martedì 7 luglio 2009

La legge è legge

La straordinaria somiglianza tra il sottosegretario alla famiglia Carlo Giovanardi e lo scomparso attore francese Fernandel mi ha spinto a titolare questo post "La legge è legge", in omaggio ad un vecchio film nel quale quest'ultimo faceva coppia con Totò.


Fernandel


Come mai si parla di Giovanardi? Non perché sia diventato di colpo “un eroe della sinistra”, come scioccamente detto da Cruciani ieri ad inizio Zanzara, ma perché ha semplicemente destato scalpore, diventando l'argomento maggiormente dibattuto in trasmissione, la sua uscita sulla necessità di regolarizzare quella moltitudine di colf e badanti senza permesso di soggiorno che si trova potenzialmente a rischio espulsione in conseguenza dell'entrata in vigore del pacchetto sicurezza, nel quale si qualifica la clandestinità quale reato.

La questione posta da Giovanardi, al di là della singolare tempistica (ma fino a ieri dove viveva il sottosegretario? Sulla luna?) ha creato imbarazzo al governo. Da un lato molti esponenti del PDL appoggiano Giovanardi condividendo l'esigenza di salvaguardare quella che ad oggi è per molte famiglie la soluzione ad un problema reale. Dall'altro la Lega vuole mostrare i muscoli e continuare a fare quella faccia cattiva che così tanti voti porta all'ovile. La legge è legge, sembra essere il nuovo slogan del carroccio, come si evince dalle dure parole di Roberto Calderoli (molto criticate da Cruciani, peraltro) apparse sul Corriere di ieri.

Insomma, sulla carta il dilemma è se queste persone vadano "sanate" o cacciate. O si procede ad una regolarizzazione di massa (con una sanatoria "ad categoriam"), o si procede con espulsioni di massa. In realtà, come sottolineato e pronosticato dallo stesso Cruciani, tutti sappiamo benissimo che sarà la terza via, la classica soluzione all'italiana, quella che verrà seguita: non succederà niente. In un certo senso, Maroni la ha addirittura preannunciato (“Nessuna colf o nessuna badante già in Italia, anche se entrata irregolarmente, sarà espulsa”), affermando inoltre, diversamente da Calderoli, che la norma “non ha effetto retroattivo”. Peccato che in questo contesto il concetto di retroattività abbia poco senso, visto che in moltissimi casi non è giuridicamente possibile stabilire con certezza la data di un ingresso illegale sul suolo italiano.

Non succederà niente, ripeto. Non ci sarà alcuna sanatoria, ma neppure avranno luogo retate e rastrellamenti anti-badanti, sulle quali semplicemente si chiuderà un occhio. Vale a dire, la legge voluta dalla Lega non verrà fatta rispettare compiutamente, a dimostrazione del fatto che la parte del pacchetto sicurezza che contava di accrescere la sicurezza colpendo nel mucchio della clandestinità, anziché punendo più severamente chi commette reati senza rendere la vita impossibile a chi non li commette, altro non è che uno spot xenofobo demagogico e inconcludente.

***

Per chiudere, due parole su Gianni Prosperini, protagonista ieri di un intervento alla Zanzara nel quale, un po' a sorpresa, ha sottolineato l'importanza sociale delle badanti straniere, che si fanno carico di un lavoro difficilissimo (“piuttosto io andrei a lavorare in fonderia o alla Milano Spurghi”, ha detto l'assessore lombardo.).

Al di là delle sue idee politiche generali con le quali mi pongo in totale antitesi, il personaggio, come ho già avuto modo dire in passato, a suo modo, con quell'eloquio da guascone, stile macellaio di Busto Arsizio, è divertente. E divertente è stato anche ieri nel suo intervento in trasmissione. Però verso la fine il sorriso si è trasformato in un'amara smorfia nel momento in cui Prosperini ha accennato alle “carezzine” che amerebbe farsi fare dalle due badanti ventenni che intende assumere in futuro quando la salute carente gliene dovesse dare motivo. Una frase del genere andava stroncata seduta stante senza le crucianesche ridacchiate in sottofondo. Se quella di Prosperini era solo una battuta (come credo), era comunque una battuta di cattivo gusto. Non son cose da dire.


28 commenti:

mauriziomorabito ha detto...

adesso fai il bacchettone pure tu? tsk tsk...

in assenza di opposizione (il PD e' allo sfascio, l'IdV una triste commedia, etc etc), visto che il Governo e' bicolore tutte le dichiarazioni fatte da esponenti della maggioranza vanno considerate nell'ambito della competizione Lega-PDL per il voto. Sono sicuro che dalla parte di Berlusconi piu' d'uno sia contento di vedere la Lega sbeffeggiata dalla sua stessa applicazione della sua nuova legge. Appuntamento alla prossima "mossa"...

Vigneron ha detto...

Se l'IDV è una triste commedia, la fiction in tempo reale del nostro Putt... ehm Presidente del Consiglio com'è?
Allegra?

Matteo da Pescara ha detto...

X Morabito
definire l'IdV una "triste commedia" non è rispettoso. Se qualcuno definisse il Pdl una triste commedia si leverebbero in cielo stuoli di anti-antiberlusconiani a strombazzare definendo l'autore della frase un "demagogo qualunquista accecato dall'odio politico e dall'invidia personale".
Tra l'altro non so se siano più commediografe le uscite dipietresi o lo starnazzare periodico e monotematico di autorevoli pappagalli come Gasparri, Capezzone, Bonaiuti e servitù cantante.
Oppure, se proprio vuoi definire l'Idv una triste commedia, almeno motiva la tua affermazione.

Anonimo ha detto...

"Ok, ritiro tutto: niente dietrfronto per le batto..... oooppppssss... badanti (eppero' una su due batte!!!)"

Eccerto senno' il culo ai vecchi merdosi infermi chi glielo lava???

Fuori dai coglioni solo i raccoglitori di pomodori al sud e meloni al nord, gli spazzatori di stalle al nord, gli operai in conceria nel nord-est e i pescatori al sud..... ci sono italiani A FROTTE che non aspettano altro che subentrare in questi dignitosissimi lavori!

Anonimo ha detto...

@Morabito: se l'IDV è una triste commedia, la PDLega è un cinepanettone con il Premier Boldi mattatore, guappi, prostitute, finti e veri mafiosi, finti-veri ladri che, tra le altre cose, ma qui Morabito tace come una tomba, i giornali stranieri, sempre grazie al Premier Boldi, auspicano di vedere fuori dal G8. Fuori dalla grevi battute, è grazie a Berlusconi se il Guardian VUOLE L'ITALIA FUORI DAL G8. E' chiaro o no questo a Morabito a che infimo livello è giunto il nostro Paese agli occhi del mondo?
Vincenzo

Paolo il badante ha detto...

Buongiorno,
la questione mi precipita in una situazione di caos ideologico personale unica.

Sul fatto che la legge debba essere applicata sono d'accordo con Calderoli (AAARGH! cosa mi sta succedendo?!? Oddio mi sto trasformandooo... Fine dell' incubo). Se non si è capito la cosa mi preoccupa :-)

Ogni legge deve essere applicata ed essere uguale per tutti. Se no arriviamo ad avere un corpo giuridico applicabile discrezionalmente, il che è quasi come non avere legge alcuna -anzi, per certi versi è persino peggio, visto che traveste da atto di equità un arbitrio-.

Non posso che dileggiare il difensore delle badanti Giovanardi, sicuramente troppo distratto o incoerente per sedere credibilmente in parlamento serio.

Caro Authan, purtroppo non credo che non succederà niente:
1) questa legge è come le parole di Calderoli, quelle di Prosperini e quelle di Salvini, fatta per soffiare sul fuoco ed instillare ancora un po' di tensione e di odio (proprio quello che SB rimprovera alla sinistra), e queste cose hanno, alla lunga, conseguenze. Ma noi non vogliamo diventare uno stato multietnico e multiculturale, quindi rendere difficile l'integrazione ci sta bene. E amche rinunciare ai benefici dell'integrazione.
Sono perciò lieto che Prosperini abbia necessità di avere una badante in casa. E mi auguro (con poca speranza) che la sua necessità lo porti a vedere un paio di millimetri oltre il muro di ottusità che ha davanti al proprio naso. E a dover accudire i vecchi rimbambiti ed incattiviti che dice di avere in famiglia.
2) questa legge è di difficilissima applicazione per l'elevatissimo numero dei rei e per la ampia interpretabilità (è clandestino chi risiede o chi entra?): nell'immediato peggiorerà le condizioni delle aule di giustizia oberandole di lavoro -ammetto la possibilità che le cose possano invece migliorare nel lungo periodo, se il sistema non collassa prima- ed introdurrà casualità ed arbitrio ai danni degli immigrati. Ma, ancora una volta, siamo convinti che non sia un nostro problema.

Saluti

Paolo il badante

P.s. credo di aver scoperto perchè Ferrara è stato sostituito: googlando ho trovato notizia del fatto che sarebbero andati persi 200.000 ascoltatori. Ve l'avevo detto che era meglio Alessandro Milan...

mauriziomorabito ha detto...

quello che non viene capito e' che le fantasiose stupidaggini che popolano giorno dopo giorno i giornali britannici (ed El Pais) non sono "contro Silvio" ma "contro gli italiani"...e cosi' mentre alcune anime belle chiedono il ritorno dei lanzichenecchi, non si rendono conto che i lanzichenecchi facevano strage senza stare a chiedere di che parte fossero le loro vittime.

sull'IdV spero di non dovermi correggere, meglio una triste commedia (un partitello che se la prende con questo Presidente della Repubblica, figuriamoci) che la allegra tragedia che ci stanno preparando con i loro modi di fare cospiratori e un po' paranoici. Non ho ancora capito se l'ideale e' Masaniello o Robespierre.

ps le mie definizioni sarebbero "irrispettose"? boh? facciamo il gioco del silenzio, le belle statuine, ci serviamo il te' e biscotti, OPPURE vogliamo scambiare delle opinioni molto sincere?

Vigneron ha detto...

Certo Morabito opinioni sincere.
La mia (più sincera che si può) è che abbiamo una maggioranza RAZZISTA perché ospita al suo interno un RAZZISTA come Salvini (ti è piaciuta la canzoncina sui Napoletani?) e non prende mai posizioni nette contro le sue sparate volgarmente RAZZISTE.
Ecco, ripeto, un'opinione profondamente sincera.

Matteo da Pescara ha detto...

X morabito
forse il termine "irrispettoso" è esagerato...volevo solo invitarti a motivare la tua definizione. Tra l'altro non mi sembra che tu l'abbia fatto, hai ribadito il tuo giudizio senza entrare nel merito (nn ho ancora capito se per te è più commediante Di Pietro o Capezzone). Cmq riguardo Napolitano secondo me ha ragione Di Pietro. Ha ragione perchè non sono lontane le parole di Napolitano stesso: "mentre il Parlamento discute il Capo dello Stato tace". Dovrebbe tacere anche adesso e aspettare che gli arrivi sul tavolo il ddl sulle intercettazioni per poi eventualmente rispedirlo alle camere se lo dovesse reputare incostituzionale. Con la sua "moral suasion" invece Napolitano fornisce un bell'assist alla maggioranza la quale, con alcune modifiche di facciata, potrebbe vedersi addirittura promulgata una legge che secondo me (e secondo tanti) è scandalosa.
Come ho letto in un editoriale, le modifiche di facciata a questa legge funzionerebbero come una spruzzata di profumo su un mucchio di letame...

Anonimo ha detto...

Sbaglio o Di Pietro ha preso l'8% alle Europee. A noi poveracci piace la commedia all'italiana .... Speriamo che 'sta commedia ci porti fuori dallo squallido pantano di leggi e leggine ad personam, razziste, anticostituzionali degli ultimi tempi. Qualcuno il lavoro "sporco" di pulizia lo deve fare. Ben venga il "nerboruto" Di Pietro che senza atteggiarsi a prima donna rompe gli zebedei al governo più destroverso degli ultimi 65 anni.
pasquino

Andrea ha detto...

Uaaaa che buffone leccalulo che è cruciani... ha fatto precedere l'intervista a salvini con una serie di adulazioni stile "è una persona intelligente", "condivido le posizioni politiche"...

Papa Cruciani I ha detto...

l'IDV è una fogna.

Arthur ha detto...

Grandissimo l'incursore radiofonico Pupillo (o Papi....llo??) che ha parlato delle nuove categorie rappresentate in Parlamento dopo quelle dei condannati per mafia e reati vari.....Gli ultras da stadio travestiti da padani!!

Una domanda sorge spontanea: ma tutta 'sta ammirazione del Crux per Salvini.... donde viene?

che cosa si ricorda dell'onorevole (si va per dire!) a parte la proposta apartheid delle carrozze separate????

Di lui si sa che è molto attivo sul fronte mercati rionali, dove si reca quotidianamente ad incontrare massaie tra le bancarelle della verdura per diffondere il Verbo di Umberto da Giussano; che guida la fronda dei "Siamo tutti tabaccai" stazionando davanti al Palazzo di Giustizia di Milano ad ogni processo contro esercenti padani che hanno usato armi per difendersi da tentate rapine, ovviamente ad opera di extracomunitari; che ha una morosa e che spesso cazzeggia in Facebook.
Di lui il comandante Bossi ha detto ieri: "Si, dovrebbe dimettersi..... perchè canta MALE"!

Anonimo ha detto...

MASSIMO GRAMELLINI
oggi su LA STAMPA

Il galateo secondo Matteo


Un politico della famigerata Prima Repubblica si sarebbe mai fatto beccare su YouTube intento a cantare a squarciagola coretti contro i napoletani? Secondo me no, e per due ragioni. La prima è tecnica: YouTube non esisteva ancora e un razzista poteva andarsene tranquillamente in giro a intonare le sue odi al Vesuvio, correndo al massimo il rischio di ricevere una pizza salutare sul grugno, ma certo non di essere ripreso da un telefonino e poi esposto al pubblico ludibrio della Rete. La seconda ragione è squisitamente estetica: fino a una ventina d’anni fa, i politici desideravano ancora dimostrarsi diversi dalla parte più becera dei loro elettori. E questa diversità imponeva il rispetto di un galateo minimo: ipocrita fin che si vuole, ma tale da tirare una netta linea di confine fra il Parlamento e il bar sport. In seguito è scattata la rivoluzione della sedicente spontaneità: la politica ha smesso di parlare con la gente, ma ha cominciato a parlare come la gente. Vantandosene pure, e spacciandola per evoluzione della democrazia.

Ecco perché il leghista Matteo Salvini, immortalato con un bicchiere di birra in mano e un mare di luoghi comuni sulla bocca, anziché vergognarsi per una caduta di stile ha potuto rispondere scandalizzato che si trattava di un coro cantato in tutti gli stadi. L’idea che un parlamentare non sia un ultrà, e che non possa mai comportarsi come un ultrà, nemmeno nel tempo libero, deve sembrargli piuttosto bizzarra, forse anche classista, ma sicuramente meritevole di un’altra birra e di un’altra canzone.

Anonimo ha detto...

"fino a una ventina d’anni fa, i politici desideravano ancora dimostrarsi diversi dalla parte più becera dei loro elettori. E questa diversità imponeva il rispetto di un galateo minimo: ipocrita fin che si vuole, ma tale da tirare una netta linea di confine fra il Parlamento e il bar sport. In seguito è scattata la rivoluzione della sedicente spontaneità: la politica ha smesso di parlare con la gente, ma ha cominciato a parlare come la gente. Vantandosene pure, e spacciandola per evoluzione della democrazia."

il punto è proprio questo:

quella gente lì è quella che usa la pancia al posto della testa e gli onorevoli fanno da amplificatore.

Anonimo ha detto...

l'intervista di cruciani a salvini ha messo in luce due personalità complesse e di profonda cultura.La strega chiede allo specchio : chi è la più bella del reame? Suvvia c'è da chiedersi perchè si appoggia un politico. Forse per non essere mediocri e far brillare la propria dirittura morale.

clem131 ha detto...

@ Paolo:
Dicevi che googlando hai trovato i dati di ascolto? Mi sai dare una dritta? Ho cercato anche io senza successo e sai com'è: vorrei googlare (e gongolare) anche io. :)

mauriziomorabito ha detto...

Abbiamo assistito a una teoria di alzate di scudi da parte dell'IdV. Va bene indignarsi un paio di volte, ma quando ci si comporta come dei giocattolini a molla che reagiscono sempre e comunque nello stesso modo, allora mi viene in mente una triste commedia. Se poi quei giocattolini passeranno ai fatti, che nel loro caso si limitano nel patibolo per tutti (figurato, almeno spero) allora diventeranno una allegra tragedia. Allegra perche' allegri saranno loro.

Anonimo ha detto...

LE MISURE ANTICRISI - "Sul decreto coperture da precisare"
Emendamenti al decreto anticrisi entro luned 13 Luglio
Nella giornata di ieri, iniziato ufficialmente l'iter di conversione del decreto anticrisi, il quale approder in aula il 20 Luglio. Gli emendamenti dovranno essere presentati entro luned mattina. La relatrice alla commissione Bilancio ha chiesto delucidazioni circa le risorse disponibili per i pagamenti arretrati della pubblica amministrazione.
Fonte: Il Sole 24 Ore

----------------------------------
Fonte-bis: Donna Emma "Soldi veri e non chiacchiere"

Anonimo ha detto...

@ clem131
http://www.italiaoggi.it/giornali/preview_giornali.asp?id=1611122&codiciTestate=1&sez=hgiornali&testo=&titolo=Radio24,%20Ferrara%20flop


come diceva Pappagone..... EQQUEQUA'!!

Paolo ha detto...

@ clem131:
non ritrovo il pezzo con il dato numerico.. Credo fosse su MF.

Trovo però:

http://www.italiaoggi.it/giornali/preview_giornali.asp?id=1611122&codiciTestate=1&sez=hgiornali

e una parziale smentita:

www.centromedia.org/.../audiradio-e-giuliano-ferrara.html

Saluti

Paolo

Anonimo ha detto...

A noi topi di fogna simpatizzanti dell'IDV ci piace sguazzare nella cloaca della politica italiana recente. L'importante è che qualcuno rammenti che 'ste leggi indecenti e 'sto Premier indifendibile non sono il frutto della cultura Dipietrana ma di quella Berluscoleghista. Poi ognuno si ritaglia il suo spazio e ruolo: ai "sinistri" quello dell'opposizione celebrale ai dipietristi l'opposizione di pancia (al guttalax visto l'epiteto di qualcuno)
C'è chi ama andar di corpo piuttosto che farsi le "pugnette" mentali.
Pasquino

clem131 ha detto...

Orpo, ero venuto a postare la parziale smentita ma mi avete preceduto. Grazie a entrambi cmq.

mauriziomorabito ha detto...

ecco il link per esteso

http://www.centromedia.org/2009/06/audiradio-e-giuliano-ferrara.html

Matteo da Pescara ha detto...

Ancora non ho capito se Morabito reputa più commediante il perenne mal d pancia dipietrista o la perenne pappagallaggine di Capezzone-Bonaiuti-Gasparri.
Ma è un problema mio....

Anonimo ha detto...

OT: Non vi sembra di una noia mortale Oscar Giannino?

Arthur ha detto...

Giannino me lo fa proprio ammosciare :-(((

Spero solo non si vada a parare magari mettendoci.... che so?
Loquenzi!!

mauriziomorabito ha detto...

@Matteo da Pescara

essere al Governo e' altra cosa che essere all'opposizione