martedì 5 gennaio 2010

L'alba dei morti viventi

"Anno nuovo, Zanzara vecchia" lo dico io. Come se tre puntate di fine 2009 già dedicate al medesimo tema non avessero contato nulla, magari solo perché le aveva condotte quell'altro, Maurizi, il 2010 della Zanzara targata Giuseppe Cruciani è cominciato continuando a battere il chiodo sulla notizia della prossima intitolazione di una strada milanese, per volontà del sindaco Letizia Moratti, a Bettino Craxi, in corrispondenza del decennale della scomparsa di quest'ultimo.

Se il buongiorno si vede dal mattino, vien da dire che siamo entrati in una nuova alba dei morti viventi. L'ultimo anno della prima decade del terzo millennio si preannuncia come l'ennesimo in cui gli echi del passato e le ombre dei non-morti, degli zombie, continueranno ad assillare senza sosta le anime e le menti di noi poveri stolti incapaci di guardare avanti ma sempre e solo indietro.

Craxi, quindi... Ovviamente è esplosa la dicotomia tra chi lo ritiene un ladro morto da latitante, e chi un grande statista vittima di fumus persecutionis. E ovviamente Cruciani non ha saputo/voluto/potuto prendere una posizione chiara tra questi estremi. Pur dichiarando di non ravvisare una reale necessità di omaggiare Craxi da un punto di vista toponomastico, il conduttore si è comunque trincerato dietro il suo solito linguaggio elusivo contraddistinto da quella che è una delle sue nuove frasi standard, di quelle che gli escono di continuo, ovvero “non vedo lo scandalo” (nell'intento della giunta di Letizia Moratti, s'intende).

Ma questa volta nel campo minato su cui Crux si è trovato a camminare c'erano talmente tanti ordigni che pretendere di arrivare dalla'altra parte con entrambe le gambe al loro posto era impossibile. Ad esempio, quando Cruciani ha detto che “non si può ridurre l'esistenza di Craxi ai suoi guai giudiziari”, citando un pezzo di Pierluigi Battista apparso sul Corriere di ieri, lì, metaforicamente, la parte bassa della gamba sinistra, dal ginocchio in giù, è saltata via.

Vede, Cruciani, se la base dei suoi ragionamenti e quella summenzionata, perché allora non dovremmo applicare la stessa considerazione anche, ad esempio, all'ex terrorista Cesare Battisti? Perché Battisti può essere ridotto (per me giustamente, sia chiaro) ai reati che ha commesso e Craxi no? Qual è la differenza? In fondo Battisti era un'altra persona prima di aderire alla lotta armata e un'altra persona lo è diventata dopo la sua fuga all'estero.

Troppo facile prevedere l'obiezione: Craxi non ha mica ucciso nessuno, al contrario di Battisti. C'è una scala di gravità nei reati di cui occorre tener conto.

Eh, no, Cruciani, non ci siamo proprio. Siamo d'accordo che l'ex leader del PSI non ha assassinato nessuno, ma neppure è stato condannato – che so – per aver malmenato un fotografo che violava la sua privacy, o per aver causato un incidente stradale mediante una condotta di guida incauta (per capirsi, violazioni non legate a filo doppio col suo ruolo istituzionale). Craxi è stato condannato in via definitiva per corruzione. Cor-ru-zio-ne. Il reato peggiore di cui un politico si possa macchiare. E' in un certo senso l'equivalente dell'omicidio o dello stupro per l'uomo comune, una volta che noi circoscriviamo l'universo intero al solo mondo della politica.

La stessa cosa vale, per portare un secondo esempio, per l'uso di sostanza dopanti da parte di sprinter, maratoneti, ciclisti, eccetera. E' barare, è la colpa che, nell'universo circoscritto al solo ambito dello sport, non ha eguali in termini di gravità.

Cosa sono le vittorie di Marco Pantani al Giro d'Italia e al Tour de France del 1998 di fronte a quel che è successo l'anno successivo, quando il "Pirata" venne squalificato per doping, iniziando quella parabola discendente che poi lo portò ad una precoce morte? Chi, oggi, in tutta coscienza, additerebbe Pantani come esempio positivo per i giovani che si avvicinano alla pratica del ciclismo?

Craxi potrà aver fatto anche diverse cose buone da statista, ma le colpe di cui si è macchiato pesano come un immenso macigno che non si può far finta di non vedere. Come ha spiegato benissimo il solito Luca-Telese-for-president, nuovamente ospite alla Zanzara di ieri, “non si può intitolare una via a Craxi perché era un amante di Garibaldi”. E' semplicemente umiliante.

Poi lo so benissimo che ci sono altre città dove vie e piazze dedicate a Craxi già esistono, e mi è chiaro che la Moratti può fare quel che vuole, dato che poi dovrà risponderne agli elettori. Mi sta bene tutto. Ma la banale sostanza delle cose non cambia: come ha spiegato meravigliosamente Massimo Gramellini sulla Stampa del 30 dicembre, “solo uno Stato barzelletta può rendere pubblico omaggio a un cittadino che lo stesso Stato aveva condannato in via definitiva al carcere”. Solo uno stato barzelletta, già. Il nostro.

--------------------------------------

The Cranberries, "Zombie" (1994)




But you see, it's not me, it's not my family
In your head, in your head they are fighting
With their tanks and their bombs
And their bombs and their guns
In your head, in your head, they are crying

In your head, in your head
Zombie, zombie, zombie...

41 commenti:

francesco.caroselli ha detto...

Questo post è dedicato ad Ubaldo.

Non sono un intellettuale (cazzo non nemmeno scrirgere in Italino!) ma sono un essere pensante.
In questi giorni i carroarmatini (stile Risiko) di Berlusconi si sono mossi compatti verso il fronte occidentale:
prima la fedelissima Moratti che vuole inserire Craxi nella toponomastica di Milano, poi le pagine di domenica sia di Libero che del Il giornale (che coincidenza! Toh!)che glorificano Craxi, sempre domenica l'intervista a Stefania Craxi (con annesso inedito postumo del padre)....
Insomma non mi sembra che si possa trattare di uno polemica "spontanea", ma anzi molto ben orchestrata. (ed è inutile Che Cruciani faccia il finto sdegnato, nella puntata di oggi ha continuamente stimolato il prurito craxiano, pro e contro, con continui contributi audio)
Perchè?
Perchè di tutta questa campagna di rincoglionimento
viene da chiederselo... o no?.
Cos'ha di speciale Craxi? Non sarebbe stato strategicamente piu giusto per B dimenticarsene?
(E con lui tuute quelle storiaccie di Legge Mamì e All Iberian....)
Eh no Cari miei....
Craxi è stato il Primo Statista italliano (Pluri-ministro, e pluri-presidente del consiglio) che ha attaccato duramente la magistratura.
Lui piantò il "Seme".
Lui è stato il Primo Statista che rifiutò di farsi processare, non accetto il verdetto.
Ma se si insinua nella mente della gente che la giustizia è qualcosa che si può rinnegare...beh allora c'è solo l'anarchia.
Se persino chi ha tanto potere, sicuramente di piu rispetto un normale cittadino, ritiene di NON POTERSI DIFENDERE, di essere stato vittima del "Sistema Giustizia"...
Ogni cittadino potrà sempre mettersi ad urlare, o addirittura ribellarsi....Che succede?
GUERRA CIVILE
E chi solo qualche mese fa predicava il pericolo di una guerra civile?
(No, Cruciani, non è stato DI Pietro...)
E' stato il nostro premier (nella fase in cui "il partito dell'amore" era solo in fase larvale).
Proprio Berlusconi che poi ha ingigantito le ancora immature accuse craxiane al "sistema", e ANZI le ha rese piu precise:
Giudici comunisti
giudici scansafatiche,
se vuoi fare del male o fai il dentista o il PM,
sono diversi antropologicamente,
per fare quel lavoro bisogna avere delle turbe mentali,
etc..

Rinnegare, ricusare, insultare, deligittimare, offendere sono diventati normalità ormai.
Purtroppo.
Ma non è sempre stato cosi, prima di craxi c'era rispetto profondo (proprio perchè il rispetto fra i poteri è la base dello Stato di Diritto, dopo c'è l'anarchia).
Se A.C. -Ante Craxo- qualcuno si fosse azzardato ad offendere Pm comuni, Pm antimafia, giudici e persino la Coerte Costituzionale, sarebbe stato sicuramente isolato come pericoloso fomentatore di disordini sociali (diciamo pure un appartenente ad una Loggia eversiva...e non faccio nomi).

Ma che serve tutta questa stra-pippa mediatico-giornalistica su Craxi?
A mio modo di vedere è abbastanza evidente:
Nel RACCONTO EMOZIONALE, che ormai E' la politica attuale, riabilitare, glorificare la figura di Craxi -antesignano del martirizzato dalla magistratura- significa normalizzare il costante attacco alla magistratura.
Che prima era impensabile!


PS-Indovinate chi la pensa come Berlusconi sui giudici: I mafiosi.
(a volte sembra anche che abbiano lo stesso sceneggiatore)


DULCIS IN FUNDO
Come ho detto all'inizio non sono assolutamente un intellettuale, ma un semplice cittadino pensante, e che ho preso come Hobby.. seguire la realtà, informarmi.
ora prendetevi meno di 5 minuti e godetevi un vero intellettuale:
http://www.youtube.com/watch?v=H6wRslJmUJ4

liongalahad ha detto...

Authan! non posso che come al solito sottoscrivere in pieno il tuo post (se hai letto il mio post e i relativi commenti nel Bar della Zanzara su Facebook, sicuramente avrai visto che ho parlato all'incirca delle stesse cose..).. quindi complimenti, e grazie per la sorpresa di un nuovo post, aspettavo il tuo ritono solo dopo l'epifania!

Vorrei ringraziare anche francesco caroselli per l'interessantissima analisi che fa di questo avvenimento, nel commento qui sopra... è uno scenario da brividi, ma purtroppo perfettamente plausibile..direi ahimè quasi evidente... mi chiedo (come Authan nel post del 1 gennaio) quando potremo finalmente avere una destra normale?? aspetto impaziente quel giorno.. per me in questi giorni Fini si sta mordendo la lingua, altrimenti si aprirebbe un nuovo scontro, che forse risulterebbe insanabile (immagino le urla bercianti e gli sputi al cianuro dell'adorabile Stefania Craxi..)


Vabbè va, buon 2010 a tutti!

Giorgio

F®Ømß°£ ha detto...

Buondì, grazie per il post ad authan e per il commento a francesco.caroselli.

Sottoscrivo in pieno, colmo di tristezza e di noja per la prevedibilità assoluta con cui Cruciani ha ostentato il suo solito non-scandalo per la via da intitolare a un politico condannato in via definitiva per corruzione.

Vorrei solo aggiungere un dettaglio su Craxi: il suo contributo all'aumento esagerato del debito pubblico è stato molto rilevante. Se questo è un grande statista...

Un punto fermo, comunque deve essere che non si potrà ridurre l'uomo alle sue vicende giudiziarie, madi certo non si può prescindere da esse. L'esempio di Pantani è calzante a mio parere.

Ultima nota sul tono con cui Cruciani ha appoggiato la solita uscita provocatoria di Brunetta sull'articolo 1 della costituzione, "che non vuol dire niente". Mi è sembrato un tentativo di propaganda e apologia dell'ignoranza.

Non credo nemmeno per un istante che il ministro e Cruciani non sappiano cosa voglia dire "fondato sul lavoro".

Forse, sfruttando il disinteresse e l'ignoranza di alcuni italiani si sonda il terreno per vedere se non siamo pronti a una Repubblica fondata sul patrimonio, sulla tessera di un Partito, sul Grande Fratello o su Uforobot.

Saluti

Tommaso

Pale ha detto...

@ lion...

Io mi chiedo anche quando vedremo una (e non mille) sinistra innovativa, moderna e dinamica.

Pale

Pale ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Pale ha detto...

Ecco una lettera che dovrebbe far riflettere e sul cui tema bisognerebbe fare molto di piu'. A Crucia', parliamo di questo, non di una strada intitolata ad un grande e corrotto statista.

http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/10_gennaio_5/lettera-studentessa-bocconi-sieropositiva-aids-contagio-1602245805088.shtml

Io faccio un grande in bocca al lupo alla ragazza e vorrei dirle che fintanto continua le cure, la malattia non degenerera' e le potranno assicurare una lunga vita. Purtroppo per quanto riguarda la sua felicita', ci dobbiamo dare da fare noi, eliminando quell'ignoranza che ancora ci attanaglia sull'argomento.

Pale

ubaldo ha detto...

@francesco.caroselli

La tua e' solo banale dietrologia.

Ammesso e non concesso che le tue teorie siano tutte vere, come dici tu e' "abbastanza evidente" la finalità di tale campagna. Quindi anche noi italioti medi possiamo renderci conto dell'inganno.

O forse non tutti riusciamo a vedere la realta' e quelli come te ci aprono gli occhi...

Sento odore di arroganza da intellettuale.

giacomo ha detto...

Begli spunti (come al solito).
Però l'esempio di Pantani a me non pare calzante. Prima di tutto non fu mai squalificato per doping, ma solamente sospeso per 15 giorni a causa dell'ematocrito alto (la regola veniva presentata come tutela della salute del corridore). Certo i sospetti sono inevitabili e capisco che possa non essere un buon esempio per i giovani. Questo però non toglie che sia stato un grande campione.

clem ha detto...

Ehe, la frase "Craxi potrà aver fatto anche diverse cose buone da statista", mi ha riportato alla mente l'immortale Tuttobenigni 95/96.
Ora cerco su youtube qualche link, ma nel corso dello spettacolo ricordo due frasi che calzano con la questione di cui si discute:
"È già cominciato il recupero di Bettino Craxi?! E il recupero del BOTTINO Craxi, dove lo vogliamo mettere?"
E ancora, riferito sempre a Craxi:
"Dice, 'ha fatto delle cose buone'. Ma si capisce, anche Hitler, e Mussolini, una strada, un ponte, l'avranno fatto. Anche Pacciani, una volta, 'BUONGIORNO' a una signora l'avrà anche detto!"
Ecco un link, tanto per rendere l'idea:
http://www.youtube.com/watch?v=xvIc6ohtL0c&feature=related

Pale ha detto...

@ clem

Secondo me quello spettacolo e' il punto piu' alto della comicita' (e satira) di Benigni.

@ ubaldo

L'arroganza intellettuale di cui parli (in generale, senza riferimento al caro francesco) e' una cosa che esiste. E' altresi' vero che dietro la scusa di questa arroganza, da destra non vengono quasi mai spunti di riflessione interessanti e che mettano in crisi gli arroganti. Per essere sincero mi sembra che l'unica voce di destra intellettualmente elettrizzante e' quella di FareFuturo.

Pale

Viola ha detto...

@Ubaldo

Mi permetto di risponderti con le parole di Paolo Fabbri, l'Unità, in un vecchio articolo del 2001 (http://archivio2.unita.it/v2/carta/showoldpdf.asp?anno=2001&mese=07&file=03COM26a)

"La Dietrologia reciproca è
normale quando c'è conflitto di opinioni, assurdo sarebbe il suo contrario, la Davantologia.
Strumentalizzatore appunto è ogni discorso
politico che non pretenda a una verità storica o
scientifica apriori - conosciamo i guasti - ma
che accetti le tecniche retoriche dello scontro di
opinione - tattiche e stratagemmi, manipolazioni e contro-manipolazioni - per costruire e calibrare un collettivo sempre da rifare.
La parola politica è indiretta ed obliqua per
natura; non verità preformata ma azione performativa; va giudicata non dalla conformità alle
intenzioni, ma dagli esiti di società che emergeranno. Restituiamo allora alla parola Strumentalizzazione la sua obiettiva innocenza."

Ecco, quello che fai tu è davantologia:
sostituisci i "fatti evidenti con la ricerca di ipotetici e piú o meno probabili arcani da svelare" (continuando a insistere che crux ha smascherato tutti gli ascoltatori di sinistra, leitmotiv che vedo non abbandoni nemmeno alla ripresa del programma..)

F®Ømß°£ ha detto...

@Ubaldo

A me continua a far ridere il fatto che per te a sinistra è pieno di arroganti intellettuali.

Ma li hai sentiti tanti ascoltatori "propagandisti" come dici tu della sinistra come parlano? :-D

Tommaso

nessuno ha detto...

Consiglio a chi ne avesse voglia di andare su lo scandalo della Banca Romana (1892) in Wikipedia nel quale scandalo vennero implicati, per aver ricevuto denaro dalla Banca che allora emetteva denaro anche falso (non esisteva ancora la Banca d’Italia), Francesco Crispi e Giovanni Giolitti, con relativo processo conclusosi senza condanne perché importanti documenti furono dai giudici di allora dichiarati smarriti. La Patria fu salva e Giolitti, 23-24 anni dopo, fece entrare l'Italia nella prima guerra mondiale. Di Giolitti si dice che fu un grande statista che ha dato il proprio nome alla sua epoca, l'epoca giolittiana, ma non mi risultano molte strade a lui dedicate, magari ce n'è, più probabilmente in Piemonte. Altrettanto si può dire per Crispi noto per le sue fallimentari campagne d'Africa, al cui nome sono intitolate molte strade. Le strade dedicate a Craxi non sarebbero altro che la prosecuzione delle consuetudini italiane.
Ma il problema dell'antizanzara, se ho capito bene, è la zanzara ed il suo conduttore. Ebbene, secondo me il nostro spettinato eroe prende tutti per i fondelli cercando di costruirsi una propria immagine nel campo dei media. Ma è vero che scrive anche per Panorama? Se così fosse, si capiscono meglio le sue ambiguità a radio24 restando obbediente agli ordini di Mulè sugli argomenti di fondo.

ste76 ha detto...

@francesco.caroselli

l'analisi che fai su Craxi e' interessante. Ma io credo che si debba utilizzare il rasoio di Occam anche in questa occasione. La spiegazione piu semplice e' anche la piu probabile. Semplicemente la Moratti vuole visibilita' e sa che il tema Craxi e' sempre caldo. Libero e il Giornale publicano articoli che sono attuali, che fanno vendere e che sostengono l'"idea" della Moratti e il partito politico a cui sono legati.
Perche vedi il tuo ragionamento porterebbe a chiederci perche non fare di piu.
Un parco e' poco per un uomo che ha il "merito" di aver attaccato per primo la magistratura. Perche non un monumento o una piramide. E due giornali che ne parlano e' poco perche' non tutte le reti fininvset in una serata in mondo visione dedicata a Craxi.
I marziani sono quelli che insinuano le cose nella mente dei terrestri. I nostri politici c'e la mettono nel culo alla luce del sole. Ogni giorno che lasciamo che sviino la nostra attenzione dai veri problemi con queste stronzate.

francesco.caroselli ha detto...

Caro Ubaldo...
se non ci fossi l blog sarebbe piu molto noiso...
(anche se preferivo maurizio morabito come argomentatore)



Tu finisci il post:
"Sento odore di arroganza da intellettuale."

L'odore che senti non è profumo da intellettuale...anzi non mi lavo mai, forse è il tanfo... :-)

L'arroganza da intelletuale non esiste, il potere è arroganza.
L'intelletuale può essere sfacciato ma non arrogante, perchè non esercita potere, anzi per essere un vero intelletuale bisogna essere fuori dai giochi di Potere.

Sono/siamo lusingato/i dal marchio da intellettuale che mi/ci appioppi, ma forse mi/ci sopravvaluti.
Come per una formica che dalla sua prospettiva trova difficile distinguere una villetta di campagna da un grattacielo, anche tu confondi ragionamenti da persona "media" con i ragionamenti da intellettuale.

Spero tu abbia visto il video che avevo allegato precedentemente di Pasolini.
Vedi?
Lui è riuscito a cogliere i cambiamenti nella società con anticipo e ha abbastanza fedelmente previsto l'evolversi futuro.
Magari lo sapessi fare anch'io!
Peccato che non ci sia piu spazio nell'italia di oggi per intellettuali veri.... che scrivano dalla prima pagina del corriere della sera.
Magari ci fosse qualcuno ancora capace di dire IO SO.
http://www.youtube.com/watch?v=NGuyh079rX4

Francesco L'intelletto-Attuale

PS-Paolo ci manchi! Dove sei?

francesco.caroselli ha detto...

ho visto il video postato da Clem...
Bellissimo.
Cruciani mettilo in trasmissione (soprattutto l'ultimo munito)
l'ho riposto qui per Cruciani
(speriamo bene)
http://www.youtube.com/watch?v=xvIc6ohtL0c&feature=related

nessuno ha detto...

Ma questo forum è frequentato in prevalenza da super tecnici della comunicazione alle masse e della persuasione occulta che si parlano tra loro in termini criptici?
Io non mi ci raccapezzo tanto.

Pale ha detto...

@ Francesco Caroselli

Lungi da me essere animalista (non si puo' essere una persona perbene che rispetta gli animali senza amarli piu' delle persone?) e tanto meno l'essere il difensore di Ubaldo, ma comparare quest'ultimo ad una formica e i tuoi/nostri pensieri ad una villetta di campagna che potrebbe essere scambiata per grattacielo, mi sembra vagamente riduttivo (o offensivo?) per le idee di Ubaldo. E questo si che mi pare snobbismo intellettuale (che e' diverso dall'arroganza).

Scusa per la polemica, ma come disse William Blake (che non e' un ex giocatore del ManUtd) "Without Contraries is no progression". ;)

Pale

francesco.caroselli ha detto...

a Pale
Non volevo essere offensivo. A me pare di fare discorsi normalissimi, da cittadino che come hobby quello di seguire la società.
Volevo soltanto che per una volta (diversamente da come fa sempre) Ubaldo mi desse un'opinione sui quel che dico.
invece se ne esce con:"Sento odore di arroganza da intellettuale".
Come al solito un giudizio, non una diversa "interpretazione" della realtà.
Credo infatti che la realtà sia soggettiva, e io sono curioso di conoscere l'opinione dei "Contraries", come dici tu.
Ma se i "Contraries", devono essere tali soltanto perchè mi bollano con una stupida etichetta tipo "intellettuale", usata con accenni vagamente irridenti, allora io me ne tiro fuori.
Che senso ha discutere con chi alla fine mi risponde con qualcosa che è spaventosamente simile ad uno sfottò da stadio?
Questo d'altronde è il modus operandi del mondo politico-mediatico che, proprio come dice tu non accetta il progresso perchè non accetta i contrai ("Without Contraries is no progression")

a nessuno
Non sono un super tecnico della comunicazione alle masse e della persuasione occulta, ne tantomeno un intellettuale, titolo di cui mi mi "onora" Ubaldo.
Anzi il mio alludere a Pasolini (erano quelli i termini criptici? se si bastava guardare il video, niente di criptico.) voleva rimarcare la mia profonda inadeteguatezza al confronto di chi realmente è stato un intellettuale.


Io vorrei solo sapere se siete d'accordo con me sul fatto che questa campagna su Craxi -martirizzato dai PM- ha il chiaro obbiettivo "strategico" di favorire le future mosse berlusconiane: riformare la giustizia con la "scusa"-motivazione che i magistrati agiscono per e con fini politici. (è questa per me è una balla colossale , che con informazione piu neutrale non sarebbe lasciata passare come interpretazione plasibile della realtà).


Ritornando alla zanzara, a cruciani e al blog:
Allora Authan ieri eri tu alla Zanzara?
Sembravi proprio tu, con riferimento a Ferrarella incluso!

Authan ha detto...

In effetti nello stile di quell'ascoltatore mi ci sono riconosciuto, francesco, ma non ero io. Buona pensata, comunque.

authan

Viola ha detto...

Cruciani che sbeffeggia Veltroni nella sua veste di commentatore di basket a Sky fa veramente ridere..
Può andare solo lui a Sky a parlare di sport?
Ma mi faccia un piacere....

ste76 ha detto...

@Francesco
sono d'accordo con te sul fatto che B. abbia interesse a screditare la magistratura. Ma questo non credo debba essere sufficiente per concludere qualcosa sulla vicenda del Parco Craxi (dove trovi il miglior Crack).
sono d'accordo con te che non si dovrebbe attaccare le istituzioni in quel modo. Ma quando parli di informazione neutrale che possa non lasciar passare qualcosa mi viene in mente solo la censura. E non la preferisco. E poi sarebbe buffo: la stampa che censura i politici che dicono castronate!
Infine tutta la storia di B. che insinua le menti degli italiani mi pare francamente la sceneggiatura di un film anni 80 di serie B.

francesco.caroselli ha detto...

Su Noemi Letizia:
Ma cosa ha fatto berlusconi con quella?
Un soft servizio Lewinski
Il classico (ha una certa età...)
O anale?
(e questo dovrebbe spazzare via ogni dubbio sulla mia supposta "intelluettualità")

Ora quelle parole di un uomo di Destra vero:
"la lotta alla mafia (prima problema della nostra terra, bellissima e disgraziata) non doveva essere una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale, anche religioso, che coinvolgesse tutti, che tutti abituasse a sentire la bellezza del fresco profumo di libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, della INDIFFERENZA, della contiguità e, quindi, della complicità.
Paolo Borsellino, Palermo23 giugno 1992, chiesa di San Domenico



TUTTO QUELLO CHE DICE FELTRI E' FALSO
E' esattamente un'iperbole che fa da controaltare al modo di fare il giornalista di Feltri.

Francesca, annoi tantissimo Cruciani non lo chiamare più!!
ahahahahahaha
"che noia"
ahahah

francesco.caroselli ha detto...

a ste76
Ma guarda che insinuare idee nelle menti degli italiani non è affatto una cosa irrealistica.
E poi chi censura è berlusconi..
vuoi una lista di epurati?

Pale ha detto...

Francesca ha chiamato di nuovo il Crux???

Urge conferma e commento!!

Pale

Francesca ha detto...

@ nessuno

certo che Cruciani è DIPENDENTE di Marina-Ambrogina Berlusconi/Mondadori/Panorama!

Si capisce dunque che tra dipendenti degli house organs non ci si possa mordere .... e da qui la "morbidezza" iniziale su Feltri.


@ Pale

si, sono intervenuta.

Francesca ha detto...

@ Francesco Caroselli

grazie infinite del tuo lucido post.
Non è fantascienza, ormai siamo immersi completamente nel mondo orwelliano della realtà distorta.
Ai tempi di Mani Pulite la gente era dalla parte dei giudici e della legge, gli eccessi non furono certo le monetine davanti all'Hotel Raphael, ma piuttosto i cappi agitati dai razzoleghisti in parlamento!
E non dimentichiamo che Di Pietro ricevette anche una chiamata a ministro della giustizia da parte di SB!

francesco.caroselli ha detto...

Francè, con i complimenti a Maurizi....hai fatto schiumare di rabbia cruciani
ihihih


Differenze fra Feltri e Travaglio.
No Crux non è solo questione gusti...
Feltri ha svenduto la sua professionalità.
Non è piu credibile, e questa è la peggior cosa che puo succedere ad un giornalista!
proprio come un politico condannato per corruzione... opsss


Ecco cossa diceva Feltri su mani Puliti.
lEGGETE QUI E SBELLICATEVI:
Quegli onorevoli che oggi si stracciano il doppiopetto (pagato verosimilmente con le mazzatte) perchè molti politici finiscono in galera sino a che non dicono la verità, sbagliano di grosso a prendersela con Borrelli e compagnia bellissima... Un coro che accusa i magistrati di essere dei torturatori, quando fanno soltanto il loro dovere, e se non lo facessero sarebbero passibili di procedimento disciplinare. Facciamo sapere ai giudici milanese che siamo con loro.
Vittorio Feltri, L'indipendente, 10-07-1993

Bello eh?
Sembra un'altra persona.
e ancora.

Ammesso e non concesso che un magistrato abbia sbagliato, abbia ecceduto, ciò non deve autorizzare i ladri e i tifosi dei ladri... gli avvoltoi del garantismo... a gettare anche la piu piccola ombra sulla lodevole e mai sufficientemente applaudita attività dei Borrelli e dei Di Pietro.
Vittorio Feltri, L'Indipendente, 21-07-1993


PS
UN commento su un lodevole intervento di un ascoltatore:
Di Pietro è di destra.
Provocatorio?
Anche, ma non tanto folle




Noemi Letizia / Mara Carfagna
Dilettante / professionista

Pale ha detto...

Grande Francesca! Oggi pomeriggio mi chiedevo proprio dove fossi finita... ed ecco che ci regali un intervento!

E così domani mi costringerai ad ascoltare Crux (cosa che mi sembra sempre più difficile da fare!) in podcast.

Pale

Francesca ha detto...

Certo che la trovata di mandare avanti Gattuso a fare spottoni leccaculo della lega e del federalismo è proprio squallida....occhio milanisti, che vi prendono per i fondelli!

No dico, ma che i fondi europei vengano fagocitati da società che aprono e chiudono nel giro di una settimana mica lo scopre Ringhio!
Mai seguito Report ??

A proposito della rubrica Billy del TG1, di Grasso e della risposta di Frittella.... che dire del "Va pensiero" che accompagna lo spot di CHEBANCA???

Come per Calzedonia io vieterei!
Vero è che non si è fatto mai nulla quando si trattava di altre famose arie d'opera.... Vedi Carmen per l'Aiax liquido and so on.
Ma Verdi con CHEBANCA è davvero troppo!!!

pinaz ha detto...

Berlusconi critica i giudici dicendo che è un perseguitato.
Letizia Moratti propone di intitolare una via a Craxi, il quale si proclamò perseguitato e morì latitante (faccio notare che se condanno un cittadino comune, anche ingiustamente, che se ne scappa all'estero non viene definito esule!)
Libero e Il Giornale spalleggiano a ruota.
Berlusconi perseguitato, come Craxi all'epoca. Ad alcuni l'uscita della Moratti sembra il modo di parlare del contenente per legittimare al contenuto. Ad altri sembra una coincidenza. A terzi sembra che l'accostamento puzzi di intellettuale.
Siamo all'inizio del bis-pensiero?

Piccola nota sugli "intellettuali". In una società in cui nei quiz si chiede "quali siano i giorni della merla" e il concorrente non azzecca neppure con 3 possibilità a disposizione. In trasmissioni dove si parla di libri studenti "freschi" sulla materia non sanno dire di chi sia "Conversazione in Sicilia" o non indovinano un titolo di un libro avendo a disposizione le prime parole "I turbamenti del giovane ......." (Voi avete indovinato, lo so!), stentano ad indovinare il titolo di un libro scritto non in italiano, non in francese, che parla di un omicidio nell'incipit e scritto da un grande della letteratura russa...
ebbene, in una società del genere forse chi ha una minima cultura SCOLASTICA risulta sembrare un grande intellettuale...
Non vorrei essere offensivo, ma ci ha provato francesco caroselli a spiegarsi... Non è lui intellettuale, non sono io intellettuale... forse che la media si stia abbassando???

francesco.caroselli ha detto...

Grazie Pinaz del sostegno, apprezzo.
Ma Ubaldo dovesi?
Ti ho pure dedicato il post iniziale e poi svanisci?


Su Gattusso posso solo dire che l'idea di sostenere il federalismo fiscale...è la soluzione finale.
Intrapresa questa strada non c'è ritorno.
Effettivamente il sud di fronte alla necessità di diventare una società civile o uno stato medioevale propenderà sicuramente per la seconda ipotesi.
La soluzione per il sud per me può essere seguire i suoi ultimi eroi, Chinnici , falcone, borsellino.
E mi ripeto, anzi ripeto parole altrui:
"la lotta alla mafia (prima problema della nostra terra, bellissima e disgraziata) non doveva essere una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale, anche religioso, che coinvolgesse tutti, che tutti abituasse a sentire la bellezza del fresco profumo di libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, della INDIFFERENZA, della contiguità e, quindi, della complicità."
Paolo Borsellino, Palermo23 giugno 1992, chiesa di San Domenico

Francesca ha detto...

@ Francesco Caroselli

mi fai sempre commuovere.... pensare che solo un mese piu' tardi... Paolo giaceva già nella nuda terra, senza piu' voce per ripetere quelle parole che pero' sono rimaste e di cui continuare a tenere alta la testimonianza.

Altro che crociata per difendere la tradizione e il crocifisso anche nel cesso pubblico!

Ma che mi dici delle ultime di Maroni... sulla creazione dell'Agenzia per la gestione dei beni confiscati?
Ci si puo' credere??

francesco.caroselli ha detto...

Sull'agenzia delle confische...
bisogna vedere come verrà gestita.
Certo è che se hanno messo le bombe a causa delle confische, significa che il sistema funzionava.
Logico.
Quindi che senso ha includere un'altra variabile.
Le mafie insidiano sempre i presidi decisionali, cercando di insinuarsi (tramite la massoneria deviata, o altro--leggere Galullo per credere).
Allora in linea di principio non sono D'aaccordo: Ma di Maroni sulla lotta alla Mafia posso dirmi fiducioso sulla sua buonafede, ora dobbiamo solo avere altri dettagli su i nuovi protocolli.
(la legge sulla messa all' asta dei beni confiscati a che punto é? E' passato o si persa nelle nebbie del parlamento? Speriamo la seconda...)


PS- sempre per >Cruciani:
Ma se vuoi fare domande piccanti e irriverenti, e divertanti, come piacciano a te, sulla gestione dei fondi Europei perchè non chiami De Magistris?

nessuno ha detto...

Insomma, la proposta di intitolare una strada o un parco di Milano a Craxi ha portato a un dibattito sulla giustizia e sulla magistratura e sulla sua difesa.
Per quanto mi riguarda, se togliessero dalle piazze tutte le statue a Garibaldi ed a Vittorio Emanuele II a cavallo o a piedi e cambiassero nome a tutte le strade a loro intitolate mi farebbero solo piacere per cento ed una ragione che non sto qui ad elencare. Figurarsi quanto mi può interessare una strada o un parco di Milano intitolati a Craxi. Per me lo possono intitolare ad Albertini, alla Moratti stessa, che non me ne può fregà de meno. Sono tante le nullità che si sono avvicendate nella Milano da bere del prima e del dopo guerra, specie da Piazzale Loreto in poi, compreso il periodo degli anni di piombo. Preferite Montanelli? Ha già un giardino. Volete Enzo Biagi o Veronesi? Fra qualche anno l'avrànno. Volete l'ex Procuratore Borrelli? quello di Resistere, Resistere, Resistere, quello che andava a cavallo, diceva di saper suonare il piano ed andava alle prime della Scala in frac perchè aveva il biglietto gratis e le TV lo riprendevano e gli facevano le interviste nel ridotto come fosse l'unico intenditore? Da quando è andato in pensione non si vede più.
Ma una strada possono intitolargliela. Cosa e chi credete che siano stati i personaggi cui sono intitolate le centinaia se non le migliaia di strade di Milano? Potrà essere un problema per i tassisti e per i postini. Punto.
Ma il problema della magistratura mi sembra altra cosa. Allora la mia domanda è: avete un giudizio positivo della magistratura italiana e di come viene amministrata la giustizia in Italia?. Si parla tanto di malasanità in Italia perchè si verificano con frequenza disfunzioni nella sua gestione che interessa alcune decine di milioni di interventi sanitari al giorno di maggiore o minore importanza. Ripeto alcune decine di milioni di prestazioni sanitarie al giorno. Ve lo immaginate quali ecatombi si avrebbero se la sanità italiana fosse gestita con gli stessi criteri con cui CSM e magistratura in genere gestiscono la giustizia?
E venendo al pratico: vi piacciono magistrati tronfi e so tutto io, (nel loro genere dei Berlusconi) per non dire altro, tipo Caselli e De Magistris?

ste76 ha detto...

@nessuno
il paragone tra malasanita' e mala-giustizia e' interessante. E potremmo anche aggiungerci mala-politica. Perche dovrebbe essere lecito pensare che la politica e la sanita' (con le case farmaceutiche per esempio) siano in mano a dei furbastri mentre i magistrati sono paladini del BENE?
Perche'?
D'altra parte se gli eroi della nostra sinistra sono una minorenne con il sogno di fare la velina, una prostituta,un comico, Veronica e un pentito di mafia.. Si capisce quanto il nostro metro di giudizio e' un po arruginito da anni di guerra e battaglie perse..

Comunque bisogna fare tutti un passo indietro prche' un politico, un magistrato o un medico che si trova davanti solo la sfiducia della gente, non potra' fare altro che guardare ai propri interessi: perche fare qualcosa per persone che hanno gia' deciso che sei un farabutto!?

LeDroit ha detto...

Condivido quasi tutto.
Dico quasi perchè su una cosa a mio giudizio sbagli (è solo il mio pensiero): non si può eguagliare la fattispecie che individua l'omicidio a quella che configura la corruzione.
Uomo comune o politico che sia l'autore per entrambi i fatti, la differenza di gravità dei reati è ben delineata, se non anche per la tua sensibilità sicuramente dal codice penale che commina pene ben differenti per i due reati. Craxi e Battisti hanno commesso crimini, entrambi gravi, ma uno è un corrotto, l'altro è un pluriomicida.

Grazie e continua così-
Lorenzo

francesco.caroselli ha detto...

a nessuno

1)il problema che ho posto, non è se sia giusto o no intitolare una strada a Craxi...non mi importa! (alla Cruciani). Mi importa invece capire cosa si nasconde dietro a questa campagna mediatica di glorificazione.

2)Vabbene l'accostamento fra mala-giustizia e mala-sanità.
Ma dobbiamo capirci, se per te la mala-giustizia è rappresentata da De Magistris e Caselli...non ci intendiamo proprio.
Ma lo sai che Caselli è stato fra i principali autori della sconfitta delle BR?
Lo chiamavano fascista...
poi ha indagato e inquisito Andreotti... e lo hanno chiamato comunista.
Ha inferto colpi durissimi alla Mafia con l'arresto del Gotha mafioso... e infatti hanno provato a farlo fuori in tutte le maniere.
Quand'è che secondo te è stato simile a B?
(dimmi la trasmissione in cui è intervenuto, perchè sul tubo la trovo subito)
Su De Magistris....sono Calabrese e sono molto bene come sono andate le cose.
Spacciarlo per malato di protagonismo non ha senso. Semplicemente è stato un pirla, un fesso che pensava di poter indagare su tutti (nei limite di competenza territoriale e delle costituzione).... purtroppo non è così, soprattutto in Calabria, dove in 30 anni sono state condannate solo 3 persone per corruzione.
O siamo la gente piu onesta d'Italia, o i magistrati guardano dall'altra parte...De Magistris era una mosca bianca.. fuori dal sistema.
La gente l'ha capito e ha organizzato manifestazioni in sua difesa, a smosso le coscienze. La gente vedeva in lui una possibilità di riscatto.
Un po quello che diceva Borsellino quando disse che la Società Civile "fece il miracolo" quando si schierò con Falcone costrinse il CSM (che anch'io considera un'alcova di gente poco raccomandabile, ma spero vivamente che non sia messo sotto le grinfie della politica perchè potrebbe solo peggiorare) a rimangiarsi la parola (conosci la storia? ecco un link http://digilander.libero.it/inmemoria/falcone_meli.htm)
Poi nessuno si è scandalizzato quando il Capo della procura di Catanzaro è diventato governatore Regionale... e mica con la sinistra!
con Forza Italia... questo magistrato politicizzato non ha mai dato fastidio a nessuno...
Infatti non ha mai dato fastidio a nessuno dei suoi futuri colleghi


@ ste76
e chi l'ha detto che il magistrati sono i paladini del bene?
Ti posso fare una Lista di magistrati pezzi di merda e mafiosi:
Nicola Mancino (prima magistrato, poi politico e poi di nuovo magistrato - e poi tira le orecchie a de magistris...per la serie: che faccia tosta!)
Tinebra
Cassata
Dolcino Favi
Murone
Genovese
Carnevale
e via discorrendo.
Io odio le generalizzazioni.
Gente buona e cattiva si trova in ogni categoria.
Il problema è che la gente non sa... non si informa e non viene informata.
(l'80% della popolazione si informa ESCLUSIVAMENTE con la TV... evvai!)

francesco.caroselli ha detto...

a leDroit
la condanna di corruzione per un politico è gravissima.
lil politico è li per gestire i soldi di tutti.
authan ha ragione
doping /sport
corruzione / politica
stessa infamità

francesco.caroselli ha detto...

Sempre per ste76
Però quello che ha detto Antonino Caponnetto è vero, perché oggi che tutti ci rendiamo conto di quale è stata la statura di quest'uomo, ripercorrendo queste vicende della sua vita professionale, ci accorgiamo come in effetti il paese, lo Stato, la magistratura che forse ha più colpe di ogni altro, cominciò proprio a farlo morire il 1° gennaio del 1988, se non forse l'anno prima, in quella data che ha or ora ricordato Leoluca Orlando: cioè quell'articolo di Leonardo Sciascia sul "Corriere della Sera" che bollava me come un professionista dell'antimafia, l'amico Orlando come professionista della politica, dell'antimafia nella politica. Ma nel gennaio del 1988, quando Falcone, solo per continuare il suo lavoro, il Consiglio superiore della magistratura con motivazioni risibili gli preferì il consigliere Antonino Meli.

Sempre lui Paolo Bosellino.
"la magistratura che forse ha più colpe di ogni altro".
Ma gistrati Buoni magistrati cattivi.
E' nella definizione di buoni/cattivi che sta la differenza fra Buona Riforma della giustizia e Cattiva riforma della giustizia.
Io credo che se questo governo dovesse riuscire a fare una riforma... beh non mi fate esprimere...

nessuno ha detto...

@Francesco Caroselli.
1)D'accordo. Attraverso il recupero di Craxi ci può essere una manovra mediatica per rendere più difendibile Berlusconi. Ma la magistratura italiana nel suo complesso funziona o è un gran colabrodo fatto da circa 8.000 persone? Correggimi sul numero se sbaglio, visto che ti vedo molto informato.
2)Su 8.000 ne ho scelti due, tra i più in vista. Tu fai un elenco più lungo di altri giudici che disistimi (Mancino, Tinebra ecc) ma quei due li difendi. Questione di punti di vista. Per me Caselli che ha sconfitto le BR aveva una legislazione speciale ed un esercito di carabinieri comandati dal Gen. Della Chiesa. Del suo periodo a Palermo, a parte la morte di Della Chiesa che evidentemente non disponeva della guardia del corpo di cui disponeva il Procuratore, ricordo il suicidio di quell'altro magistrato sardo indagato dalla sua Procura. Poi ci sono i maxi processi, l'arresto di Riina con la sua casa non fatta perquisire per 15 giorni e il processo ad Andreotti. A te potrà piacere, a me non molto. L'ultima sua apparizoione in TV che mi ricordo è di qualche tempo fa dalla Lucia Annunziata nel programma in 1/2 ora, dove è andato per promuovere un libro su sé stesso scritto dal figlio. Tutto per fare cassetta in famiglia. E non mi piace molto proprio per la saccenteria e l'arroganza con cui si propone. Ed intorno, da oltre trent'anni, ha un esercito di guardie del corpo.
Per De Magistris il discorso è diverso. Forse le sue intenzioni erano buone. Immagino cosa possa aver passato in Calabria, conoscendo i calabresi come lo sai tu che sei calabrese. Ma se non ha saputo navigare vuol dire che non era all'altezza. Se uno vuol essere cacciatore di lupi, deve saperci convivere. Se non ci riesce è destinato a fallire e De Magistris ha fallito. Comunque questi sono solo due magistrati. E gli altri 7998?
3)Poi in un altro post parli di una data ora ricordata da Leoluca Orlando (ma quale? dove?) e di Caponnetto, citi un articolo di Sciascia sul Corriere della sera " che bollava me come professionista dell'antimafia e l'amico Orlando come professionista della politica...". Ma allora sei un magistrato o un ex magistrato anche tu? Se così fosse, ti consiglierei di ricontrollare sempre i tuoi post per renderli più intelligibili.
4) Quanto ai link o come diavolo si chiamano che vi inserisci, non so gli altri, ma io non sono capace di visualizzarli.
Cordialità.