martedì 8 settembre 2009

Svegliatemi quando settembre finisce

Con la trasmissione di ieri, alla conduzione della Zanzara è tornato, particolarmente baldanzoso e garrulo, Giuseppe Cruciani, dopo che questi per diverse settimane si era dato alla macchia. Ma, in un certo senso, è come se non se ne fosse mai andato.

Non erano ancora finiti i titoli del TG2, manco il tempo di pronunciare qualche parola di circostanza per celebrare l'avvio di una nuova stagione zanzaresca, che lui, Cruciani, sempre più vecchio, sempre più uguale, già scatenava la sia ironia sul “clima berlusconiano oppppppprimente per la libertà”. Madonna santa che spreco di fantasia. Siamo sempre lì, fermi, inchiodati sulla linea del piave negazionista, sempre lì con l'elmetto a difendere la tesi dell'insignificante anomalia laterale, scambiando un più che legittimo disagio per lo scarso pluralismo dell'informazione televisiva e l'inquietudine per l'inasprirsi dei rapporti tra il cavaliere e la stampa non amica come l'effetto di un irreale delirio collettivo.

Che noia, che barba, che barba che noia... Mai un passo avanti, mai un passo indietro, mai un passo in una qualsiasi direzione. La Zanzara rimane sempre imbullonata alla linea dell'anti-antiberlusconismo che ormai aleggia nell'etere come un vessillo di guerra, filo conduttore e collante tra tutti i temi, unico faro in un mare di incertezze.

Non importa quello che Berlusconi può dire o fare. Non importa neppure se supera abbondantemente la soglia del ridicolo nel momento in cui dice (è successo ieri) di “non aver mai usato il potere per scopi personali”. No, l'importante è tenere alta la bandiera: io, Giuseppe Cruciani, non sono berlusconiano, ma soprattutto, è questa è la sola che conta, non sono antiberlusconiano, e non passerà giorno senza che manchi di dimostrarlo.

Questa sì che è un'ossessione. Anzi di più, è quasi un tic ossessivo compulsivo. E' un bisogno, una dipendenza, una necessità, quella di non essere mai scambiato per antiberlusconiano, che raggiunge livelli tali da sfiorare il ridicolo. Ieri, ad esempio, la scontata, inevitabile, inesorabile equiparazione tra il "giornalismo all'olio di ricino" (definizione di Antonio Polito, solitamente citatissimo da Cruciani, tranne quando non gli fa comodo) di Vittorio Feltri, relativamente al caso Boffo, e la campagna di Repubblica sui vari scandali di Berlusconi è stata un insulto all'intelligenza di chiunque abbia due occhi per guardare, due orecchie per sentire, due mani per toccare, e due neuroni per pensare.

Ma l'apice, ieri, lo si è raggiunto quando Cruciani, quale dimostrazione che in Italia non c'è nessuna “opppppprimente cappppppppa berlusconiana”, ha ricordato come il regista Michael Moore, e il caudillo venezuelano Hugo Chavez siano stati accolti con tutti gli onori e applauditi al festival del cinema di Venezia. Già solo il fatto di mettere sullo stesso piano Michael Moore e Hugo Chavez è imbarazzante, da mettersi le mani nei capelli. Ma poi cosa c'entrano quei due con la concentrazione di potere di Berlusconi e con il suo modo di rapportarsi con la stampa, perché la loro presenza al Lido dovrebbe in qualche modo incidere sulla percezione dell'impatto di Berlusconi sulla vita pubblica. Ma di cosa stiamo parlando…

E poi, sempre riguardo la puntata si ieri, a rendere il tutto ancora più indigesto è pure arrivato il solito molesto Vittorio Sgarbi, con le sue fesserie sulla pale eoliche, con il suo turpiloquio (che non essendo inserito in un contesto sarcastico risulta solo sgradevole), e con tutte quelle considerazioni sproporzionate (che oggi francamente non ho neanche la voglia di approfondire), tra il delirante e il demenziale, che ti portano a chiedere come possa una mente in apparenza così brillante partorire dei pensieri così grevi.

Io non lo so... Ho sempre pensato che la Zanzara fosse una trasmissione stimolante, ideale per raffrontare i miei pensieri con quelli degli altri. Ma quando la fissazione per l'anti-antiberlusconismo diventa così prevalente, così imperante, così acritica, in ogni parola, in ogni domanda, in ogni risposta, in ogni ridacchiatina, in ogni bah e in ogni mah, io mi chiedo se tutto questo impegno, questa passione, questa voglia di esserci e di esprimersi abbiano ancora un senso.

Ma forse la colpa è anche mia o soprattutto mia... In queste ultime settimane senza Cruciani mi sono adagiato un po' troppo, ho abbassato la guardia, e mi sono lasciato trovare psicologicamente scoperto. Fatto sta che la puntata di ieri ha riaperto ferite talmente grandi che non so quanto tempo mi ci vorrà per vederle nuovamente riassorbite.

Se tutto questo assomigli più ad una fine piuttosto che ad un nuovo inizio ancora non so dirlo. Quello che so è che ora non ho voglia di pensarci, né di farmi venire il mal di pancia o il sangue agli occhi. Ciò che desidero ora è solo fiondarmi in un letto, sotto un lenzuolo di seta, e dormire ininterrottamente per un mesetto o giù di lì. Svegliatemi quando settembre finisce.

---------------------------------

Green Day, "Wake me up when September ends" (2004).




Summer has come and passed
The innocent can never last
Wake me up when September ends


84 commenti:

Anonimo ha detto...

@ Authan: ho appena letto il tuo post di rabbia, delusione, rassegnazione verso la conduzione della Zanzara da parte di Cruciani. Indipendentemente dalle decisioni che prenderai di continuare o meno il blog, volevo ringraziarti per l'impegno e il tempo da te dedicato affinché questo blog diventasse un appuntamento quotidiano anche per chi, come me, si è trovato spesso in disaccordo ma nonostante ciò ha apprezzato molte delle tue riflessioni e soprattutto lo stile con il quale scrivi. Non so, la butto lì, potresti alternare un giorno la Zanzara e l'altro Zapping..
Antonio

Anonimo ha detto...

Sono tornato tardissimo dal lavoro. Ho iniziato ad ascoltare la replica dell'una di notte con la bramosia del crucianiano affezionato. Non sono resistito più di 15 minuti...
Bravo Authan, non ti conosco, ma ogni volta che scrivi centri esattamente le mie sensazioni. Ha chiamato un ascoltatore con un intervento di puro buon senso. Diceva come fosse incredibile che con i problemi dell'Italia il dibattito fosse fermo su temi lontani dalla gente. Un intervento condivisibile, musica per le orecchie di Cruciani, che ha lasciato parlare. Appena l'ascoltatore ho osato sottolineare, con altrettanto buonsenso e pacatezza, la contraddizione tra chi, dopo aver firmato decreti per multare i clienti di prostitute strdali, si concede di ospitare in casa donne di mondo, ecco che il Nostro ha iniziato a sbuffare, a scalpitare ed ha sentenziato con il solito refrain...

Poi è piombato Sgarbi con delle accuse incomprensili ai produttori di pale eoliche, a suo dire tutti mafiosi, (intervento che se avesse fatto un comune mortale non sarebbe durato più di 4 secondi) ed ho deciso che era ora di dormire. Forse fino a fine settembre...

Alessio

F®Ømß°£ ha detto...

Buongiorno,

che dire, nelle ultime settimane il blog era un po' moscio a mio modestissimo parere, mentre la trasmissione, specialmente con Alessio Maurizi era tornata alla Zanzara di più di un anno fa.

Ieri è tornato dopo tre settimane di ferie un Cruciani rigenerato solo nell'arroganza, ed ecco che Authan forgia un post che trovo quasi commovente per quanto esprime gli stessi sentimenti che ho provato io.

L'anti-antiberlusconismo ostentato, i paragoni Repubblica-Giornale insultanti per l'intelligenza di un criceto, la confusione mentale tra Michael Moore e Chavez e il clima dell'informazione in Italia. E su tutto questo la coprolalia patologica di Sgarbi.

D E P R I M E N T E.

Grazie Authan per aver espresso lo scoramento, il fastidio e la delusione in modo così efficace!

Saluti

Tommaso tornato alla realtà

Anonimo ha detto...

bellissimo il contributo multimediale....ed azzeccatissimo come sempre!
Grazie
Cruciani sotto sotto se la ride pensando a Feltri appostato in redazione come un cecchino a caccia di bersagli mobili e sa bene che le esecuzioni avvengono previa decisione con il padrone della baracca.

Anonimo ha detto...

grazie MIKE di essertene andanto proprio oggi.
speriamo che quel demente del tuo ex-datore di lavoro si zittisca almeno per rispetto.
e' affetto da diarrea verbale e sta spargendo merda ovunque.

Paolo el rebelde ha detto...

Buongiorno,
Devo ammettere che sentire Cruciani che introduce Sgarbi il giorno in cui rientra in servizio è stato sconfortante, anche se avevo avvertito un progressivo calo nella qualità della conduzione di Maurizi.

E' tornato il Cruciani di un mese fa, purtroppo: spero che la ripresa delle attività politiche migliori almeno la qualità degli argomenti in trasmissione, per ora ancora bassi e stantii.

@ Authan: riferito a Moore e Chavez chiedi "Ma poi cosa c'entrano quei due con la concentrazione di potere di Berlusconi e con il suo modo di rapportarsi con la stampa"? Moore non so, ma anche Chavez è basso, autoritario, demagogo, eletto a grande maggioranza, concentra in sè stesso il controllo di quasi tutta l'informazione del suo Paese, tratta l'opposizione con fastidio e minacce, è un noto gaffeur internazionale, flirta con dittatori di ogni risma,... ;-).

Raramente ho visto tanta involontaria ironia.

Se a qualcuno interessasse uscire dagli stereotipi sul Caudillo Chavez, nel bene e nel male, suggerisco di dare una occhiata in Wikipedia alla relativa voce e a quella sul Venezuela.

Saluti

Paolo el rebelde

Anonimo ha detto...

caro Authan,

concordo con tutto quello che hai scritto.

Anche a me ieri sono cadute le braccia, e mi è scattata una decisione secca:

Cruciani mi ha stufato, e come a suo tempo abbandonai Zapping adesso abbandono la Zanzara, gliel'ho pure scritto per mail.

Una proposta per la nuova sigla? Quella canzone che rima così:

"Facciamo finta che tutto va ben, tutto va ben..."

Vincenzo

Anonimo ha detto...

Un pensiero per Mike Bongiorno: addio caro Mike, compagno di mille serate, pezzo di storia della nostra Italia dal dopoguerra ad oggi, unico tuo cruccio è forse non essere morto nella tua amata Italia, mi sembra di vederti guardarci da lassù noi che ti piangiamo e tu con il tuo sornione "allegria!".
RIP
Antonio

Anonimo ha detto...

Authan canzone perfetta.
Meravigliosa a DIR POCO.

Ti ringrazio infinitamente per aver letto nei miei pensieri e nella mia pancia.. e a quanto pare non siamo soli.

Questo giornalAismo di Cruciani è quello che ci meritiamo.

Mediocre, ridondante, ottuso, incompetente e irritante.

Queste le penne del prossimo ventennio..

Condivido appieno il tuo sentimento e se decidi di mollare tutto ti appoggio vivamente ma con una riserva.. riproniamo un blog rinnovanto, completamente slegato dalla Zanzara, dal giornalismo scadente di dell'illetterato Cruciani.

Provo a dire la mia in musica sottolineando un passaggio:


-E nonostante le bombe vicine e la fame
Malgrado le mine
Sul foglio lasciò parole nere di vita
“La guerra è finita
Per sempre è finita
Almeno per me” -

http://www.youtube.com/watch?v=pWqnVybntCc



Perchè è davvero il caso di "suicidare" il cervello.


GRACE

Anonimo ha detto...

Dove non è arrivata la politica, con le sue fazioni destra-sinistra, nord-sud, chiesa-laicità, sei per un momento arrivato tu, amato e stimato da nord a sud, da cristiani e laici, da elettori di destra e di sinistra, amico, padre, nonno di tutti noi italiani, ci hai fatto sentire finalmente fratelli, grande Mike.
Antonio

Vigneron ha detto...

Bel post Authan come al solito, questa volta amaro, sinceramente dispiaciuto.
E io mi associo a questo pessimismo.
Purtroppo il nostro paese è alla deriva e il livello del giornalismo non può che crollare miseramente.
I personaggi come Cruciani hanno ragione, faranno carriera soprattutto calpestando le proprie idee.
Le schiene diritte non hanno futuro, lui si.

Non mollare mi raccomando!

Anonimo ha detto...

ti prego authan, non ci lasciare, non arrenderti... se vuoi abbandona la zanzara, ma non chiudere il blog..al massimo sposta la mira e fanne un blog di opinione a tutto tondo..fa quello che vuoi ma per favore ma non ci abbandonare!!!

Grande authan!!!

Giorgio

Vigneron ha detto...

Posso dire in anticipo qualcosa di antipatico?

"Non me ne fotte un ... di Mike Bongiorno e della sua televisione per rincitrulliti"

Scusate, mi sono sfogato.

Anonimo ha detto...

Carissimi,
in questo triste momento, mi unisco a tutti nelle condoglianze per la scomparsa di Mike
Bongiorno. Insieme ai miei studenti stiamo raccogliendo
adesioni per una veglia nei pressi degli studi Mediaset.

Aderite numerosi.
Ciro Scaro

R.I.P. Grande Mike !

Anonimo ha detto...

@ Ciro Scaro: Per favore ci puoi tenere aggiornati su questo blog dandoci l'orario e dicendoci se perdurerà anche per tutta la notte?
Penso che oltre a me possa interessare altri utenti del blog.
Antonio

Anonimo ha detto...

Ragazzi, ho appena consigliato a Cruciani di curare uno speciale della durata di una puntata della Zanzara tutto dedicato a Mike. Se l'hanno fatto per Michael Jackson..
Speriamo bene!!
Antonio

Anonimo ha detto...

...nei pressi degli studi Mediaset???

E PERCHE' MAI????

Mi risulta che Mike fosse stato ingaggiato da SKY come ultimo contratto; che anzi a breve dovesse andare in onda un RISKYATUTTO ....

per favore.... alla larga dalle proprietà del cavaliere di Hardcore!!

F®Ømß°£ ha detto...

Scusate tanto, sono molto dispiaciuto per la scomparsa di Mike Bongiorno e non condivido di certo il "non me ne frega niente" di qualche commento sopra.

Ma perché una veglia?

Tommaso

Anonimo ha detto...

@ Anonimo sopra: Penso negli studi Mediaset perché ci ha lavorato trentanni, contribuendo anche alla sua nascita. L'ultimo periodo aveva deciso di lasciare Mediaset su consiglio di Fiorello per seguirlo a Sky, dove avrebbe guadagnato di più, ma restando comunque molto amico di Silvio Berlusconi, come più volte dichiarato. Non mi sembra il caso in questo momento di tragicità fomentare inutili polemiche sul nostro eroe nazionale.
Antonio

clem ha detto...

Sono due mesi che ho smesso di ascoltare Cruciani e ne ho sorprendentemente guadagnato: sono meno incazzoso di primo mattino (lo ascolto in podcast perché vivo all'estero, con i canonici due giorni di ritardo), dormo meglio, non penso in continuazione al fatto che visto l'andazzo e potendo scegliere probabilmente in Italia non ci torno più...
Fatelo, è terapeutico. Se poi sentite la mancanza di Cruciani, ne potete fare un'ottima imitazione per vincere l'astinenza:
1) tappatevi le orecchie con le mani
2) fate "LALALALALALALALALALALALALA" fino ad effetto ottenuto.

Anonimo ha detto...

condivido in pieno la tua analisi.Adoravo La Zanzara,ma non ricordavo,dopo soprattutto la splendida conduzione di Telese,un Cruciani cosi' isterico,viscido e spesso maleducato.
Alle 18.30 trovero' altro da ascoltare mentre faccio footing...

Riccardo

Anonimo ha detto...

@ Tommaso: Non la organizzo io, ma mi sembra giusto fare una veglia per un uomo di umili origini che umile è rimasto anche dopo averci reso quello che siamo, tra le altre cose, insegnando l'italiano in parti dove si parlava solo il dialetto, rendendoci più colti e più curiosi di apprendere nuove nozioni.
Antonio

Anonimo ha detto...

Leggo sul sito del Corriere un commento nel quale si propone il nome di Mike come prossimo premio nobel per la pace: che ne pensate?
Antonio

Anonimo ha detto...

Ma quale veglia?
Ma quale Nobel???

Grandissimo personaggio e siamo d'accordo, ma non esageriamo!

Lucido e graffiante fino all'ultimo e racconto' pochi mesi fa di quando al telefono, dopo mesi di silenzio da Mediaset, chiese di poter fare gli auguri a SB lo scorso Natale.
Si senti rispondere da una centralinista che sarebbe stato messo in nota con i tanti che desideravano parlare al Presidente.....e lui disse "A ME????" aggiungendo l'amaro commento "Dopo trent'anni...."

Anonimo ha detto...

Non mollare Authan!
E' adesso che comincia il divertimento....
Hai sentito il grande illusionista?
Dice: "Con Fini, tutto a posto"
E quello gli risponde. "A posto una sega!"

Abbi pietà dunque, abbiamo bisogno dei tuoi lucidi ragionamenti, nun ce lassà!

Paolo il becchino ha detto...

@ Authan:
confesso che non avevo interpretato il post come un annuncio dell'intenzione di abbandonare e mi auguro non lo sia: la trasmissione non è male, malgrado un conduttore sempre meno presentabile...
Nel caso cosa suggeriresti di meglio?

@ Fans di Mike:
leggo dell'ipotesi Nobel per il defunto conduttore e mi chiedevo perchè non iniziare una campagna "santo subito" oppure magari candidarlo Papa postumo ad honorem.

Con tutto il rispetto per un personaggio che ha segnato l'Italia, mi pare che si stia esagerando. Giusto un filino, ecco.

Saluti

Paolo il becchino

Anonimo ha detto...

@Paolo: Santo subito o Papa è una boutade che fa sorridere anche in questo giorno di lutto per il nostro Paese. Perchè però non intitolargli una via, magari a Milano o a Roma? In fondo, se ci pensi il ruolo di Mike di insegnante della lingua italiana e divulgatore della cultura italiana non è forse paragonabile ai massimi letterati del nostro Paese? Se c'è via Dante perché non può esserci via Mike Bongiorno in centro a Milano?
Antonio

liongalahad ha detto...

@ Antonio

ma dici sul serio o stai prendendo in giro tutti??? la seconda, spero!

Il paragone Dante - Mike è una delle cose più inverosimili che mi sia mai capitato di leggere

Anonimo ha detto...

@ Liongalad: Dal punto di vista del contributo all'alfabetizzazione in Italia Mike non ha rivali! Dante scriveva per se stesso opere pregevoli ma per intellettuali, Mike ha alzato il livello culturale dell'italiano medio, che a quei tempi non sapeva parlare in italiano. Hai mai letto "Fenomenologia di Mike Bongiorno" di Umberto Eco? Tra alcune critiche si dà a Mike il merito di aver cambiato un paese. Il boom economico-sociale-culturale dell'Italia del Dopoguerra lo dobbiamo anche a Mike Bongiorno, non dimentichiamolo. Forse preferisci Benigni che legge Dante :)?
Antonio

Anonimo ha detto...

Antò, come diceva Rino Gaetano ventanni fa: "Mike Bongiorno nun te reggae cchiu"!
Pasquale

gianpaolo ha detto...

Ero curioso di sapere come avevi preso il rientro di Cruciani e sono felice che non sia risultato indigesto
(molto più del solito)solo a me. Ieri sono stato felice quando mia figlia mi ha detto:"Papà mi metti la canzone"??? per scatenarsi in 10 minuti di danza tribale prima del crollo.
Complimenti, sei un raro esempio di stile e contenuto.
Un saluto. Papà Gianpaolo

gianpaolo ha detto...

@Antonio "Mike ha alzato il livello culturale dell'italiano medio" ....consigliandogli di votare Berlusconi. Grande contributo ha dato alla cultura italiana!!! Grazia anche a lui siamo dove siamo.

Anonimo ha detto...

@ Gianpaolo: Sei uno della serie l'erba del vicino è sempre più verde? Io no, e ritengo che in quanto a cultura e livello culturale noi italiani non dobbiamo prendere esempio da nessuno
Antonio

gianpaolo ha detto...

@ Pensandoci bene hai ragione. Non abbiamo mai goduto di tanto prestigio in Libia e Russia. Chi si accontenta...
Io sono orgoglioso di essere italiano per ciò che l'Italia ha rappresentato per la cultura e per le arti, ma mi vergogno profondamente di vivere nel Paese che siamo diventati.

TombeurDeLivres ha detto...

No Authan, lo scoraggiamento delle persone intelligenti è l'arma più efficace che hanno a disposizione gli "indipendenti" come Cruciani. Chi sostiene che non esiste un problema Berlusconi se non è stupido è in malafede (potendo essere anche entrambe le cose ovviamente )Del resto anche Feltri aveva scritto in una intervista di non avere la stoffa del cortigiano. In realtà ha dimostrato di avere quella del boia, e per ogni testa pensante che smette di farsi sentire sarà sempre più facile sostenere che "il vero problema è sempre un altro"

@Antonio

"in quanto a cultura e livello culturale noi italiani non dobbiamo prendere esempio da nessuno". Lo diceva anche il Duce con il suo "Popolo di navigatori, santi e poeti" e infatti i migliori cervelli se ne vanno. Siamo la nazione che legge meno libri al mondo, e proprio per questo ci piace immaginare primati che ci assegnamo soltanto noi stessi...

andrea ha detto...

Ho acceso da poco la radio e, non vorrei essere irrispettoso, ma a me sembra esagerato dare così spazio alla morte di un presentatore televisivo (la cui nomina a senatore a vita sarebbe stata sinceramente una comica...).
Anzi dare, da parte di cruciani (imbarazzante + del solito), tanto spazio a questa morte conferma quanto scritto oggi da Authan (unico via d'uscita la nomina di Fabi come direttore di Avvenire e l'ascesa di Cruciani a direttore di radio 24 con la speranza che non abbia tempo di curare anche la zanzara...).

Antonio, sicuro del contributo del presentatore allo sviluppo della cultura italiana; come ad esempio la Montalcini (una che onora veramente la carica di senatore a vita).

Anonimo ha detto...

ma l'avete capito!!! Cruciani si sta servendo della zanzara come trampolino di lancio personale verso piu' alte vette mediatiche (magari la televisione), quindi a lui fondamentalmente non frega un C. della squinternata situazione politica e saggiamente fa L'AMICONE DI TUTTI specialmente di quelli che comandano i media ....e noi a roderci il fegato!!
PS. ormai la maggiorparte dei giornalisti non puo' piu' rappresentare i problemi della gente comune..loro sono cmq degli arrivati e il loro scopo è solo quello di mantenere le chiappe su una comoda poltrona.

Collettivo ha detto...

va beh ragazzi ma è antonio

Anonimo ha detto...

cruciani e' sottotono.
che gli succede.

authan, ti voglio conoscere. non mollare, sei un grande

miss Zecca

Anonimo ha detto...

appena tornato da veglia per Mike: il magone non va via, domani e' un altro giorno, speriamo di poter compensare prima o poi questo vuoto...

Anonimo ha detto...

chiedo venia per non essermi firmato, ero antónio.

mauriziomorabito ha detto...

@authan: proprio non ti capisco. sto ascoltando la trasmissione del 7, finalmente disponibile sul sito, e mi sembra che non sia passato un giorno da quando se ne e' andato. ma la ragione di tutto questo tuo astio mi e' ignota. cosa vorresti che facesse, trasformarsi in Travaglio cosi', "tanto per cambiare"?

Matteo-MS ha detto...

Evidentemente nel bel mondo patinato che ruota intorno al cavaliere di Hardcore c'è anche chi soffre di complessi di inferiorità.
Signorini non contento di come Boffo sia stato esposto al pubblico ludibrio, ora si inventa un'intervista rilasciatagli dal sanguinante ex-direttore di Avvenire, a mezzo telefono, che oggi è pubblicata sul foglio buono per incartare le frattaglie che è il suo settimanale.
Inutile aggiungere che Boffo smentisce recisamente.

Ma ci immaginate tutti ignoranti come la massa di elettori che avete sotto i vostri piedi???

francesca ha detto...

Ho seguito molto distrattamente la trasmissione di ieri sera e a tratti.
Mi è parso un Cruciani molto sullo scazzato e senza impegno.
Tre argomenti del poco che ho sentito.
Fini/Feltri/SB – Quali sono le mire del presidente della Camera ? Tralascerei di commentare perché gli eventi sono in divenire e si aspettano le dichiarazioni che farà GF a Gubbio.
Mike senatore a vita, scazzi con Mediaset, con il valente ausilio di noti opinionisti d’annata informati dei fatti quali la Zanicchi e Costanzo che pero’ fanno una gran fatica ad affermare che il biscione ha trattato proprio male il monumento della TV italiana. Anche Cruciani solo alla fine si lascia andare a qualche mezza ammissione. Ma tutto il mondo lo sa, dopo l’intervista in TV da Fazio che Mike rilascio’!
Report e mancanza di copertura legale dalla RAI (N.B. Di tutte le querele e denunce ricevute, la Gabanelli non ne ha persa una!). Nel clima avvelenato che ruota intorno all’informazione di questi giorni, non ultimo le deliranti esternazioni del premier (sempre applaudito comunque dalle platee, anche alle battute piu’ infelici, come quella di autodefinirsi un non-dittatore per il fatto di non far chiudere i giornali, senza pensare che uguale è farne dimettere i direttori!) Cruciani ha speso il minimo possibile per commentare, tralasciando altresì di riportare l’altra notizia dei contratti di ANNOZERO (trasmissione campione di incassi) non ancora firmati per la trasmissione prevista in onda dal 24 corrente.
La buona notizia è che nel mare agitato di RAITRE, direzione TG e palinsesti che saranno verosimilmente modificati rispetto alle attese, torna da questa settimana (almeno) Enrico Bertolino e il suo BLOG, da non perdere!

Saluti
Francesca

Anonimo ha detto...

Credo che il prossimo obiettivo degli house organs del cavaliere mascarato sarà Giulietto Tremendino!
Perchè? Perchè rema contro e dice cose diverse da quelle del premier.
Per aver tuonato a Cernobbio contro banche e banchieri italiani che rifiutano i "Tremonti bonds" e per questo non fanno gli interessi del paese, giacchè lo scopo era quello di dar loro liquidità per fronteggiare le richieste di aiuto dalle imprese!

Ieri a Milano, Berlusconi ha invece preso una posizione diametralmente opposta, asserendo che non si può dare la croce addosso ai banchieri, che «solo una percentuale minima di imprese non ha ricevuto risposte dal nostro sistema bancario» e che, poiché si utilizzano i soldi dei risparmiatori, non bisogna fare del «cattivo credito».

La verità è che la crisi morde, le azienda chiudono, si perdono posti di lavoro e i consumi freneranno di conseguenza.... laddove ci voglioni strategie domina la confusione e il personalismo, anzichè un'azione politica di concerto tra politici, economisti (Boeri si è sgolato a ripetere i suoi suggerimenti su riforma del contratto e ammortizzatori sociali) e mondo della finanza.

E quei famosi crediti delle imprese (70/80 miliardi di euro) che lo Stato deve pagare e che anche Donna Emma aveva qualche mese fa sollecitato???
Non farebbero piu' comodo alle aziende in difficoltà gli incassi di soldi VERI anzichè i Tremonti Bonds alle banche (cari e poco maneggevoli??)

Anzichè autoincensarsi sulla consegna delle case ai terremotati (con la torta e lo spumante in frigorifero) il premier dovrebbe far luce........

Paolo il rabbioso ha detto...

@ mauriziomorabito:

astio? ma dove? Che post hai letto? io ci leggo amarezza, sconforto, delusione, disillusione forse, ma astio...

Oltretutto il desiderio di avere un conduttore meno acritico (che non vuol dire meno schierato) mi pare più che legittimo e il post mi pare estremamente pacato, non mi ricordo di aver mai letto un solo post di Authan "con la bava alla bocca" come un feltri o uno sgarbi qualsiasi...

Mi verrebbe da chiederti perchè quando a destra non condividete le idee altrui parlate di astio, di campagne d'odio, di menzogne e tirate in ballo cose che non c'entrano un fico secco (Travaglio? cosa c'entra con il post?). Ma sarei tendenzioso.

Saluti

Paolo il rabbioso

mauriziomorabito ha detto...

non so, Paolo, tu come definisci "astio"? corriere.it lo equipara a "livore" ed e' quello che leggo quando uno scrive per esempio che Cruciani vuole difendere "la tesi dell'insignificante anomalia laterale" mentre il Nostro ha ripetuto spesso, anche lunedi' 7, che certi argomenti sono semplicemente stati sviscerati per anni, li abbiamo sentiti in tutte le salse, chi poteva farci qualcosa quando lo poteva fare ha deciso di non farlo, e quindi non ci rimane che convivere con la situazione volenti o nolenti.

Anche il "turpiloquio" di Sgarbi che mi aspettavo essere chissa' cosa, si e' ridotto a un'unica espressione volgare.

Che c'entra Travaglio? E' solo un modo per capire cosa vorrebbe sentire authan in trasmissione.

Anonimo ha detto...

@ Anonimo sopra: Dichiarazione della Marcegaglia di oggi:
"Siamo fuori della recessione, il peggio è alle spalle ma la crescita sarà lenta e difficoltosa, quindi la situazione è in miglioramento" e, detto da una che ha tutto l'interesse ad ingigantire, come ha sempre fatto, la crisi, ti fa capire che le misure adottate dal governo hanno sortito buoni frutti. Certo, se la stampa continua ogni giorno con le notizie sulle escort (salvo poi, paradossalmente, parlare di censura sulle notizie riguardanti i problemi reali del paese) e non parlando dell'ottimo lavoro in Abruzzo è facile che uno si faccia idee sbagliate sulla realtà.. Il grosso difetto di Berlusconi è quello di voler strafare per restare nella Storia con piccoli miracoli (tra i quali anche il Ponte sullo Stretto), non accontentandosi di svolgere bene il suo ruolo.
Antonio

Anonimo ha detto...

IDV: Rimborsi elettorali, Di Pietro indagato
http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=380947
Ecco perché non si sente più parlare di Di Pietro..
Antonio

Anonimo ha detto...

@ Antonio
dovevi restare alla veglia per Mike oggi!

Paolo il livido ha detto...

@ mauriziomorabito:

grazie della lezione di italiano, fortunatamente non mi era sfuggito il senso della parola "astio" e confermo che non mi pare di averne trovato nel post.
Non credo che ricordare che qualche problema di informazione in Italia c'è (chi poteva non lo ha risolto, embè? questo lo rende meno grave o reale?) e che minimizzarlo sia intellettualmente disonesto possa definirsi astio, livore o odio. Parere personale.

Saluti

Paolo il livido

Anonimo ha detto...

@ Anonimo sopra: Di Mike non intendo più parlarne e di rodermi il fegato per cercare di ricordare a tutti i suoi meriti, che pensavo universalmente riconosciuti ma non è così (Oggi Nicoletti ha imbastito una infame trasmissione denigratoria nei suoi confronti nella quale si è persino permesso di fare sentire il suo litigio con Antonella Elia). L'unico conforto dai media che ho avuto sono state le parole di Aldo Grasso e uno stupendo articolo sul Riformista dove Mike è stato definito il "superuomo di massa" e gli è stato finalmente riconosciuto il suo ruolo con la semplice frase "Mike è arrivato dove non è arrivato Alessandro Manzoni, unificare l'Italia"
Antonio

gianpaolo ha detto...

@Antonio. Sei uno spasso. I miracoli che meglio esegue berlusconi sono la creazione dal nulle di immense somme su conti esteri natuaralmente a suo nome. Se per te son miracoli.

mauriziomorabito ha detto...

@Paolo

minimizzarlo? tu quoque? mi dici dove io (o Cruciani) abbia cercato di minimizzare il problema della concentrazione dei media?

Per me (e oserei dire, anche per Cruciani) e' come scoprire di essere un po' meno bravi degli altri nel dipingere quadri, non aiuta ad emulare Van Gogh e Michelangelo ma che ci si puo' fare?

francesco.caroselli ha detto...

Grande Authan gran post...
vedo che c'è "felling" fra noi e te...
Alessio Maurizi era veramente fantastico, adesso lo rimpiango pure io...

Chavez perchè fa cosi schifo a Cruciani?
Non è molto diverso da berlusconi... anzi li trovo paurosamente simili...pure Chavez è stato eletto...quindi Crux dovrebbe essere un attimo coerente


Io odio Sgarbi e penso che l'energia eolica sia una risorsa importante, ma purtoppo devo sostenere Sgarbi quando dice che c'è un brutto giro attorno alle pale (e che purtoppo troppo averle installate nessunno si preoccupa della manutenzione)

Anonimo ha detto...

x Morabito: mi pare che gli avvenimenti delle ultime settimane confermino invece quanto sin'ora affermato sul pericolo derivante dalla concentrazione nelle mani di SB di giornali e TV.
Poi se vogliamo continuare a mettere la testa sotto la sabbia....
Pasquino

Cristiano ha detto...

Essere antiberlusconiani fa male alla carriera: ti possono sempre cacciare da un momento all'altro, farti un editto bulgaro o bruciarti la macchina e rubarti in casa. D'altro canto invece l'essere berlusconiano o, ancora meglio, occultamente tale, è un propellente fantastico per il tuo curriculum. Anche se non sei tanto bravo ti trovano sempre un posto e magari alla fine finisci pure in TV.
Dai, diventa anche tu un fan di Papi!
P.S. Voci tendenziose vogliono Cruciani in procinto di firmare un contratto per Lele Mora…

Anonimo ha detto...

HELP!!
SOS!!!

QUESTO BLOG E' IN PREDA ALL'ANARCHIA!

AUTHAN, TORNAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!

Anonimo ha detto...

ahahahah!!
un contratto con Lele Mora per fare da spalla a Corona in un balletto delle ragazze-schedina dalla Ventura su Raidue la domenica pomeriggio magari!

Ehi non scherziamo e ricodiamoci piuttosto che il 23 ci sarà in edicola il FATTO QUOTIDIANO con Telese, Travaglio & Co.
Dice ma che ci fa un conduttore vicario de La Zanzara in mezzo a una banda di giustizialisti??
Meglio forcaioli che mariuoli!

A proposito.... e come sta andando l'appello del processo a Dell'Utri??

Paolo il minimizzatore ha detto...

@ mauriziomorabito:

quando, riguardo a conflitto di interessi e controllo dei media leggo che "certi argomenti sono semplicemente stati sviscerati per anni, li abbiamo sentiti in tutte le salse, chi poteva farci qualcosa quando lo poteva fare ha deciso di non farlo, e quindi non ci rimane che convivere con la situazione" e vedo il concetto condito in trasmissione di ogni forma di dimostrazione di fastidio e dissenso per chi evidenzia il problema stesso ho l'impressione che il problema venga NEGATO in quanto inelubidile ed inaffrontabile, piuttosto che MINIMIZZATO, ma volevo essere possibilista ed aperto al punto di vista degli altri...

E' ovvio che il conduttore è libero di farlo, ma non lo trovo intellettualmente onesto.

Saluti

Paolo il minimizzatore

mauriziomorabito ha detto...

allora se qualcuno mi dice che io non sono aitante come George Clooney, e io rispondo con "si, e allora? cosa vuole da me?", sono io in realta' quello che sta "negando" o "minimizzando" il problema. mah.

Anonimo ha detto...

Il Gip del Tribunale di Tempio Pausania, Vincenzo Cristiano che ha archiviato la denuncia di Silvio Berlusconi per violazione di domicilio in relazione alle foto di villa Certosa scattate dal fotoreporter sardo Zappadu (ma secondo Emilio Fede spregiativamente, come ben ascoltato a La Zanzara con un Cruciani molto divertito, talvolta "Zuppuddu" o "Pizzuddu")è un pericoloso omossessuale attenzionato dalla Polizia segreta di Feltri.
Tutti i dettagli e le veline anonime in prima pagina domani su Il Giornale.

Anonimo ha detto...

@ Pasquino: La concentrazione dei media pro-Berlusconi è un'invenzione della stampa, è ora di finirla: RaiDue (dove lavorano, tra l'altro, mogliedisofri, Santoro, Vauro, Travaglio, ecc.) e RaiTre (Dandini, Gabanelli, film di Guzzanti, Iacona, Fazio, ecc ecc), Canale 5 (con Vinci, Terra, ecc.) e la7 (Piroso, Lerner, ecc) sono pro-Berlusconi? E vogliamo parlare della stampa? Di Corriere, Repubblica, ilmanifesto, Riformista, Europa, Liberazione, l'Unità, lastampa, l'Espresso, l'Internazionale, Limes, ilDiario, l'Altro, ecc. Siamo obiettivi, per una volta, non siete calimeri, avete tutto il potere mediatico di questo mondo per imbastire un'opposizione seria, basta vittimismi controproducenti.
Antonio

Anonimo ha detto...

Ricordatevi che a tirare troppo la corda si spezza, e se Berlusconi andasse a casa Di Pietro e PD si squaglierebbero come gelati al sole, e regnerebbe l'anarchia in questo nostro amato paese.
Antonio

Paolo, più bello di Clooney ha detto...

@ mauriziomorabito:

non ho dubbi sul fatto che il tuo aspetto sia ineluttabile e di scarso interesse pubblico ( ;-) un t'incazzà), ma quotidianamente sento almeno tre ascoltatori che sollevano il problema conflitto di interessi / controllo media collegandolo di volta in volta a diversi aspetti dell'attualità politica, il che mi fa pensare che sia di interesse pubblico, che sia importante, che sia doveroso attrezzarsi per risolverlo al meglio una volta per tutte (prima che antonio me la proponga come la soluzione ti dico che personalmente credo che il lodo alfano sia un modo per negarlo ulteriormente) e, di conseguenza, non trovo il tuo esempio molto pertinente.

Saluti

Paolo, più bello di Clooney

Anonimo ha detto...

@ Antonio
Dividiamo anzitutto il discorso tra carta stampata e TV, tra informazione e programmi di intrattenimento.
E' evidente all'intelletto piu' primitivo che i TG nelle varie edizioni dal mattino presto a notte inoltrata,siano in soverchiante numero propinati da reti fedeli e controllate direttamente dal premier.
Non stiamo tanto a contestare al diversamento alto di essersi arricchito mostrando cosce e tette a tutte l'ore, ma di continuare a detenere un potere attraverso la manipolazione dei fatti e la costruzione di verità inesistenti.

Anonimo ha detto...

@ Anonimo: I giornalisti/conduttori da me citati vanno in onda in prima serata, nelle fasce di ascolto più alte, e sono tra i programmi più seguiti in televisione.

Anonimo ha detto...

@ Anonimo
...al punto di essere talmente SGRADITI al premier perche' non ingrossano il coro dei plaudenti, che li ostacola attraverso mancate firme e rinnovi di contratti, eliminazione della copertura legale nei ben noti casi RAI.
Per quanto riguarda CROZZA sparito da LA7 direi che è ancora piu' grave .... dove si vede che la longa manus arriva dove vuole!

mauriziomorabito ha detto...

@Paolo...ma possibile che non ti rendi conto che parlare del conflitto d'interessi e della concentrazione dei media e' come ragionare del sesso degli angeli? la maggioranza attuale, ovviamente, non ha alcuna intenzione di risolverli, mentre l'opposizione semplicemente non puo', essendo all'opposizione. Anche ipotizzando un cambio di governo nel 2013, andrebbero al potere i tizi che i problemi del conflitto d'interessi e della concentrazione dei media non hanno voluto risolverli quando erano al governo dal 1996 al 2001, anzi li hanno tenuti bene in caldo nell'ingenuo tentativo di rendere Berlusconi ineleggibile. Quali motivi li porterebbero a succedere nel futuro, non e' dato sapere

Mettiamoci l'anima in pace, ormai finche' Silvio e' vivo, niente mai succedera' riguardo conflitto d'interessi e concentrazione dei media, a meno che non lo voglia Berlusconi stesso.

Ascoltatori preoccupati potrebbero anche telefonare per chiedere che l'Italia non sia piu' una penisola, o per fare uscire Bergamo dal MEC. Minuti e minuti di trasmissione sarebbero' analogamente persi a parlare assolutamente del niente.

Cristiano ha detto...

X Anonimo
Se tutto il mondo ti dice che hai la forfora, io un occhiatina al cuoio cappelluto la darei.La negazione di un problema, quando tutte le persone accanto te lo fanno notare, è indice di psicosi (disturbo psichiatrico, espressione di una grave alterazione dell'equilibrio psichico dell'individuo, con compromissione dell' esame di realtà e dunque con la negazione come meccanismo di difesa,). Il conflitto di interssi è percepito come problema non soltanto da una parte degli italiani, ma da tutti i paesi occidentali. Non è un caso che la stampa estera che se ne sia occupata è della più svariata provenienza politica (ieri ce l'ha detto persino George Clooney). Il discorso è semplicemente che le democrazie per funzionare hanno bisogno della separazione dei poteri e i media, nelle società democratiche moderne sono uno di questi. Il cittadino deve potersi informare onestamente su quello che i suoi rappresentanti decidono per lui, ma se una persona controlla l'informazione è probabile che i cittadini non ricevano delle informazione oneste. Inoltre il fatto che ci siano dei giornali non allineati al premier (2?) non significa che in italia, ci sia pluralità di informazione. Ogni giorno la totalità degli italiani che leggono i quotidiani non supera il 10% della popolazione mentre sembra che l'80% venga informato solo dall televisione. Io capisco che doversi ricredere su una cosa in cui si è investito molto (Berlusconi) sia difficile, ma, davanti all'evidenza, la negazione non fa altro che peggiorare le cose. (cose che peggiorano per altro coinvolgendo tutta una serie di persone che non soffrono di questo disturbo, il che è molto grave). Insomma votate Fini, fate un po quello che volete ma buttate a mare Papi prima che sia troppo tardi e ne soffriate anche voi

Anonimo ha detto...

x Morabito: il fatto che tu ammetta che la Maggioranza non ha interesse (ovviamente) a risolvere il conflitto di interessi di Silvio implicitamente significa ammettere che ciò produce un vantaggio in termini di consenso elettorale per la destra. Vabbè ci accontentiamo di un nì. Ma moralmente questo è giusto e accettabile ?? Non vuol dire falsare i risultati elettorali e manipolare l'opinione pubblica per mantenere il potere ? Se il berlusconismo è il modello politico vincente a prescindere dalla manipolazione dei media perchè non rinunciare a questo evidente vantaggio ?? La destra teme forse di non avere adeguati numeri per mantenere il consenso solo con gli strumenti della politica?
Pasquino

mauriziomorabito ha detto...

@Pasquino: la morale teniamola un po' fuori dalla politica pero'. Ognuno risponda della sua. Di mezzucci per prendere un paio di voti in piu' i politici italiani ne hanno sempre fatto uso, inutile e assurdo accusarne una parte sola

Cristiano ha detto...

X Maurizio Morabito
"La morale teniamola fuori dalla politica"
Ok, ma allora se ti viene un normale malore, ti portano all'ospedale e finisci nelle mani di un chirurgo che è un cane, ma che sta lì solo perché è raccomandato, non ti lamentare quando magari crepi.
Se paghi tra imposte dirette e indirette circa il 52% del tuo stipendio(in pratica sino a luglio lavori per lo stato), tasse che poi in buona parte finiscono in corruzione e mala amministrazione, quando non mafia e affini, poi non protestare per la mancanza di servizi e la fatiscenza delle infrastruttre.
Se abiti nelle vicinanze di una zona altamente tossica, perché per gli interessi di alcuni viene sacrificata quotidianamente la salute di molti, bè, che male vuoi che ci sia?
Se ti derubano i risparmi di una vita e la fanno franca perché sono più potenti di te e non ti arriva neppure un minimo rimborso, e che ci vuoi fà? S'è la vie!
In realtà, scusa se lo faccio notare, l'etica è alla base del contratto sociale e del vivere comune, e toglierla significa tornare all' homo homini lupus, filosofia che vediamo realizzata perfettamente in almeno 3 regioni italiane che di volta in volta prende il nome di mafia camorra e andrangheta.
Togliere la morale, e toglierla dalla politica significa toglierla dalla vita sociale, significa automaticamente tornare alla legge del più forte. Magari per alcuni questa cosa potrebbe sembrare appetibile, ma proprio la mafia ci insegna che nessuno è il più forte per sempre, e prima o poi in questo sistema quasi tutti prima o poi invecchiano, si indeboliscono e vengono fatti fuori da qualcuno più forte.
Se ti pare conveniente…

Paolo il moralista ha detto...

@ mauriziomorabito:

ovviamente non sono d'accordo con te quando dici che "parlare del conflitto d'interessi e della concentrazione dei media e' come ragionare del sesso degli angeli".

Innanzitutto perchè si tratta di un problema reale e grave, quindi perchè per motivi di età è possibile che SB venga meno domani, poi perchè, benchè sia ovvio che la dx italiana ritenga opportuno mantenere un vantaggio anche se derivante da una evidente e grave alterazione delle condizioni democratiche (chi vota lo fa sulla base delle informazioni -addomesticate- che ha), lo è altrettano il fatto che se si decide di non parlarne si decide di applicare l'equivalenza politica non se ne parla = non è importante = non è prioritario, penalizzando chi ne fa una bandiera.

Che in questo momento sono principalmente IDV e grillini, che incidentalmente sono anche le uniche forze politiche ad avere dimostrato la capacità almeno tattica di spostare lo scontro politico in un terreno (internet) e su argomenti (legalità / innovazione / giovani) dove SB è manifestamente in difficoltà e che per questo sono le forze d'opposizione in crescita numerica, e quindi quelle che possono sempre più probabilmente essere chiamate a concordare le linee politiche dell'opposizione, specialmente sintanto che il PD rimane in crisi di identità (e lo dico senza essere nemmeno simpatizzante dei due partiti / movimenti).

"la morale teniamola un po' fuori dalla politica pero'": ORRORE! Ho il sospetto che con governo diverso le tue posizioni si conflitto di interessi, controllo dei media e morale sarebbero meno distaccate.

Saluti

Paolo il moralista

Anonimo ha detto...

e' davvero difficile cercare di convicere qualcuno che sia MOTIVATO ED URGENTE il richiamo ad un' etica in politica a quello stesso premier-azienda che è il pioniere moderno dei costumi piu' disivolti, dei comportamenti piu' urlati e delle trasmissioni piu' diseducative in TV che tanto piacciono al pubblico dei telespettatori-elettori

Anonimo ha detto...

Partiamo da un assunto: SB oltre a essere un politico è un ricco uomo d'affari con aziende sane e rispettose delle leggi dello stato Italiano :-). Silvio si rode sistematicamente il fegato perchè lo attaccano in quanto politico (non perchè ha qualche scheletro nell'armadio). Perchè allora non lascia il timone (magari a Fini) e si gode la vecchiaia in santa pace ??? Perchè continuare in questo stillicidio mediatico. Seguendo la sua logica vittimistica, tutti i suoi problemi coi giornali e con la magistratura (tutti strumentali a delegittimarlo politicamente) verrebbero meno se si ritirasse. Se continua a stare in sella in base a questi presupposti sarebbe un autolesionista all'ennesima potenza.
In verità la sua vita d'uomo d'affari è sempre stata intrecciata a doppio filo con la politica e con politici a lui vicini (es.Craxi). SB è la quint'essenza della commistione tra politica è interessi economici (per non dire altro) e visto che al momento le sue aziende (floridissime) beneficiano della sua presenza in politica è ovvio che non ha nessun interesse a ritirarsi. Dal mio punto di vista tutto ciò non si può accettare.
Pasquino

mauriziomorabito ha detto...

@Paolo: a me lo Stato etico fa orrore, e l'idea che la capacita' di buongoverno sia associata alla morigeratezza dei costumi pure. Immagino tu abbia gia' letto di Hitler e Churchill in proposito.

Cerco di rispiegarmi un'altra volta sul sesso degli angeli. Possiamo discuterne per ore, ma visto che non ci sono novita' di nessun tipo in proposito rispetto a tre, cinque o quindici anni fa, non faremo altro che ripeterci. Con la consapevolezza aggiunta che nessuno vuole o puo' farci niente. E dopo aver visto che nonostante il conflitto d'interessi il popolo italiano ha semplicemente continuato ad eleggere l'opposizione del precedente governo. Quindi perche' spenderci un secondo di trasmissione? Al massimo si otterra' di permettere a chi parla di sentirsi meglio, senza che il problema si sposti di una virgola.

Anonimo ha detto...

@ Pasquino: Berlusconi non se ne va perché, se si dimettesse, milioni di persone scenderebbero in piazza e bloccherebbero l'Italia per riportarlo al governo.
Antonio

Paolo il Beato ha detto...

@ mauriziomorabito:

Prima parlavi di morale in politica, non di stato etico: son cosa molto diverse.

E poichè nella morale in politica rientra un minimo di coerenza resto dell'idea che chi promuove il family day a sostegno dei valori della famiglia tradizionale e promulga leggi anti prostituzione è bene non si avvicini alla categoria dell'inveterato puttaniere, per dirne una.
L'avevo già detto: l'avesse ipoteticamente fatto (coerentemente) un Briatore eletto con lo slogan "gnocca per tutti" nulla da ridire.
Ma così è grottesco e purtroppo si ripercuote anche sulla nostra immagine internazionale: non per il libertinaggio, ma per l'inaffidabilità.

Quanto all'ineluttabilità del conflitto di interessi e sesso degli angeli: l'IDV è sicuramente intenzionato a mettervi mano, è in crescita e prevedibilmente avrà un sempre maggior potere nel definire le linee politiche dell'opposizione (è il solo ad averne una), SB è vecchio, mortale e, secondo alcuni, sta meditando il ricorso ad elezioni anticipate: credo che sia uno scenario politico in cui parlare delle alternative possibili, ma forse potremmo arrivare a dire che, essendo ineluttabile la vittoria elettorale di SB è tempo perso parlare delle alternative... io la democrazia me la ricordavo diversa... Bha!

@ Pasquino: SB resta al potere che tanto gli nuoce perchè, dopo la presidenza del Consiglio e la Presidenza tout court ambisce alla santità ed il martirio è un'ottimo viatico.

Saluti

Paolo il Beato

mauriziomorabito ha detto...

L'improvvisa voglia di moralita' in politica e' foriera di tentazioni di Stato Etico...se infatti il leader e' costretto a seguire certi precetti morali, ovviamente il passo successivo e' che li seguano tutti gli altri. Per quali vantaggi, non saprei.

La questione del family day mi sembra speciosa. Silvio non era certo in prima fila con le bandiere, all'epoca. Si tratta poi di un uomo la cui moglie e' perennemente altrove, e che ha incontrato donne senza (a meno che non sia provato il contrario) sapere che fossero dedicate alla "professione". Ho comunque come l'impressione che questo o quel potente non abbiano certo difficolta' a trovare ragazze "ben disposte" in maniera assolutamente gratuita, o perlomeno non pecuniaria, ragazze che pero' non praticano il meretricio per mestiere. Quindi l'uso del "puttaniere" e' la solita esagerazione ingiustificata che non puo' che rovinare il tuo ragionamento.

Anonimo ha detto...

@ morabito
il problema non è tanto che lui sapesse che le ragazze fossero a pagamento o aggratis (belle e giovani fanciulle poco meno o poco piu' che trentenni a farsi infilzare dal suo pisello imbizzarrito, pensava forse che lo facessero SOLO per l'onore di averlo potuto assaggiare??).
Il fatto qui è che quest'uomo era ed è dedito perennemente ai suoi divertimenti preferiti senza un minimo di ritegno, premiando le favorite in maniera indecente.
Delle ministre non è dato sapere, ma della D'Addario candidata con il bel visino e la posa discinta sui manifesti elettorali del PDL si pero'!
Il guaio grosso è che CONTINUERA' a farlo ed è impensabile che si possa andare avanti ancora 4 anni cosi se rimane primo ministro.

Paolo il supermoralista ha detto...

@ maurizio morabito:

veramente il problema è proprio l'opposto, e cioè che SB si sta autoproclamando superiore alle regole cui devono sottostare tutti gli altri (quando parlo di una sbagliata e nociva gestione del conflitto di interessi mi riferisco a questo: ultimo esempio il lodo Alfano): ed il rispetto di una legge uguale per tutti è un fatto che dà dei benefici (crea un bene comune condiviso dal quale nessuno può tirarsi fuori).

Ti scandalizza la parola puttaniere? Bè capitasse a me verrei chiamato così... ma trattandosi di SB vedo che si preferisce utilizzatore finale.

Ciononostante il senso non cambia, vediamo se così ti turba meno: SB era metaforicamente in prima fila al family day, ne era uno dei promotori se non il principale, ha esibito (Una storia italiana, ricordi) la sua famiglia come un modello, si è presentato come la bandiera dei moralisti cattolici accondiscendendo ad ogni loro richiesta in qualsiasi campo, e adesso? tutto a puttane, pardon in meretricio e non solo metaforicamente.

Ribadisco, la credibilità non te la costruisci dicendo una cosa e smentendola (soprattutto coi fatti) il giorno dopo, e per un premier godere di credibilità (anche internazionale) fa parte del buon governo.
Per essere un partner affidabile degli USA devi farti qualche scrupolo ad andare ai festeggiamenti dell'anniversario del golpe di Gheddafi (questo esempio ti piace di più?). O dichiarare che conbatterai l'evasione fiscale salvo introdurre condoni su condoni.
O proporti come campione dei liberali e liberisti e monopolizzare il settore dei media ed italianizzare Alitalia. O essere ricattabile. O...

Spero che sia chiaro che il problema non è di moralismo, ma di opportunità politica di atteggiamenti coerenti ed affidabili.

Saluti

Paolo il supermoralista

clem ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=HFwklIlnt9c
Eccola qua. La canzone del 1937 che è l'equivalente di tapparsi crucianamente le orecchie e fare LALALALALALALA. @mauriziomorabito: mi spiace di essermi perso i tuoi commenti man mano che apparivano perché in ciascuno di essi c'è qualcosa di obiettivamente sbagliato. Per ovvi motivi pratici mi risparmio l'esegesi post per post e mi limito all'ultimo: dire che "OVVIAMENTE il passo successivo è che li seguano tutti gli altri" è falso. Non è affatto ovvio.

Ho recentemente ritrovato un millelire di secoli fa, che raccoglieva le scritte sulle schede elettorali invalidate: il titolo è straordinario e sempre attuale: "Cazzi vostri, io domani vado in Svizzera."
Lol.

cipper ha detto...

ottimo post, condivido al 100%.