venerdì 30 gennaio 2009

Taglia e cuci

UPDATE: In fondo al post trovate la risposta di Cruciani.

----

Alcuni miei lettori, nei commenti al post precedente, mi hanno messo una pulce nell'orecchio. C'è la sensazione che il file audio (ascoltabile cliccando sul mini-player qui sotto) trasmesso da Giuseppe Cruciani ieri e l'altro ieri alla Zanzara, relativo all'intervento di Antonio Di Pietro a Piazza Farnese, sia stato "adattato" per avvalorare la tesi dell'offesa rivolta dall'ex PM al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.



Sono andato a verificare. E, in effetti, il file di Cruciani, della lunghezza di 50 secondi, è in realtà il collage di diverse frasi che Di Pietro ha pronunciato in un arco temporale più lungo, pari a 2 minuti e 26 secondi per l'esattezza, come dimostra il seguente video preso da YouTube. Si faccia riferimento allo spezzone che va dal minuto 3:14 al minuto 5:40.





Ora, alla luce di questa evidenza, vorrei fare alcune osservazioni.

L'ambiguità sulle parole “il silenzio è mafioso” è stata, secondo me, premeditata da Di Pietro, il quale, come noto, è un mago della comunicazione. Il dibattito sull'ipotesi che ci sia o meno un'offesa a Napolitano era nei piani dell'ex PM fin dal principio, nell'ambito di una strategia comunicativa che riportasse l'ex PM al centro dell'attenzione.

L'ambiguità di cui sopra, però, scompare artificiosamente se il frammento completo di 2 minuti e 26 secondi viene rimaneggiato con un'opera di taglia e cuci che lo riduce a soli 50 secondi. Giudicando dal file ridotto, non ci sono dubbi sul riferimento a Napolitano, mentre Di Pietro, nella realtà, si era astutamente tenuto una via di fuga per poter giurare che il "silenzio mafioso" era riferito in generale a tutta la società.

Che nel gestire i sempre stretti tempi radiofonici si rimaneggino delle dichiarazioni io lo capisco benissimo. La cosa, però, va fatta alla luce del sole. Non si possono unire insieme frasi dette in momenti diversi (anche se a breve distanza) creando dei collegamenti artificiali tra di esse. E se proprio lo si deve fare, lo si faccia con trasparenza, trasmettendo diversi frammenti audio inframezzati da indicazioni del tipo “e poi poco dopo Di Pietro ha aggiunto quest'altra cosa”.

A margine, preciso che, offesa o non offesa, il riferimento al Presidente della Repubblica, se proprio non poteva essere evitato da un palco così "caldo", doveva essere tale da non essere soggetto a diverse intepretazioni, e pertanto la strategia comunicativa di Di Pietro, in questo caso, non mi è per nulla piaciuta.

Ciò detto, però, la manipolazione non dichiarata delle dichiarazioni di chicchessia è un procedimento giornalisticamente inaccettabile. Credo che Cruciani debba delle spiegazioni agli ascoltatori della Zanzara e mi permetto di invitarlo, con cortesia, ma anche con fermezza, a fornirle, pubblicamente, nella puntata di stasera.

--------

UPDATE: Cruciani mi ha risposto privatamente, autorizzandomi a pubblicare la sua versione dei fatti. Eccola:

Lei ha ragione. Controllando, abbiamo "pescato" un file audio tagliato da qualche telegiornale. Colpa nostra, ovviamente. Ma non c'è dolo. La sostanza non cambia, evidentemente. Sono stato il primo a dire che non si capiva se il silenzio mafioso era rivolto a Napolitano o no. E, aggiungo, mi sembra paradossale che queste precisazioni sul minutaggio degli interventi di Di pietro vengano da persone (e non mi rivolgo a lei) che per molto meno sono pronte a dare del mafioso a chiunque. Questo è incredibile e vergognoso. Io ho il diritto di sbagliare e di ammetterlo. Non ho problemi perchè ho la coscienza a posto. Certi "dipietristi" non ammettono mai nulla, dicono di possedere la verità e insultano chiunque non la pensi come loro.


22 commenti:

gianpaolo ha detto...

Caro authan, ti ho anticipato! Ho vinto qualche cosa???

A: lazanzara@radio24.it; giuseppe.cruciani@radio24.it
Inviato: Venerdì 30 gennaio 2009, 10:33:40
Oggetto: Grande Cruciani


Grande Cruciani, stai toccando il fondo.
Per dimostrare le tue tesi anti-dipietriste tarocchi anche i filmati. Nella registrazione sul grave vilipendio al capo dello stato mancano circa un minuto e venti di registrazione che ne stravolgono il senso.
Vedi caro Cruciani, la "mancanza di rispetto" c'è stata, ma non di DiPietro nei confronti di Napolitano ma della politica e del giornalisno nei confronti (per l'ennesima volta) delle vittime di mafia e dei loro famigliari che hanno organizzato la manifestazione e sono stati, per l'ennesima volta, semplicemente ignorati.
Riscoprite la Vergogna!!!!

Gianpaolo

Anonimo ha detto...

Buongiorno,
i miei complimenti ad Authan e gianpaolo per la pregevole atività giornalistica di verifica delle notizie:-).

A preoccupare non credo debba essere Cruciani, che dopo un po' si identifica facilmente più con un conduttore (bravo) che con un giornalista (aehm!), ma tutti gli altri che sull'argomento hannop discettato: non ho visto traccia di questa analisi in alcun quotidiano...

Saluti

Paolo il giornalista

P.s. per entrambi propongo il virtaul pulitzer award

Anonimo ha detto...

Mi dispiace molto... giudicavo Cruciani una persona seria!!

Anonimo ha detto...

Ancora una nota (a favore di cruciani): non penso (e spero) che Crux sia l'artefice del taglio mistificatore della registrazione nè che ne fosse a conoscenza: più probabile che la redazione abbia prevo in rete un video già tagliato per calcare la mano e l'abbia data per buona...

Paolo, l'avvocato difensore

F®Ømß°£ ha detto...

Buongiorno,

sono d'accordo con Authan, DiPietro ha volutamente usato l'allusione al "silenzio mafioso" per attirare l'attenzione. Non mi piace, non mi piace, non mi piace per niente.

Sono arciconvinto di due cose:

1) è impossibile che DiPietro, o un movimento grillino di qualche genere, possa vincere le elezioni.

2) è un bene che non le vincano, perché sono persone che non avrebbero la minima capacità di governare (basta pensare a De Gregorio e co.)

Purtroppo moltissime cose che dice Di Pietro sono giuste e anche dette bene a volte, mi intristisce infinitamente che sia l'unico a dirle e che lo faccia in maniera troppe volte controproducente.

In sintesi, se il miglior esponente dell'opposizione è Di Pietro, e ultimamente pare proprio così, siamo messi malissimo.

Su Cruciani sono d'accordissimo con quello che avete scritto sulla scorrettezza del suo "taglia e cuci" e vorrei aggiungere che mi sono veramente rotto di sentire parlare solo di Battisti per tutta la trsamissione, specialmente gli interventi "tecnici" degli ascoltatori miseri che filosofeggiano sulla partita di calcio.

Lo dico da persona che segue il calcio e da persona che gradirebbe di vedere Battisti dietro le sbarre che perde la voce perché nessuno lo ascolta.

Saluti

Tommaso amareggiato e ammalato

authan ha detto...

Come Paolo, anch'io sono portato a credere che Cruciani sia stato vittima della sua redazione. Per questo gli ho chiesto "spiegazioni" e non l'ho tempestato di improperi.

Come Tommaso, anch'io ne ho le palle piene di Battisti.

Ciao,
authan (autore del blog)

gianpaolo ha detto...

Trattandosi di taglia e cuci su Di Pietro io propendo per un suo diretto coinvolgimento, non so se come mandante o complice. Comunque vedremo se darà spiegazioni. Ne dubito.
Quanto a Battisti, chi non ne ha le palle piene??? Ma serve sempre un argomento forte che, se pur importante, distolga l'attenzione dalle cose che toccano direttamente la vita di ogni italiano. Ad esempio la vaccata sulle intercettazioni, che nel pieno di un disastro economico e mentre predicano nuove regole per evitare truffe future (a casa o in galera - Tremonti dixit), impedisce di intercettare per insider trading e agiotaggio. Il popolo delle impunita spalleggiato, come sempre dalla banba pd, ha colpito ancora. Ma agli italiani basta non toccargli pallone tette e culi. Viva l'ottimismo!!!
Ciao gianpaolo

vigneron ha detto...

Sono il primo a commentare la risposta di Cruciani.

Ammette un errore e questo è sicuramente un bene ma rimane il fatto che questa è stata la sua ennesima azione di propaganda a senso unico.
Cruciani dispone di un microfono e lo utilizza politicamente sempre nella stessa direzione filoberlusconiana.
Il problema è questo, a volte è scorretto a volte no, ma è sempre parziale e fazioso e cerca di non apparire tale.

Volevo aggiungere una cosa per Tommaso.
Di Pietro sta soltanto riempiendo il vuoto causato dagli errori del PD.
Non vincerà mai le elezioni è vero ma nessuno che non fa opposizione potrà mai vincerle e il PD non è più un'alternativa credibile a Berlusconi.
L'opposizione ad un simile centrodestra deve essere rigida: il PD è molle, non ha forma, non ha colore.
Se ci fosse una forza compatta come le grandi socialdemocrazie europee non ci sarebbe nessun Di Pietro.
L' Italia è purtroppo un anomalia in tutto, anche in questo.

gianpaolo ha detto...

Ma che risposta è. A parte l'ammissione di aver sbagliato il file, se l'è riascoltata la puntata di ieri con tutte le allusioni che ha fatto. E che significa certi Di Pietristi!!!Bah.
Il grave della vicenda è la censura che ha ricevuto Salvatore Borsellino, Sonia Alfano e tutte le altre vittime e non le stronzate su cui punta Cruciani per dimostrare che il "grande male" dell'Italia è Di Pietro.
Perchè non invita Salvatore Borsellino per parlare della manifestazioe???
Invece di leggere solo le stronzate del Polito delle Libertà???

Antonio ha detto...

"[..]dicono di possedere la verità e insultano chiunque non la pensi come loro."

Complimenti, sembra una di quelle frasi qualunquiste che di solito lui spernacchia platealmente quando vengono usate dagli ascoltatori, ora però non vale più...vabbè, con questo Cruciani è arrivato alla frutta, almeno per me.
Authan sono d'accordo con il tuo post e la risposta di Cruciani è patetica.
Chissà quando avremo una nuova stagione per il giornalismo, certo è che oggi siamo messi male...quello che non ho ancora capito è se abbiamo toccato il fondo o stiamo grattando il fondo. saluti a tutti.

Papa Cruciani I ha detto...

vi attaccate ai secondi,siete ridicoli,Cruciani oggi vi ha già sputtanato in diretta. Sonia Alfano è una poveretta, i lutti non autorizzano a diventare stronzi, ma evidentemente aiutano, 15 minuti di delirio lucido senza il TSO e la croce verde ad aspettarla.
Il piagnisteo da tragedia greca della Alfano insieme alla piazzata giovanilistica del berciante Borsellino N 2 o 3 ( proprio una bella famiglia di disadattati, il confronto con la sorella di Falcone è imbarazzante) mi hanno divertito, quando c'è la replica ?Occhio che Di Pietro ve la mette nel c. a voi fanatici senza che ve ne accorgiate. E' un avventuriero maneggione, un puttaniere intrallazzone ( pensate alla garconniere che a Milano si faceva prestare x portarci le mignotte),con molti scheletri nell'armadio e nella Mercedes, però che Dio ce lo conservi, fa troppo ridere, ormai ha rotto gli argini, fino alle Europee sarà un crescendo rossiniano di minchiate urlate nel megafono. Comincio ad apprezzarlo, quasi quasi lo voto, o lui o Bracardi, sono indeciso.
VAI TONINOOOOO !!! VAI CRISTIANO !!! siete voi la nuova classe dirigente che salverà l'Italia al grido di IN GALERA, IN GALERA ( gli altri ovviamente) ! ah ah ah !!!

P:S. Qualcuno dica a quel beota molisano che secondo Costituzione italiana il Presidente della Repubblica non è un arbitro. Va bene che la laurea gliela hanno data i Servizi, ma almeno l'ABC. Analfabeta.

gianpaolo ha detto...

Papa Cruciani I. Vergognati.
E pensare che c'è gente che è morta per permetterti di dire tutte queste stronzate. Tu che che stai dalla parte del bene,su cosa vuoi illuminarci??? Su Dell'Utri? Su Mangano? Sul lodo Mondadori? Su Previti? Su tangenti All' Iberian? Su salva Rete 4? Su ex -cirielli? Su banca Rasini? Sul processo Mils? Mi fermo qui o devo continuare?
Comincia a pensare (parola grossa) con la tua testa invece di sputtanarti per conto terzi, che intanto i terzi se la ridono e ingrassano, e gli rispuntano anche i capelli.
Che pena.
E rispetta il dolore degli altri. Se hai un pò di cuore e cervello immmedesimati in loro e vergognati. Le persone come te sone quelle che tolgono ogni speranza in un futuro migliore. Sei un povero CO...NE!!! Gianpaolo

vigneron ha detto...

Ti prego Authan non commentare Papa Cruciani I e non censurarlo, lascialo lì a memoria del grado di inciviltà raggiunto da questo povero paese.

Anonimo ha detto...

Papa Cruciani I è solo un troll, non merita alcun commento, Authan non fare l'errore di cadere nelle provocazioni e perdere tempo a rispondergli

Anonimo ha detto...

La risposta di Cruciani è emblematica, a mio modo di vedere: accusa i dipietristi di voler possedere loro la verità e di insultare tutti gli altri... Strano, mi sembra che non sia stato Di Pietro a dare del "coglione" a chi non vota per lui o ad appellare i magistrati "diversi dal resto della razza umana"... Mi fermo qui, per carità, la lista degli insulti berlusconiani, questi sì contro quelli che non la pensano come lui, è davvero lunga... Il problema non è solo Cruciani, ma tutti i giornalisti finto-liberali (vedi gli Ostellino, i Panebianco ecc ecc) che vedono tutti i giorni la pagliuzza negli occhi di Di Pietro e non la trave gigantesca in quelli di Berlusconi, dal conflitto di interessi alle amicizie mafiose in là... Cruciani fa parte proprio di questa banda, che secondo me è anche peggiore dei Fede o dei Giordano, almeno quelli si sa bene chi gli dà da mangiare...

Anonimo ha detto...

@ Papa Cruciani I
Dopo settimane di silenzio tombale, che ha infastidito anche Cruciani, mentre ripeteva fino alla nausea di mandare cartoline, fax, e-mail all'ambasciata del Brasile per "ARIDATECE BATTISTI", il premier ha fatto sentire la sua voce per ribadire che i rapporti con il Brasile sono cordiali.
In effetti non bisogna dimenticare che la produzione Mediaset deve mandare in onda una nuova edizione de La Fattoria, con ambientazione brasileira, e che il premier non puo' rischiare di turbare l'equilibrio dei suoi preziosi dipendenti dai piedini d'oro!

francesca ha detto...

i silenzi di CRUCIANI
Non c'entra con Battiti, nè con Tonino di Pietro..... ma non mi sembra che Cruciani abbia mai commentato l'affermazione dell'ineffabile Silvio della scorsa settimana circa le previsioni del FMI sul PIL a -2,1.....
Ricordate?
"Beh significherebbe tornare indietro a due anni fa, e non mi sembra che si stesse poi cosi male"
MA COME????
2 anni fa a gennaio 2007 c'era il governo Prodi in carica da 8 mesi, che è stato massacrato sin dal primo giorno dalle critiche dell'opposizione perchè impoveriva gli italiani mettendo le mani nelle loro tasche!

E che dire della manovra di sostegno al settore automotive?
Da mesi ormai si sa che il nodo cruciale è li, i maggiori Paesi europei hanno già adottato misure per miliardi di euro per ridare ossigeno alle azienda costruttrici con gli incentivi.... da noi invece si parla di 300/400 milioni e soprattutto di NON AIUTARE LA FIAT, come dice il ministro che ama pascolare i maiali davanti alle moschee, e ci vogliono dieci giorni per formulare una proposta!
Cruciani non commenta.... a lui interessano le cartoline all'ambasciata brasiliana "ARIDATECE BATTISTI"!!
Oggi c'è un bell'articolo al riguardo su LA STAMPA nella sezione Opinioni, a firma di Cesare Martinetti che vi invito a leggere e che ho naturalmente inviato a Cruciani per sua migliore informazione!
saluti a tutti!

Anonimo ha detto...

Papa Luciani I .....ooooppppssss..... Cruciani!!
Okkio che al sud i problemi ce li ha il ministro Maroni....e a Lampedusa c'è proprio brava gente!
Bobo è stato in Tunsia perchè voleva l'autorizzazione a fare un superpacco di clandestini da ritornare al mittente.... ne potrà rispedire "solo" 500 entro due mesi perchè gli hanno ricordato che gli accordi siglati nel 2003 (chi governava a quell'epoca, te lo ricordi???) con l'Italia NON PREVEDONO rientri in massa!!
Questo è quanto!
Circa la considerazione che hai delle vittime di mafia dei loro parenti, si puo' solo dire che probabilmente appartieni anche tu al "Mangano Fan Club" e che consideri l'OMERTA' una grande virtù!
E per finire ...... IN GALERA, IN GALERA.... lo hanno detto solo pochi giorni fa vari paladini delle LIBERTA' (Alemanno & co.) all'indirizzo di Davide Franceschini che il giudice ha mandato agli arresti domiciliari, IN ATTESA DEL PROCESO per lo stupro di Capodanno!
Ma poi non si capisce.... com'è che volete riempire le carceri di delinquenti e punire senza pietà quando poi state per varare una legge VERGOGNOSA che vieta le intercettazioni per tantissimi reati gravi????
VERGOGNA!
STATE SPROFONDANDO L'ITALIA VERSO UNA DERIVA TOTALE.
Presto o tardi la Storia ve ne chiederà conto.
Amen

Marco C. ha detto...

Grande Authan !
Da Cruciani non me lo sarei mai aspettato

Cristiano ha detto...

A questo punto però è importante che Cruciani parli di questo errore in trasmissione perché
1) le persone che leggono questo blog sono probabilmente molto meno di quelle che lo sentono alla radio, per cui anche loro hanno diritto ad essere informate
2) il fatto che abbiano pescato un audio tagliato da qualche telegiornale dovrebbe indurre a riflettere che quando si dice che in italia l'informazione è manipolata (e in questo momento si sta facendo di tutto da destra a sinistra per screditare DI PIetro), forse non si sta facendo altro che dire la verità. D'altronde questa non è che un altra riprova…

Anonimo ha detto...

Dopo aver letto il post di Cruciani, mi sono sentito risollevato. Sono pochissimi i "coraggiosi" che ammettono l'errore... in tale senso sottoscrivo la nota negativa di Cruciani contro i dipietristi
---------------------------------------
[Was:] Mi dispiace molto... giudicavo Cruciani una persona seria!!
---------------------------------------

francesca ha detto...

LA STAMPA di oggi a firma di RENATO MANNHEIMER

"Tonino, voti raddoppiati e punta al 10%
L’ex pm ha conquistato consensi tra chi ha titoli di studio elevati e vive in grandi città
il partito dell’ex pm continua ad attraversare un periodo di esteso successo a livello di intenzioni di voto. Esse oscillano oggi tra l’8 e il 10%: si tratta di almeno il doppio dei voti ottenuti alle elezioni lo scorso aprile. Gli elettori acquisiti da Di Pietro sono in misura più che proporzionale di età medio-alta, caratterizzati da un elevato titolo di studio (tra i laureati l’Idv raggiunge quasi il 16%), residenti nei grandi comuni."

questo con buona pace di PAPA CRUCIANI I che definisce analfabeta Antonio di Pietro.