venerdì 29 gennaio 2010

Ipertrofia mediatica

Giuseppe Cruciani deve aver battuto la testa, ledendo l'emisfero destro del cervello. Non so come altrimenti spiegare quanto successo. Dopo aver criticato con una durezza fin eccessiva il suo eroe e mito personale, Guido Bertolaso, per le dichiarazioni "anti-americane" sulla gestione dell'emergenza ad Haiti, ieri il conduttore della Zanzara ha avuto poco riguardo anche per altri due elementi che in genere godono delle sue grazie.

Il primo è Vittorio Sgarbi, il quale, intervenendo alla Zanzara di mercoledì sera, aveva pensato bene di tirare in ballo una presunta amante di Antonio Di Pietro a cui l'ex pm avrebbe agevolato la carriera. Dopo che già durante la conversazione con il critico d'arte Cruciani aveva preso le distanze, ieri il conduttore ci è ritornato sopra per ribadire ulteriormente il dissociarsi suo e della Radio tutta rispetto alle insinuazioni di cui sopra.

Capisco che le querele Di Pietro facciano venir la cagarola dalla paura, ma ugualmente questo mettere le mani avanti, se da un lato mi strappa un sorriso, dall'altro mi fa specie. Sgarbi lo conosciamo tutti. Dà degli assassini ai giudici, dice che le famiglie Moratti e Agnelli si drogano, ecc. ecc. Se si prova imbarazzo per l'incapacità di Sgarbi di contenersi, forse sarebbe meglio non chiamarlo più. No?

Poi, dopo Sgarbi, Crux ne ha avute incredibilmente anche per Renato "Mazinga" Brunetta. In riferimento alle ultime ennesime provocazioni buttate lì dal ministro, che hanno necessitato di precisazioni, distinguo, accuse ai giornalisti di avere male interpretato, ecc. ecc., il commento del conduttore è stato caustico: “Brunetta è malato di ipertrofia mediatica”. Lo riscrivo: ipertrofia mediatica. Tié. Visto che su queste frequenze (del blog, dico) il medesimo concetto viene espresso da tempo, mi vien da dire "ao', son soddisfazioni".

Sarei soddisfatto ancor di più se Cruciani si fosse soffermato un po' di più sulla frase di Berlusconi, pronunciata ieri, a proposito di immigrazione e criminalità: “una diminuzione degli extracomunitari significa anche meno forze che vanno a ingrossare le fila delle organizzazioni criminali”.

Crux, come purtroppo spesso fa, si è limitato ad irridere le reazioni esagerate di coloro che hanno accennato al razzismo. E va bene. Però va detto, e purtroppo non è stato detto, che, al di là dell'ipotesi che il premier si riferisse o meno ai soli clandestini (secondo me non è poi così rilevante), ridurre, come in sostanza ha fatto il cavaliere, il complesso fenomeno dell'immigrazione e del legame (che c'è, sia chiaro, ma che ha risvolti molteplici e compositi) tra questa e la sicurezza alla mera equazione "più immigrati = più crimine" è una fuorviante semplificazione del quadro che trova giustificazione solo nella volontà di gareggiare con la Lega al campionato di chi mostra la faccia più feroce.

In due parole, questa si chiama speculazione elettorale. Non razzismo, quindi, ma solo cinismo, nella peggior accezione del termine. Un cinismo esasperato. "La politica è anche questo", direbbe qualcuno recitando un trito mantra. Beh, non per come la vedo io, sorry.


PS. Qualcuno che mi legge e che magari si trova incidentalmente vicino a Crux potrebbe dargli una bottarella anche all'emisfero sinistro?

-------------------------------------

Pink Floyd, "Brain damage" (1973)




There's someone in my head but it's not me

57 commenti:

Francesca ha detto...

@ Authan

...e so' soddisfazioni si, le volte che ho scritto che Brunetta è un cialtrone maleducato inviperito fuori controllo!

:-))))

Su Sgarbo Sgarbi ho pensato uguale: ma che cacchio lo chiama affà?
Eppoi ieri sera mi aspettavo Straniero, mica la Poli-Bortone!!

nessuno ha detto...

Non mi è chiaro se Authan - a proprsito del tema extracomunitari sì, extracomunitari no - attribuisce la "speculazione elettorale" a Berlusconi che ha fatto quelle dichiarazioni o a Cruciani che si è limitato ad irridere gli interventi antirazzisti (spero di ricordarmi il verbo usato da Authan).
Nel primo caso penso che non ci sarebbe niente di strano, anche se Authan mette le mani avamti: se la politica è questa non è la mia sorry. Infatti son convinto che Authan non faccia politica.
Nel secondo caso: che Cruciani sia un anti Santoro (per indicare solo uno dei tanti operatori nei media)?

P.S: provo a mettere una faccina secondo i consigli di Francesca
:-)
Cosa sarà venuto fuori?

Regards

nessuno ha detto...

a Francesca.
Hai ragione.
Brunetta è un cialtrone maleducato inviperito fuori controllo, Tremonti è un ASINO, Visco è uno s..., Prodi, Padoa Scioppa, R. Bindi, Lanzillotta, Melandri, ecc. ecc. sono... fai tu, e mettiamoci pure Formica e Reviglio. Contenta?
E così si ristabilisce la par condicio oltre che le pari opportunità.

Quanto a Cruciani. Perchè non gli si manda un libretto di istruzioni sui criteri e le regole da rispettare? Magari redatto da Travaglio.

Con affetto.

PaoloVE ha detto...

Buongiorno,

non mi sono voluto esprimere sulla questione Bertolaso - Haiti perchè ho le idee poco chiare sul merito dell'affermazioni del sottosegretario.

Quindi oggi scrivo un post di domande più che di ragionamenti.

Credo che Bertolaso abbia sbagliato nella forma a fare certe osservazioni: se andavano fatte era più opportuno che ciò avvenisse in altre sedi, dove potevano essere costruttive e non unicamente polemiche. Dell'aspetto politico poco mi importa, in caso di emergenze simili.
Così non è stato e, visto che l'uomo mi è anche simpatico, voglio scusarlo dicendo che è più un tecnico che un politico e che ha peccato di ingenuità (chi avrebbe mai detto che la Clinton avrebbe visto le interviste dell'Annunziata? chi avrebbe detto che si sarebbe incaxxata perchè anche autorevolissimi giornali USA avrebbero contemporaneamente espresso le stesse critiche esponendolo ad una ribalta internazionale?).

Penso però che la dimensione dell'errore nella forma dipende da quanto Bertolaso fosse vicino alla realtà nel merito delle affermazioni.

E sulla sostanza delle sue osservazioni non so cosa pensare: mi dicono che la Protezione civile italiana è tra le più preparate al mondo, saremmo secondi solo ad Israele (e non stento a crederlo) e quindi le critiche dovrebbero avere un loro solido fondamento. Non altrettanto buone sono le referenze degli USA, dei quali è facile ricordare la catastrofica gestione, in casa loro ed all'interno di un paese civile, dell'uragano Katrina.

Quello che però mi genera dubbi è che la memoria mi fa tornare in mente nomi come Duval, Papa Doc, Aristide, Tonton Macoutes, e tutte le storie di golpi, destituzioni, esili, guerre civili, scioglimenti dell'esercito, occupazioni e barbarie a base di colpi di machete e woodoo che hanno mantenuto Haiti in condizioni di miseria estrema negli ultimi decenni, trasformandolo a lungo in fantasma di stato ed in una sorta di Somalia caraibica.

I dubbi a questo punto sono:
Bertolaso si è reso conto di questa realtà preesistente e l'ha valutata?
Le modalità operative con le quali abbiamo tristemente consetudine come Protezione Civile si possono adattare a tutto ciò?
Era pensabile operare senza un forte supporto militare (Haiti è priva di esercito: è stato disciolto per le continue ingerenze nella vita politica del paese)? E, dall'altro lato, ha senso un simile rapporto tra l'apparato militare e quello assistenziale mobilitati (se i dati che ho trovato sono corretti tra gli stati della zona gli USA hanno inviato 15.000 persone, prevalentemente militari, Cuba 450 medici ed infermieri: approcci diversissimi)? E ha senso che la presenza militare sia garantita da uno stato che è stato parte attiva nel bene e nel male dei disastri precedenti al terremoto?

Saluti

Paolo il dubbioso

Francesca ha detto...

@ PaoloVE

Lo sappiamo bene, NOI che non manchiamo MAI l'appuntamento all'alba.... (beh... l'alba passata da un po'!) con il tenero Milan, che il WSJ dà ragione a Disguido Bertolaso, per la gioia di Feltri, dell'Annunziata, di Authan e un poco anche tua!

http://www.italiaoggi.it/giornali/preview_giornali.asp?id=1641100&codiciTestate=1

Io lo dissi nel mio primissimo post sul tema due giorni fa, che prima di lui anche i giornalisti piovuti sulla disgraziata isola da ogni angolo del globo, avevano denunciato la disorganizzazione totale, la lentezza dei soccorsi, anche se gli aerei cargo atterravano con tonnellate di viveri che poi restavano pero' sotto chiave e sotto sorveglianza.

Il problema è che criticare siam buoni tutti, agire senza puntare il dito e senza fare i primi della classe è un po' diverso.

Perchè il Magnifico Inviato dall'Unto non ha chiesto di incontrare con urgenza la Clinton??
A lei avrebbe parlato da PARI GRADO.

Ho il sospetto che dietro tutto ci sia un'operazione sensazionalismo puramente televisiva con a capo chi non saprei, ma cui pure l'Annunziata si è prestata, non so quanto inconsapevolmente!

Il sottosegretario Bertolaso, grande esperto di CATASTROFI (sempre incombenti) potrebbe pensare, prima di criticare gli ALTRI a come, citando Luca Ricolfi di oggi su LA STAMPA:

"....le tragedie continuino a ripetersi, sul perché non impariamo mai nulla dall’esperienza. Una parte della risposta è tanto ovvia quanto sconfortante: per rimettere in sesto il nostro territorio - case, edifici pubblici, fiumi - ci vorrebbero somme enormi (Bertolaso qualche mese fa azzardò: 25 miliardi), risorse che semplicemente non ci sono."

E ancora:

"Ma i politici che dissipano il denaro pubblico dovrebbero rendersi conto che la festa è finita. Qualsiasi cosa si voglia fare - e rimettere in sesto il territorio è certamente una delle cose da fare - le cosiddette risorse, cioè i quattrini, potranno saltare fuori solo ristrutturando radicalmente la spesa pubblica discrezionale, ossia riducendo gli sprechi. Secondo una stima prudente gli sprechi nella Pubblica Amministrazione ammontano a 80 miliardi di euro l’anno: basterebbe recuperarne un quarto per fare molte delle cose che periodicamente invochiamo."

Per meditare e pensare quanta colpa abbiamo.


http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=6915&ID_sezione=&sezione=

Francesca ha detto...

@ tutti

proprio nemmeno un piccolo complimentuccio... piccolo piccolo.... come piace alle signore anziane..... sul fatto di aver imbroccato il toto-zanzara di Celentano ieri???

:-(((

Francesca ha detto...

@ PaoloVE

....ma il plurale di "golpe"....ehm... non è "golpi"!

Francesca vecia secante!

PaoloVE ha detto...

@ Francesca:

se mi accosti un'altra volta a Feltri ti tolgo il saluto, altro che complimenti! :-)

Sul caso Bertolaso mi ha divertito sentire Cruciani che rivaluta l'importanza che chi riveste un ruolo istituzionale debba comportarsi in modo adeguato. Lo ricordo molto meno assertivo in tal senso in altre occasioni che ricordo con imbarazzo.

Saluti

Paolo istituzionale

Francesca ha detto...

Berlusconi mentre attende il Panama Presidenziale per l'inaugurazione dell'anno giudiziario in Cassazione, pensa bene di intrattenere i presenti con la solita sua BARZELLETTA !!

«Dio è molto preoccupato della situazione sulla terra e decide di mandare di nuovo Gesù sulla Terra per rimettere le cose a posto», ha detto Berlusconi. «Dopo 33 anni si aspetta che il figlio ritorni in Paradiso, ma niente. Passano 40, 60, 80 anni: niente. Poi, cent’anni dopo, sente bussare alla porta, apre e trova un uomo anziano con la barba lunga bianca che gli dice "papà". "Gesù - gli risponde Dio - ma che fine avevi fatto, ti aspetto qui da più di 60 anni". E Gesù risponde: "Papà, sulla terra è tutto cambiato: ora c’è la democrazia, ci sono le tecnologie e poi hanno abolito la pena di morte". "E perché torni dopo 100 anni?". "Ho dovuto scontare l’ergastolo"». (Fonte: Apcom)


Ho paura che stasera la sentiremo alla Zanzara fino allo sfinimento!

ps: posso dire che la sigletta della Pavone fa cagare??

Francesca ha detto...

finalmente una presa di posizione chiara!

http://www.repubblica.it/cronaca/2010/01/29/news/vescovi_immigrati-2118528/

nessuno ha detto...

Bertolaso e il territorio.

Ma perchè non sono esistiti gli ambientalisti e un Bertolaso fin dai tempi degli Assiro-babilonesi, degli Egizi, degli antichi greci e dei romani, degli Atzechi e dei Maia. Tanti tesori architettonici e artistici non sarebbero stati inghiottiti dal mare o seppelliti sotto il letto di fiumi che hanno modificato il loro corso o sotterrati sotto le città moderne, o riassemblati nei musei di Londra, Berlino, Mosca, Vaticano, Parigi e, ultima arrivata, anche New York.
Se penso solo a Napoleone III che ha raso al suolo la Parigi medievale per costruire quella stupida Parigi moderna coi suoi boulevards!
E a Mussolini che ha buttato giù solo un quarto di Roma per fare la via dei Fori Romani!
E a Rutelli che si è rimesso a scavare sotto portando alla luce le varie ville auree.
Ah, se ci fossero stati gli ambientalisti e i Bertolasi.
Tutte quelle meraviglie sarebbero rimaste tutte in piedi ed integre, non come la Villa Adriana ai piedi di Tivoli!

il parlatore del nulla.

nessuno ha detto...

a Francesga delle 13,40 (il plurale di golpe...)
anche se so che non apprezza,
dedico quest'altra mia poesia.

L A L I N G U A I T A L I A N A

Se vieni al bar ti offro un drink
Ci sono i big coi loro bluff.
C’è anche il boss. E’ proprio il Club
del businiss. E’ certo un Clan
Facciamo un break, vuoi un cognac?

Siamo un’equipe da festival.
Mandiamo un fax a quel fast food.
Se metti il film ti scatto un flash.
Giochiamo a golf o facciamo un golpe?

C’è l’handicap di quel by-pass
Ma con il gap di qualche crak,
abbiamo l’hobby di andare groggy.
Poi c’è il garage che è anche un box,
oppure il phon che è dentro al freezer.

Se vuoi un bel diesel faccio un design
con il display e il dépliant.
Vedi il guardrail? L’identikit
di quell’hotel prende il menu
presso il motel.

C’è il marketing Con i mass-media
e la moquette del manager
che è sempre hoff ma anche in,
con i suoi jeens dentro la jeep.

E’ un iceberg, un jumbo jet,
un vero leader, se non un killer,
oppure un master con il suo look.

Ma adesso stop! Qui rischio l’audience.
Voglio un network. Se no è lo stress.
Sarà uno shock!


1 mag. 1992

Francesca ha detto...

@ nessuno

ma in libreria dove trovo i tuoi capolavori? Chi li pubblica?
Mai piu' senza!

nessuno ha detto...

a Francesca

Le librerie non sono all'altezza per ospitarli, mi dispiace.

Francesca ha detto...

@ nessuno

ma nemmeno in Internet?
su IBS?

sai ho un buono-acquist da 200 euro che ho vinto al gioco di RADIO24 della domenica mattina "un mistero in 24 minuti"!

Daniele ha detto...

Intanto ciao a tutti!
E' da un paio di mesi che vi leggo (cosa che faccio decisamente con piu' costanza rispetto all'ascolto del minimizator, anche per ragioni logistiche) e oggi finalmente scrivo anche.
Intanto per ringraziare Authan per l'ottima scelta musicale (brain damage + eclipse, coppia da 100 e lode) e poi per commentare il buon Cruciani.
Premetto che ieri non l'ho sentito, ma mi posso immaginare, grazie al resoconto di Authan, il suo solito zittire chi si indignava per la frase del premier (qui http://www.youtube.com/watch?v=cm8GNvwKeb8 si puo' sentire chiaramente dal 48esimo secondo).
Come al solito il premier ha detto una puttanata e il buon Crux gira la testa dall'altra parte.


ps Il prossimo intervento sara' piu' articolato, intanto diciam che mi sono presentato ;)

nessuno ha detto...

A Frabcesca.
Sì, su Internet sì.
Ma non su IBS, e se il buono vinto vale solo per IBS, non se ne può far niente. Mi ridispiace.

francesco.caroselli ha detto...

@ nessuno
carina la poesia-provocazione sulle parole straniere.
Forse però master è piu latina che straniera, e non metterei fra le altre...
Ma cosa volevi dire?
che c'è un'invasaione incontrollata di parole straniere?
Io sono d'accordo...anche se di certe non saprei come potremmo farne a meno...
jeans, cognac, sono parole che non hanno sinonimi italiani.
Gia per gap drink crack si potrebbe cominciare a parlarne...
ma è vero che in Francia per legge è "proibito" l'uso di parole straniere? (è solo una cazzata da bar?)



B. a RC
Io come al solito mi concentro sulla questione mafie..
Prima però un appunto sulle parole di B e gli immigrati.
Posto che gli immigrati non sono tutti illegali e clandestini, gli altri sono NECESSARI per tenere in piedi il sistema Italia.
Secondo - gli immigrati non faranno mai parte della criminalità organizzata italiana.
Mafia e 'ndrangheta tengono molto al SANGUE. E non per ragioni filosofiche di supremazia di razza, e no. quelli son molto pragmatici.
Per diventare uomo d'onore devi essere presentato da un altro uomo d'onore che garantisce per te.
Si crea un sistema tale che solo chi è affidabile viene affiliato
(loro si che sanno scegliere la classe dirigente)
La Mafia vuole conoscere vita morte e miracoli del "candidato mafioso"... e anche la famiglia del futuro affiliato in modo tale che se si comporta male... se dovesse tradire.. si sappia bene come e con cosa ricattarlo.
Questi disgraziati non hanno niente... non sono ricattabili, non hanno una famiglia che si possa usare per impedirgli di diventare "infami".
Considerazioni semplici che chiunque abbia cervello potrebbe fare.
I giornalisti dovrebbe sapere che non esiste un sol caso di immigrato affiliato alle mafie.
Come direbbe Cruciani di che stiamo parlando?
Gli immigrati clandestini possono far aumentare la micro-criminalità, ma non la "criminalità organizzata"
Se B avesse detto immigrati=piu crimine sarebbe stato semplice populismo cinico e di bassa lega... invece cosi diventa proprio na stronzata...


Aggiungo: Le uniche rivolte popolari contro le mafie sono state fatte proprio dagli immigrati. Se non vogliamo considerare rosarno, possiamo invece annoverare Castelvolturno.
Saviano su Rosarno:
http://www.youtube.com/watch?v=mNQqFNXI2BY

Ora un piccolo discorso (di quelli sui sistemi paoleve-style - almeno ci provo!)
Perchè B. è andato a RC?
Per dare un segnale forte, e far capire che lo stato vuole combattere la mafie
Perchè proprio a rc?
Perchè li qualche giorno fa sono arrivate intimidazioni - bomba e lettere minatorie in procura
Perchè le cosche si stanno innervosendo?
Perchè le confische dei beni si stanno rivelando efficaci con ingentissimi patrimoni sottratti al controllo dei clan
E ALLORA PERCHè MODIFICARE L'INTERO SISTEMA?

Ebbene si parlo delle novità annunciate.
Non hanno senso.
Il sistema stava funzionando. Che senso ha istituire questa fantasmagorica "agenzia centrale per i beni sequestrati"?
Mah

Eppoi questa nuova legge che mette all'asta i beni confiscati è il piu grande favore che si possa fare alle mafie.
Non lo dico io, lo dice l'associazione Libera, che argomenta anche abbastanza bene.
La mafia ha i mezzi e l'interesse a riacquistare i beni confiscati.
In una situazione di crisi, soprattutto al sud dove il potere economico di cosa nostra diventa quasi egemonia, la liquidità per acquistare i beni ce l'ha solo la mafia...



PS-lettura alternativa della bomba di RC.
si sta discutendo della chiusure del porto di Gioia Tauro.
Ovvero la porta da cui entra piu del'80% della Coca in Italia.
Mi pare normale che le 'ndrine non siano felicissime!

francesco.caroselli ha detto...

benvenuto daniele
ma per poter scrivere qui ci devi lasciare numm di carta di credto e codice segreto.
ovviamente
:-)

Daniele ha detto...

acc francesco siete esigenti :D

peccato, mi sembrava un blog interessante e mi tocca abbandonarlo subito...

nessuno ha detto...

La magistratura ISTITUZIONE o ORDINE?
Chi mi sa rispondere?
De Magistris, quando si è dimesso dalla magistratura si è dimesso dall'ORDINE della magistratura (andare a vedere il documento dell'accettazione delle dimissioni da parte del CSM).
All'inaugurazione odierna dell'anno giudiziario (ci dovrebbe essere anche quella del decennio e quella del centenario, vista la lentezza con cui la magistratura procede) il procuratore generale (dovrei usare le maiuscole?) della Cassazione Vitaliano Esposito dice:"...spirale delle tensioni non solo tra le parti politiche ma anche tra istituzioni" e ancora: "...quanti appartengono all'istituzione giudiziaria".
Si può sapere cosa è questa magistratura? E' un ORDINE come la chiama il CSM o è una ISTITUZIONE come dice il procuratore generale della Cassazione? La sacra Costituzione lo stabilisce?
La Corte Costituzionale si è pronunciata in merito?

Il curiosone rompib

a Francescocaroselli.
Vedo che ne hai fatto un'attenta esgesi ma, sai, l'ho scritta 18 anni fa.
E l'ho messa giù un po' all'ingrosso (ed anche in pochi minuti).
L'ho ritirata fuori per Francesca perché aveva chiesto (scherzosamente) a PaoloVe qual'è il plurale di golpe. Golpi?...
Mi sono spiegato?
Ciao.

nessuno ha detto...

a francesco caroselli

Dimenticavo.
Sono quasi certo che in latino non esista la parola master.
Esiste mater, magister (da cui anche magistrato) ma non master.
In verità non so che lingua sia, ma è una parola usata da tutti, probabilmente non solo non sapendo che lingua sia, come sembra accada anche a te, ma nemmeno cosa significhi.
Ma fa parte dell lingua italiana come di quella greca, egiziana, spagnola e, forse, anche araba d'Arabia.
E' la globalizzazione.

Daniele ha detto...

nessuno, master e' inglese

Jeeves ha detto...

Ultim'ora dall'Abruzzo, Berlusconi ha annunciato che Bertolaso verrà fatto ministro (di cosa per adesso non si sa)
Penso che alla zanzara di stasera si parlerà anche di questo.

riccioberto ha detto...

Ciao, questo è il mio primo commento su questo blog. Salto i complimenti di rito, dico solo che vedrei benissimo Autan al posto di Cruciani, la Zanzara ne guadagnerebbe in intelligenza ed equilibrio. Ma tant'è... Magari se Cruciani se ne va in Mediaset come dice Travaglio...
Volevo dire, a chiosa della discussione sull'origine della parola master, che è sì inglese, ma viene dritta dritta dal latino magister attraverso il franco-normanno. Tanto per mettere le i sotto i puntini.

francesco.caroselli ha detto...

@ nessuno
chiedere se la magistratura sia ordine o istituzione è la classica domanda che non riesco a capire.
Voglio dire, a che serve saperlo?
Forse potrebbe essere tutte e due le cose...
E' sicuramente un'istituzione dello stato, ma essendo composta da vari "livelli" di competenza è anche "ordinata" in maniera complessa... e quindi è un ordina (l'ho buttata la...)


Ma che mi dici sul discorso che ho fatto mafia-sequestri.
immigrati-impossibile che diventino mafiosi... etc...?

Sulle indagini che durano tanto hai ragione... ma non penso che il processo breve migliorerà le cose (avere giustizia)

Di De Magistris ho letto quasi tutto quel che c'era da leggere. ,ma l'accettazione delle dimissioni no.
So solo che il processo disciplinare a cui fu sottoposto fu illegale e illegittimo.
Se avesse fatto ricorso al TAR - probabilmente - sarebbe stato reintegrato - come è successo alla Forleo.

PS

francesco.caroselli ha detto...

Benvenuti a rioccioberto e jeeves

Dopo che politicamente bertolaso ha fatto la sua prima stronzata è pronto per essere ministro...

francesco.caroselli ha detto...

Bill gates
mi fa impazzire.

Prima se la prende con B che non rispetta le promesse di donare soldi per i paesi sottosviluppati.


e poi difende la censura cinese.

mah




Ieri notte su rai2 c'è stato uno spettacolo di giobbe covatta sull'africa.
risate e pensieri...
dopo le 24 of course
Ogni giorni muoiono 33.000 bambini.
di fame
ogni giorno
10 torri genelle al giorno
10 11 settembre al giorno
ogni giorno

francesco.caroselli ha detto...

link del giorno

www.antimafiaduemila.com/

le mafie sono un problema di tutti

Jeeves ha detto...

@francesco.caroselli

grazie per il benvenuto

a parer mio le dichiarazioni di Bertolaso da Haiti non furono del tutto spontanee;
penso che le sue parole fossero concordate con Mr B.
L'occasione è stata sfruttata a puro uso interno (anche a costo di fare una figuraccia con gli Americani), parlar male di come sia gestito il terremoto ad Haiti equivale a ripetere di come siamo stati bravi a gestirlo in Abruzzo(Oggi Berlusconi ha parlato di miracolo!!!).
Potrei sbagliarmi, ma gli ultimi sviluppi con la "promozione" di Bertolaso rischiano di togliermi anche i pochi dubbi che avevo.

nessuno ha detto...

a francescocaroselli
Immagino che sarai d'accordo con me sul fatto che la mia domanda su ordine e istituzione sia la classica domanda che TU non capisci, è una circostanza per me assolutamente irrilevante.
L'art. 104 della Costituzione definisce quello giudiziario un ORDINE autonomo.
Io considero ISTITUZIONI gli organi dello Stato a valenza politica, ma da una veloce lettura qua e là della Costituzione non ho riscontrato il termine ISTITUZIONE.
Tuttavia tutti parlano di istituzioni e di POTERI dello Stato.
Secondo me in uno Stato giuridico-bizantino come il nostro, differenze tra le tre parole dovrebbero esistere. Poi c'è chi preferisce la confusione delle lingue e dei concetti.

De Magistris ha chiesto le dimissioni dall'ordine giudiziario in data 1 ott. 2009 ed il CSM le ha accolte, sempre dall'ordine giudiziario, in data 19 nov. Vai al sito CSM Dimissioni De Magistris.

Il problema della mafia che appassiona te, non appassiona me.
E' un'istituzione (sic) antichissima che probabilmente non accetta di assoldare gli immigrati in quanto autosufficiente.
Affari suoi.
Non perchè non siano affari di tutti, ma se tu abiti da quelle parti, puoi fare molto di più (a favore o contro) di altri che vivono lontani e devono pensare ai problemi loro.
Saluti

Francesca ha detto...

@ francesco caroselli

ho visto il programma di Giobbe.
e proprio di recente, proprio perchè ho piena fiducia nell'onestà di Covatta, ho sottoscritto un impegno triennale di adozione a distanza con l'associazione di cui è testimonial, l'AMREF.
la foto della bimba di Malindi che mi hanno "assegnato" è sul mio comodino.
Ogni sera io e Greta ci avviciniamo a Naomi Kahindi Charo, sfioriamo con le dita i suoi grandi occhi neri e le mandiamo il nostro buonanotte.

Mi fa star male pensando alla piu' grande ingiustizia della storia, l'Occidente ricco e sprecone, sempre con la pancia piena, egoista e razzista, che ha depredato il Terzo Mondo e ora gli lascia le briciole che cadono dalla propria tavola sempre imbandita.

Francesca ha detto...

Ciao Jeeves

anch'io ho pensato subito a un fine utilitaristico nel montare ad arte un incidente diplomatico.
Per Bertolaso, che se ha un minimo di dignità si sarà sputato addosso guardandosi allo specchio, alla fine la ricompensa di un posto da ministro deve avergli fatto trovare tutte le energie necessarie a recitare la parte assegnatagli.

Berlusconi mandante, come nel caso del killeraggio a mezzo stampa, con precisi ordini impartiti ai direttori degli house organs, contro direttori ostili o avversare politici, e volgare trafficone come nel caso Marrazzo.... assolutamente possibile!

Jeeves ha detto...

Ciao Francesca

Ti ricordi le dichiarazioni della disonorevole Santanchè sull presunto amante di Veronica Lario?
Quelle sembra che avranno come premio un sottosegretariato..

Francesca ha detto...

Eccome no?
Disgustosa! Lei che si vantava di non averla mai data e bollava il cavaliere di Hardcore con epiteti vari ne è diventata l'avvocato difensore accusando con violenza inaudita la povera Veronica.
Che donnaccia da poco.... eppure viene premiata!

Del resto, se consideriamo la disinvoltura con cui colui che si professa portatore di Amore, oggi a L'Aquila non perde occasione per condannare, ancora una volta, "troppi giornali" che a suo parere fomentano sentimenti negativi: "Gli italiani sono brave persone che si vogliono bene, quando riusciamo a volerci bene facciamo cose straordinarie, e non quello che leggiamo in troppi giornali, fabbriche di invidia sociale e di odio".

E dàlli con le fabbriche dell'odio!
Ma è lui che le ha fondate e le fa lavorare a ciclo continuo!

Cruciani questo non lo ha fatto sentire, solo la sviolinata immonda che garbava a lui!

SERVO!

Jeeves ha detto...

@Francesca

“Uno studio corrente dice che la media del pubblico italiano rappresenta l’evoluzione mentale di un ragazzo che fa la seconda media e che non sta nemmeno seduto nei primi banchi”

Sai di chi sono queste parole?

Di Sivio Berlusconi nel 2004.

I suoi discorsi sono costruiti in modo tale da fare presa su un elettorato che lui considera composto da "ragazzi di seconda media" :-(

francesco.caroselli ha detto...

@ nessuno
Le dimissioni di De Magistris sono l'ultimo atto di una storia molto piu lunga, e che se troverai voglia di indagare scoprirai una fittissima rete di "amici"... trasversali...
Storiaccie veramente brutte.
Non ti concentrare su Why Not.
Buttati su Toghe Lucane.
Ne vale la pena...

Sulla Mafia
E' un vero peccato che la mafia sia un argomento che non ti appassiona...
sbagli però a dire che non riguarda te.
Dove vivi?
In Svizzera?
Non ci sono regioni immuni dalle infiltrazioni.
La mafia è un cancro, e visto che non è mai stata sconfitta del tutto ora le METASTASI stanno attecchendo anche sopra napoli... Emilia Lombardia e Lazio sono praticamente dei fuedi.. ma non tarderà a ragiungere anche le altre regioni...
Basta far finta che non sia un problema comune... basta far finta che non esiste...
MMM Ma di dove sei?
Trentino? o val d'aosta? fors sono le uniche che si potranno salvare...
Cmq la storia della mafia è piu che interessante... è attuale.
Se hai un po di tempo ti potrei consigliare qualcosa..
è storia d'Italia volente o nolente...
anzi la storia della Mafia tante e troppe volte ha condizionato e pesato sulla vita e sulla Storia dell'Italia-




@jeeves
Il tuo esordio su questo blog è molto arguto, e la possibilità che la querelle bertolaso-usa sia andata come dici tu è plausibile.

francesco.caroselli ha detto...

visto che ci siamo invito tutti a diventare parte del popolo delle agende rosse...
non vorrei offendere Authan, che magari potrebbe pensare che sto facendo "proselitismo politico".
Anche perchè lui sa benissimo che "sponsorizzo" il sito Salvatore Borsellino da molto tempo.

Scprite cos'è questo moviemnto e poi se vi interessa iscivitevi...
http://www.19luglio1992.com/index.php?option=com_content&view=article&id=2425:form&catid=40:manifestazioni


(so gia che da questo blog qualcuno aderirà...)

nessuno ha detto...

a Francescocaroselli

carissimo, tu mi rendi sempre difficile e tortuoso il dialogo.

Per quanto riguarda De Magistris, non mi interessa la sua storia.
L'ho citato solo perché si è dimesso dall'ORDINE giudiziario e non dall'ISTITUZIONE della Magistratura che secondo me, Costituzione alla mano, non esiste. Ed a maggior ragione non esiste il POTERE della magistratura. Spero di essermi spiegato. Il caso De Magistris per me era solo strumentale alla dimostrazione di questa tesi, punto.

Quanto alla mafia, ndrangheta e camorra, lo so che fanno parte della Storia, non della Storia d'Italia ma della Storia del Regno delle due Sicilie. Infatti l'ho definita un'ISTITUZIONE, quella sì. Anche se invade altre parti d'Italia come ha già fatto anche per altre parti del mondo, resterà sempre un POTERE nell'ex regno delle due Sicilie, gestito da gente dell'ex regno delle due Sicilie. Gente, non fantasmi, gente che vive gomito a gomito con te, e tu lo sai. Chi ha voglia di combatterla deve farlo sul posto mettendo a rischio sé stesso e la propria famiglia. Non c'è bisogno che te lo dica io. Ergo, sei liberissimo di fare l'eroe con le tue agende rosse. Hai la vita davanti. Auguri.
E sai anche che c'è poco da aspettarsi da persone di Varese o di Bergamo come Maroni. Tanto meno da don Ciotti che da Torino con la sua Libera viene giù a papparsi tutti i beni confiscati possibili, che, a rigore, dovrebbero essere restituiti a coloro cui sono stati estorti. Ma don Ciotti da Salerno in giù imperversa, per portarsi a Torino quanto gli è possibile.

PS Ti prego, non mi rispondere. Io so come la pensi tu e tu sai come la penso io e non la penseremo mai allo stesso modo. Non voglio passare la vita a confrontarmi con te e col tuo proselitismo.

nessuno ha detto...

Pensierino del mattino.

Qualche giorno fa Prodi su Repubblica si chiedeva chi comanda nel PD (visto che non conamda lui?).
Giuseppe Prezzolini negli anni sessanta gli avrebbe risposto: "In Italia nessuno comanda, tutti si impongono".

francesco.caroselli ha detto...

@ Nessuno

Mi dispiace non poterti non rispondere.
Finchè si parla di proselitismo ok, ma sul potere giudiziario scusa ma DEVO.

il potere delle magistratura non esiste?
Ma che vuoi dire?
Che il suo potere non c'è?
Che in Italia non viene esercitato fino in fondo?
Non ci dovrebbe essere perchè non è scritto nella Costituzione?
Scusa ma non capisco.

L'ordine della magistratura è (o rappresenta?) il potere giudiziario.

Nello stato di diritto (basato sulla separazione dei poteri), come il nostro, il potere giudiziario è incarnato nell'ordine giudiziario.

Il giudice è soggetto soltanto alla legge.

Questo fu ipotizzato già dai tempi di Platone (nella Repubblica) ma fu delineato piu dettagliatamente da Montesquieu.


Sulla Mafia
E no, la mafia ha influito pesantemente sulla Storia d'Italia.
Portella della Ginestra.
Ti dice niente?
Questi son un paio di video:

http://www.youtube.com/watch?v=XIcv599AMBk

http://www.youtube.com/watch?v=q1ZorQeP_m8

(Forse i video non son graditi?)
E che forse sarebbe mai potuto diventare 7 volte PdC se non fosse stato sostenuto dai fratelli Salvo e da Lima? Se non avesse incontrato Bontate e gli esecutori dell'omicidio di Mattarella Andreotti sarebbe stato cosi potente? Domande che per me hanno risposta, ovvia.


PS- ma se non ci rispondiamo.. a che serve parlare? a che serve comunicare?
Perchè dovremmo scrivere?
non è mica un diario personal.... è come una piazza che Authan rende disponibile per farci confrontare...

nessuno ha detto...

a francescocaroselli.
Per te "l'ordine giudiziario rappresnta il potere giudiziario".
Intanto abbiamo tolto di mezzo l'espressione "istituzione" giudiziaria. Per quel che mi ricordo il termine "istituzione" è stato introdotto negli anni '80 dal Presidente Cossiga che non volendo parlare della necessità di riforme "costituzionali" ha cominciato a parlare di necessità di "riforme istituzionali". (Da notare che da allora ad ora in fatto di riforme nulla è mutato, e son passati i primi 40 anni). Infatti, nella Costituzione del 1948 il termine "istituzione" non è contemplato. Resta da vedere se nella Costituzione esiste il termine "potere". Se non c'è, come penso, anche parlare di "potere" è anticostituzionale. Quanto afferma a proposito di "poteri" Montesquieu di cui sento sempre parlare, (ma la Costituzione non fa nemmeno riferimenti a Montesquieu) cercherò di appurarlo personalmente.
A corollario di quanto sopra ti dirò che la magistratura italiana mi fa ribrezzo e, in definitiva, anche adesso che scrivo, ne ho paura, più che della mafia.

E veniamo alla mafia che costituisce, a quanto credo di capire, la tua ossessione.
Per me è una "istituzione del regno delle due Sicilie ex e postunificazione consolidata malgrado non sia contemplata nella Costituzione del 1948" ed i riferimenti che mi citi ne sono la dimostrazione.

Secondo me, invece di perdere tempo dietro a me, dovresti scrivere un libro come Saviano. Avresti denaro, fama e gloria ed anche la scorta. Dài, forza. Che ci vuole? Hai tanto materiale, tra link (o links) e video! Dovrai parlare dell'Aspromonte, che ti è vicino, ma non come Corrado Alvaro, chiudendo gli occhi.

Buona domenica.

francesco.caroselli ha detto...

nessuno
io ci provo a non arrabiarmi ma tu a volte sragioni

Saviano fa una vita d'inferno
E la fama non mi interessa, non interessava nemmeno a lui...
ora praticamente è l'unica cosa che gli è rimasta ....bell'affare!
Guardati qualche video di Saviano. Io li trovo eccezionali, i migliori momenti di TV, trasmessi nell'ultimo decennio


Non posso scrivere libri sulla mafia.
Tutto quel che so lo apprendo da altri, non per conoscenza diritta. Cosa potrei aggiungere a quel che gia si sa?
Niente


Saviano invece ha vissuto sulla sua pelle quel che ha scritto su gomorra. rischiando personalemte.



Se ti fa piu paura la magistratura che la mafia...beh a mio modo di vedere sei completamente fuori strada.
Non siamo mica in america!
Li i processi son veloci... ma anche sommari a volte.
Qui siamo in uno stato ipergarantista e ne sono felice. Meglio 100 colpevoli fuori che 1 un innocente dentro


Non conosco le parole di Cossiga che citi, ma di cossiga penso tutto il male possibile


L'ordine giudiziario è il potere giudiziario
separazione dei poteri
costituzione moderna
stato di diritto
qualche link
http://it.wikipedia.org/wiki/Separazione_dei_poteri
http://it.wikipedia.org/wiki/Stato_di_diritto

Francesca ha detto...

@ grazie Francesco Caroselli
so che ti riferisci a me!
io sono stata come sai al gazebo delle Agende rosse durante il NO-B Day del 5 dicembre a Roma.
Ho il mio bravo libriccino (10 euri) e cerco nel mio piccolo di diffondere il suo significato!

Francesca ha detto...

http://www.corriere.it/politica/10_gennaio_30/garibaldi-claudio-ricci_24c422aa-0d6b-11df-829b-00144f02aabe.shtml



Berlusconi ha scartato questo candidato perche' non ha esattamente il fisico e il look della bisogna per fare il governatore del PDL.....MA QUELLO SGORBIO RIGOLETTO DI BRUNETTA A SINDACO DI VENEZIA INVECE VA BENE PER FARE BELLA FIGURA????

Bossi ha già candidamente dichiarato che il premier gli ha consigliato la tinta ai capelli grigi!

A quando il trapianto per Angelino-Jolie Alfano????

E son problemi eh?!?

Intanto visto che da noi non c'è allarme sociale .... un operaio senza lavoro da due mesi nella bergamasca (Zingonia) si è dato fuoco per strada, ora è gravissimo in ospedale.
Magari è uno dei tanti che votava sinsitra e che è passato alla Lega.....

francesco.caroselli ha detto...

come piove qui..
speriamo non se ne venga giu una parte di regione..

a francesca.
Non so il 5 dicembre cosa distribuivano...
io ho scaricato gratuitamente l'agenda rossa dal sito
19luglio1992.com
e poi ho aderito , sempre gratuitamente, al popolo delle agende rosse...
Ma per cosa hai pagato scusa?
cmq ti rinnovo l'invito a iscriverti.
basta mettere nome cognome ed email.


Cara francesca non userei insulti a Brunetta per la sua statura, altrimenti rientri nel popolo dell'odio.
Eppoi se vuoi insultare brunetta puoi pure farlo... ma per i suoi comportamenti che sono SOLO SUA responsabilità.... l'altezzaa e il genoma non se 'è mica scelto lui...


Brunetta si merita l'indulgenza del Premier per i suoi trascorsi da assistente di Craxi.
e perchè le sparate brunettiane fanno sembrare le sue un po meno grosse.


PS. iscriviti!
:-)

nessuno ha detto...

a francescocaroselli
Non so se si è capito che io NON la penso come te (e come quelli che la pensano come te, ma la Costituzione mi riconosce la libertà di pensiero).

La querelle era sui termini: ORDINE, ISTITUZIONE, POTERE, le ultime due secondo me abusivamente attribuite alla funzione giudiziaria che è un ORDINE.

Citi Montesquieu.

Montesquieu nel suo "Spirito delle leggi" pubblicato nel 1778, 11 anni prima della Rivoluzione Francese, parlerebbe di tre poteri in relazione alle funzioni legislativa attribuita ai nobili, esecutiva attrbuita al monarca
e giudiziaria che definisce "nulla"
(forse intesa come neutra) attribuita a giudici tratti dal popolo.

Io ritengo che chi fa riferimenti a Montesquieu lo faccia pappagallescamente. E' già troppo se ha letto Wikepedia, come me.

Ma andiamo alla nostra Costituzione.
Il termine ISTITUZIONE non lo si trova MAI.
L'art. 21 parla di "autorità" giudiziaria.
Il termine POTERE è presente solo all'art. 61: "finché non siano riunite le nuove Camere sono prorogati i poteri della precedente".

Gli artt. 70 e 76 fanno riferimento alla "funzione" legislativa.

Gli artt. 86, 90 e 91 contemplano "funzioni" del Presidente della Repubblica.

L'art. 102 parla di "funzione" giurisdizionale esercitata dai magistrati e l'art. 104, come già ti ho detto, di "ordine" autonomo della magistratura.

Seguono il Titolo VI che riguarda Regioni, Province e Comuni e le norme transitorie.

A questo punto, fai tu. Rileggitela e se ho sbagliato, citando gli articoli sfuggitimi, correggimi.

Per me, Costituzione alla mano, non esistono ISTITUZIONI E POTERI dello Stato, ma solo suoi ORGANI E ORDINI.

Quanto al fatto che non intendi scrivere alcun libro come Saviano, ti capisco, ah, come ti capisco!
Secondo me il problema delle mafie che sono ISTITUZIONI meridionali, deve essere risolto dai meridinali che ne sono semplicemente incapaci.
Ma è inutile e assurdo che con la motivazione che è problema nazionale debbano essaere aiutati da quelli di Bergamo, Udine o Varese.
E lo dico da meridinale che è dovuto emigrare al nord.
Al nord son tutti leghisti, anche quelli che votano Rifondazione Comunista o frequentano i Centri Sociali.

Bay.

Francesca ha detto...

TOTO-ZANZARA in anticipo per lunedi!

RADIO LONDRA "alla carriera"
per GIORGIO BOCCA
per l'apparizione da Fazio e dopo l'intervista concessa a LA STAMPA a Gramellini dopo l'uscita del libro ANNUS HORRIBILIS..... indivinate di cosa parla???

francesco.caroselli ha detto...

Nessuno

Ma quindi il punto dov'è?
Che secondo te la costituzione non prevede la separazione dei poteri?
La costituzione non ipotizza l'esistenza dei tre poteri?
Continuo a non capire.
Tutta la costituzione ha quest'impronta.
Non lo dico io, ma chi studia diritto.
Lo stato di diritto si differenzia dagli stati "antichi" perchè le persone sono cittadini, non piu sudditi.
La separazione dei tre poteri dello stato si ritrova in tutta la costituzione.
Anche se non viene mai citata la parola potere!
I tre poteri devono sempre rimanere separati altrimenti bye bye stato di diritto.

...e non ho capito dov'è il problema.
Secondo te il potere giudiziario non è un potere?
O non dovrebbe esserlo?
Spiegati.
Cmq grazie a te mi sono riletto qualcosa della costituzione, e ho trovato un articolo interessante:

art. 13. La libertà personale è inviolabile.
Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dell'autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge.

Ok non parla di potere, ma parla di autorità giudiziaria...
ma
autorità = persona o ente investito di una carica pubblica o di potere legittimo

Effettivamente chi puo privare della libertà una persona ha un bel po di potere...




Sulla Mafia.
Io dico solo che combattere la Mafia dovrebbe essere nell'interesse di tutti i cittadini italiani.
Se non si sconfigge una volta per tutte la mafia si diffonde (vedi Emilia, Fondi o Milano)
Persino i leghisti dovrebbero capirlo.
I terroni meriionali hanno la testa troppo schiacciata sotto la suola della mafia per riuscire a ribellarsi...e quelli che ci provano sono cosi isolati che diventano semplice bersaglio da eliminare.
Per fortuna ora c'è Internet che può aiutare a tenere uniti "gli uomini di buona volontà".
(saresti interessato a qualche link di video di Paolo Borsellino? Sono abbastanza illuminanti )
(che bello internet - posso mostrarti video e posso in clic trovare la costituzione e rileggerla... pazzzesco!)

Ora dimmi se discutere come stiamo facendo non è costruttivo... a me piace, sento che mi fa crescere.... poi ovviamente si puo rimare della propria idea, ma cmq mi sono arricchito parlando con te

Francesca ha detto...

Ciao Francesco Caroselli,

sabato sono stata a Varese al concentramento del gruppo che ha organizzato la manifestazione in difesa della Costituzione.
Che bello!
Con il megafono davanti al naso e il mio bravo libretto delle medie di una vecchissima edizione ho letto qualche articolo, riletto piu' volte l'articolo 3 e anche l'articolo 12, visto che siamo nella capitale di quella fantastica terra inventata come Padania che si vanta di avere pure un vessillo:
"La bandiera della Repubblica è il TRI-CO-LO-RE italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni"!

Comunque di una tristezza infinita vedere i passanti distratti che, scansandoci, rifiutavano persino il volantino, per non parlare dei giovani adolescenti che cercavamo di avvicinare per chiedere se almeno sapessero dell'esistenza della Costituzione.... e che rispondevano da beoti totali, se non insultandoci!

nessuno ha detto...

a francescocaroselli

Secondo me, ai magistrati, dei quali dal punto di vista umano. presi ad uno ad uno e tutti in blocco, ho una pessima opinione, l'idea di essere un potere dà alla testa e ne fa una casta che vuole imporre un predominio sui cittadini comuni e sugli altri Organi dello Stato.
In una intervista di ieri, un magistrato uscito dalla cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario ha parlato "di confronto col governo da cui uscire VINCENTI"
Questo senza nemmeno conoscere la Costituzione che citano ad ogni piè sospinto.
Per cui per me, parlare di POTERI non previsti dalla Costituzione è fuorviante, anticostituzionale e fascista. Infatti quando fu scritta la Costituzione, gran parte dei suoi estensori usciva dalla cultura fascista coi suoi Littoriali, in primis lo studioso di Diritto Aldo Moro.
Il 22 aprile 1992 Giuliano Amato alla vigilia delle dimissioni del proprio governo durato come una gravidanza nove mesi (lo seguirà Ciampi), nel corso del suo discorso alla Camera dichiara: "E' la fine di un regime. A seguito del referendum muore, dopo 70 anni (partva dal 1922), quel modello di Partito-Stato che fu introdotto in Italia dal fascismo e che la Repubblica aveva ereditato limitandosi a trasformare un singolare in un plurale".
E' l'unica verità che un politico italiano abbia detto negli ultimi 65 anni.
Io credo che quel modello di Partito-Stato non si sia esaurito col referendum dell'aprile 1992, credo che al plurale continui tuttora a sopravvivere, dopo 90 anni, in tutti i Partiti-Stato che ci ritroviamo, compreso quello di Vendola, e che sopravviva anche nelle caste tipo sindacato e magistratura.
Siccome sono antifascista come Fini, sono contro il termine POTERE.
Per me ci sono ORGANI DEMOCRATICI dello Stato che svolgono FUNZIONI.
Chi poi usa il termine ISTITUZIONI è semplicemente ignorante degli articoli della Costituzione, a cominciare dal procuratore generale della Cassazione che ha aperto l'hanno giudiziario.

Mafia.
Tu affermi:
"I terroni meriionali hanno la testa troppo schiacciata sotto la suola della mafia per riuscire a ribellarsi...e quelli che ci provano sono cosi isolati che diventano semplice bersaglio da
eliminare."
E' la conferma di quanto sostengo io. I meridionali NON sono capaci di ribellarsi, e al bar i non mafiosi prendono il caffè con i mafiosi. Non vogliono rischiare perché hanno paura di fare la fine di Impastato.
Se sono paurosi di rischiare in prima persona, si aspettano che gli cavino le castagne dal fuoco quelli della Val d'Aosta?
E' semplicemente folle.

E adesso veramente basta.
A me piace insegnare ai ragazzi, ma con te ho l'impressione solo di perdere del tempo.

Ciao.

Francesca ha detto...

http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/10_gennaio_31/blocco-traffico-multato-ciclista-1602380195625.shtml


hihihihiiihhhiii!!!
Il ciclista multato ieri dai solerti e zelanti ghisa de Milàn è nientepopodimenoche che uno di RADIO24!

PaoloVE ha detto...

@ nessuno:

sulla polemica potere / istituzione della magistratura cito vagamente un film:

nella costituzione non è citato, ma in bagno ci andiamo tutti lo stesso. Senza che sia abusivo o illecito.

Questo per dire che mi pare tu stia montando una polemica assolutamente poco fondata.

In Italia lo Stato si è dato attraverso la Costituzione una struttura che divide i cosiddetti poteri giudiziario, legisaltivo ed esecutivo, separazione ottenute definendo le prerogative e le funzioni di Parlamento, Governo e Giudici.
Al di là dei sofismi ai giudici (che aderiscono all' ordine della Magistratura) sono chiaramente delegate dalla Costituzione le prerogative e le funzioni che vanno sotto il nome di potere giudiziario.

Il resto sono bizantinismi, e discutervi su mi ricorda certe discussioni sul sesso degli angeli: potranno essere dottissime, ma sono sicuramente inutili.

Saluti

Paolo Ditmo

nessuno ha detto...

a PaoloVe.
Ciao.
Secondo i miei sofismi, hai ragione quando parli di: "cosiddetti" POTERI.
Infatti anche per me sono "cosddetti".
E, sempre secondo i miei sofismi, sono "cosiddetti" o "detti così" come preferisci, da CHI, invece di esercitare una FUNZIONE vuole esercitare un POTERE, (ed anche da CHI preferisce essere soggetto ad un POTERE pitttosto che essere amministrato).
In altre parole, questo "CHI" che sarebbe la magistratura, si è autoattribuito il termine di POTERE non previsto in Costituzione per acquistare POTENZA, ovverossia POTERE.
E tutti ad assentire.
Pensa quanti passi avanti ha fatto questa categoria di persone che va anche lei nel bagno dai tempi di Montesquieu (e cioé negli ultimi 200 anni) che la voleva tratta dal popolo, mentre la funzione legislativa doveva essere esercitata dai Nobili!

Tutto qui.

Buona giornata.

PaoloVE ha detto...

@ nessuno:

non proseguirò oltre la dottissima disquisizione, ma credo si parli di "poteri", oltre che per mantenere i termini già usati in tutta la teorizzazione risalente ancora ai tempi della Grecia antica e successivamente all'illuminismo, semplicemente perchè per fortuna non tutti possono (=hanno il potere di) legiferare, piuttosto che governare piuttosto che giudicare...

Al di là del fatto che uno voglia interpretare la propria funzione come un servizio piuttosto che come una imposizione.

Troverei più inquietante se i magistrati, invece di definirsi apparteneti ad un ordine, amassero ricordare che sono affidatari di un potere (c'è già chi ogni due per tre ci ricrda che "Il mio Potere viene dal popolo!", neanche fosse un gormito!... :-)

Saluti

Paolo

nessuno ha detto...

a PaoloVe.
Partiamo dalle tue parole:
"Al di là del fatto che uno voglia interpretare la propria funzione come un servizio piuttosto che come una imposizione.

Troverei più inquietante se i magistrati, invece di definirsi apparteneti ad un ordine, amassero ricordare che sono affidatari di un potere (c'è già chi ogni due per tre ci ricrda che "Il mio Potere viene dal popolo!", neanche fosse un gormito!..."

Gormito. Sono andato a cercarlo sul vocabolario senza trovarlo. Cosa significa?

Ma allora la magistratura non è più uno dei tre poteri?
Di cosa stiamo parlando?

Di poteri ce ne sono tanti, fin dai tempi dell'antica Grecia ed anche prima.

Attualmente, dalle nostre parti, si parla di: a)potere alla fantasia di sessantottina memoria;
potere dei baroni universitari e/o della medicina; c) potere della mafia; d) potere economico-finanziario; potere dei "preti". Il nostro Risorgimento ha lottato anche contro il Potere Temporale della Chiesa. E si potrebbe continuare.
Ergo, io non nego che i poteri esistano, poteri che al tempo di Montesqieu erano concentrati nel Monarca.
Io conduco questa mia microscopica iniziativa contro coloro - ed includo la magistratura - che usano questo termine per abusare dei significati che contiene sul piano pratico del loro lavoro quotidiano.
E per far ciò comincio col demolire la parola stessa POTERE che secondo me non dovrebbe esistere nell'uso del linguaggio comune, politico, giornalistico ecc. ecc. così come non esiste nella Costituzione.
Soprattutto non dovrebbe essere usata a proposito della magistrtura che dovrebbe essere definita, come lo è, un ORDINE che espleta la funzione giudiziaria.
Ma chissà quanti Congressi hanno celebrato nei decenni per cucirsi addosoo quel termine!
E non ho nessuna difficoltà a contestare chi ne rivendica l'origine che gli discenderebbe dal popolo, come il monarca lo faceva discendere da Dio, come i magistrati lo fanno discendere, mentendo, dalla Costituzione o, in secondsa istanza, come usano dire loro, da Montesqieu.

Cordiali saluti.

francesco.caroselli ha detto...

nessuno
... eio che pensavo di essere supponente e presuntuoso...
mi inchino a sua maestà!

"ritengo che chi fa riferimenti a Montesquieu lo faccia pappagallescamente. E' già troppo se ha letto Wikepedia"

(posso parlare del sistema eliocentrico anche senza aver lettoDe revolutionibus orbium coelestium. allo stesso modo posso parlare della divisione dei poteri anche senza aver letto Montesquie)

ma il massimo è questo:

"A me piace insegnare ai ragazzi, ma con te ho l'impressione solo di perdere del tempo."


Vebbè io continuo lo stesso.

art. 13. La libertà personale è inviolabile.
Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dell'autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge.

NOTA BENE
nella costituzione si usa la parola autorità giudiziaria
autorità = potere di prendere provvedimenti vincolanti per i destinatari OPPURE persona o ente investito di una carica pubblica o di potere legittimo

E IO SONO FELICE CHE ESISTA IL POTERE GIUDIZIARIO ALTRIMENTI SAREBBE IL FAR WEST

Altrimenti vigerebbe la legge del piu forte, la legge del prepotente... invece c'è la legge che deve essere rispettata.
La legge è uguale per tutti e questa regola ci protegge

Non sono i magistrati che se lo invantano per darsi delle arie.

E cmq il potere esiste da sempre.
La magistratura segue delle regole democratiche

Il potere esiste e la costituzione serve per "limitare" questi potere.. per dargli un ordine.


Si dice "ordine della magistratura" perchè il giudice non può fare quel cazzo che gli pare.
Ci sono delle regole, non solo fra i vari poteri, ma anche all'interno della magistratura, tutto ciò per garantire che il magistrato impazzito posso mettere in galera chiunque gli capiti a tiro.