martedì 18 maggio 2010

Braccia rubate all'agricoltura

[il post di oggi è di Paolo]

Buongiorno,

nelle ultime puntate della Zanzara hanno fatto capolino una serie di personaggi tratti dall'agone politico che sembravano fare a gara nel dimostrare la loro distanza dalla vita reale e la conseguente inidoneità al ruolo.

Si è partiti con l'ex ministro Claudio Scajola ed i suoi patetici tentativi di chiamarsi fuori dalle strane regalie che avrebbero riguardato il suo alloggio romano. Si è passati attraverso Giorgio Stracquadanio ed i suoi strampalati conteggi atti a dimostrare come i parlamentari necessitino di incentivi economici a causa dell'asserita esiguità del loro stipendio. E si è arrivati a Giuseppe Consolo, che presenta interrogazioni parlamentari per dirimere i problemi amministrativi relativi ai permessi di accesso delle vetture dei parlamentari nel centro di Roma. Per non citare Cosimo Gallo e la proposta di sanare l'erosione dei punti sulle patenti dei conduttori delle auto blu ed altre amenità simili, o il ministro della difesa Ignazio La Russa che, il giorno dopo l'ennesimo grave attacco contro i nostri militari in Afghanistan, con due vittime, precisa e puntualizza alcune sue sue dichiarazioni sul campionato di calcio.

In questo contesto alcuni sembrano voler vedere nella proposta del ministro Roberto Calderoli di un taglio del 5% allo stipendio dei parlamentari e ministri un piccolo segnale inverso, in occasione di una imminente manovra economica correttiva che chiederà grossi sacrifici a tutti i cittadini servizi in generale, cui saranno tagliati servizi, ed ai dipendenti statali in particolare, cui saranno imposte ulteriori restrizioni sul fronte pensionistico e, prevedibilmente, malgrado le rassicurazioni di Renato Brunetta, su quello economico.

Io la vedo diversamente, perché un taglio di quella portata, come peraltro evidenziato nell'articolo di Luca Ricolfi sulla Stampa, citato varie volte ieri da Giuseppe Cruciani, è risibile rispetto alle dimensione dei problemi che si dovranno affrontare e dei privilegi che i nostri politici si sono autoaccordati. E quindi mi sembra una manovra a metà tra la propaganda e l'autoassoluzione.

Sia chiaro, in un'ottica "meglio di niente", ben venga la sforbiciata alla Calderoli. Anzi, si raddoppi. Almeno servirà a non approfondire ulteriormente il solco tra cittadini normali e privilegiati. Però, facendo due conti, la più ottimistica delle stime ci permette di calcolare in circa 200 milioni di euro i risparmi derivanti dal taglio proposto da Calderoli (meno dell'1% della manovra finanziaria annunciata), mentre l'abolizione delle province, argomento sul quale io ho idee poco chiare e cui il ministro per la semplificazione si oppone, comporterebbe risparmi stimati in una dozzina di miliardi, cioè sessanta volte tanto.

Inseguire un problema minimale in luogo di uno di ordini di grandezza superiore come sta facendo Calderoli è anch'esso, alla fine, un essere avulsi dalla vita reale. E farlo millantando il voler essere partecipi dei problemi degli altri è propaganda becera.

Meglio sarebbe invece cominciare ad affrontare seriamente ed in maniera strutturale l'abuso che si fa degli strumenti gestionali nella pubblica amministrazione, a partire da quelli il cui utilizzo è già stato annunciato in funzione anti crisi, come il blocco del turn over, che applicato in maniera cieca da oltre dieci anni, ha comportato la necessità di appaltare massicciamente servizi a costi superiori a quelli che storicamente gli enti pubblici dovevano affrontare con personale dipendente proprio, così come dimostrato in varie occasione dalle inchieste di Report.

Saluti

Paolo

---------------------------------------

Contributo multimediale scelto da Paolo.

Davide Van De Sfroos, "Poor' Italia" (1995)




E disen poor' Italia, poor' Italia, poor' Italia
Sempru in prima fila quand finiss la bataglia...


28 commenti:

peppe crusciani ha detto...

Lei Paolo parla complicato, e devo mandare il traffico.

Io invece cerco di parlare semplice. Sa cos'e' la Minimization by Exageration per esempio?

Vostro Beppe.

Authan ha detto...

Peppe, metti il link!

minimization-by-exxageration

PaoloVE ha detto...

@ peppe crusciani:

sono un estimatore del crucianismo comunicativo, quindi mi ero documentato sulla raffinatissima tecnica.

Vediamo se ho capito bene facendo un esempio reale ed attinente al mio post: è la tecnica per cui se io dico che i 600 milioni del piano carceri destinati a costruire nuovi penitenziari servono a poco, visto che per il blocco delle assunzioni non si assumono i "secondini" che già ora sono troppo pochi, lei mi risponde provocatoriamente "Mi sta dicendo che nelle carceri italiane non c'è nessun secondino?". E si perde di vista il problema vero: che da subito si potrebbe asssumere i sorveglianti già adesso necessari, e che senza sorveglianti i soldi spesi per le nuovwe carceri saranno mal spesi...

Visto che ho studiato?

Cos'ho vinto?

;-)

Saluti

Paolo

Pale ha detto...

Secondo me è propaganda pura. È come dare 5 centesimi ad un poveretto e dirgli: "Che ti lamenti, sempre meglio di niente, no?"

Io sono convinto del fatto che gli Italiani non se ne facciano niente del 5% o anche il 50% dello stipendio prelevato ai parlamentari (o per meglio dire regalato, elargito da loro). Quello davvero imnportante è che questi signori facciano il loro dovere ed il bene del Paese. Lavorando con serietà e dedizione con uno sguardo al Paese che il loro figli hanno già in eredità.

Non sono demagogico, anzi! Per me i 15k€ possono diventare anche 20k€, ma basta che si faccia del bene al Paese facendo riforme strutturali (non me ne frega una cippa dell'ennesimo nuovo regolamento stradale, for Christ's sake!). La maggioranza per falo c'è.
È tutto il resto che manca.

Pale

francesco.caroselli ha detto...

scusatemi tanto ma il link l'avevo gia messo io!
per l'esattezza il 13 maggio, il giorno dopo la pubblicazione...
lo riporto:
Quando il link è doveroso:
Peppe Crusciani ha di nuovo svelato un nuovo metodo di minimizzazione.
La minimizzazione da esagerazione.
Caspita funziona davvero!

Francesco
Presidente Peppe Crusciani Fan Club


lo dico perchè ci tengo molto alla carica che mi sono autoconferito.

francesco.caroselli ha detto...

Francesca io sento la mancanza del tuo toto-zanzara!
mica posso mettermi in ascolto senza sapere cosa mi attende!

che devo fare andare su piovono rane?
Oggi c'è poca roba, giusta quella cosina li di rainews... ma non è pane per i denti Crux...
che dobbiamo fare parlare ancora di censura, conflitto d'interessi e blabla?
Radiolondra!


PS
Francè non è che mi fai la fine di nessuno?

Michele Reccanello ha detto...

peppe sei forte,
Pero` mi piacerebbe leggere un commento serio sui temi posti nel blog. Avrei piacere di capire qual'e` il tuo pensiero invece di fare il verso al tuo alter-ego. Con simpatia, un lettore del tuo blog.
:-))

Zecca ha detto...

OT
Mi piacerebbe che stasera Crucio parlasse della legge sulle intercettazioni e dell'Ok sel Senato di ieri sera.
http://www.corriere.it/politica/10_maggio_18/intercettazioni-commissione-senato-primo-si_c4ff44fe-6241-11df-92fd-00144f02aabe.shtml

Per queste cose lavorano anche di notte.
Che bravi.

Clem ha detto...

Non si chiama tipo reductio ad absurdum?
Una delle tecniche più utili per assicurarsi di a) vincere una discussione e b) assicurarsi che la stessa discussione non porti a niente di concreto?

peppe crusciani ha detto...

Authan: diamoci del Lei.

PaoloVe: Vede, la sua crucianizzazione sarebbe buona ma non totalmente esatta in M.by Ex. Se lei mi dice: "i 600 milioni sono pochi perche' non si assumono secondini", l'esatta crucianizzazione in M. by Ex. sarebbe:

"ma non c'entra niente che coi 600 milioni non si assumono secondini, oppure vogliamo dire che coi 600 milioni non si riesce nemmeno a riverniciare una cancellata di un carcere?"

FrancescoCaroselli: non si allarghi, altrimenti La devo tagliare.

Michele: abbiamo problemi con la diretta, siamo sempre costretti alla differita.

TotoZanzara. Ve lo dico io di cosa parlo: Comunicato di La Russa misto morti in guerra e Siena-Inter. Lo prendo per il culo, ma non troppo, visto che La Russa tra B. e Fini ha scelto B. e io di questo devo tenere conto.

francesco.caroselli ha detto...

peppuccio non stressare!
vieni qui e facci divertire.

come hai fatto oggi è già sufficiente

è ingiusto che tu distilli la tua saggezza cosi in piccole dosi.

per parlare di La Russa chi inviterai?
La Santanchè?
O la Mussolini?
Cmq chiamerai una donna. Ne sono certo.
(potresti anche chiamare Mughini... ma non piace molto al pubblico.. non so...)


Magari ci metto di mezzo anche lo striscione di Materazzi.

MatteoPE ha detto...

PEPPECRUSCIANI FOR PRESIDENT!!!!

anche se Telese te le da sempre di santa ragione!!!

MatteoPE ha detto...

Aggiungo una cosa che non ho potuto scrivere giorni fa. L'ora finale della puntata di venerdì con il tridente Cruciani-Telese-Giannino è stata una delle parentesi più belle della storia del programma...

francesco.caroselli ha detto...

QUANT'ALTRO
una parola da abolire
subito.

crux non ne abusare

Michele Reccanello ha detto...

Grazie a leonardo da padova per il suo intervento.

francesco.caroselli ha detto...

perch'è il ponte non sa da fare
da report
il grande Sigfrido Ranucci

francesco.caroselli ha detto...

stamattina alla trasmissione di Milan si è parlato del tema dell'evasione..
in termini veramente spregiudicati. (un po come l'ultima puntata della zanzara.

Consiglio a Cruciani di invitare il signor Facco (o Sacco).
E' un personaggio che gli piacerebbe.
Di quelli che alzano gran polveroni...
idee non convenzionali (anche se per me sbagliatissime)

Pale ha detto...

@ Francesco Caroselli - OT: Stretto

Ho visto qualche pezzo di report sul ponte da youtube e il tutto conferma quello che penso: il ponte non porta TUTTI quei vantaggi che ci si aspetterebbe da un'opera faraonica come questa.
In più ho il fortissimo sospetto che i ritardi nella sua costruzione siano creati ad arte per far pagare penali allo Stato... cosa che si potrebbe verificare (e magari Report ha già fatto più avanti nell'inchiesta, ma io ho visto solo i primi 15 minuti).

Per tornare parzialmente IN TOPIC, purtroppo non credo che giunti a questo punto il progetto ponte si possa cancellare con un semplice click... le penali sarebbero e saranno altissime.

Non volendo fare dietrologia, si potrebbe dire che si è fatto il passo più lungo della gamba quando il progetto di massima è stato presentato e gli accordi presi.

D'altra parte, volendo fare dietrologia, si potrebbe dire che tutti questi ritardi, incongruenze e illogicità siano stati fatti ad hoc per favorire qualcuno.

Infine vorrei proprio leggere il libro-pensiero di Cruciani sull'argomento per capire dove sto sbagliando.. ma sinceramente non credo una lettura del genere la potrei pagare più di 5 euro... Crux, che fai, me la regali una copia? ;)

Pale

Authan ha detto...

Francesco,
il sig. Facco, autore del libro "Elogio dell'evasore fiscale" e' gia' stato ospite, alcuni mesi orsono, di un Cruciani in brodo di giuggiole per le teorie espresse.

Viola ha detto...

Pale, io il libro l'ho letto..

interessante per molti versi

secondo la logica del fare, il ponte andrebbe fatto per concludere qualcosa che si è iniziato, per non gettare alle ortiche tutti i soldi investiti, perchè non se ne vede il motivo per cui non farlo, perchè intanti altri posti anche più difficoltosi è stato fatto un ponte, perchè i ponti uniscono, perchè sarebbe un simbolo e un'attrattiva

mi sembra di aver riassunto abbastanza i concetti espressi lungamente nel libro

Se è vero che l'opera sismicamente è fattibile, il commento + sensato a mio avviso è che andava fatto molto tempo fa, investendo il giusto.

Ora è assurta al rango di opera faraonica e per questo è diventata detestabile a molti.

i miei 2 cents

francesco.caroselli ha detto...

Autha che sciocco che sono! dovevo aspettarmelo che Crux non si sarebbe perso un personaggio del genere... sui generis diciamo.
Mi pare che anche Giannino sia sulle stese posizioni o mi sbaglio?


pale
se hai 1 ora e 4 minuti guarda il link che ti ho proposto e poi ne parliamo.
è da vomito.
non c'è modo
pensa alla messina-palermo
un'autostrada in rovina inaugurata il 2004.
proggetisti, appaltatori sono tutti uomini di dell'utri o di micicche...
sotto processo anche per la siracusa-gela...
le aziende che ci hanno lavorato ci sono quelli che hanno portato l'esplosivo per Capaci...santapaola e i suoi rapporti con i germanà....


non sono clientelismi
è mafia

a cui non scappa nemmeno un'opera

Non so a chi andrebbero pagate queste penali, probabilmente a nino bevilacqua, visto che ha lavorato per tutte le autostrade in sicilia.


Per il ponte non c'è nemmeno il progetto esecutivo.
l'ultimo risale al 2002, e ripeto non è l'esecutivo.

francesco.caroselli ha detto...

toto-zanzara assicurato:

Santoro lascia la RAI

Santoro questa me la deve spiegare.
Ci guadagna solo lui.
Si è anche assicurato il massacro mediatico per la buonauscita.

Se ora verrà preso a male parole non saranno piu solo da destra.
venduto e disertore di sicuro.
vedrete.

cmq la cosa non mi torna.

massimo.zanardi ha detto...

La mia idea è che un'opera come il ponte abbia senso solo se organicamente inserita in un piano di sviluppo economico e logistico della sicilia e del sud italia in generale. La sola costruzione del solo ponte mi pare migliori senza assolutamente risolvere l'isolamento logistico della sicilia dal cuore produttivo e dai mercati europei, causa, non unica ma di notevole peso, del ritardo di sviluppo delle regioni del sud italia e del fallimento di tutti i piani di industrializzazione... Trattandosi di una questione geografica, dubito che un ponte avvicini Palermo a Monaco di Baviera, più di quanto non abbia già potuto fare un'aeroporto... mi pare evidente che si dovrebbe partire dal prendere atto che il modello di sviluppo piemontese e brianzolo parte da presupposti storici e logistici non replicabili nel meridione e ragionare su un modello di sviluppo possibile. dopodichè si costruiscono le infrastrutture necessarie: ponti se servono ponti, porti se servono porti, fibra ottica se serve fibra ottica ecc. e mi pare che questo ragionamento dovrebbe essere esteso dalle infrastrutture alla formazione, che dove la geografia non aiuta potrebbe ad esempio arrivare una conoscenza perfetta dell'inglese, una piena padronanza delle tecnologie, standard di accoglienza turistica eccellenti ecc. Ultima, banale considerazione: la Napoli-Salerno dopo il ponte di Messina è quello che un informatico chiamerebbe "collo di bottiglia"...

Pale ha detto...

@ Viola

Grazie davvero!

"secondo la logica del fare, il ponte andrebbe fatto per concludere qualcosa che si è iniziato"

Sono d'accordo con Cruciani su questo. Secondo la logica del fare, richiederebbe che il ponte sia fatto e finito.

"perchè non se ne vede il motivo per cui non farlo, perchè intanti altri posti anche più difficoltosi è stato fatto un ponte"

I motivi per farlo o non farlo, anche assumendo che non un solo centesimo si perda nei risvolti oscuri italiani, dovrebbero essere determinati da un'analisi approfondita sui benefici di medio e lungo termine. Se ho capito bene da Report, sembra che questa analisi non sia stata mai fatta in modo ufficiale in tempi recenti (ultimi 5 anni) per paura che i "cons" superassero i "pros".

"Se è vero che l'opera sismicamente è fattibile, il commento + sensato a mio avviso è che andava fatto molto tempo fa, investendo il giusto."

Concordo ancora con te, fermo restando che il tecnicamente fattibile non venga usato come unico argomento riguardo la reale necessità di avere il ponte. Tante cose sono tecnicamente fattibili ma non per questo sono fatte.

E altre cose dovrebbero essere fatte prima (banda larga, riforme del lavoro, pensioni, abolizione delle province, spostamento delle merci su rotaia o navi). Queste altre cose sarebbero un volano molto migliore del ponte. So che Crux mi direbbe che quelle non escludono il ponte... Ma purtroppo i soldi non sono infiniti, quindi questo suo commento sarebbe totalmente insensato.

Ciò che davvero mi ha preoccupato del servizio di Report è che la quantità di traffico che passerebbe sul ponte è nelle previsioni in costante diminuzione. Io sono a favore della TAV perchè i benefici economici sarebbero molto maggiori degli svantaggi paesaggistici (che, non me ne vogliano gli abitanti della Val di Susa, sono molto minori rispetto a rovinare le coste fra Calabria e Sicilia)

Pale

PS: Scusa Authan per il lungo OT.... ma alla fine si sta parlando di (possibili) sprechi o tagli (da fare)

francesco.caroselli ha detto...

la cosa buffa del ponte è che la gente pensa ai pro o ai contro.
ma questo è un passo successivo.

Prima bisogna affrontare la realtà.
Invito tutti a fare le vacanze in Sicilia.
Vi divertirete (e mangierete da dio) ma buttate un'occhio alle poche autostrade.

E le autostrade del mare?
quello sono un bel futuro (infatti, nel mio piccolo, quando vado in Spagna trovo comodissimo imbarcarmi a civitavecchia e sbarcare a Barcelona)


Io ve lo dico perchè sono del sud e queste cose le so.
come so che qui nella pia città si paga il pizzo.

Pale ha detto...

@ massimo

Esatto. Il ponte è la classica Cattredale nel deserto. E pensare che possa fare da volano per l'economia del Sud Italia e semplicemente RIDICOLO.

@ francesco

L'ho detto prima: ho visto i primi 20 minuti, ma non ho tempo di vederlo tutto adesso (e con Linux è anche un po' un casino farlo)

Pale

Michele Reccanello ha detto...

@pale

OT

Uso linux anch'io e silverlight e` una schifezza, ho pero` uno shell-script che mi consente di vedere i filmati, anche quelli sul sito RAI. Se la cosa ti interessa ti spedisco lo script zippato stasera, mi occorre pero` il tuo indirizzo email, oppure suggeriscimi un' altro metodo per inviartelo.

Ciao

Scusa authan per l'OT.

Pale ha detto...

@ Michele - VERY OT

Sarebbe grandioso! (elauqsap)punto(idlatac)chiocciola( la casella di Google)punto(com). (Naturalmente l'ordine delle lettere del nome ed del cognome va invertito).
Grazie!

Pale