lunedì 22 febbraio 2010

Le vie dello squallore sono infinite

Poche idee, oggi, ma confuse. Potrei fare un post sulla solita incoerenza di Giuseppe Cruciani, il quale solitamente rifugge e biasima le basse insinuazioni, tranne – e in quel caso partono gli osanna - quando a proporle è qualcuno che lui stima (diciamo Barbara Palombelli) e subirle è qualcuno o qualcosa che lui odia profondamente (il quotidiano Repubblica, il suo direttore e il fondatore). Ma il tutto - sia le parole della sig.ra Rutelli che la reazione del Crux - è talmente triste da farmi passare la voglia. Per citare un'espressione adoperata in un diverso contesto, oggi sul Giornale, da un Marcello Veneziani particolarmente catastrofista (un altro che vede i tappi lì lì per saltare, da leggere), “le vie dello squallore sono infinite”.

Potrei, allora, se non fosse che non ne posso più di Berlusconi (il solo pensare a lui mi dà la nausea, figuriamoci scriverne) buttar giù un pezzo sul cavaliere banderuola che dice tutto e il contrario di tutto a seconda di come gira il vento (o i sondaggi). Sentite questa: “Chi sbaglia e commette dei reati non può pretendere di restare in nessun movimento politico”. E poi: “abbiamo deciso che le persone sottoposte a indagini o processi in via di principio non debbano venire ricomprese nelle liste elettorali”. Prego? Abbiamo capito bene? Cruciani ha fatto passare questa faccenda in cavalleria, facendo lo gnorri, quando secondo me alla Zanzara ci si poteva giocare sopra (con musichine, canzonette, etc) e pure parecchio. La solita storia del guanto di velluto, un film già visto mille volte. Ad ogni modo, quel che c'era da dire lo ha detto Michele Brambilla sulla Stampa di sabato scorso. Consigliato.

Che alternativa rimane? Magari ci potrebbe stare un post sul blocco del traffico per il 28 febbraio deciso in modo coordinato da moltissimi comuni del nord più con obiettivi di sensibilizzazione sul tema dell'inquinamento che non per ottenere sul serio una riduzione dello stesso. Ma ahimé non saprei di preciso cosa scrivere, visto che al contrario di Cruciani, il quale venerdì scorso ha bollato il tutto, senza mezzi termini, come “una stronzata”, io non riesco a farmi un'idea precisa. Da un lato l'iniziativa mi sembra una specie di "sciopero", il cui disagio creato nei confronti della cittadinanza viene a prevalere sul messaggio positivo, ma dall'altro preferisco chi, su un tema serio come quello dell'inquinamento, fa poco rispetto a chi non fa nulla. Insomma, non so bene che pesci prendere, e a questo giro passo.

E quindi, in conclusione, che faccio, vi lascio senza post? Ma naturalmente no, visto che il prode Paolo come sempre mi è venuto in soccorso. Mi inchino e cedo la parola.


+++++++++++++++++++++++++++


IL FANTASMA DELLA DEMOCRAZIA

Buongiorno,
voglio prendere spunto dall'intervista al candidato sindaco PD di Venezia Giorgio Orsoni andata in onda venerdì sera per alcune riflessioni.

Cruciani lo ha invitato in trasmissione, sottolineando come vi fosse un abisso tra lo spazio che i media dedicavano a lui e quello destinato al suo sovraesposto rivale, il ministro Renato Brunetta, e affermando che voleva contribuire a ridurre questo gap. Peccato che poi, con una disonestà intellettuale rimarcata anche dall'intervistato, Cruciani abbia rivolto all'ospite praticamente solo domande su Brunetta. In pratica, il conduttore della Zanzara, che già ci propina una incensatoria striscia quotidiana sul ministro della funzione pubblica (quello che nella pubblica amministrazione combatte con molta enfasi i fannulloni, ma la corruzione con molto meno impegno), ha approfittato anche di questo spazio per mantenere i riflettori sul suo idolo, millantando di fare il contrario. Ma la conduzione della Zanzara non è il punto del post.

In sintesi: Venezia sembra continui ad avere un unico candidato sindaco. Credo che molti (anche tra i veneziani) non sappiano nemmeno il nome del candidato del PD. E, in Veneto, si corre il rischio di non sapere chi il PD stia opponendo al ministro Zaia per la poltrona di governatore della regione: ieri ho fatto un giro tra le province di Venezia e Treviso: non ho visto una sola pubblicità elettorale del PD. Nemmeno una, non è un modo di dire. Sembra che stiano concorrendo solo PDL, Lega e UDC. E qui la mancanza mi pare ancora più grave, visto che è riconducibile direttamente alle scelte di uno dei partiti.

Come dicevo qualche giorno fa, una delle premesse minime della democrazia è il fatto di poter sapere chi si sta candidando e cosa propone. In Veneto ed a Venezia questo in realtà non sta succedendo. Intendiamoci, non sono un ingenuo: parlo del Veneto, perché ci vivo e tocco la situazione con mano, ma non mi meraviglierei se la stessa situazione si verificasse uguale o a parti invertite in regioni a maggioranza bulgara, come potrebbero essere Lombardia, Emilia, Toscana o Umbria (anzi, me lo aspetto), non ne faccio questione di parte.

Il problema è che, in questo modo, i partiti, invece di contendersi l'elettorato sulla base di migliori programmi e capacità dei candidati, sembra se lo stiano spartendo su base territoriale in maniera consociativa: io rinuncio a romperti le scatole qui, in cambio tu mi lasci tranquillo lì.

E questo alla democrazia non assomiglia nemmeno un po', in quanto risponde agli interessi dei partiti, ma non degli elettori.

Saluti

Paolo in bateo

-------------------------------------

(Authan) La "Venice" citata dai Red Hot Chili Peppers nella lora splendida "Venice Queen" (2002) è in realtà Venice Beach, in California, ma chissenefrega. La canzone è meravigliosa, e ogni scusa per ascoltare i Red Hot è sempre buona.




We all want to tell her
Tell her that we love her
Venice gets a queen
Best I've ever seen
We all want to kiss her
Tell her that we miss her
Venice gets a queen
Best I've ever seen...



50 commenti:

PaoloVE ha detto...

chi non fa gli auguri per il secondo compleanno del blog è un caprone!

saluti

paolo

Authan ha detto...

Grazie Paolo. In effetti oggi il blog compie due anni. Tempus fugit...

PaoloVE ha detto...

OT: vi consiglio la lettura di questo:

http://preview.tinyurl.com/flessssibili

e specialmente dei commenti.
Mi pare più interessante dei menù a base di gatto.

Saluti

Paolo

gian ha detto...

Ciao a tutti.
Complimenti per la faticosa operazione: per commentare Cruciani e non perdere la pazienza mi sembra ci voglia proprio un grande spirito di sacrificio!

Volevo commentare la parte del post di Paolo in cui descrive lo stato della visibilità dei candidati alle regionali in Veneto e si accorge che il PD è sparito e pensa che questo accada nelle varie regioni in proporzione alla forza politica favorita.

Dove si vince, secondo lui c'è visibilità.
E lascia intendere una specie di accordo tacito fra i due partitoni per spartirsi le regioni.

Penso che la realtà sia veramente un'altra.

In Emilia, dove vivo, il centrosinistra è ovviamente favorito ma i candidati del centrodestra sono presenti ovunque. Cartelloni stradali, quelli enormi lungo le tangenziali o all'uscita dei centri commerciali, nei centri storici e nelle perifierie.
Pubblicità sui quotidiani, nelle televisioni private, nelle radio: una grande offensiva a pagamento di cui godono per ovvi motivi di natura economica.
Il PD non riesce a investire le stesse cifre: mancano soldi, serve danaro"
E Vasco Errani anche se è conosciutissimo e molto apprezzato, sembra sparito.

Altro che spartizione su base territoriale, è uno dei tanti casi in cui Berlusconi parte favorito

Francesca ha detto...

Happy Birthday!

ciao PaoloVE!


non so cosa accada a Como o a Brescia, per non dire di Milano, ma so che a Varese campeggiano già almeno da una decina di giorni i grandi manifesti elettorali dei candidati alla Regione; oltre al defender Formigoni (eppero' che vergogna il IV^ mandato consecutivo al limite dell'illegalità e alla faccia del rinnovamento e del largo ai giovani!
http://www.agenziaradicale.com/index.php?option=com_content&task=view&id=9659&Itemid=53
capisco che cavallo che vince.... ma uno straccio di candidato incensurato dal ricco vivaio??) c'è molto Penati e anche qualcosa di Pezzotta.
Inclusi ovviamente i rispettivi candidati al Consiglio regionale.

Credo che la gente a questa tornata piu' che in precedenti occasioni farà una scelta di campo, per esprimere una posizione ideologica e quindi quasi a scatola chiusa senza avvertire la necessità di approfondire i programmi che comunque sono a disposizione in misura piu' diretta che in passato attraverso la rete.

francesco.caroselli ha detto...

Innanzitutto auguri...
buon compleanno al blooooog, buon comleanno ad authan...
o preferisci...
Perchè è un bravo blogger, perchè è un bravo blogger... nessuno lo puo negar, nessuno lo puio negar!!!


Poi grazie Authan per gli articoli che linki.
Sai, non ho piu molto fiducia nei giornali e per mia scelta mi oriento a leggere altro, ma se tu mi linki un'articololo, lo leggo con piacere e non rimango mai deluso (anche gli altri utenti-amici del blog mi fanno cosa gradita quando linkano qualcosa di interessante).

Quello che tu sottolinei nel tuo post lo trovo grave.
Il solito doppiopesismo di cruciani.
Berlusconi che esterna certe idee è al limite della parodia di se stesso, siamo in una universo parallelo.
Berlusconi ultra-giustizialista.
Nemmeno Di Pietro sii azzarda a dire che bisogna escludere gli "indagati".

La svolta legalitaria di Berlusconi è troppo facile da prendere in giro con il zanza-style?
Forse, ma è anche doveroso, altrimenti il nostro poi non si arrabbi quando gli ascoltatori sottolineano che la "sua parte" è un po troppo di parte!

La nuova posizione di Berlusconi è tutto quello che Cruciani (e mi pare anche noi del blog) stigmatizza: non puo esistere una regola generale, ma bisogna valutare caso per caso, e soprattutto essere sotto indagine non vuol dir niente.
Per essere esclusi dalle liste bisogna almeno essere essere rinviati a giudizio, altrimenti basta che un fesso qualunque vada in questura e denunci!
Per essere rinviati a giudizio invece un giudice terzo deve aver valutato che ci sono prove sufficienti per subire un processo... l'indagato diventa imputato.
Una bella differenza!


Io spero che quando finalmente si cambierà "gestione" del bar "la zanzara" l'oste sia di orientamento diverso... giusto per fare capire che c'è alternanza.
Per anni abbiamo avuto cruciani sbilanciato a destra, e dopo potremmo avere un conduttore un po (e ribadisco un po) sbilanciato a sinistra!
Non sarebbe male come messaggio di libertà.

Quel che ho capito di Cruciani è che lui stravede per la politica fatta di battute taglienti, di boutade.
L'ipertrofia mediatica di Brunetta (se lo ripete di nuovo mi suicido) è zucchero per Cruciani.
Mi chiedo allora come mai (anche se in realta lo so benissimo) sia cosi profondamente antigrillo.

Sull'inquinamento.
Cruciani, come ben sappiamo, proviene dalla scuola di Ferrara (Giuliano).
Lo sapete cosa pensano l'elefantino del riscaldamento globale?
Che è una bufala, un'invenzione, una montatura creata a bella posta.....
seeeeee
come l'evoluzionismo
Quindi ogni provvedimento che mette in evidenza questi problema è una stronzata, perchè per lui il problema.... non esiste!


A PaoloVe
Spartizione del potere?
Il commento sembra un corollario del discorso di Berlinguer!
Stai attento... comunista!

PaoloVE ha detto...

@ gian:

il mio timore è che il vero ragionamento dei partiti (nel caso che descrivo del PD) sia quello di non investire in visibilità dove non vi sono speranze: in questo modo però si uccide ogni possibilità di alternativa e si toglie l'ossigeno anche alle realtà che potrebbero portare qualcosa di buono (ad esempio: cosa succederà alla giunta Zanonato dopo un tracollo del PD in Veneto? quanto impiegheranno gli alleati a smarcarsi dagli sconfitti?).

Pur essendo di sinistra, mi fa piacere quel che dici, e cioè che il PDL non sta abbandonando nelle regioni rosse. Più di SB temo il venir meno delle possibilità di alternativa.

Saluti

il subcomandante Paolo

Authan ha detto...

Mi sta pure un po' sulle balle, ma oggi, fingendo di rivolgersi a Giuliano Ferrara (per via dell'editoriale di quest'ultimo sul suo foglio), Luca Sofri ha scritto il commento definitivo su Berlusconi. Commento dopo il quale non rimane nulla da aggiungere. "Non c'e' mai stato nient'altro". E nient'altro ci potra' essere.

F®Ømß°£ ha detto...

@Paolo e Gian,

credo che la situazione sia una sintesi di ciò che avete espresso nei vostri post/commenti.

C'è una disparità di risorse tra i due schieramenti, e questo porta il PD a "abbandonare" le regioni in cui si considera perdente partenza.

Il PDL ha più risorse e non è costretto alla stessa "strategia".

Io, come veneto, non mi dò pace di essere "abbandonato" all'alfiere del dialetto e del Prosecco.

Tommaso amareggiato

nessuno ha detto...

Mi meraviglio della meraviglia.

Non so se l'ha dichiarato esplicitamente, ma Cruciani non apprezza Travaglio, Di Pietro e Bocca. Ergo, secondo il teorema di M. Fini, è un berluscone(s).
E sempre ergo, non è per niente incoerente, ma coerentissimo quando apprezza gli odierni fuorionda della Palombelli o quando intervista con il suo stile ("stile" secondo la definizione che ne ha dato Mario Sironi) il candidato avversario di Brunetta a sindaco di Venezia.
Ma, puntualizza Authan, "solitamente rifugge e biasima le basse insinuazioni" e quindi è incoerente.
Va bene, s', ma la coerenza in politica cos'è?
Dovrei io accusare di incoerenza Lucia Annunziata, Luca Telese, Giovanni Floris, Gad Lerner, Michele Santoro e perchennò, quel galantuomo di Fazio Fabio con la sua Lucianina che lo definisce lumacone, per il loro "stile" (sempre secondo la definizione di M. Sironi)?
No, non li accuso, so che adempiono alla loro ideologica missione.

Mi ha colpito inoltre la testimonianza di Paolo circa l'assenza di manifesti del PD nelle province di Venezia e
Treviso da lui percorse. Poiché l'informazione è la condizione senza la quale non si può esprimere un voto, ne consegue che la mancanza di propaganda per il PD, sempre secondo Paolo, mette in Veneto la democrazia a rischio.
La mancanza gli pare ancora più grave, visto che è riconducibile direttamente alle scelte di uno dei partiti, il PD. Paolo è preoccupato, ma non ne fa una questione di parte.

Quindi è il PD, non facendo propaganda in Veneto, a mettervi a rischio la democrazia. Sarà perché è a corto di soldi? Le coop dell'Emilia non soccorrono? Sarà perche alla loro guida non c'è più Consorte? Quanti interrogativi, per Paolo certamente assurdi.

Ma a questo punto, mi viene un'idea. Per evitare quel rischio che si perda nel Veneto la democrazia per mancanza di manifesti del PD, perché non chiedere a Lega e PdL di fare propaganda anche per il candidato del PD?

francesco.caroselli ha detto...

qaulcuno mi puo aggiornare se c'è stato qualche cenno di risposta di Repubblica alle parole della Palombelli?

PS-L'articolo di Sofri non mi è piaciuto... de gustibus


a francesca
Ho visto il link che avevi messi sulla lita travaglio-belpietro+altro....
Ma fra tutte le parti di annozero che ci sono state proprio la piu inutile e caciarona dovevi prendere?
Ah no scusa era il totozanzara...
è normale aspettarsi che il Crux si appassioni alla bagarre (se si scrive cosi)...


OT
Io insisto e vi ri-linko la puntatadi presa diretta sulla privatizzazione dei servizi idrici
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-72131396-1d22-4147-858e-488f68e410d8.html?p=0

Clem ha detto...

Nessuno: credo che il punto di Authan non riguardi cosa Cruciani sia ma cosa Cruciani dice di essere (o non essere).
Se c'è una cosa che Cruciani dice di non essere è proprio berluscones.
Non vorrei parlare per Authan, in ogni caso questo è quel che ho capito io.
Bentornato Paolo, dal tuo commento sul penultimo post ho tirato un sospiro di sollievo :P

PaoloVE ha detto...

@ nessuno:

perchè dai per scontato che per me quegli interrogativi siano assurdi?

E, quanto a chiedere a lega e pdl di far campagna per il PD, è un'assurdità, almeno quanto il fatto che vari membri del PD e dell'UDC avessero pensato di supportare Galan per non regalare il veneto alla lega. Ma questo in Veneto è successo, per quanto paradossale possa sembrare...

Saluti

Paolo

Francesca ha detto...

http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/10_febbraio_22/trezzano-ex-sindaco-assessore-arresti-corruzione-ndrangheta-1602513918068.shtml


eccola qui un po' di pubblicità per il PD, aggratis!!

Authan ha detto...

Clem, hai colto bene. Un conto sono le preferenze personali, un conto e' la coerenza nel giudicare bassi atteggiamenti altrui, indipendentemente da chi dice cosa su chi. Su questo piano Crux rivendica tale coerenza, che invece spesso manca.

Sul discorso manifesti e disponibilita' economica in campagna elettorale. Si vitupera molto la legge sulla par condicio, e in molti casi a ragione, visto a certe degenerazioni a cui porta. Ma pensiamo a cosa sarebbero le nostre TV in questi giorni se tale legge non esistesse proprio. Avremmo propaganda pura senza freni, al 99% da una parte sola, quella che potrebbe permettesi valangate di spot. Sarebbe meglio o peggio? Da questo punto di vista viva la par condicio e sempre sia lodata.

Francesca ha detto...

TOTO-ZANZARA

Luca Telese ospite telefonico dopo l'annuncio (oggi, al programma di Barbara Palombelli "28 minuti") che voterà la destrorsa Polverini.

nessuno ha detto...

a Clem.

"Se c'è una cosa che Cruciani dice di non essere è proprio berluscones".

D'accordo, Clem, Cruciani nega di essere "berluscones" ma lo è.
Sulla base del teorema M. Fini, lo abbiamo dedotto in modo inconfutabile perchè non gradisce Di Pietro, Travaglio e Bocca. Cruciani "è" berluscones anche se nega di esserlo. Questa del negarlo Massimo Fini la pone come una caratteristica frequente dei "berluscones". Negano, ma vengono smascherati dal rifiuto di quei tre.

Io non mi camuffo, l'ho confessato che non li sopporto, ed ho dichiarato il mio conseguente berlusconesimo massimofinianamente dimostrato.

Cruciani invece nega, ma a M. Fini ed a noi che conosciamo il suo teorema non la si fa. Abbiamo scoperto i suoi altarini.

E allora che facciamo? Facciamo finta di non averli scoperti per accusarlo di incongruenza?

Non sarà che oltre ai berluscones camuffati, ci sono anche i sinistrones camuffati che, volendo fare i super partes, si scandalizzano o mostrano di scandalizzarsi per quello che è ormai evidente a tutti?

Cruciani sta dalla parte opposta alla parte da cui sta il 99,99% dei partecipanti all'antizanzara.

P.S. Mi avevi spiegato che per ottenere il corsivo dovevo mettere
< i > all'inizio del testo e
< /i > alla fine del testo, ma a me non funziona. puoi darme qualche altra delucidazione? Grazie e ciao

Authan ha detto...

Non ci devono essere spazi bianchi prima e dopo 'i' e '/i'. Cioè niente spazi dopo il simbolo di minore(<) e prima del simbolo di maggiore (>). Tutto attaccato, insomma.

Authan ha detto...

A chi chiedeva come mettere i link:

< a href="http://QUI_IL_LINK" >FRASE LINKATA< /a >

Di nuovo niente spazi prima e dopo i simboli minore (<) e maggiore (>). Qui sopra ho dovuto metterli per evitare che mi comparisse davvero un link.

F®Ømß°£ ha detto...

@nessuno

i tag per il corsivo sono senza spazi.

per ciò che concerne i sofismi su cui ci si arrampica quest'oggi.

Cruciani sta da una parte e nega di stare da quella parte. "Il 99.99% degli utenti dell'antizanzara" (percentuale peraltro esagerata poiché siamo meno di cento e ci sei tu), critica Cruciani per il suo finto essere super partes.

Che sia evidente che l'uomo è schierato, mi pare pacifico, la critica non è certo su questo, ci mancherebbe.

Sul fatto che ci siano "sinistrones" finti super partes, non ho dubbi, ma non conducono la Zanzara.

Saluti

T.

francesco.caroselli ha detto...

che la palombelli voti la polverini non mi stupisce.

E' chiaro che Rutelli con il suo nuovo partito vuole essere "la parte dialogante della sinistra".

Il meccanismo è in moto da molto.
Altrimenti non l'avrebbero eletto a capo del copasir con voti bipartisan.

Quando bisognerà approvare le leggi vergogna sulla intercettazioni sappiamo gia

Rutelli disse che c'erano gravi indizzi di reato in merito all'affare Genchi.

I fatti dimostrarono il contrario.
Ricordo per l'ennessima volta che chi sequestrò l'archivio Genchi fu Achille Toro (e quando si parla di giudici politicizzati mi piacerebbe che fosse annoverato almeno anche lui)

Certo è che Rutelli non poteva vedere di buon occhio chi aveva indagato tutti i suoi amichetti.

La Plombelli sta nettamente manifestando come è cambiato il vento.
E' di questi collaborazionisti che ci dobbiamo preoccupare maggirormente, perchè forniscono l'appiglio per dimostrare che anche dall'altra parte c'è chi la pensa come B.
E se pensiamo che il governo di B ha ancora 3 anni di legislatura c'è poco da stare allegri.
Piu o meno sappiamo cosa vogliono fare...

nessuno ha detto...

a Paolo

Non vivo nel Veneto e mi sono sempre chiesto come mai una roccaforte della DC (il famoso Veneto bianco confinante con Lombardia rosa ed Emilia rossa come Piemonte e Liguria) sia diventata con gli stessi elettori un Veneto leghista e Pdellino (forse più il primo che il secondo). Detto questo, credo che la vicenda Galan sia stata ormai metabolizzata nel centrodestra veneto e dallo stesso Galan e la storia dell'accordo UDC-PD per appoggiare Galan è come quella che si racconta dalle mie parti di quel tale che per fare scorno alla moglie si taglia gli ammennicoli.

Ma, per quanto detto all'inizio, credo che gli antenati del PD - almeno gli ex PCI - non abbiano mai avuto una forte presenza in Veneto. Che però non avessero i soldi per i manifesti, non lo pensavo.

Non trovi assurdi i miei interrogativi? Meglio. Se credi commentali.

Quanto a chiedere a Lega e PdL di fare propaganda per il PD, è certo una mia assurdità ed anche una mia provocazione, ma nel senso buono.
Comunque per sottolineare che non si possono accollare alla parte avversa - nemmeno in modo subliminale - proprie defaillances organizzative od economiche, dal momento che c'è il finanziamento pubblico ai partiti. Ed ogni partito lo dovrebbe suddividere al suo interno, regione per regione in modo da garantire l'informazione minima che salvi la democrazia.

nessuno ha detto...

a Formba (Tommaso)

Hai proprio ragione. Si tratta di sofismi. Ma siccome su questi sofismi si insiste...

La critica non è sulla sua "schieratura" (mettendo i tag per il corsivo non funziona l'invio), ci mancherebbe, ma allora su cosa é?
Davvero sul fatto che la neghi?

E' vero. I finti sinistrones non conducono la zanzara. Preferirebbero, per par condicio del tuttidaunapartesolacontroildespota, che anche la zanzara fosse condotta da un sinostrones che nega di esserlo ma lo è.

Uno come Cruciani, insomma, ma al contrario.

santacruz ha detto...

@ TUTTO IL BLOG

(...) che anche la zanzara fosse condotta da un sinostrones che nega di esserlo ma lo è.

Uno come Cruciani, insomma, ma al contrario.(...)

MA, QUANDO UNO PROVOCA, SI PUO' MANDARLO A CAGARE?

:-/

franco artoni ha detto...

AUGURI!!
(non posto molto, ma vi seguo sempre e siete bravissimi)

Pale ha detto...

Mi sono collegato solo perché non può passare un girno senza leggere Authan e Paolo! Ne approfitto per fare gli auguri al blog (meriterebbe una puntata della Zanzara questo avvenimento) e per suggerire Venezia di Guccini come ulteriore opzione multimediale... lo so che è tardi, lo so!!

Francesca ha detto...

@ santacruz

è quello che avrei voluto urlargli in faccia a Cruciani dopo averlo sentito proferire la Madre di tutte le minchiate, piu' o meno cosi: "Malgrado tutto quello per cui lo si puo' criticare, io sto dalla parte di Emanuele the Prince, solo per il fatto che sia stato attaccato dalla punta di diamante (leggi Michele Serra) dello snobismo italiano (di sinistra, of course)"

nessuno ha detto...

Sì, si può mandarlo.

Poi quello ti spedisce a casa un antidiarroico.

santacruz ha detto...

@ nessuno

non fare per l'ennesima volta il pesce in barile!

L'ultimo mio post era dedicato tutto a te!

:-/

Viola ha detto...

Caro Authan,
ero io che chiedevo come mettere i link, vediamo se ci sono riuscita:

Auguri questa volta all'Antizanzara!

Dopo aver conosciuto Cruciani, conoscere te Authan è stato l'evento + interessante dello scorso anno :-)

solo un piccolo commento su venerdì: Giuseppe pessimo durante l'intervista con Orsoni... non posso pensare che sia rimbambito del tutto , con quel suo insistere positivamente sulle tecniche di marketing di Brunetta, come se fossimo tutti degli idioti.. E' uno schifo che tutto in Italia, dalla politica a Sanremo funzioni per slogan, visibilità, tutta apparenza e apparenti simpatie e niente sostanza.

Ed è uno schifo che giornalisti come lui contribuiscano a perpetrare queste idee invece che sottolineare contenuti + seri

E poi si inneggia falsamente alla meritocrazia, quando chi va avanti è solo x furbizia e stratagemmi

francesco.caroselli ha detto...

Se Cruciani si occupasse di Calcio penderebbe dalle labbra di Mourinho...

Il che puo anche andare bene...
ma la sua trasmissione non si parlerebbe mai di programmazione di gesti tecnici..
la trasmissione sarebbe una specie di processo di biscardi radiofonico...
con il giuseppino che si eletrizza tutto. quando c'è una "bolemica".

Io vorrei un conduttore "imparziale"...
e se non si puo avere almeno uno che non nega di essere quel che è.
L'onesta è quello che apprezzo di piu...

nessuno ha detto...

a santacruz

Ah sì?
Apprezzo molto la finezza che contraddistingue i tuoi interventi, pratucamente degna dei bassifondi.

Quale centro sociale frequenti?

Pensavo di spedirti un energico lassativo, per favorirti nella bisogna e perché non rimanessi
intasato.

Penso che quando dici pesce in barile non sai nemmeno cosa significa.

Sei per caso di sinistra?

santacruz ha detto...

"Fare il pesce in barile" significa fingere ignoranza per evitare guai!

Tu hai infatti FINTO di non aver capito il mio post perchè, più che a dirti di dx, sei intellettualmente disonesto ( se non altro quando ti esprimi in quel modo su quelli che sono i nostri "DESIDERATA" in riferimento al pensiero del Crux)!

Nè è poi richiesto essere necessariamente di sinistra, nell' evidenziare le tue squallide provocazioni!

:-)

Wil ha detto...

Eh sì, oggi Cruciani è stato incredibile ... approposito di incoerenza. Per un'ora ha ripetuto che leggendo l'articolo di D'Avanzo, tutta questa "ragnatela" riguardo Bertolaso e la Protezione Civile non l'aveva vista affatto ...

Poi, quando un ascoltatore ha ricordato un po' del marciume emerso dalle recenti inchieste/intercettazioni, Cruciani ha testualmente detto:

"Massì, l'ho detto fin dall'inizio, non c'è dubbio che ci sia una ragnatela di interessi ... " etc etc, o qualcosa di simile. Comunque ha utilizzato proprio la parola "ragnatela".

Auguri per i 2 anni, La Zanzara è una grande trasmissione che però merita di essere continuamente schiaffeggiata ... Cruciani se le tira addosso proprio.

w

Stefano ha detto...

Continuo a seguirvi mentre non sento piu' il crux da mesi.
Authan eroico a fare un blog sull'antinulla!
E sempre intriganti i commenti, nessuno escluso.

F®Ømß°£ ha detto...

@nessuno

"Davvero sul fatto che la nega?"

Si. Almeno per quello che riguarda me.

Puoi farmi un esempio concreto di "sinistrones"?

Ciao

T.

Authan ha detto...

Viole: grazie, grazie, troppo buona :-)

Wil: "schiaffeggiare" la Zanzara, e' proprio un'immagine azzeccata. Complimenti sempre per il tuo blog, lettura indispensabile!

E grazie a tutti quelli che si sono complimentati per il secondo compleanno del blog. E' dura, si combatte, vediamo quanto si regge.

PaoloVE ha detto...

@ nessuno:

permettimi una nota personale: mi meraviglia vedere che, dopo esserti dichiarato di destra, ma non un "berluscones", nei tuoi post sembri dimostrare che per te non esiste una sinistra che non sia stereotipata ed appiattita sui luoghi comuni.

Forse sbaglio, ma dovrebbe essere la tua esperienza personale a suggerirti che gli incasellamenti "a prescindere" hanno scarso valore.

Saluti

Paolo

nessuno ha detto...

Ad Authan

"E infine, tenete presente che gli insulti (chiunque ne sia il destinatario), le pesanti provocazioni, e il turpiloquio insistito non sono apprezzati. Anzi, di più, non sono tollerati."

Sono le ultime righe tratte da "Linee guida sulla forma dei commenti" scritte da te.

Santacruz, 22/02/2010, h 22,35, senza indicazione del destinatario.
"Fare il pesce in barile" significa fingere ignoranza per evitare guai!

Tu hai infatti FINTO di non aver capito il mio post perchè, più che a dirti di dx, sei intellettualmente disonesto ( se non altro quando ti esprimi in quel modo su quelli che sono i nostri "DESIDERATA" in riferimento al pensiero del Crux)!

Nè è poi richiesto essere necessariamente di sinistra, nell' evidenziare le tue squallide provocazioni!"

Vedi tu.

Cordialità.

Authan ha detto...

Nessuno,
santacruz ha sbagliato, e quindi lo "sgrido" pubblicamente, ma tu non sei un po' grande per andare dalla maestra a fare la spia?

Possibile che io debba fare la maestra dell'asilo, o il vigile urbano, o trovatevi voi la metafora che preferite? Ma che palle! Ma siete bambini o cosa?

Santacruz, Nessuno, se non vi piacete ignoratevi. Fine della discussione. D'ora in poi forbici.

nessuno ha detto...

A PaoloVe

Risposta alla tua prima frase.
Sono di destra e non sono berluscones (come, per poretare un esempio, Francescocaroselli è di sinistra ma non ama D'Alema, e Francescocaroselli mi perdoni se l'ho citato senza il suo permesso).
Perché mai questa mia posizione contrasterebbe col fatto che "non esiste (per me) una sinistra che non sia stereotipata ed appiattita sui luoghi comuni?"
Ammesso e non concesso che questa tua valutazione circa le mie convinzioni sia esatta.

Circa la tua seconda frase:
"Forse sbaglio, ma dovrebbe essere la tua esperienza personale a suggerirti che gli incasellamenti "a prescindere" hanno scarso valore.", a parte la mia esperienza personale che è quella che è. non capisco come mi possa suggerire che gli incasellamenti hanno scarso valore a prescindere.

Scusami tanto, ma non sono proprio riuscito a decifrare e rendere per me intelligibile questa tua frase.

Ciao.

nessuno ha detto...

a forma (Tommaso)

Un esempio concreto di "sinistrones"?

Così come, secondo la teoria massimofiniana un berluscones è colui che nega di essere filoberlusconiano ma gli vengono i sudori freddi quando gli parlano di Di Pietro, Travaglio e Bocca, per transitività dovrebbe essere "sinistrones^ chi si dichiara super partes e liberopensatore ma gli si storcono naso e budella quando gli citano Ghedini, Belpietro e Sallusti (oltre che quando sente Cruciani fare l'antiantiberlusconiano).

Però, almeno finora, su questo blog solo io ho apertamente dichiarato di non poter soffrire Travaglio, Di Pietro e Bocca e, di consguenza, accettare il titolo di berluscones.

Aspetto che qualcuno dichiari di non poter soffrire Ghedini, Feltri o Sallusti e Belpietro accettando il titolo di sinistrones.

Così su questo democratico blog saremo pari (non nel numero ma nei concetti).

Ciao

PaoloVE ha detto...

@ nessuno:

provo a scrivere in modo più lineare: mi sembra che spesso nei tuoi post tutti coloro che non amano SB vengano ascritti allo stereotipo dell'antiberlusconiano viscerale.

Questo mi meraviglia venendo da una persona che, essendo di destra ma non "berluscones", si ritrova sicuramente spesso etichettato a sproposito.

Saluti

Paolo, il viscerale

nessuno ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
F®Ømß°£ ha detto...

@Nessuno

e chi sono, concretamente, queste persone che si dichiarano super partes e hanno in antipatia i personaggi che citi?

Sono in questo blog, scrivono sui giornali, chi sono?

Se vogliamo continuare nella sterile applicazione del teorema "Odio A, B e C" e "Mi dichiaro super partes" -> segue che sono un "*-one" in malafede, le due proposizioni legate dalla congiunzione "e" sono entrambe necessarie per la conseguenza.

La critica, ancora una volta è fatta all'ipocrisia di negare di stare da una parte. Non allo stare da una parte in sé.

Tu dichiari di essere di destra e di detestare Travaglio e compagnia. Va benissimo, pensa che Travaglio non piace neanche a me, che invece mi ritengo di sinistra.

È preferibile discutere apertamente con te (magari su cose un po' più serie, se il blog e Cruciani ce ne daranno l'occasione) che intervenire o ascoltare una trasmissione in cui ci si arrampica sugli specchi per negare qualcosa che è palese come la faziosità del conduttore.

Saluti

T.

francesco.caroselli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
francesco.caroselli ha detto...

Wil sei stato perfetto.
Cruciani istintivamente nega sempre tutto il negabile (ovviamente se fa comodo alla parte dx del suo ego), ma poi di fronte all'evidenza diventa ragionevole.
Certo che se non ci fosse stato quell'ascoltatore (a proposito, se ci leggi batti un commento) Cruciani avrebbe potuto far passare il messaggio che nell'articolo di Repubblica della ragnatela di interessi citata nel titolo c'era poco o nulla...
Probabilmente quell'ascoltatore ha visto Annozero...

Invito tutti quanti a vedere annozero .

Praticamente è stata l'unica trasmissione, rotocalco, cinegiornale, ninna-nanna della sera a far emergere qualcosa sullo scandalo della protezione civile.

Bertolaso ora ce lo troviamo in tutte le trasmissioni a smentire e a negare qualunque coinvolgimento.
Ogni occasione è buona per separare Bertolaso da tutta la schifezza che sta fuoriuscendo dalla fogna. Orami c'è solo la negazione o la smentita.

Ma è possibile? Ma vi rendete conto che c'erano gli addetti alle pulizie che avevano lo specifico compito di raccogliere i preservativi usati? Un intero centro solo per lui. Offerto da chi poi vinceva gli appalti.
Il Centro Salaria che fra l'altro è stato potuto ampliare solo grazie al permesso concesso dalla protezione civile!


Per ritornare sulla Palombelli (lo faccio solo perchè mi irrita altamente il godimento di Cruciani nell'ascoltarla spargere veleno) trovo che le parole di Travaglio di oggi siano molto calzanti. Ora provo a riadattarle al caso Palombelli-Repubblica.
Repubblica si puo ben permettere di fare il giornale moralista anche se gli editori e i direttori non sono affatto degli stinchi di santo (cosa che cmq andrebbe argomentata, ma non penso che la buona Barbara farà mai).
In Primis perchè i giornali sono li per far questo per criticare, mica per applauidire!
SE B va a puttane e si fa arrivare tonnellate di pilu aviotrasportato beh c'è da criticarlo, non perchè sia disdicevole in assoluto, ma perché cozza moltissimo con il suo essere per la famiglia e andare ai Family Day. I giornalisti hanno il compito di svelare se il potere dice bugie, o è falso.
Secondo. I giornalisti possono anche non essere bravi giocatori di calcio, ma ai calciatori, che ricevano una brutto voto in pagella, non passa per l'anticamera dell cervello rispondere cose tipo "ma come ti permetti di criticare che sei ancora piu scarso di me! .

@ Santacruz
Tu con nessuno ti ci pigli troppo, te lo dico da amico. Anch'io all'inizio non sopportavo il suo divagare e mi lasciavo coinvolgere e infastidire.

@ nessuno-mario
io stimo tantissimo la tua cultura e la tua età, ma proprio alla luce di quest'ultima non potresti avere un comportamento piu signorile?
La cosa che mi (ci?) infastidisce di piu è la seraficità (sicuramente non esiste ma mi piace) con cui accetti tutto. Ma non ti incazzi mai?
a parte con noi altri utenti-amici del blog intendo.
La strafottenza del potere non ti fa incazzare?
E non odio solo D'Alema. Odio Latorre, odio Violante, ce n'è sono un fottio che odio!
Eppure sono di sinistra, sono della sinistra per sensibilità.
La sinistra nella mia stupida mente dovrebbe battersi per i diritti civili e per un equa ridistribuzione della richezza.
A destra purtroppo Berlusconi egemonizza tutto ed è difficile immaginare una destra senza B.
Feltri Belpietro e Ghedini sono troppo appiattiti sul Premier, è ovvio che chi apprezza loro è Berluscones.
Ci sono altri che sono di destra e non berluscones.
C'è Storace, C'è Fini.
Ma se pensi al padre della destra italiana moderna, Almirante, non credo che lui avrebbe in nessun modo appoggiato B.



Ringrazio pubblicamente Authan perchè ha insegnato - mi ha imparato - (anche con lezioni private) come funzionano i tag!

Francesco il ciuccione della classe

nessuno ha detto...

a forma T.

"e chi sono, concretamente, queste persone che si dichiarano super partes e hanno in antipatia i personaggi che citi?"

Lo chiedi a me?

Dovrebbero essere loro ad ammetterlo come ho fatto io per Travaglio, Di Pietro, Bocca.

Personalmente sono convinto che sono presenti anche in questo blog,
ma se non lo dichiarano loro non posso citarli certo io.

(tra parentesi, offendi la tua intelligenza, se non realizzi la loro esistenza, chiusa parentesi)

Cordialità.

nessuno ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
nessuno ha detto...

a PaoloVe

Se quello che tu rilevi lo desumi dai miei post, evidentemente la colpa è mia che non so esprimermi.
Nei miei post cerco di sforzarmi sempre di non uscire dall'argomento che contesto con la persona con cui dialogo.
Di Berlusconi non parlo praticamente mai, salvo farlo anche contro la mia volontà.
Non mi piace etichettare nè essere etichettato.

Se con te discetto sulla mancanza di manifesti pro PD perché tu hai introdotto quellìargomento, parlo di quello, magari inserendo una certa dose di ironia che deriva, questo sì, da quella che io ritengo una pretesa ingiustificata dei "sinistrones" e cioé il diritto al lamento ed al vittimismo, se altri non condividono il loro punto di vista.
Convinti come sono, almeno secondo me, di aver diritto a tutto e soprattutto al diritto di critica a prescindere, con le buone e, se non basta, con l'insulto.

Ciao.