaramente, assolutamente condivisibile la seguente affermazione:

D'altra parte, a Varese è indispensabile parlare di mafia,
è indispensabile ribadire che la mafia qui c'è: mantiene un basso
profilo perché conveniente, fa affari con molti imprenditori locali,
più o meno coscienti delle persone con cui hanno a che fare, ma
diventa ricca ed investe somme enormi di denaro

francesco.caroselli ha detto...

bravi quelli di casa Pound...
ma dico la sinistra dov'è?

mi dividono abissi da loro, ma su questi temi è giusto trovare la condivisione

MEEEEE
mi sento tanto Napolitano

thanks Francesca

CMQ la mia domanda non ha trovato risposta