venerdì 22 gennaio 2010

In utero

E' uno scandalo. Sono passate 24 ore e il frammento video di Filippo Facci che, ieri, nella sua rubrica televisiva mattutina su Canale 5 strapazza una copia di Libero, cioè il quotidiano per cui scrive, ancora non è disponibile da nessuna parte. Ma devo proprio fare tutto io? :-))

Comunque, con un po' di pazienza (c'è da sorbirsi un sacco di pubblicità) si può vedere la performance del lungocrinito Filippo a questo link, a partire dal minuto 22:50 (la rubrica di Facci dura poco più di due minuti).

===========================================

UPDATE 23/01/2010 Ecco il frammento video del solo Facci...



Insisto, standing ovation per Filippo. Quando alla fine accenna al "clima d'odio" quasi vibro di piacere.

===========================================

Scherzi a parte, è difficile adottare mezze misure con Filippo Facci. Tante sono le volte che avrei voglia di scaraventerlo giù dall'Empire State Building quante sono quelle in cui lo porterei in uno stadio gremito invitando l'intero pubblico a fare la ola. Ieri è stato uno di questi secondi casi. Sì, perché un giornalista che non si fa problemi a dire pubblicamente in diretta televisiva e radiofonica che il titolo e l'articolo di apertura del giornale per cui egli stesso lavora è “ver-go-gno-so” dovevo ancora trovarlo. Serve una buona dose di attributi, che non hanno proprio tutti.

Ricapitoliamo brevemente i fatti per chi non li conoscesse. Ieri Libero ha pubblicato un articolo a firma di Andrea Morigi, definito (per me ultra-stra-giustamente) da Facci “delirante” e “vergognoso” (anzi, “ver-go-gno-so”) dove, con la scusa di scavare nel curriculum di un candidato a presidente di regione (operazione di per sé più che legittima) si dipinge Emma Bonino come un sadico mostro abortista sterminatore di bambini.

Facci non ce l'ha fatta ad ingoiare questo boccone ed è esploso, prima in TV a Mattino 5 (meravigliosamente scatenato), e poi, più pacatamente, in radio da Giuseppe Cruciani, alla Zanzara, con quest'ultimo che, nel suo percorso di giulianoferrarizzazione sui temi etici (tristezza infinita…), non ha preso una chiara posizione, non sottoscrivendo affatto le parole di Facci né condividendone l'incazzatura, ma neppure esprimendo una decisa approvazione per l'operato del quotidiano.

Non sto a riportarvi parola per parola quel che ha detto Facci, perché preferisco spiegarmi "con parole mie". Ad ogni modo, per avere un quadro completo delle sue argomentazioni, raccomando la lettura del suo pezzo molto bello apparso su Libero di oggi (incipit: “E' difficile spiegare la vergogna personale che ho provato ieri”). Per completezza, linko anche la contro-risposta del direttore Maurizio Belpietro.

Dunque, perché l'articolo di ieri su Libero a firma di Morigi è un'infamia? Perché contrariamente a quel che ha detto Mario Sechi, uno dei tanti vicedirettori di Libero, stamattina nel programma di Alessandro Milan, l'articolo non si limitava per nulla a “raccontare dei fatti”. No no! Andava molto, molto oltre. Perché il "fatto", notissimo, che Emma Bonino sia stata un'attivista pro diritto di aborto (e aveva ben donde ad esserlo, visto che poi, per citare un frase parecchio abusata, "la storia le ha dato ragione"), ai tempi in cui l'aborto era proibito, non autorizza nessuno ad insinuare che la Bonino fosse una specie di strega degenerata che provava godimento personale nell'infilare pompe di biciclette negli uteri delle donne, posto che davvero questo sia successo nei modi descritti.

Quello che è stato fatto ieri dalla banda di Belpietro non ha nulla a che fare con l'informazione, con la libertà di espressione e di opinione, o con lo sviscerare il curriculum di un candidato presidente. Ha che fare con il sensazionalismo artefatto, con il disprezzo personale (quello che almeno un Giuliano Ferrara qualsiasi ha il coraggio di ammettere), con la visione dell'avversario politico non come un'entità con cui confrontarsi, ma come un bersaglio da lapidare. Emma Bonino per Libero è un'assassina. Insomma, per nominare le cose con il loro nome, quello di Libero è un linciaggio. Un'operazione di killeraggio che può trovare una spiegazione razionale solo nella brama di risollevare le vendite, ultimamente in brusco calo.

Ma più di tutto, è disarmante pensare che a dar luogo a tale linciaggio sono gli stessi soggetti che poi parlano di vergognose campagne d'odio quando sono la Repubblica, il Fatto o l'Unità a scrivere articoli "aggressivi", peraltro senza mai arrivare a quel livello di veemenza che si è registrato ieri, e pure oggi, su Libero. Il più truce articolo di Travaglio non si avvicina neanche lentamente al pezzo di Morigi e a quello di oggi di Belpietro.

Sì, d'accordo, è la libertà di stampa, bellezza. Meglio avere un quotidiano come Libero in mezzo a tanti altri giornali più o meno indipendenti, che nessun quotidiano. Va bene. Ci sto. Dopo tutto, gli avanzi di pesce dovrò pure incartarli in qualche modo prima di gettarli, no?

----------------------------------

Dal terzo album dei Nirvana, "In Utero", ho scelto la splendida "All Apologies" (1993).





What else should I be
All apologies
What else should I say
Everyone is gay
What else should I write
I don't have the right
What else should I be
All apologies...

72 commenti:

Francesca ha detto...

Niente da aggiungere, caro Authan.
Cruciani mi ha fatto schifo per come è rimasto abbottonato con Facci!
Ma perchè ho ripreso ad ascoltare la Zanzara, mannaggia, bisogna proprio diventare autolesionisti ad ogni costo?!?!?
Sgrunt!
:-(

Francesca ha detto...

OT
"la crisi c'è ma l'Italia resiste e il governo non ha messo le mani nelle tasche degli italiani"

... a parte una piccola insignificante tassa fresca fresca....denominata "Equo compenso"..... equo per chi non si sa ancora!

http://www.avvisatore.it/Default_Dettaglio.asp?IdArt=10039

Pale ha detto...

Che disgusto. Stasera ascoltero' la puntata di ieri sera mentre viaggero' alla volta italica per il weekend.

Sono curioso a sto punto di capire cosa succedera' lavorativamente a Facci. Non credo verra' sbattuto fuori, pero' qualche cosa succedera', dati gli insulti che il direttore di Libero gli ha recapitato.

Pale

francesco.caroselli ha detto...

due parole sulla val di Susa.

La tav non serve a niente

la tav distruggerà la val di susa
(e non per la qualità dei lavori, ma perchè se si buca una montagna non puoi pensare che l'assetto idrologico rimanga stabile)

Napolitano fa bene a non andare li.
E' una questione Politica. Andare li sarebbe schierarsi.

Ma in tv radio o altri media avete mai sentito sostenere le ragioni dei no tav?

E ovvio che la questione Tav secchi. Pure a me mi secca (eppure non uso mai le strade nordiche).
Ogni volta si parla soltanto dei blocchi e delle proteste.

Ma vogliamo ascoltare che cosa dicono?

Pale ha detto...

@ francesco

Possono avere tutte le ragioni del mondo, ma la democrazia prevede che dopo che una decisione viene presa, la si rispetti. Al massimo (anzi, doveroso) si puo' controllare che tutto vada bene.

Io non entro nello specifico del problema (avendo vissuto in Piemonte piu' di vent'anni qualche motivazione mi e' arrivata alle orecchie ;-) ), ma parlo del problema della governabilita'. I politici, che ci piaccia o no, sono eletti per prendere le decisioni da attuare per il bene del Paese.

Che poi vi sia una crisi della classe politica (ma direi della societa' italiana in generale), questa e' un'altra faccenda.

Pasquale

francesco.caroselli ha detto...

se sotto casa mia volessero costruire qualcosa di inutile e distruttivo, solo per farsi un po di soldi...
bene non me ne frgherebbe un cazzo della goveranbilità.
perchè invece non ci parli delle ragioni che ti sono venute alle orecchie?

clem ha detto...

Scusate, non sento ormai la trasmissione da secoli, ma immagino si sia parlato della TAV. Io l'ultima volta che ci ho messo 1h20 da Parigi a Bruxelles e SETTE ORE da Milano a Parigi, un pensierino ai no-TAV l'ho fatto, e non era gentile ;)
Non la definirei affatto inutile. È utile almeno quanto la Milano-Roma, per la quale, tra l'altro, sono state bucate parecchie montagne.
@Authan: il sito più urendo della storia. Se mi servissero altri argomenti per dimostrare che Mediaset è malvagia userei certamente il fatto che il sito gira con MICROSOFT SILVERLIGHT (gaaah). Sto ancora cercando di vedere il pezzo in questione, ho dovuto aprire una virtual machine di windows xp e usare INTERNET EXPLORER.
Mi sento sporco.

Pale ha detto...

@ francesco

Grazie per la risposta e la proposta.
La domanda/richiesta necessita tempo sia per rispondere, ma soprattutto per ricordarmi le varie situazioni e i vari ragionamenti. Adesso purtoppo non ho il tempo necessario per argomentare in modo adeguato (ammmesso che ne sia capace, ovviamente).

Pero' rilancio la palla dicendo che mi pare strano considerare la realizzazione di una infrastruttura di trasporto eureopea solo un'occasione "per farsi un po' di soldi". Tu parti dal ragionamento che e' sempre e comunque "un magna magna". Da qui al qualunquismo il passo e' breve...

Pale

PaoloVE ha detto...

@ Authan:

Oggi dissento (come disse la pantera di Raflesia :-) )

Quando Facci ha queste uscite ho dei momenti di profonda perplessità, a dir poco.

Che io condivida o meno la posizione di Facci (e la condivido), che Facci mi stia simpatico o meno (e non mi è simpatico) poco importa, una cosa è però di una chiarezza assolutamente solare: quello è il tipo di giornalismo che fa ed ha sempre fatto il giornale su cui Facci scrive, ed anche quello che faceva il giornale da cui proviene.

Volesse provarci poca differenza troverà al Foglio o alla Padania, glielo posso anticipare nel caso fosse stato distratto.

Se non è cieco e decerebrato lo sapeva da prima, e ciononostante ha accettato di lavorare per loro.

La responsabilità della linea editoriale di Libero è di Belpietro, che a quell'articolo e a tutti gli altri, quello di Facci compreso, dà la visibilità e lo spazio che vuole.
Ed il giornalismo di Libero è così. E' Facci ad aver eventualmente sbagliato, di che s'incaxxa?

Nessun medico gli ha prescritto di scrivere su Libero, son sicuro.
E' davvero così strano pensare che una scelta comporti necessariamente delle conseguenze?

Facci poteva civilmente dare le dimissioni dicendo a Belpietro che non aveva idea che Libero fosse un giornale così (presente Mentana?).
Poteva chiedergli civilmente in redazione di pubblicare un suo pezzo in risposta (succede ogni giorno).
Poteva chiedere civilmente in redazione di cambiare la linea editoriale proponendone una di diversa.
Poteva accettare che il giornale avesse una linea editoriale profondamente diversa da quella che lui desiderava.
Poteva cioè fare le cose come vanno fatte, assumendosi le conseguenze delle proprie scelte.

Facci ha scelto invece di contestare le solite scelte editoriali nella maniera meno costruttiva (all'articolo di Morigi sta arrivando più pubblicità dalla polemica che dalla pubblicazione: bella mossa tigre!) ma che gli dà maggior visibilità (e che la dà anche al suo giornale), secondo me nella speranza di accrescere la propria popolarità e con la garanzia di essere da questa tutelato.

Son cose che non mi fanno pensare bene della sua intelligenza, della sua onestà intellettuale, della sua coscienza e men che meno del suo coraggio.

Saluti

Paolo il drastico

nessuno ha detto...

Prendo atto che per qualcuno Napolitano fa bene ad andare a fare una comparsata a Reggio Calabria, tanto a Rosarno gli immigrati tornano o sono già tornati per raccogliere le arance dormendo in gennaio all'aperto visto che la fabbrica dismessa non la possono usare più. La pace e l'ordine sono ristabiliti.

Ma sempre per qualcuno fa bene a non andare a Susa - che guarda caso si trova nella parte opposta del "paese" - dove probabilmente non gli farebbero trovare, dietro la regolare soffiata che quando non ci deve essere non c'è e non ci sarà mai, un'automobile piena di esplosivo - ma lo prenderebbero a sberleffi se non a sassate secondo le usanze del luogo.
Evvabbè. Contenti i qualcuno, contenti tutti.

E di Del Bono - Cracchi che mi dite?
La Cracchi sarà una discendente dei Gracchi?
Del Bono avrà una parentela col Del Bono quadrumviro di Miussolini?
O quello era De Bono?

La Bonino? Nella mia città qualcuno se la ricorda visitatrice o ospite nei primi anni '80dell'unica casa di cura privata forse d'Italia (quando tutti gli ostetrici d'ospedale erano obbiettori di coscienza) convenzionata per gli aborti secondo la legge allora recente.
Sarà una grandissima donna.
Per me fa il paio fisico e mentale con Brunetta.
Ma non è mia intenzione offendere nessuno dei due.
Facci, invece, a me (mi) pare strano...

F®Ømß°£ ha detto...

@Francesco

"La TAV non serve a niente" è una affermazione apodittica e facilmente attaccabile.

Usare questo genere di argomentazioni serve solo a farsi demolire da chi non la pensa come te.

Con simpatia

Tommaso

PaoloVE ha detto...

... ho riletto mio il post su Facci: confermo i concetti, ma il tono esprime una acrimonia ed una veemenza che in realtà non provo.
Mi sembro Conan che rotea l'ascia nella mischia.
Mi vergogno e chiedo scusa.

Paolo il cimmero

clem ha detto...

@Paolo il Figlio di Crom: non è colpa tua, è che qua, con la deriva hard che hanno preso i commenti, stiamo rotolando all'indietro verso certe copertine PULP anni 60/70 delle riviste di sword and sorcery ;)

Authan ha detto...

Son sempre di corsa come al solito ma rispondo a Paolo.

Accolgo la tua opinione (che comunque, conoscendoti, avevo capito essere espressa serenamente, non c'era bisogno della precisazione), non priva di senso, ma rimango della mia idea.

Facci e' una specie di anarchico del giornalismo, in nessun quotidiano si sentirebbe davvero a casa. Hai ragione, Libero non gli si confa' minimamente, come non gli si confaceva il Giornale, ma e' possibile che il suo essere imprevedibile e poco gestibile lo porti a non avere molte alternative. E' gia' sorprendente che abbia spazio a Mediaset (non durera' per molto, mia previsione).

Non dimentichiamoci poi che meta' della produzione giornalistica di Facci e' (purtroppo) roba meramente anti travaglio e anti di pietro. Di giornali che fanno antidipietrismo militante ce ne sono solo due o tre. A maggior ragione, quindi, Facci non deve avere molte scelte. Gli hanno offerto un contratto a Libero, dopo la fuga dal Giornale, si sara' turato il naso e avra' firmato. Deve mangiare pure lui. Alla fine la cosa piu' importante per lui e' avere un direttore che gli lascia discrezionalita' e non lo censura. Belpietro evidentemente gli da' questa garanzia, almeno fino ad oggi.

Lo sfogo di ieri insisto nel trovarlo coraggioso. Fare finta di nulla, fottersene, pensare allo stipendio, sarebbe stato molto piu' semplice. I potenziali danni che ne potranno scaturire sono per me piu' alti della pubblicita' che sta ricevendo (nel giro dei blog di questa storia ne sto parlando quasi solo io).

Ciao.

raflesia ha detto...

Molto bello l'articolo di oggi di Cruciani su Brunetta:

http://blog.panorama.it/italia/2010/01/22/che-giornata-e-se-brunetta-non-c%E2%80%99e/

Una raffinatissima ed eloquente presa per il culo...o forse una ridanciana approvazione delle bizzarrie del personaggio?
vallo a capi'....

PaoloVE ha detto...

@ Authan:

anche l'antitravaglismo e l'antidipietrismo militanti sono scelte sue, non obblighi: dal mio punto di vista quindi rimane una questione di accettare le conseguenze.

Quella del disimpegno dalle responsabilità è una logica che non sopporto, che purtroppo è invece accettata spessissimo e porta a paradossi eccezionali.
Te ne faccio uno anche abbastanza IT: in Italia è possibile che un medico venga assunto in ospedale come ginecologo, magari perchè serve in sala operatoria, e che, attraverso l'obiezione di coscienza, rifuti di svolgere una parte di quelli che sono i suoi incarichi, cioè gli aborti. Con il risultato che talvolta si assume una persona per coprire delle attività che resteranno scoperte. Ti pare normale?

Tornando a Facci, mi pare veramente che in questo caso sputi nel piatto in cui mangia, con l'aggravante che quel piatto se l'è ordinato lui.

Crucianamente: Bah! di cosa stiamo parlando? :-)

Saluti

Paolo serale

Viola ha detto...

@clem

concordo l'anti-Silverlight
l'avrei visto volentieri Facci (lodi lodi lodi) che mi è piaciuto veramente molto ieri sera, ma aspetterò che qualcuno metta lo spezzone su Youtube

non sapevo che Facci avesse una sua striscia, sta a vedere che l'amico Cruciani si dà alla tv per non essere da meno? (ok, Facci sono solo 3 minuti...ma diventano mooolti di + se si contano le ospitate sul sempre splendido Omnibus)

@PaoloVE
urca, leggendoti hai ragione
ma Facci non è Mentana, è una prima donna e infatti il "nostro" non ha mancato di invitarla

@Francesca
beh, però Giuseppino ha il merito di averlo chiamato e di averci fatto conoscere ogni dettaglio della vicenda Facci, non trovi? Che poi lui non si sbilanci su temi etici (religione, Vaticano, ecc..) ... ho la mia personalissima idea su questo suo aspetto, ma mi mordo la lingua e taccio

bart27 ha detto...

vorrei andare un po' fuori tema per segnalare che ieri al Newseum di Washington è successo qualcosa di molto molto importante

Il discorso che lì ha tenuto Hillary Clinton dal titolo "Internet Freedom" segna una svolta.

Infatti, che una superpotenza indichi Internet come asset strategico della democrazia non è una cosa da far passare inosservata. Ha un valore simbolico molto forte.

Lo dico a noi stessi che qui usiamo questo bellissimo strumento, ma soprattutto al Crux che non perde mai occasione per denigrarlo.

E soprattutto ai nostri politici italiani... che in molte occasioni hanno dimostrato un'ignoranza crassa da far rabbrividire.

francesco.caroselli ha detto...

@ clem
MMM
Uso google chrome e silverlight ci gira benissimo.
Non devi per forza usare explorer
E domanda per tutti:
che vi ha fatto sto silverlight?
(certo anch'io lo trovo inutile ma demonizzarlo tanto da non volerlo sul compuer mi sembra eccessivo - - - - ma come fate a vedrvi annozero o report? anche i siti rai lo usano!)


@ Pale
Io non voglio dire che è un magna magna sempre e cmq.
Voglio solo fare notare che questa tav non serve
Inanzitutto bisogna chiarire che è fatta per le merci. (con buona pace di Clem che spera che tale opera velocizzaerà i suoi viaggi)
La differenza che c'è fra una ferrovia normale e questa nuova è la larghezza dei binari (piu larghi).
E' un tipo di ferrovia fatta appositamente per alloggiare i container delle navi.
Ma il volume di merci che passa da quella zona è gia molto basso rispetto alle infrastrutture gia presenti.


Ma noon avete niente da dire su Vendola che parla dal pulpito del sito di beppe grillo.
A parte IDV mi pare che sia la prima volta che un politico (standard per cosi dire) si rivolge al comico genovese...
oltrettutto se in Puglia il PD facesse le primarie Vendola vincerebbe.
che dite?

@ paolove
Facci o è stupido o è molto intelligente...
A me non importa, certo è che non capisco perchè ti sei scusato per il primo post...
mi sei sembrato molto civile, cosa che Facci non è.
Vi ricordate quando diceva che internet è il peggio dell'Italia?
Nella fattispecie sono d'accordo con lui, ma il modo in cui si esprime non mi piace e anche le motivazioni usate per criticare le scelte di Libero non le trovo "corrette". E' proprio il suo stile incazzosetto, senza un minimo di allegria o ironia che non mi piace.
Che dite ce lo ritroviamo sul Fatto???
NNOOOOOO


@nessuno
accostare bruneta alla bonino mi sembra un po ingrato.
La Bonino ha fatto Politica.
Brunetta fa politica Mediatica.
Lotte per i diritti umani
crociate contro i fannulloni e le elite di merda.
fai tu....

francesco.caroselli ha detto...

@ Authan
Facci è stato preso in Mediaset e Gironali berlusconiani ESCLUSIVAMENTE per fare da contro-campo a Grillo, travaglio e Di Pietro.
Il suo stile è però molto piu violento delle persone sopracitate.
Inanzi tutto perchè quei tre citati li sopra "urlano" per motivi diversi e da posizione diverse dalle sue:
grillo è un comico (anche se stranamente è stato l'unico ad accorgersi che la Parmalat aveva i conti farlocchi)
Travaglio ha ricevuto premi per la libertà di stampa all'estero, e se non ci fosse stato lui (o devo dire Luttazzi che lo invitò?) nessunoo avrebbe ami parlato delle connessioni fra B e la mafia
Di Pietro è isolato da tutte le parti Politche e da tutti i media. C'è bisogno di attaccarlo cosi fortemente? (con delle motivazioni a volte che sfidano la logica e la cronologia dei fatti)

Ora che vuole parlare di altro (come voleva fare della Carfagna) e si trova dissidente voglio proprio vedere come si troverà dall'altra parte della barricata, dalla parte di chi non ha l'EGEMONIA dei mezzi di informazione.
A meno che tutto questo teatro non serve soltanto per aumentare le tirature di Libero.


@ raflesia
ho letto l'articolo di Cruciani e posso rispondere alla tua domanda:
"Una raffinatissima ed eloquente presa per il culo...o forse una ridanciana approvazione delle bizzarrie del personaggio?"
Beh secondo me quando spara questa frase:
"lo stesso governo Silvio Berlusconi, diciamola tutta, non avrebbe più senso senza Brunettismo"
non dovresti avere piu dubbi...
tutto l'articolo è una prosa amorosa per il pocket-no pasua caffe ministro.
Il principale motico (e non vedo altri) è la capacità di Brunetta di spararle sempre grosse grosse in modo tale di alzare un polverone di dichiarazioni e prese di posizioni polemiche... ovvero l'humus su cui campa Cruciani
____________
Cruciani è lo scarafaggio stercoraro che ama le sparate di Brunetta perchè con quella merda ci campa

(e per favore... non parlaimo piu di brunetta perchè un mentecatto che vuole riformare il primo articolo della costituzione "perchè non vuole dire niente" non è persona degna della nostra attenzione)

@ Viola
a furia di morderti la lingua rischi di farti male!
sbottonati!
(senza allusioni)


PS- Bello oggi l'articolo di Tinti sull'incostituzionalità del processo breve.

PaoloVE ha detto...

@ francesco.caroselli:

sei sicuro di quanto affermi sull'alta velocità?

Mi risulta (non son sicuro) che lo scartamento dei binari resti lo stesso (i container viaggiavano già in treno e dovrebbe essere consentita l'interscambio ai convogli, anche se non è auspicabile dovervi ricorrere...), dovrebbero cambiare invece i raggi di curvatura e la portata delle massicciate.

Il fatto che sulle linee esistenti tra torino e lione non vi sia traffico può dipendere dal fatto che il servizio è inadeguato (e magari inadeguabile su quelle linee).
Mi spiego con un esempio: se su una linea non ho corse abbastanza frequenti, da pendolare quel treno non lo prendo e mi rivolgo ad altri servizi più flessibili...

Ciao

Paolo Macchinista Ferroviere

raflesia ha detto...

x Filippo

Ecco vedi, la terza interpretazione non l'avevo considerata (quella dello scarafaggio che ci campa con questa merda").
Tutto e' possibile.

Eppure, mi risulta piu viscido Facci nelle sue esternazioni cosi troppo platealmente contro che non un Cruciani che ridacchia su tutto...

saro' strana eh?

PS Analisi Facciana di PaoloVE direi impeccabile

francesco.caroselli ha detto...

Si sono sicuro che La tav ha un sistema di binari differenti, fatto apposta per il trasporto merci.
il famigerato corridoio 5.

IUl traffico sula torino-Lione è sacrso, ma che senso ha aumentarlo?
La ferrovia classica c'è gia
l'autostrada c'è gia.

Ma vi rendete conto che si buca una montagna?

Ora due esempi.

Nel berlusconi2 si portarono da 2 a 3 (o da tre a 4) le corsie della Aquila-Roma (o forse della Teramo-roma) i lavori erano del tutto inutili.
Il traffico giornaliero infatti non giustificava un aumento.
Risultato l'azienda de Lunardi , allora ministro dei trasporti fatturo un bel po di money e gli abitanti d luogo si trovarono con un'acqua non piu bevibile. Ed è assurdo perchè quella zona è ricchissima di risorse idriche.
Un disastro ambientale passato sotto silenzio perchè ha interessato solo poche persone.


La SA-RC
so per certo che tale autostrada è stata deviata dal suo percorso previsto (e logico) dalla costa, per portarlo sulle montagne.
(il motico era di interesse prettamente politico, e non affaristico, Mancini Cosenztino voleva che la sa-rc passasse dalla sua città)
Fateci caso guardate una cartina stadale è notate che assurdità di perorso fa l'autostrada

francesco.caroselli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
francesco.caroselli ha detto...

se volete notizie piu precise sull'esempio dell'aquila (o teramo) dovete aspettare che riascolti circa 60-70 puntate di Jack-folla. Li l'avevo sentito... diversi anni fa...
per fortuna ce l'ho su musicassetta
Cmq qui c'è un link wikipedico

http://it.wikipedia.org/wiki/Traforo_del_Gran_Sasso

(non parla del fatto specifico che menzionavo prima prima... mi sa che mi tocca riascoltare Jack Folla.... beh dopo tanto cinismo crucianesco forse mi farà bene)
Il traforo della TAV Cmq è molto piu pericoloso e invasivo

PS non volevo dire che è tutto un magna magna sempre e cmq.
Volevo dire che forse ci sono interessi che sono di poche persone.
Se tale opere portasse benefici a molti altri cittadini...non sarei d'accordo (perchè l'ambiente è sacro, e quindi a mio parere si devono trovare soluzioni alternative) ma mi pare che gli interessi in gioco qui non siano "italici".

Qui un altro articolo...
ma niente su Lunardi e gli ultimi lavori di ampliamento ARGH
http://senzatitoloculturalmagazine.wordpress.com/2007/07/11/appunti-di-viaggio-il-gran-sasso-violato/

nessuno ha detto...

Torno sul mio quesito.
Che la TAV serva o meno è importante, ma io chiedevo un'altra cosa.
Napolitano va a Reggio Calabria per un motivo chiamiamolo di ordine pubblico con ripercussioni ovvie sulla vita civile di quella zona: i fatti di Rosarno. Fa il suo pistolotto che non produrrà nessun risultato concreto. L'ordine pubblico dipende dal ministro degli Interni e dalle varie autorità locali che tutto pensano tranne che Reggio Calabria funzioni, non dal Presidente della Repubblica. Per dare un po' di brivido al tutto c'è una insolita ed irrituale soffiata che fa trovare un'auto piena di armi. Chi ce l'ha messa? Ma ovvio, la ndrangheta per avvisare lo Stato, quando si sa da sempre che la ndrangheta avvisa e minaccia lo Stato in ben altra maniera e senza soffiate.
A Susa c'è un altro problema di ordine pubblico con ovvie ripercussione sulla vita civile e col rischio di una maximulta da pagare all'Europa, multa che pagheranno anche i rosarnesi quando andranno al bar per un caffè o al supermercato per la spesa.
Perchè il Presidente della Repubblica non fa un giretto anche dalle parti di Susa per domare con le sue parole dolci, melliflue ma nche decise e determinate quelle brave persone della NO TAV?

nessuno ha detto...

a Bart27
Hai ragione. Che il ministro degli esteri americano si occupi di Internet è novità importante.
Internet, salvo dimostrazione contraria, è prodotto tecnologico totalmente USA ed ha enorme forza invasiva e pervasiva in tutto il mondo. Che la scalata alla conquista del mondo che gli USA stanno perdendo sul piano militare, finanziario, e commerciale gli Stati Uniti tentino di mantenerla attraverso il Web? L'unica a creargli qualche problema possedendo anche potenzialità tecnologiche per bloccare un tale progetto (se c'è)sembra essere la Cina.

Francesca ha detto...

stasera niente Zanzara!
niente radio, niente TV.... mi sto preparando per andare a teatro a sentire Travaglio..... fa un freddo becco!!

intanto do' un'occhiata ai titoli e guarda cosa non ti trovo:

http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cronaca/2010/22-gennaio-2010/cerco-coinquilino-purche-non-leghista-1602329415647.shtml


aahahhahaah!!!
che ridere!
com'era quella frase??
"chi semina vento.......

come me che ho cacciato il giardiniere leghista!



Sulla TAV..... io sono assolutamente contraria.... se volete convincervi di quanto inutile e dannosa sia la cosiddetta grande opera, non avete che da salire su su da Avigliana fino a Susa .... arrivare a Venaus e Novalesa.... e solamente guardarvi intorno....
Tornerete "guariti"!

ps: magari anche un salto alla Sacra di San Michele ... affacciarvi al Balcone della Bell'Alda e guardar giu' e le montagne tutte intorno!

Francesca ha detto...

new!

francesco.caroselli ha detto...

Ah non ho sentito bene quel che ha detto Mastella nella parte finale.
Che domanda deve girare Cruciani a Travaglio? Che c'entra De Magistris?
Aiuto riferitemi

Sulla candidatura della Bonino.
Come al solito si ha la memoeira corta.
Ma non vi ricordate tutti cosa successe alle politiche del 2006?
PD e radicali fecero un accordo, sostanzialmente i radicali sostenevano il pd ma solo a condizione che rinunciassero al loro simbolo.
I due gruppi parlamentari siin seguito si fusero (cosa che Di Pietro opportunamente non fece)
Nell'ottica di questo accordo i radicali sarebbero stati parte integrante del pd.
Ma perchè la bonino è avida (come dicono cruciani e ferrera) quando chiede semplicemente di far parte del partito? mah mistero

nessuno ha detto...

Insomma, non mi si vuol spiegare perchè il buon Napolitano, Presidente della Camera durante Tahgentopoli per la quale allora non spese una parola ed ora scrive lettere cerchiobottiste alla vedova di Craxi, perché, dicevo usa due pesi e due misure. A Reggio Calabria sì ed a Susa no. Perché?

francesco.caroselli ha detto...

nessuno
Sei tu che devi spiegare cosa hanno in comune la situazione in val di susa e a rc.
Per quanto mi riguarda ti ho gia risposto prima.
Poi se vuoi criticare napolitano ci sono tante buoneragioni
Passo la palla

francesco.caroselli ha detto...

nessuno
Sei tu che devi spiegare cosa hanno in comune la situazione in val di susa e a rc.
Perquanto mi riguarda ti ho gia risposto prima
Passo la palla

France cosa vai a vedere a teatro?
Travaglio in versione teatro è appagante

Francesca ha detto...

@ francesco caroselli

eccomi di ritorno!
stanca morta ma felice..... PROMEMORIA è una lezione imperdibile di storia contemporanea che i tantissimi 25/30 presenti all'Apollonio di Varese avranno anche fatto fatica a seguire, ma cui hanno prestato massima attenzione.
Il teatro era strapieno dalla platea alle gallerie alte, è durato 3 ore e mezza con brevissime pause colmate da sottofondo musicale molto ruvido e registrazioni di conversazioni telefoniche di giudci come Paolo Borsellino o Craxi, o Berlu che parla con Dell'Utri.
Tra l'altro anche per me che, bene o male sapevo quasi tutto, delle rivelazioni choc come la faccenda del mausoleo ad Arcore in foggia di tomba egizia pronta ad accogliere il Berlu dopo il trapasso e altri fidi, nell'esilarante racconto che Travaglio fa di quanto appreso dalla viva voce della buonanima di Montanelli!

Davvero un grande spettacolo verità e un grande pubblico per una città morta come Varese!

Poi tornando a casa....surprise!
Accendo la radio... distrattamente... sui 104.8 di Radio24, è mezzanotte e 45... e chi ti trovo???
Aahahahha!!
La replica de La Zanzara di questa sera! Non sapevo che fosse prevista nel programma. Piu' tardi della replica di Melog2.0 non mi è mai capitato di sentire Radio24.

Anyway... mi son sorbita nell'ordine:
a) il fantuttone Brunetta ricordare che il doppio incarico di sindaco, meglio se di grandi città, i minsitri francesi ce l'hanno praticamente di default!
Cacciari - secondo lui - era sempre a Roma a brigare per pratiche varie del Comune!

b) Mastella ma non ricordo che abbia detto

c) il ticket Bonino-Brass con il Vaticano che secondo Cruciani scatenerà la contraerea!

d) la coppia di fatto Giuseppe Cruciani-Cecchi Paone, con una complicità nello scambio di battutine ed allusioni francamente sospetta!
E il tormentone del solito Attilio Romita (la nuova fissa di Cruciani) che, come uomo, a Cecchi Paone non piace proprio, meglio De Magistris.
Ellocredo! Io che l'ho visto a Piazza del POPOLO a distanza ravvicinata vi assicuro che è bello e ben piantato come un dio greco.

Adsso vado, c'è Morfeo ch mi chiama pronto ad accogliermi nelle sue braccione morbide di nuvole e sogni!

'notte

Viola ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Viola ha detto...

ahi ahi ahi, Francesca, mi sei caduta sulla replica della Zanzara :-))

ragazzi, Nessuno sta ponendo una domanda insistentemente e nessuno gli risponde
Per quel poco che ho imparato a conoscerti, tu hai un'idea ben precisa del motivo per cui Napolitano non si fa vedere in Val di Susa, motivi probabilmente riconducibili a scelte politiche del passato di cui non so parlare
A me sembra che Napolitano stia svolgendo un ruolo di pacificatore super partes ogniqualvolta gli animi si accendono fuori misura, come nel caso dei linciaggi a politici e non su stampa e altri media, come nel caso della rivolta a Rosarno.
Più che usare due pesi e due misure, mi sembra che la misura dei no-TAV non sia ancora colma tanto da destare non dico l'interesse (che sicuramente Napolitano ha verso gli abitanti della Val di Susa) ma l'intervento del Capo dello Stato

è probabilmente una considerazione molto ingenua.

in casi come questo mi vien da pensare quanto sarebbe diverso se come la Svizzera fossimo una confederazione di regioni (nel nostro caso) con un sistema di democrazia diretta.
(Beninteso: niente di simile al federalismo leghista viziato da troppi pregiudizi razzisti)

se tutto l'apparato amministrativo di comuni-province-regioni-stato non è comunque in grado di gestire una situazione come quella della Val di Susa, ascoltando e tenendo in considerazione le opposizioni delle popolazioni locali, significa che il nostro sistema non è buono a nulla. Meglio sarebbe allora una decisione popolare mediante referendum. In questo modo avrebbero voce le ragioni di tutti, ci sarebbe una decisione corale e non ci troveremmo a chiederci perchè Napolitano non va a presenziare a Susa

similmente, lo stesso principio potrebbe essere applicato alla costruzione del Ponte sullo Stretto.
In Italia tutto quanto implichi la spesa ingente di denaro pubblico è legato all'idea che buona parte di quei soldi finirà nelle mani di politici/mafia/camorra/ecc. quindi com'è possibile una discussione serena sui pro e i contro di tali interventi?
Com'è possibile se tutti pensiamo che i politici non facciano in questi casi gli interessi della popolazione ma quelli delle forze economiche che + o meno velatamente rappresentano?

Sentivo oggi a omnibus ribadire il concetto che non si capisce perché alle aziende si chiede di ridurre personale, ridimensionare le strutture, tagliare le spese mentre lo stesso non viene fatto dalla politica (che fine ha fatto ad es. il taglio annunciato di migliaia di consiglieri, si chiedevano)

ritorno all'esempio della Svizzera e copio da Wikipedia (quindi il mio ragionamento è attaccabile su due fronti, a) parlo di una confederazione ricca dei soldi sporchi degli altri stati; b) traggo le informazioni da wikipedia, fonte non sempre attendibile, ma tant'è):
"Tra gli stati moderni, la Svizzera è il solo ad essere governato tramite Democrazia diretta. Il parlamento svizzero, inoltre, non è composto da politici professionisti. Le camere federali si riuniscono quattro volte all'anno per tre settimane. Questo permette ai parlamentari di lavorare tra una sessione e l'altra. Nonostante i problemi che comporta il sistema dei politici part-time, vi è una forte opposizione popolare ad una sua eventuale modifica, poiché è convinzione comune che nelle situazione attuale i parlamentari siano più vicini ai problemi dei cittadini elettori e che, facendo anch'essi parte del mondo del lavoro, possano portare la loro esperienza professionale all'interno delle discussioni parlamentari."

Sembra fantascienza.

nessuno ha detto...

a Viola.
Ti ringrazio per la cortesia di aver risposto al mio insistente quesito (oggi se ne parlava in un programma pomeridiano di RAI3, quindi non è problema peregrino), e per il modo approfondito e pertinente della risposta.
Mi sembra che il tuo intervento consideri 4 aspetti. 1) il ruolo pacificatore di Napolitano; 2) il problema val di Susa; 3) soldi alle mafie; 4) confederazione svizzera e referendum per democrazia diretta.
1) Riguardo al ruolo pacificatore di Napolitano, mi sembra di facciata, non incisivo, non riconosciutogli dalla Costituzione, di tipo "buonista" così come nel PCI è stato per oltre 50 anni inutilmente "migliorista, sterile in quanto finora non ha ottenuto risultati e non credo ne possa avere da qui in avanti. Però gli consente di essere in tutti i TG (quindi molte volte al giorno) dei 365 giorni dell'anno.
2) Perchè a mio parere dovrebbe intervenire in val di Susa come è intervenuto a Reggio Calabria. Perchè sia lì che là si sono presentati problemi di ordine pubblico che anzi a Rosarno si sono rapidamente risolti (quelli specifici di Rosarno, non quelli della ndrangheta) mentre a Susa sono permanenti anche se non appariscenti.
3) I soldi delle grandi opere alle mafie. E' possibile, visto che non faccio molte distinzioni tra mafie propriamente dette e mafie industriali fiorenti al nord. Ma sai chi costruì l'attuale ferrovia con il traforo? Cavour, prima del 1861 (perché poi morì) ed anche allora i valligiani non la volevano perchè temevano che le galline non avrebbero fatto più uova e le mucche non più latte.
Se vi sono speculatori, è un motivo per non ammodernizzarsi in val di Susa o sullo Stretto?
4)Il federalismo svizzero. Nel 1860, nel neo Parlamento Italiano con sede a Torino, una delle prime questioni che vennero affrontate fu: Centralismo Statale con il controllo prevalente di tutti i territori da parte della monarchia sabauda o Regionalismo che corrisponderebbe al nostro concetto di federalismo. A favore del regionalismo i ministri Farini e Minghetti presentarono una proposta di legge che venne bocciata. Da allora vige il Centralismo prima localizzato a Torino, poi a Firenze e dopo la presa di Porta Pia del 20 sett. 1870 a Roma dove risiede tuttora e si concretizza attraverso il controllo della periferia da parte dei Prefetti. In queste condizioni l'idea della democrazia praticata già da qualche secolo in Svizzera è cosa impensabile in Italia, dove l'istituto del referendum è solo abrogativo. Cioè il popolo col referendum non può proporre, eventualmente solo abrogare una legge già vigente. E questo in virtù della nostra insuperabile Costituzione magnificata ogni giorno.
Tornando al mio pallino, secondo me Napolitano, come è andato a Reggio Cal. dove sapeva che sarebbe stato accoilto a tarallucci, dovrebbe andare anche a Susa a recitare il suo ruolo pacificatore. Ma, a parte i consigli dell'entourage, forse teme il lancio di qualche uovo marcio.
Ciao.

Francesca ha detto...

@ nessuno

La trasmissione "Ambiente Italia" l'ho seguita anch'io naturalmente, come faccio con tutta la programmazione di RAI3 che è la rete per la quale son contenta di pagare il canone.

Il conduttore è stato ben redarguito dal ministro Matteoli che lo ha accusato di dare troppo spazio ai NO-TAV.
Oggi a Torino c'è la contro-manifestazione dei favorevoli e dunque si parlerà di loro!

Io non vedo come il capo dello stato dovrebbe interessarsi o recarsi sui luoghi della protesta, mica ci sono in ballo i diritti umani minimi non rispettati come nel caso di Rosarno o il pericolo di deriva razzista anche da parte dei meridionali conosciuti fino ad ora per il loro calore e spirito di accoglienza.

Napolitano va a Susa e poi gli tocca dire alla gente "fateve una ragione, la TAV si farà, è stata decisa fin dal 2001 e la sua realizzazione è slittata ancora nel 2006 per le Olimpiadi di Torino...bla .. .bla.... bal...."
Francamente, ce n'è bisogno?
Ci sono gli Osservatori al lavoro e a quanto si capisce (poco) si tratta di definire il progetto migliore dopo i vari già accantonati (la famosa galleria di Venaus and so on).

Mi sembra che le manifestazioni di dissenso pacifico siano pienamente legittime e anche quando ci furono gli scontri (Dicembre 2005) non fu certo a causa dei valligiani, bensi delle forze dell'ordine che picchiarono duro per ordine del governo.
Ma si sa.... criticare è ormai diventato iscriversi al partito dell'odio!

Pensa piuttosto quando si saprà finalmente dove sorgeranno le centrali nucleari italiane ....

Francesca ha detto...

@ Viola

Omnibus piace anche a me e posso seguire pero' solo nel we.

Non so chi sia l'economista di riferimento di Tremonti.... se ne ha uno oppure se pensa di essere la scienza economica-finanziaria infusa, condizione che tuttavia non gli impedisce di continuare a procedere completamente alla cieca nell'ossessione "abbassare le tasse non si puo'"!

Ecchissenefrega se cala la domanda, se i consumi si contraggono!

L'ultima sparata è che l'importante è mantenere i livelli dei servizi: sanità, pensioni, scuola, etc.
Ahahahhaha!!!
olte a contributi fissi per acquisto materiale didattico, occorre pagare anche la carta igienica ai genitori degli studenti nella scuola pubblica!

Se "Giulietto so-tutto-io" pero' ascoltasse un po' meno se stesso e qualche volta anche gente come Emiliano Brancaccio dell'università del Sannio, ospite ieri (e già visto in passato) a Omibus.

thewebsurfer ha detto...

ciò che è più curioso di tutta la vicenda di Facci credo sia il fatto che un giornalista di libero creda di avere un minimo di credibilità o una reputazione positiva da difendere, tanto da dissociarsi da un articolo del suo 'giornale'

Viola ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Viola ha detto...

@Francesca

..già: mantenere i livelli dei servizi: sanità, pensioni, scuola, etc.

ma se tagliano proprio i finanziamenti a questi servizi fondamentali!
Per quel che mi riguarda, la Gelmini con il suo tetto al 30% per gli stranieri nelle classi porterà ad una guerra fra i poveri. Perchè ci si scorda di dire che laddove mancheranno classi per soprannumero di stranieri, non ne verranno previste di nuove. Quindi i bambini stranieri verranno spalmati sulle scuole dei paesi vicini, con difficoltà a raggiungerle, costi che non tutti potranno sostenere. E da qui la guerra fra i poveri, per rientrare nel primo 30% iscritto e quindi titolare del diritto a frequentare la scuola vicino o del proprio paese. Peggio ancora se il 30% sarà scelto sulla base del reddito.
I consigli di istituto (ai tempi dell'autogestione) sono fatti apposta per gestire situazioni come queste, con la differenza che basano le proprie scelte e la propria organizzazione interna sulla conoscenza del territorio e delle sue esigenze.
Un'imposizione come quella del 30% è volta a stabilire equilibri a priori, senza considerare le realtà contingenti. Risultato (soprattutto dei tagli) è un peggioramento della scuola pubblica tutto a favore del finanziamento alla scuola privata

@nessuno e Francesca
in merito a Napolitano, non capisco perchè ci tieni così tanto che vada a Susa.. le due situazioni sono onestamente molto diverse, e Napolitano più che testimoniare con la sua presenza la garanzia dello stato che le ragioni di tutti saranno prese in considerazione, non so cosa potrebbe fare.

Piuttosto... perché non si torna a parlare di Rosarno?
Intendo dire: se non mi sbaglio con le cifre, 1200 persone sono state fatte sloggiare. Il 60% di questi era in possesso di un regolare permesso di soggiorno. Per essere in possesso di un regolare permesso di soggiorno, vuol dire che qualcuno ha firmato per loro garantendo che quella tal persona avrebbe avuto una sistemazione (alloggio) dignitosa. Quando si firma quel documento (chi ha domestici, badanti ecc. lo sa) si garantisce che nel caso in cui la persona non disponesse di una sistemazione dignitosa, il firmatario si impegna a fornirla lui stesso. E' una bella responsabilità infatti firmare quel documento.
Quindi? Perché non si prendono quei documenti e si va a bussare alle porte di tutti quelli che li hanno firmati? Chiedendo loro com'è che invece quelle persone vivevano nelle baracche che abbiamo visto tutti nei servizi giornalistici? Perché queste persone non vengono indagate?
Risposta: perchè il problema dell'immigrazione non lo si vuole risolvere veramente

Inoltre: quelle persone a Rosarno lavoravano sotto il minimo sindacale, e questo è illegale. Considerato che sarà da trenta o quarant'anni che in tante regioni d'Italia (io personalmente l'ho visto in Sicilia, in Campania) i braccianti e lavoratori stagionali lavorano su chiamata (non so come si dice esattamente: quando ci si trova in un certo posto e arriva il capocantiere o agricoltore dicendo di quante persone ha bisogno, e le altre tornano a casa, per intenderci) possibile che non ci sia un controllo statale/ufficiale su questi rapporti di lavoro? Detesto Cota.. ma potrebbe avere ragione quando dice che l'introduzione dei voucher (oltre a tutta una serie di misure, perchè i voucher da soli non bastano) potrebbe risolvere il problema dell'illegalità del basso compenso di questi lavori che sono ormai per lo più appannaggio degli stranieri?

nessuno ha detto...

a Francesca, amichevolmente.
Son convinto che a Rosarno dei diritti umani se ne fanno un baffo. A qualcuno laggiù interessa che le arance e, prima, le clementine, vengano raccolte. Poi, quando arrivano a Milano dopo vari passaggi e costose spese di trasporti vari costano meno di un euro al chilo. Quanto pensi che costino all'origine? In quel contesto, la scappata di Napolitano da quelle parti non serve a niente, nè per i diritti umani, nè per le arance, nè - soprattutto - in funzione antindrangheta.
Personalmente vorrei vederlo confrontarsi con una civilissima manifestazione antiTAV.
Non perchè mi interessi che la Tav passi in quella valle. Se non passa tanto peggio per loro. Tanto, i rosarnesi ed i marsalesi - io tifo per loro - restano lo stesso con il loro binario unico e non gliene viene niente tranne pagare anche quando vanno a fare la spesa o a prendersi un caffè al bar, pagando, senza accorgersene, l'IVA, come ormai accade dai tempi dell'annessione del sud al nord.
Questa è la mia personale idea. Tu ne hai un'altra. Benissimo.
Quanto al fatto che non apprezzi Tremonti... Per Tremonti
"abbassare le tasse non si può". Per Bersani e per te invece si può, perchè con un po' di soldi in più, gli italiani, mentre l'industria italiana continuerebbe a non ricevere commesse dall'estero, in un neoregime di autarchia, spenderebbero di più risolvendo finalmente i problemi dell'economia mondiale,. Secondo me invece, Abbassando le tasse, per far fronte alle spese correnti (sanità, sacuola giustizia ecc ecc), automaticamente bisognerebbe aumentare il debito pubblico: BOT, CCT, BPN, più di quanto sia già aumentato (ed è solo in questo modo che Tremonti "non ha messo le mani nelle tasche degli italiani"). Un motivo in più per criticare poi lo stesso Tremonti. Non che io lo ami. Ma se tu hai votato contro, altri hanno votato a favore e lui è diventato ministro il che non comporta il dovere di ascoltare le tue esortazioni a seguire i pareri dell'economista Emiliano Brancaccio - che a suo tempo sarà stato ascoltato da Padoa Schioppa -consigliabile oltre che a Tremonti, anche ad Obama che di consiglieri economici - di cui son pieni tutti gli angoli di strada - ne ha bisogno quanto e più di Tremonti, come del resto ne hanno bisogno i ministri dell'economia di tutti i 27 paesi della Comunità Europea.
Penso che sarebbe molto bello che ciascuno di noi tentasse di uscire dal proprio steccato nel quale si è rinchiuso volontariamente!

Francesca ha detto...

porcozzio nessuno!
ma ti rendi conto che solo con la minkiata di aver tolto l'ICI - un favore fatto ai benestanti - si son buttati al vento circa 3 miliardi?
Era necessario?
E l'operazione ALI-CAI? Quanto è costata?
l'unico che si frega le mani è Toto di AirOne, credimi!
Altro che capitani coraggiosi!

E tutte le volte che si è ventilato di detassare almeno le tredicesime per ridar fiato ai consumi?
Niente, solo fumo!

E non dire che Bersani..... è la coalizione di governo che ha promesso di abbassare le tasse per vincere le elezioni, non hanno detto NOI ALMENO NON LE AUMENTEREMO!
ti risulta?

E soprattutto il contenimento dei costi, qui davvero non ci siamo!
Altro che riforme!

Se il comunismo è morto, pace all'anima sua!
Ma il capitalismo, il liberismo, nel nostro paese con il centro destra al governo da 7 anni, secondo te ha fatto crescere il paese???

santacruz ha detto...

Come no!
Il paese, dopo questi magnifici 7 anni, ha potuto mangiare in media ben 1 pollo in più!

Per la precisione il Presdelcons 2polli... tutti gli altri nessuno!

:-)

nessuno ha detto...

a Francesca. Sono contento che il termine minchia e non minkia a me familiare essendo siciliano abbia fatto breccia nel freddo nord e venga usato da te e dalla Littizzetto.
Per non andare sotto i processi B. doveva tornare al Governo per le sue leggi ad personam che finora hanno fatto flop. Prima ha fatto cadere Prodi e poi, per vincere, ha promesso l'abolizione dell'ICI. La crisi mondiale ancora non era esplosa. B. ha vinto ed ha tolto l'ICI. Quei 3 miliardi che dici non sono stati buttati al vento. Sono rimasti nelle tasche di chi le ha risparmiate per alimentare i consumi, come per alimentare i consumi dovrebbero servire le riduzioni che chiedete Bersani e tu. Ma questa riduzione di tasse nella tredicesima o dove vuoi tu, finirebbe come l'ICI e non sposterebbe significativamente i consumi. Intanto la baracca bisogna portarla avanti. Se al governo ci fosse il centrosinistra col cavolo che ti abbassa le tasse. Tremonti non le abbassa, non le ha apparentemente aumentate ma ha fatto aumentare il debito pubblico con le tante emissioni di titoli di Stato. Tu e gli economisti che non hanno mai previsto una crisi e tanto meno l'ultima dove volete trovare i soldi per tirare avanti se non nelle tasse o nel prestito pubblico? Quanti risparmi tu o i tuoi parenti o i tuoi amici hai o hanno investito in titoli di Stato? Gli interessi che fruttano i BPT sono l'usura che noi cittadini esercitiamo nei confronti delle casse dello Stato. Questi interessi complessivamente presi costituiscono il 50% del bilancio annuo statale, 70 miliardi o giù di lì in un bilancio di circa 140. Ancora un po' e diventiamo l'Argentina di qualche anno fa, non onoriamo il debito.
Io sono di destra e non apprezzo Berlusconi. Sono di destra perchè sono anticomunista. Sono anticomunista perchè il comunismo ai primi posti del suo programma contempla l'abolizione della proprietà privata. Nella Russia comunista la persona non era padrona nemmeno dei vestiti e delle scarpe che portava. Glieli forniva in uso lo Stato. Figurati la bicicletta, l'automobile, la casa o i tacchi a spillo. Sono quasi certo che questa regola fosse contemplata anche nello Statuto del Partito Comunista Italiano (Napolitano compreso). Il PD non la contempla più? Ma resta sempre un partito ad ideologia colletivista.
Ed a me, Tremonti o non Tremonti, non sta bene.
Ciao.

Francesca ha detto...

@ sgrunt nessuno!

ma quale Russia comunista!
l'hai sentita l'ultima trovata del pocket ministro - non condivisa dal resto della ciurma ovviamente - di dare 500 euri ai bamboccioni per farli sloggiare da casa, togliendoli alle pensioni dei genitori???

E cosa ci fa il bamboccione con TUTTI quei soldi, fuori di casa di babbo e mamma??

Quell'altro dice che vuole proporre un piano casa alle Regioni con aumenti di cubature..... ma non ce n'era già uno????'

Sono davvero alla canna del gas!
Signori avete vinto, no anzi STRAVINTO le elezioni del 2008 e adesso vi tocca GO-VER-NA-RE.... salvo che non scoppi la rivoluzione prima eh!?!?

ps: andatevi a leggere i commenti del Corsera, i sondaggi de La Stampa sulla proposta del mini-ministro...... un plebiscito....di NO!

Francesca ha detto...

Siamo un paese da IV^ mondo, dove le piogge si mangiano i crinali delle montagne e sommergono di fango i paesi (qualche decina di morti a Messina di recente), i poveri vivono nell'indifferenza generale in case pericolanti che si sbriciolano addosso ai bambini innocenti (Favara-AG)... ma contagiato dal miracolismo berlusconiano il sottosegretario Bertolaso ha l'ardire di coprire di pesanti critiche la macchina dei soccorsi internazionali ad Haiti, la cui lentezza e disorganizzazione era peraltro già stata rilevata dai giornalisti di mezzo mondo sin dai primi giorni.

Tanto che, con la ben nota compattezza che contrassegna il piu' forte governo dalla preistoria, tocca al ministro degli esteri mettere la pezza!

Eppero' dopo Bossi e le sue sparate contro la TAV tanto amata da Matteoli... Brunetta che annuncia la paghetta ai bamboccioni a carico dei pensionati e Tremonti che smentisce..... c'è da stare allegri!

Francesca ha detto...

@ nessuno

Pensa a cosa si riducono i comuni per fare cassa, grazie anche ai mancati proventi dell'ICI!

http://www.corriere.it/cronache/10_gennaio_24/multe-comuni-tassa_3c496134-08fb-11df-a931-00144f02aabe.shtml

Ma il consenso del governo è forte, Angelino-Jolie Alfano ha detto che il premier ha sempre lavorato per il bene del Paese!

PaoloVE ha detto...

@ nessuno:

nei giorni scorsi hai chiesto spesso informazioni su casi giudiziari che coinvolgevano esponenti del centro sx. Forse sono tendenzioso, ma ho avuto l’impressione che le domande servissero anche a sottolineare che così fan tutti, il che credo richieda una precisazione.

Probabilmente nelle malversazioni economiche sono coinvolti entrambi gli schieramenti in maniera simile (personalmente e a valle delle indagini e dei processi sinora svolti ho l’impressione che la sx sia un po’ meno traffichina della dx, ma sono impressioni e lasciano il tempo che trovano).

Quello che cambia tra i due schieramenti è il modo con il quale vengono affrontati processi ed indagini, e non è una differenza da poco. Le indagini su Di Pietro, quelle sui famigliari di Mastella, quelle su Del Turco, quelle su Del Bono, quelle sulle scalate bancarie, non hanno mai sollevato la canea di accuse di giustizia ad orologeria, di persecuzione, di giustizia politica, di richieste di provvedimenti ad personam, ed il trito rituale cui ci ha abituato la dx ogni volta che vi è una notizia in tale campo.

La posizione della sx era ed è che se vi è motivo si deve indagare, eventualmente arrestare, eventualmente ancora processare ed infine condannare.

E le indagini a sinistra non hanno avuto conseguenze da poco, anzi mi pare che abbiano fatto più danni che a dx (in due anni un governo nazionale, uno regionale,…).
Ciononostante la sx non ha ritenuto di poter attaccare e screditare per questi motivi le istituzioni ed i poteri dello Stato.

Il che, confrontato con il comportamento dello schieramento di maggioranza, è un bell’esempio di serietà e senso civico.

Saluti

Paolo

F®Ømß°£ ha detto...

@Nessuno

in genere trovo che, pur pensandola diversamente da me, tu sappia esprimerti in modo efficace e argomentando bene.

Trovo però ridicolo parlare di anticomunismo riferendosi a un partito come il PD e nell'anno 2010.

Accettare di votare Berlusconi, Calderoli, Gasparri perché si è anticomunisti è qualcosa che non riesco a comprendere.

Sono in minoranza e lo accetto, tuttavia sentir parlare di "abolizione della proprietà privata" per giustificarsi nell'aver votato quella gente lì, mi pare un'argomentazione un pochino scarsa.

Saluti

Tommaso che ascolta pochissimo Cruciani

Lorenzo ha detto...

mi fate un piacere?
qualcuno di voi puo' chiamare in trasmissione e riportare un passo del discorso di Bersani he ci racconta quanto segue (lo farei io, ma sono all'estero)

grazie alla cura Brunetta sono SALITE le spese correnti della PA di 3,5 miliardi (mangiandosi oltre mezzo scudo fiscale) e sono AUMENTATE le pratiche giacenti

la mia opinione e' la seguente
se in una qualsiasi azienducola di 20 persone ti avessero detto “vai, taglia i costi e aumenta l’efficienza” e tu fosti tornato indietro dopo un anno avendo aumentato i costi e diminuito l’efficienza avresti preso urla e calci
Questo ancora parla
Il Nobel della cojoneria
Ma davvero qualche veneziano lo voterebbe?

Francesca ha detto...

@ PaoloVE

ottimo come sempre!
E' quello a cui pensavo io proprio stamane! E se a dx procedono con una disinvolura e una faccia tosta senza eguali a difendere l'indifendibile, a sx almeno alla fine prevale il buon senso.
Da notare che con tutto quello che si è visto nel 2009, a livello di ciarpame senza pudore, sembra che il premier abbia imposto di riservare delle "caselle vuote" nelle liste e listini delle regionali da occupare con le care ragazze che gli allietano la vecchiaia.

Veronica assente, c'è almeno il commento di Sofia Ventura, la rossa politologa di Ff.

http://www.repubblica.it/politica/2010/01/23/news/veline-candidate-2048396/

Francesca ha detto...

sono andata a votare il sondaggio di Milan..... secondo me scontato che vinca il NO al doppio incarico di sindaco-ministro per Ufo Robot.
Che poi come ha detto bene Milan.... sarebbero perfino 3 gli incarichi, visto che rimane sempre parlamentare!

Anyway.... ho scoperto che RADIO24 ha una nuova veste grafica..... e che in prima pagina campeggia anche il nostro conduttore radiofonico preferito con la famosa clip dell'imbelvito!!

Viola ha detto...

bravo Tommaso, mi sei proprio piaciuto

Francesca ha detto...

@ nessuno

se sei un sincero fan della proprietà privata, e meglio del real estate, non potrai che gradire questa informazione dal gazzettino delle procure sulla SINDACALISTA candidata PDL a governatore del
Lazio.

http://antefatto.ilcannocchiale.it/glamware/blogs/blog.aspx?id_blog=96578&id_blogdoc=2424587&title=2424587

nessuno ha detto...

a tutti.
Che pioggia di contestazioni!
D'accordo. Il centrosinistra è Ettore ed il centrodesta è Achille.
Alle medie quasi tutti abbiamo tifato per Ettore.
Purtroppo, fin da quando l'ha sritto Omero 3,4 o 5.000 anni fa, vince Achille.
Francesca non si arrende e spera nella rivoluzione. Anche questo non è una novità.
Per me che come ho già detto sono un pensionato che però dispone del suo voto ed ho pure spiegato perché voto in una maniera e non in un'altra, intervenire al blog è un piacevole modo di confrontarmi senza rinunciare alle mie idee (e non pretendo che le cambino gli altri) ed un passatempo.
Per chiudere, spero e attendo che Napolitano, dopo Reggio Calabria, vada anche a Susa.
Per quanto riguarda la diminuzione delle tasse, aspetto il ritorno di Padoa Schioppa di bamboccionesca memoria, che non so adesso dove lavora.
Saluti cordiali a tutti.

nessuno ha detto...

Ah, dimenticavo!
Oggi e domani parleremo di Vendola, di D'Alema, Bersani ed UDC.
Ciao.

Francesca ha detto...

@ nessuno

scendi dalla macchina del tempo.... siamo ormai nel terzo millennio e i comunisti italiani non indossano divise di fornitura statale e nemmeno viaggiano su biciclette in comodato grauito.... mi risulta che D'Alema si faccia confezionare scarpe artigianali su misura da 1500 euro (pure un po' vergognoso eh?!?), Veltroni possieda appartamenti a NYC (ottimo investimento!) per non parlare della collezione in cachemire di Bertinotti (aho' de gustibus...)!

PaoloVE ha detto...

@ nessuno:

mi meraviglia un po' che ti esprima a favore dell'impossibilità di ridurre le tasse in questa situazione, affermando che questo peggiorerebbe il nostro debito.

Questo è quello che penso io, ma mi pare di ricordare che tu non mettessi in dubbio i virtuosi risultati della cura Brunetta sulla PA, risultati che, assieme ai tagli ai servizi pubblici -scuola in primis: cosa è rimasto delle 3I, inglese,informatica e Impresa, del precedente governo di destra?-, dovrebbero essere monetizzabili ed eventualmente trasferibili sul piano fiscale.

Saluti

Paolo

Francesca ha detto...

...a proposito di Milan...

1000 GRAZIE MOU!

clem ha detto...

@ Francesco:
Silverlight è un mattone, è l'ennesimo standard chiuso, e in pratica è flash versione Microsoft. In pratica, un'ennesima "cosa che fa le stesse cose" di prima, solo che ti tocca scaricare il plugin (un po' tipo quicktime). Ma non mi sono spiegato su chrome, io uso linux, quindi i plugin di silverlight sono un CASINO da installare.
Sulla A/V: io sono assolutamente convinto che sia anche per i passeggeri, e in questo concordo con Paolo: se è sottoutilizzata, magari è proprio perché mettendoci 7 ore uno fa a meno e prende l'aereo. Che poi a me interessa relativamente dato che volo su Bruxelles e prendo il treno solo d'inverno quando nevica e malpensa va in panico.
Sto collezionando link di siti anti-TAV che contestano esplicitamente i vantaggi della linea per gli eventuali passeggeri. Non ho ancora trovato documenti ufficiali sulla cosa, ma mi pare strano che si citi e contesti un progetto non esistente. Quando ne ho trovati di soddisfacenti li posto.

clem ha detto...

Questo mi pare adatto, è il sito ufficiale:
http://www.ltf-sas.com/pages/articles.php?art_id=44

PaoloVE ha detto...

sulla AV /AC in Val di susa:

http://www.torino-lione.it/default.htm

c'è anche copioso materiale scaricabile..., ma non sono così volonteroso... :-)

Saluti

Paolo

Francesca ha detto...

@ nessuno

Se il Panama presidenziale non va in Val di Susa.... boh, fattene una ragione!
Io intanto in Val Ceresio - Padania - ho testimoniato durante il we la mia vicinanza al movimento NO TAV esponendo al balcone sulla provinciale, ben visible, il mio bel bandierone comprato a Condove!!

nessuno ha detto...

a PaoloVe
Sì, la riduzione delle tasse peggiorerebbe il debito pubblico. Io penso questo. Lo pensi anche tu? Benissimo, vuol dire che siamo d'accordo.
Quanto alla cura Brunetta sulla P.A. non so se è operante mediante legge. Credo di no (mi potrei sbagliare), credo che la proposta di legge licenziata dal Consiglio dei ministri aspetti il suo turno per la discussione in Parlamento, Camera e Senato. Ma non credo che avrà sensibili risultati sul piano economico. Il numero dei dipendenti pubblici non diminuirà ed i loro contratti avranno i soliti incrementi periodicoi.

a Francesca.
Mi complimento per i tuoi bandieroni. Il fascismo era pieno di bandiere ed anche nell'est europeo, prima della caduta del muro, le bandiere ai portoni dei palazzi e sui balconi delle case si sprecavano. Avanti popolo alla riscossa....

Lorenzo ha detto...

@nessuno
grazie alla cura Brunetta sono SALITE le spese correnti della PA di 3,5 miliardi (e sono AUMENTATE le pratiche giacenti
ripeto: se in una qualsiasi azienducola di 20 persone ti avessero detto “vai, taglia i costi e aumenta l’efficienza” e tu fosti tornato indietro dopo un anno avendo aumentato i costi e diminuito l’efficienza avresti preso urla e calci
Questo ancora parla
Merita il Nobel della cojoneria
Le misure Brunetta sono attive per legge, non da ora....semplicemente sono inutili, anzi, dannose.
Informati e poi ripassa

santacruz ha detto...

@nessuno

lascia perdere le bandiere, anche perchè, con alcune, qui da noi ce n'è uno che vuole pulirsi il c***...

Pensa invece a quanto disse illo tempore una persona che credo tu conosca molto bene:"Come si fa a non diventare padroni in un paese di servi?".

Tutto qua!

Non so tu ma io/noi non vogliamo essere servi di... nessuno! :-)))

Kush ha detto...

Cruciani non si è sbottonato più di tanto perchè coltiva, in previsione futura, non si sà mai, il suo piccolo, squallido e bavoso orticello. Che tris(c)tezza.

Francesca ha detto...

"Stiamo parlando di un uomo, di un professionista, di un docente universitario rispettato e temuto, che pur avendo alle spalle un’esperienza e una carriera nell’amministrazione regionale, al fianco del governatore Errani che adesso si ripresenta, e in collegamento sia con Prodi che con Bersani, al momento di candidarsi alla carica di primo cittadino non valuta minimamente come fattore di rischio la propria vita privata disinvolta e con qualche ombra amministrativa. E non lo fa, è lecito presumere, perché quella vita privata è talmente sotto gli occhi di tutti che Delbono, in buona fede, può considerarla normale."

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=6904&ID_sezione=&sezione=

Come non essere d'accordo con Sorgi per una volta?
Eppure la domanda sorge spontanea: ma come cacchio ha fatto la gente a fidarsi di uno cosi??
Ho paura che le risposte siano uguali a quelle che ci vengono date quando ci chiediamo perchè, NONOSTANTE TUTTO, la gente voti SB!

Francesca ha detto...

mi ricordo che quando ho obbiettato in diretta con Cruciani che dare l'Ambrogino d'oro a Belpietro, quando lo si era negato a Enzo Biagi, era inaccettabile e vergognoso, qualcuno qui mi ha dato della deficiente!

ammi ha detto...

Scrivo in berve per la seconda volta in vita mia perche' ho visto si parla di Facci e ho visto una discussione di quelche tempo fa, che ho letto con ritardo e che quindi era inutile commentare, riguardo al fatto che in prima pagina di Libero Facci ha scritto che i lettori del Fatto sono perfetti cretini.
Mi preme evidenziare che detta cosi' sic et simpliciter, l'informazione e' incompleta, e quindi mistificata.
Qualche giorno prima un altro giornalista di Libero (Lenher se non erro) aveva raccontato che, ricoverato in ospedale per un leggero incidente, l'infermiere che lo curava ha detto che se avesse saputo che scriveva per Libero non lo avrebbe curato. E che una battuta del genere non l'aveva mai sentita quando lavorava per gli altri giornali che corredano il suo curriculum.
Prendendo spunto da cio' Facci ha spiegato che ad un incontro pubblico una lettrice del Fatto (lo esibiva sottobraccio) ha redarguito il suo fidanzato che aveva stretto la mano a Facci dicendo che suo nonno partigiano si sarebbe rivoltato nella tomba.
Da qui la battuta di Facci che NON i giornalisti, ma i lettori del Fatto che sinora ha avuto modo di incontrare sono dei perfetti cretini (nel senso che lo insultano a prescindere), ma che sara' lieto di scoprire la smentita.
Messa cosi' non assume tutto un altro tono?
Altrimenti mi sentirei autorizzato a dire che il sig. Authan istiga ad ammazzare i giornalisti con cui non e' d'accordo, citando solo "è difficile adottare mezze misure con Filippo Facci. Tante sono le volte che avrei voglia di scaraventerlo giù dall'Empire State Building"
Cordialità.