martedì 13 gennaio 2009

Il soprassalto delle coscienze

Chissà quale sottile piacere deve provare Giuseppe Cruciani nell'invitare alla Zanzara, uno dietro l'altro, tutti gli opinionisti/intellettuali che maggiormente avversa e disistima.

L'altro ieri aveva fatto capolino in trasmissione il filosofo Gianni Vattimo, favorevole, ma non con toni esagitati, al boicottaggio dei prodotti israeliani. Ieri, invece, Furio Colombo, inarrestabile come un fiume in piena (tanto che dopo i primi minuti Cruciani non riusciva più ad interromperlo per porre altre domande), ha proferito un'accorata difesa di Israele, facendo contento, per una volta, il conduttore della Zanzara.

Come mai nessuno chiede il cessare il fuoco ad Hamas? Chi parla di tregua, che soluzioni propone?”. Queste questioni, messe sul tavolo da Colombo, sono del tutto sensate, e non sono dissimili da quelle evidenziate in uno scritto di Lucia Annunziata (apparso sulla Stampa del 7 Gennaio e letto in parte ieri di Cruciani), dove si parla di “soprassalto delle coscienze” solo contro Israele. Trascrivo qui di seguito le incisive parole della Annunziata:

Su Israele pesa sicuramente un pregiudizio: non ho mai assistito allo stesso livello di emozione e di mobilitazione quando veniva fatto saltare in aria in quel Paese un mercato, un bus, una scuola, una discoteca, come è successo spesso negli anni passati. Appena lo Stato ebraico si muove c’è invece un immediato soprassalto delle coscienze.

Tuttavia, queste considerazioni, per quanto corrispondano al vero, non sono sufficienti, a mio avviso, a rendere il governo di Israele esente da critiche. Il fatto è che l'omicidio di innocenti compiuto da terroristi criminali e sanguinari ha fisiologicamente un impatto minore rispetto all'uccisione di innocenti compiuto da chi agisce in nome dell'autorità ufficiale e riconosciuta, da chi agisce in nome del diritto e in nome dello stato, da chi gli innocenti dovrebbe in primo luogo proteggerli, eticamente e giuridicamente.

Per capirsi: cosa vi impressionerebbe di più, un rapinatore che si asserraglia in una banca con degli ostaggi o un poliziotto che, per risolvere la situazione, spara un colpo di bazooka all'interno dell'edificio uccidendo tutti gli occupanti, ostaggi compresi?

Dico questo non per criminalizzare Israele, come se dall'altra parte ci fossero solo santi, cosa che chiaramente non è. Sto solo spiegando perché le coscienze "soprassaltano" in certi casi più che in altri. E' un fatto emotivo, e niente più.

Cambiando argomento, ieri c'è stato anche l'incredibile intervento del professor Franco Battaglia, docente di chimica dell’ambiente all'università di Modena, articolista del Giornale, e noto antiambientalista viscerale, chiamato in causa da Cruciani per commentare le possibili iniziative del governo inglese per disincentivare l'acquisto delle mega-TV al plasma, autentici mostri energivori.

Secondo Battaglia, e senza che Cruciani obiettasse alcunché, non ci sono seri motivi per impegnarsi nel risparmio energetico. Se i governi adottassero delle politiche appropriate, l’energia sarebbe così abbondante che nessuno si dovrebbe preoccupare di sprecarla.

“Papà, vieni a giocare?”

Appena Battaglia si è congedato, sono corso ad accendere le luci in tutte le stanze. Subito dopo, ho avviato la lavatrice, nonostante fosse vuota. Infine, ho alzato al massimo il riscaldamento. Volevo provare l'ebbrezza del divorare energia in modo incontrollato.

Ma è durata poco, meno di un minuto. Mi sono sentito talmente un pirla che quasi mi prendevo a schiaffi da solo. Ho subito provveduto a fermare la lavatrice, ho riabbassato il riscaldamento e ho spento tutte le luci inutili.

Poi, come tocco finale, ho spento pure la radio.

“Eccomi, piccolo”.

-------

Quando finirà questa insana guerra?
The answer, my friend, is blowing in the wind...



Yes, and how many deaths will it take till he knows
That too many people have died?
The answer, my friend, is blowin' in the wind
The answer is blowin' in the wind.


(Bob Dylan - Blowin' in the wind)

9 commenti:

francesca ha detto...

ciao Authan,
aspettavo con impazienza il tuo arrivo oggi.
Ieri sera, inutile dirlo, volevo intervenire a La Zanzara....
Dopo diversi tentativi infruttuosi per la linea perennemente occupata, finalmente ho conquistato il mio spazietto, valicando tutto il percorso ad ostacoli previsto e mettendomi in religiosa attesa di essere richiamata.
Avrei voluto riportare il contenuto dell'articolo su La Stampa di domenica 11 di Barbara Spinelli sulle colpe che ANCHE Israele ha nei confronti della "gestione" del rapporto con i palestinesi a Gaza, incluso mantenere gli impegni sottoscritti con Hamas.
Purtroppo non sono stata piu' richiamata e la trasmissione è terminata alle 20.45 con il solito laconico saluto del "nostro".....

francesca ha detto...

Per quanto riguarda la tua lucida riflessione sul discorso del risparmio energetico, provero' a sentire gli amici di Caterpillar (Cirri & Solibello) affinchè mandino un invito speciale al prof. Battaglia e a Cruciani ovviamente, ad aderire alla Campagna 2009 di "M'Illumino di Meno" che, come noto, viene promossa da qualche anno a metà febbraio, per ricordare la firma del Protocollo di Kyoto sulla riduzione delle emissioni inquinanti.
Un bel gesto concreto e solidale da parte di entrambi quale potrebbe essere?

ciao
Francesca

Anonimo ha detto...

Buongiorno,
ieri ho seguito la zanzara derogando al temporaneo boicottaggio personale cui la sto sottoponendo a seguito dell’improvvido intervento di Blondet perché ero curioso di vedere l’effetto dell’ennesima uscita di Brunetta.
Non mi pare di avere sentito particolari assensi alle posizioni del ministro, come invece era avvenuto nelle esternazioni precedenti, anzi forse ho avvertito un po’ di fastidio: forse qualcuno sta cominciando a vedere il bluff? (ovviamente non Cruciani che nella mia fantasia avrà fatto licenziare il filtro telefonico :-))

Per quanto riguarda le indignazioni a senso unico concordo con quanto scrive Authan, aggiungendo anche (e spero di farlo in modo chiaro) che credo sia normale protestare contro i comportamenti “negativi” di chi sentiamo simile e vicino a noi per cultura e stile di vita (segnatamente Israele e gli Stati Uniti) molto più che per analoghi comportamenti da parte di popoli o persone che non condividono i nostri valori / cultura proprio perché nel primo caso vediamo che quei comportamenti contrastano e mettono in discussione la scala di valori che condividiamo e perchè possiamo presumere di poter parlare uno stesso “linguaggio” con il responsabile di questi atti.
Conseguentemente non mi scandalizzo quando non vedo reazioni proporzionate contro stati non occidentali, a fronte di atti che violano i diritti umani che scompaiono davanti a quelli commessi da stati occidentali molto più vituperati.
Ad esempio in materia di pena di morte non mi sorprende sentire più voci contro l'applicazione che ne fanno gli USA piuttosto che contro quella, ben più massiccia, che ne viene fatta in Cina o Iran: non penso che si tratti di antiamericanismo, ma penso di poter far sentire di più la mia voce con un amico, piuttosto che con un estraneo.

Saluti

Paolo, il mediatore culturale

authan ha detto...

x Francesca: sarebbe stato bello sentirti in diretta, riprova oggi. Sappi pero' che Cruciani vede la Spinelli come fumo negli occhi, e' un'altra degli intellettuali che lui detesta con tutta la sua forza. Preparati bene per non essere maciullata da Cruciani che nell'arte dell'improvvisare con le parole e' bravo e riesce spesso a "vincere" duelli anche quando non ha tutte le ragioni.
Sull'altro tema, non seguo Caterpillar, ma comunque devo confessare che non considero l'illuminazione pubblica delle strade uno spreco da combattere. C'e' ben di peggio :-) Pero' ripeto che non conosco bene le iniziative di Caterpillar, che sono sicuramente lodevoli.


x Paolo: Brunetta ha stancato, lo dico da un po'. Ormai le spara grosse solo per farsi notare. Come un guardalinee che alza la bandierina a sproposito pur di far vedere che c'e' anche lui in campo. In una parola, "protagonismo".
Sul resto del tuo discorso (e' normale criticare di piu' chi e' per cultura vicino a noi) mi leggi nel pensiero. Anzi, in un post di qualche tempo fa, "La madre di tutte le domande" avevo pure messo questo concetto nero su bianco (o bianco su nero, visto il layout grafico del blog).

Ciao!
authan (autore del blog)

francesca ha detto...

caro Authan,
su RADIO2 ci sono trasmissioni davvero divertenti ed intressanti nel pomeriggio.
Una su tutte è "610sixoneoseicentodieci" con Lillo, Greg & Alex Braga, capaci di una comicità surreale e demenziale notevole!
A seguire, dalle 18 c'è "CATERPILLAR" appunto, che affronta giornalmente in modo leggero e via via sempre piu apprfondito, coinvolgendo anche gli ascoltatori che telefonano esprimendosi, i temi "caldi" del momento. Immagino che stasera ci sarà o l'inamovibilità granitica di Villari oppure il varo di ALI-CAI!
Per quanto riguarda il risparmio energetico, non si fa riferimento unicamente a lampioni, insegne o vetrine da spegnere per un giorno... tra l'altro questa iniziativa ha valicato anche gli italici confini approdando ad esempio in Francia ed UK.

buona serata e ..... speriamo bene stasera per Cruciani, ma mi sa tanto che ormai mi son giocata tutte le chances!

Francesca

ps: dacci nuove perle!!

Sunchaser ha detto...

Proporrei allora di usufruire tutti dell' elettricità, acqua e gas dell' esimio professore!

francesca ha detto...

Buongiorno,
tra gli argomenti proposti alla riflessione degli ascoltatori da Cruciani ieri sera c'era anche la notizia dei due autobus prossimamente a Genova con réclame "Dio non c'è; evviva!"

Chi a favore e chi ovviamente contrario, ma su tutti inaccettabile il giudizio sprezzante del "nostro" sugli ideatori del movimento UAAR definiti con un tono di voce inequivocabile (di sfottò, di nessuna considerazione) come "pensatori" ma ritenuti al contrario pseudo-tali!

Ricordo che tra questi, anche se Cruciani non li ha menzionati, figurano MARGHERITA HACK e PIERGIORGIO ODIFREDDI.
E ho detto tutto!!

Andate sul sito di UAAR e scoprirete anche un interessante sondaggio; guardare soprattutto i risultati!

Buona giornata
Francesca

Anonimo ha detto...

Sono perfettamente d’accordo con te.

La manipolazione è evidente e a mio parere questo tipo atteggiamento non ha attenuanti.

Roba da pennivendoli.

Ma se ti aspetti che Cruciali reciti un mea culpa stai fresco caro Authan.



Ti leggo sempre con piacere, tutti i giorni.



Grace

authan ha detto...

Grazie Grace, pero' hai commentato il post sbagliato. Quello che hai scritto si riferisce al taglia e cuci di Cruciani sul discorso di Di Pietro a Piazza Farnese. Vedi post "Taglia e cuci".

Aspetto altri tuopi commenti, se vuoi!

Ciao,
Authan (autore del blog)